[Registrazione]  [Modifica profilo]  [Modifica Preferenze]  [Cerca]
[Messaggi privati]  [Lista degli utenti iscritti]  [FAQ]  [Entra]
salutemed.it Forum Index » » CFS Stanchezza cronica » » INTOSSICAZIONI ALIMENTARI...cosa mangiamo???
Autore INTOSSICAZIONI ALIMENTARI...cosa mangiamo???
Daniela


Registrato: Mar 11, 2003
Messaggi: 1529
Inviato: 2003-09-03 19:22   
Cari amici oggi e' una giornata nera!!
Sto' malissimo e sono anche seccata!
Ho mangiato dei carciofi surgelati per pranzo e oltre al peggioramento di questi giorni(ho aumentato la dose di un farmaco!)ora mi ritrovo in piena allergia con un occhio tutto gonfio e tachicardia!!!...e un forte prurito...e da qui ho pensato di postare questo argomento che ritengo importante sopratutto per noi che con questa sindrome siamo piu' fragili e vulnerabili in tutti i sensi a livello del sistema immunitario!!
Ora vi lascio il link sotto da leggere...ognuno ne tragga liberamente cio' che crede.
Fate sapere con calma le vostre opinioni.
Ciao da una pruriginosa e sfatta Daniela.


  Visualizza il profilo di Daniela      Modifica/cancella questo Messaggio   Rispondi riportando il messaggio originario
Daniela


Registrato: Mar 11, 2003
Messaggi: 1529
Inviato: 2003-09-03 19:29   
Non so' se il link ci sta' tutto e quindi se si puo' cliccare gia' sopra...in caso contrario e' meglio ricopiarselo e cercarselo bye.
www.stefanoapuzzo.it/sicurezza%20alimentare/ sicurezza_alimentare.html


  Visualizza il profilo di Daniela      Modifica/cancella questo Messaggio   Rispondi riportando il messaggio originario
Daniela


Registrato: Mar 11, 2003
Messaggi: 1529
Inviato: 2003-09-03 19:32   
Non funzia!! Qualcuno di voi sa' sistemarlo in modo da renderlo subito leggibile??? Dany.

  Visualizza il profilo di Daniela      Modifica/cancella questo Messaggio   Rispondi riportando il messaggio originario
Daniela


Registrato: Mar 11, 2003
Messaggi: 1529
Inviato: 2003-09-03 20:18   
Questo l'ho' mandato gia' ad alcuni di voi e lo mando per chi ancora non lo avesse letto...ora vi lascio perche' sto' sempre peggio!!!
Ma come si diceva in Via col vento...domani e' un'altro giorno!?! Dany.

http://ogm.greenpeace.it/new/latampa.php


  Visualizza il profilo di Daniela      Modifica/cancella questo Messaggio   Rispondi riportando il messaggio originario
carlo


Registrato: Sep 09, 2002
Messaggi: 177
Località: Verona
Inviato: 2003-09-03 20:48   
Link di Daniela corretto

www.stefanoapuzzo.it/sicurezza%20alimentare/sicurezza_alimentare.html Tra l'altro ho già comprato qualche anno fa 4 sberle in padella uno dei libri citati e ne usciamo proprio male con l'alimentazione, tanto che non si capisce perché non abbiammo più problemi di quelli conosciuti. Carlo


  Visualizza il profilo di carlo   Email carlo      Modifica/cancella questo Messaggio   Rispondi riportando il messaggio originario
Daniela


Registrato: Mar 11, 2003
Messaggi: 1529
Inviato: 2003-09-04 20:52   
Vi lascio solo questo e poi...pausa fino al ritorno. Ho comprato stamane i semi di sesamo naturali e ho scoperto che hanno molte proprieta' benefiche. Dany


http://www.lecurenaturali.com/sesamo.htm


  Visualizza il profilo di Daniela      Modifica/cancella questo Messaggio   Rispondi riportando il messaggio originario
max


Registrato: Apr 26, 2003
Messaggi: 1902
Inviato: 2003-09-05 23:34   
Sostanze velenose e pesticidi nelle acque minerali


dell'On. Aldo Perrotta e altri


A questa interrogazione è stato invitato a rispondere il Ministro della salute



Per sapere - premesso che:
come si evince dal quotidiano Roma del 5 giugno 2003, cosi come segnalato agli interroganti dall'Assoconsum, alcune di marche acque minerali regolarmente in commercio, in base a test su campioni prelevati, sono risultate positive a sostanze velenose e a pesticidi;
l'accertamento è stato compiuto a Roma dall'Istituto superiore di sanità che ha provveduto nel 2002 a testare 28 marche di acque minerali delle quali solo cinque sono risultate in regola in base ai parametri stabiliti dalla legge, mentre le altre ventitré presentano «sostanze indesiderabili», fuori dai limiti consentiti, come pesticidi, bifenili policlorurati, agenti tensioattivi, idrocarburi policiclici aromatici (Ipa);
le fonti delle acque minerali in questione si trovano nelle vicinanze di campi agricoli e di strutture come le industrie galvaniche ed autorimesse. Da qui si spiega la presenza di suddette sostanze nocive disciolte nelle acque -:
se il Ministro intenda assumere informazioni in merito alla identificazione delle acque minerali risultate positive in base all'accertamento dell'Istituto superiore della sanità, e rendere pubbliche le marche al fine di evitare danni alla salute dei consumatori;
se il Ministro intenda adottare provvedimenti urgenti al fine di debellare il rischio di insufficienti controlli a tutela dei consumatori e della salute pubblica e, pertanto, modificare le norme attualmente vigenti in materia e prescrivere dei controlli giornalieri al momento dell'imbottigliamento delle acque minerali.





  Visualizza il profilo di max      Modifica/cancella questo Messaggio   Rispondi riportando il messaggio originario
Daniela


Registrato: Mar 11, 2003
Messaggi: 1529
Inviato: 2003-09-21 22:12   
Questo lo custodivo gelosamente nella mia cartella e' interessante(per me)!
Se qualcuno ha voglia di leggere legga(e' un po' lunghino)e ne tragga cio' che ne vuole.
Baci. Da'.

Le biotecnologie
SOMMARIO

Biotecnlologie e alimenti transgenici
Il caso dell'ormone della crescita bovina
Ecocidio
Gli scienziati pazzi dell'agroalimentare
"Ma chi controlla gli scienziati?"
L'erosione genetica
La trota terminator
Cosa bolle in pentola?
Evviva, la ciccia transgenica con le vitamine!
Proteine umane nel riso
Mc Donald's, e sai cosa mangi!
I rischi del'inquinamento genetico
Xenotrapianti: il rischio chimerizzazione
Brevettato un terreno agricolo: a quando brevettare i contadini?
Vedi anche: Ambiente e gli xenotrapianti

Per risollevarti un po' facendoti due risate sugli OGM..




BIOTECNLOLOGIE E ALIMENTI TRANSGENICI
da Nexus New time edizione italiana n.11 e "Il secolo biotech" di Jeremy Rifkin, ed. Baldini & Castoldi, 1998

..I rischi .. sono molteplici: allergeni, tossine e ridotta qualità nutrizionale. ..l'ingegneria genetica introduce .. nuove informazioni genetiche nelle cellule dell'organismo che produce alimenti ..: un gene è il progetto per una proteina [pertanto] l'alimento prodotto dall'organismo progettato geneticamente conterrà queste nuove proteine. [Ciò] disturba la sequenza naturale dell'informazione genetica all'interno del DNA. Così tale processo crea delle mutazioni casuali all'organismo, che gli ingegneri non possono prevedere. Un problema è che un gene progettato possa venir inserito nel DNA molto vicino ad un gene importante dell'organismo, alterando in questo modo l'espressione di questo gene. Ad esempio, potrebbe spingere l'organismo produttore a produrre dieci volte di più o dieci volte di meno di una determinata proteina. Questa può causare moltissimi problemi. Una proteina che non è tossica o allergenica a livelli normali, potrebbe diventare tossica a livelli dieci volte superiori. .. Dato che gli alimenti manipolati che contengono allergeni manterrebbero in molti casi l'aspetto dei loro simili non-allergenici naturali, essi comportano un serio rischio per il consumatore. Non saranno più in grado di evitare quegli alimenti perché non sono più in grado di distinguerli da quelli naturali corrispondenti.

..Un ristretto numero di aziende multinazionali, di istituzioni di ricerca e di governi potrebbe riuscire a ottenere il brevetto di tutti i 100.000 geni che compongono il corredo genetico della razza umana, e di tutte le cellule, gli organi e i tessuti che formano il corpo umano. Le stesse organizzazioni potrebbero ottenere brevetti analoghi per decine di migliaia di microrganismi, piante e animali, fatto che consentirebbe loro di conquistare un potere senza precedenti nella storia: dettare i termini secondo i quali noi e le nostre generazioni future condurremo le nostre vite. Decine di migliaia di nuovi batteri, virus, piante e animali transgenici potrebbero essere immessi negli ecosistemi della Terra per scopi commerciali che vanno dal "rimedio biologico" alla produzione di combustibili alternativi. Alcune di queste innovazioni, tuttavia, potrebbero distruggere la biosfera del pianeta, diffondendo nel mondo un inquinamento genetico assai pericoloso e con effetti, a volte, addirittura mortali. .. Cloni di animali (come la pecora Dolly, clonata dall'embriologo scozzese Ian Wilmut il 22 febbraio 1997) prodotti geneticamente e in massa potrebbero fungere da industrie chimiche nel cui sangue e nel cui latte sintetizzare grandi quantità di prodotti chimici e di farmaci a basso prezzo. Potremmo inoltre assistere alla creazione di una serie di nuovi animali chimerici, compresi ibridi uomo/animale. Per esempio l'uomo/scimmia, metà uomo e metà scimmia, potrebbe diventare una realtà. Gli ibridi uomo/animale potrebbero essere largamente usati come soggetti sperimentali nella ricerca medica e come "donatori di organi" per i trapianti esogeni (xenotrapianti). .. Alcuni genitori potrebbero scegliere di concepire i figli in provetta e di crescerli in uteri artificiali esterni al corpo umano, per evitare i fastidi della gravidanza e per garantire un ambiente sicuro e trasparente attraverso il quale monitorare lo sviluppo del bambino prima della nascita. Si potrebbero produrre trasformazioni genetiche nei feti .. per migliorare l'umore, il comportamento, l'intelligenza e l'aspetto fisico. I genitori potrebbero scegliere le caratteristiche dei figli.. Per più di dieci millenni abbiamo addomesticato, generato, incrociato animali e piante. Ma, nella lunga storia di queste pratiche, siamo stati frenati in quello che realmente avremmo potuto realizzare dai vincoli naturali posti dai confini di ogni specie, sebbene la natura ci abbia a volte permesso di attraversare questi confini, le incursioni sono sempre state molto limitate. Gli animali ibridi (ad esempio i muli) sono di solito sterili, e gli ibridi delle piante non tramandano tutti i loro tratti. L'ingegneria genetica supera le costrizioni imposte dai confini di specie. .. Agli inizi del 1984 .. fu realizzata in Inghilterra .. una chimera capra/pecora (detta caprecora): questo è il primo esempio, nella storia dell'uomo, di fusione di due animali assolutamente non correlati. Nel 1986 alcuni scienziati presero il gene che codifica l'emissione della luce nella lucciola e lo inserirono nel codice genetico di una pianta di tabacco. Risultato: le foglie del tabacco brillavano. .. Per la prima volta nella storia stiamo diventando gli ingegneri della vita stessa. Stiamo iniziando a riprogrammare i codici genetici degli organismi viventi per soddisfare i nostri desideri e i nostri bisogni culturali ed economici. .. Nell'industria mineraria i ricercatori stanno sviluppando nuovi microrganismi .. per degradare i minerali nei quali è intrappolato l'oro prima dell'estrazione chimica, così da incrementare la quantità di recupero dell'oro stesso. [E] una ditta britannica, la ICI, ha sviluppato ceppi batterici in grado di produrre plastica con molteplici caratteristiche e proprietà, fra le quali vari gradi di elasticità. Questa plastica è biodegradabile al 100%. Nel 1993, Chris Sommerville, direttore del centro di biologia delle piante del Carnegie Institute di Washington, ha inserito un gene che sintetizza la plastica in una pianta di senape. Il gene ha trasformato la pianta in un'industria della plastica. .. Le compagnie di silvicoltura tentano di isolare i geni che possano essere inseriti negli alberi per farli crescere più velocemente, per renderli refrattari alle malattie e maggiormente resistenti al caldo, al freddo e alla siccità. In Florida, nel 1996, è stato realizzato il primo insetto geneticamente trasformato, un acaro predatore. I ricercatori sperano che esso possa mangiare gli altri acari che danneggiano le fragole e gli altri raccolti. Gli scienziati dell'Università della California a Riverside stanno portando a termine esperimenti per inserire un gene letale nel corredo cromosomico dell'antonomo rosa del cotone, un parassita che causa ogni anno danni per milioni di dollari. Il gene killer si attiva in primavera, uccidendo i giovani parassiti prima che essi possano danneggiare il cotone, accoppiarsi e riprodursi. All'Università di Adelaide, in Australia, gli scienziati hanno sviluppato una nuova generazione di maiali, trattati con l'ingegneria genetica, che sono più efficienti del 30% e che sono disponibili sul mercato sette settimane prima di quelli normali. L'Australian Commonwealth Scientific and Industrial Organization ha prodotto pecore trattate geneticamente che crescono più velocemente (circa del 30%) di quelle normali. .. Società biotecnologiche come la Nextran e la Alexion stanno inserendo geni umani nelle linee germinali di embrioni animali al fine di rendere i loro organi più compatibili con il genoma umano e quindi meno esposti al rischio di rigetto. Scienziati della Johns Hopkins University hanno già trapiantato con successo un gene "anticongelamento" dal pesce pianuzza nel corredo genetico della trota e della spigola, per permettere a questi pesci di sopravvivere in acque più fredde. Hanno inoltre inserito il gene dell'ormone della crescita di un mammifero in uova di pesce fecondate: questo esperimento ha avuto come risultato la nascita di pesci molto più grossi e dalla crescita più rapida. .. Aziende come la Organogenesis stanno dimostrando che, partendo da poche cellule, è possibile far crescere un organo funzionante sopra una impalcatura fatta di polimeri. I ricercatori stanno inoltre conducendo esperimenti per la creazione di polmoni, fegati e pancreas di laboratorio formati da cellule umane. Al Children's Hospital di Boston, Anthony Atala, direttore del laboratorio di ingegneria genetica dei tessuti sta facendo crescere una vescica umana in un contenitore di vetro. .. Una nuova tecnologia rivoluzionaria, i chip a base DNA, permetterà ai medici di analizzare il corredo genomico di ogni singolo individuo, consentendo di tracciare un quadro dettagliato delle sue predisposizioni genetiche, una sorta di sfera di cristallo da cui trarre indicazioni sul futuro dello stato emotivo, mentale e della salute fisica. Nell'aprile 1997, i ricercatori della facoltà di Medicina della Case Western Reserve University, a Cleveland, nell'Ohio, hanno annunciato la creazione del primo cromosoma umano artificiale, una scoperta che potrebbe portare alla "progettazione" dei tratti genetici all'interno delle cellule sessuali o delle cellule embrionali appena dopo il concepimento. [Inoltre] potrebbe essere possibile far crescere all'interno di uteri artificiali alcuni cloni umani privi di encefalo: questi potrebbero essere poi usati come pezzi di ricambio durante la vita dei donatori le cui cellule sono state clonate. .. Tuttavia la storia ci ha insegnato che che ogni nuova rivoluzione tecnologica porta con sé non solo benefici, ma anche costi. Più la tecnologia è in grado di espropriare e di controllare le forze della natura, più alto è il prezzo che dovremo pagare in termini di sconvolgimento e di distruzione degli ecosistemi e dei sistemi sociali che sostengono la vita. Con la tecnologia genetica noi assumiamo il controllo del nostro patrimonio ereditario individuale, ossia del nostro programma genetico. Può una persona ragionevole pensare, anche solo per un momento, che un simile potere non comporti alcun rischio?

..Minaccia ambientale. Ogni organismo manipolato geneticamente rappresenta una potenziale minaccia per l'ecosistema, molto più grave della liberazione di prodotti petrolchimici nell'ambiente. Essi, proprio perché vivi, sono imprevedibili. Inoltre si riproducono, crescono e si spostano. Infine, una volta liberati, è praticamente impossibile farli ritornare in laboratorio, soprattutto se sono microscopici. Al momento è in corso una serie di esperimenti per liberare nell'ambiente animali manipolati geneticamente, inclusi insetti predatori per eliminare quelli nocivi, pesci nel cui codice genetico sono stati introdotti, il gene che codifica l'ormone della crescita e i geni "anticongelamento", che permettono loro di crescere molto più velocemente, di raggiungere maggiori dimensioni e di vivere in acque molto più fredde.

.. Armi genetiche. Le conquiste ottenute nelle tecnicnologie di ingegneria genetica hanno rinnovato l'interesse militare per le armi biologiche e hanno generato una grande preoccupazione riguardo l'accidentale o la volontaria liberazione di pericolosi virus, batteri e funghi manipolati geneticamente che potrebbero diffondere un inquinamento genetico in tutto il mondo, creando una mortale pandemia che potrebbe distruggere su vasta scala le piante, gli animali e la vita umana.

Le armi biologiche possono essere virali, batteriche, basate sui funghi, e sui protozoi. Gli agenti biologici possono mutarsi, riprodursi, moltiplicarsi e diffondersi su una vasta zona geografica attraverso il vento e l'acqua. Gli agenti biologici convenzionali comprendono la peste Yersina pestis, tularemia, febbre della Rift Villey Coxiella burnetii, encefalite equina, carbonchio e varicella.

Gli ingegneri genetici stanno clonando quantità finora impensabili di agenti "tradizionali".

E' possibile inserire geni in organismi che colpiscono le funzioni che controllano l'umore, il comportamento, lo stato mentale e la temperatura corporea. Gli scienziati affermano di essere in grado di clonare specifiche tossine per eliminare gruppi etnici o razze specifiche il cui costrutto genotipico predispone a certe malattie. A differenza delle tecnologie nucleari, l'ingegneria genetica può essere prodotta a buon mercato, richiede una minore abilità scientifica e può essere effettivamente impiegata in molti e diversi settori.

Vari settori delle forze armate lavorano con i maggiori agenti patogeni al mondo, dalle malattie esotiche virali, come febbri emorragiche (Virus Ebola), ai virus appena scoperti, come l'AIDS.

.. Sofferenza animale: Migliaia di animali transgenici, chimerici e clonati, dai maiali ai primati, sono in questo stesso momento oggetto di sperimentazioni in tutti i laboratori del mondo, allo scopo di migliorare l'allevamento e di creare modi efficienti per la produzione di farmaci e di prodotti chimici e di trovare cure e terapie per le malattie che colpiscono l'uomo. L'inserimento di geni estranei nel codice genetico di un animale può scatenare una serie di molteplici reazioni e può essere la causa di sofferenza per la creatura mai riscontrata in passato.

..Pomodoro transgenico: gli scienziati hanno prelevato il gene "anticongelante" dalla passera nera, un pesce, e l'hanno inserito nel codice genetico dei pomodori con lo scopo di proteggerli dai danni provocati dal gelo.

Patate transgeniche: i geni dei polli sono stati inseriti nelle patate per aumentare la resistenza alle malattie.

..Tabacco transgenico: i geni del criceto sono stati inseriti nel genoma della pianta del tabacco per aumentare la sintesi di steroli.

..Si pensava che il DNA dei geni del GEF venisse distrutto nello stomaco. Tuttavia, è stato recentemente dimostrato che il DNA dato ad un topo può sopravvivere nell'intestino e passare nelle cellule del corpo. Si tratta di un risultato inaspettato e dovrebbe far rabbrividire. [New Scientist, 4 Gennaio 1997]



IL CASO DELL'ORMONE DELLA CRESCITA BOVINA
Ovvero: l'alterazione su vasta scala di una delle più antiche e importanti sostanze alimentari

L'ormone bovino della crescita ricombinante conosciuto anche come somatotropina bovina è una copia geneticamente modificata di un ormone naturalmente prodotto dalle mucche. Il suo scopo è quello di indurre le mucche a produrre più latte (il 10~20% in più) [facilitando] l'invio di glucosio alla ghiandola mammaria. .. L'ormone provoca uno stress terribile negli animali trattati. Di solito, per circa 12 settimane dal parto una mucca produce latte a spese della sua salute. Perde peso, non è fertile ed è più sensibile alle malattie. Infine, la produzione di latte diminuisce e la mucca comincia a riprendersi. Inoculando rBGH, si può posporre di altre 8-12 settimane .. L'etichetta delle avvertenze che la Monsanto ha allegato ad ogni confezione di Posilac sottolinea ben 21 problemi di salute associati all'uso del Posilac, compresi cisti ovariche, problemi uterini, ecc. .. il problema più serio è l'aumento di mastiti (infiammazione della mammella): una mucca affetta da mastite produce latte con il pus. .. Molti agricoltori cercano di risolvere il problema con gli antibiotici, che però, presenti come residuo nel latte, sono sospettati di indurre problemi di salute nell'uomo, oltre a contribuire all'insorgenza, nei batteri, della resistenza agli antibiotici. Quando una mucca è inoculata con rBGH, questo stimola la produzione di un altro ormone, chiamato fattore di crescita 1 insulino-simile (IGF-1) .. i cui livelli nel latte così aumentano. Poiché questo ormone è attivo nell'uomo - provocando la divisione cellulare - alcuni scienziati, ritengono che l'ingestione degli alti livelli contenuti nel latte trattato con rBGH potrebbe portare a divisione e crescita cellulare incontrollate - in altre parole al cancro.

..Nel 1996, il Prof. Samuel Epstein, dell'Università dell'Illinois, condusse uno studio dettagliato sugli effetti potenziali di un aumento di IGF-1 nell'uomo ..: può indurre cancro al seno e al colon nei bevitori di latte. .. Uno studio pubblicato su Lancet a maggio dell' anno successivo e condotto su donne americane, evidenziò un rischio sette volte maggiore di cancro al seno nelle donne in pre-menopausa con alti livelli di IGF-1 nel sangue. Un altro studio pubblicato su Science a gennaio scoprì un rischio quattro volte maggiore di cancro alla prostata in uomini con alti livelli di IGF-1 nel sangue. A parte i rischi, a carico di rBGH, associati alla salute, il suo aumentato uso nel mondo potrebbe causare il declino delle fattorie di piccole dimensioni e la monopolizzazione dell'agricoltura da parte delle multinazionali.

..La sua pericolosità attuale e potenziale è tale che è stato vietato in Canada, Unione Europea e numerosi altri paesi. [Ciònonostante] l'Amministrazione Alimentare e Farmaceutica (FDA) degli Stati Uniti ha dichiarato rBGH ufficialmente "sicuro" nel 1993 e la Monsanto cominciò a vendere il Posilac ai produttori di latte nel febbraio dell'anno successivo .. ma il processo di autorizzazione fu controverso in quanto ex impiegati della Monsanto andarono a lavorare per la FDA, supervisionarono il processo di approvazione, e poi tornarono a lavorare per la Monsanto. Il latte contenente l'ormone rBGH non fu mai appropriatamente sperimentato sugli essere umani prima che la FDA ne consentisse la commercializzazione.

.. Due esperti giornalisti di cronaca dell'emittente televisiva Fox TV a Tampa in Florida, sono stati licenziati per essersi rifiutati di insabbiare un servizio investigativo sul controverso ormone del latte della Monsanto, l'rBGH (ormone ricombinante per la crescita bovina o somatropina bovina, rSBST. .. Dopo più di un anno di lavoro sui servizi relativi all'rBGH, e tre giorni prima della prima messa in onda, programmata per il 24 Febbraio 1997, i dirigenti della Fox TV ricevettero la prima di due lettere dagli avvocati rappresentanti della Monsanto, la quale diceva che la Monsanto avrebbe sofferto "danni enormi" se la serie fosse stata trasmessa. La WTVT aveva aggressivamente pubblicizzato il reportage, ma lo cancellò all'ultimo momento. La seconda lettera della Monsanto avvertiva di "tremende conseguenze" per la Fox se la serie fosse stata trasmessa così com'era .., domandando che giornalisti includessero risapute menzogne nei loro servizi sull'rBGH. .. Stando ai documenti archiviati alla Corte Distrettuale della Florida, gli avvocati della Fox provarono allora ad insabbiare la serie, offrendosi di pagare i due giornalisti perché lasciassero l'emittente e tenessero la bocca chiusa riguardo a quanto la Fox aveva fatto del loro lavoro. I giornalisti rifiutarono l'offerta e il 2 Aprile 1998 fecero causa alla WTVT.
[..comunque poi la Monsanto ce l'ha fatta a far approvare l'ormone della crescita. E pure l'aspartame. ndJb]






ECOCIDIO
da Il Manifesto

"Ecocidio" è un libro di Jeremy Rifkin, scritto nel 1992 ma che per grande coraggio editoriale (o estrema cautela politica) la Mondadori ha deciso di pubblicare ora, soltanto dopo l'apice della crisi della mucca pazza in Italia (sarà per questo che l'Ecocidio di Rifkin sta transitando nelle nostre librerie quasi sotto totale silenzio stampa?)


[Viviamo in] un mondo popolato da un miliardo di bovini, un'immensa mandria che occupa il 24 per cento della superficie della Terra e che consuma una quantità di cereali sufficiente a sfamare centinaia di milioni di persone.

.. Api, il dio toro, rappresentava per i popoli del Nilo .. il vigore della giovinezza e l'eternità della vita, ed era incarnato in un toro in carne e ossa che veniva custodito in un santuario e accudito dai sacerdoti. Alla fine dell'anno, Api veniva macellato secondo un elaborato rituale; la sua carne veniva consumata dal re, che acquistava così la fiera forza dell'animale, la sua maestosa potenza e la virilità, in modo da diventare immortale". [Vabbe', però detto così sembra che gli antichi Egizi erano selvaggi dalle balzane credenze religiose ndJB]

[Oggi, invece,] nei box degli allevamenti intensivi statunitensi, .. gli animali vengono castrati, imbottiti di farmaci e messi all'ingrasso. Raggiunti i cinquecento chilogrammi, i vitelli maturi sono ammassati in giganteschi camion; il viaggio verso il mattatoio è duro e brutale: ore, giorni, lungo i percorsi autostradali, senza soste, nutrimento e acqua. Al termine del viaggio, gli animali ancora sani vengono fatti scendere; gli altri, schiacciati sul piano di carico del camion, incapaci di alzarsi o di camminare, vengono agganciati per gli arti rotti e trascinati giù dal camion fino alla rampa di carico, dove attendono il proprio turno di macellazione.

.. "Più di un miliardo di vacche pascolano nei cinque continenti. Un quarto delle terre emerse è usato per nutrire bovini e altro bestiame" ..: il 70 per cento dei cereali prodotti in America viene utilizzato per l'alimentazione animale. Ma, a fronte di un utilizzo di 157 milioni di tonnellate di cereali per il nutrimento del bestiame da macello, la carne consumata dall'uomo è pari a meno di 28 milioni di tonnellate. [In altre parole, la resa cereali/carne è inferiore al 18%. ndJB]

.. E, poiché la domanda mondiale di cereali per l'alimentazione animale è in continua crescita, le multinazionali incoraggiano i paesi del terzo mondo alla conversione dell'agricoltura a cereali per il nutrimento dei manzi dei paesi ricchi. Quando in Etiopia la grande carestia mieteva vittime su vittime, la gran parte di quella terra era utilizzata per la produzione di mangimi .. "Con un terzo della produzione cerealicola mondiale destinata all'alimentazione animale e la popolazione mondiale in crescita al ritmo del venti per cento ogni dieci anni, si sta preparando una crisi alimentare di proporzioni planetarie".

E l'impatto distruttivo dei bovini si manifesta anche nella progressiva desertificazione di ampie fasce di territorio ..: foreste abbattute, terre fertili trasformate in deserti, minacce di profonde e devastanti modifiche climatiche.



GLI SCIENZIATI PAZZI DELL'AGROALIMENTARE
di François Dufour, agricoltore (Manche), portavoce della Confederazione contadina - testo raccolto dal CSA (campagna per la sicurezza ambientale)

.. Il 25 giugno [2000], i ministri dell'ambiente dell'Unione europea .. hanno deciso .. che i nuovi Ogm (Orgamismi geneticamente modificati) non abbiano più autorizzazione illimitata, ma siano riesaminati con scadenza decennale. Decisa anche l'etichettatura dei cibi transgenici, con la ricostruzione dei "percorsi", dal prodotto agricolo fino a quello trasformato.

.. Negli anni '80, le lobby agroindustriali britanniche .. liberalizzarono il settore della carne bovina [e] nel 1996, l'individuazione dell'encefalopatia spongiforme bovina (Esb), detta della "mucca pazza", fece nascere dei sospetti su alcune pratiche agricole.

.. Eppure erano state messe in guardia: fin dal 4 aprile 1996, la Confederazione contadina aveva richiesto alle autorità francesi e di Bruxelles di adottare con urgenza provvedimenti che proibissero l'uso delle farine animali negli alimenti di tutti gli animali domestici.

.. Nel 1997, si scatenava nei Paesi Bassi un'epidemia di peste suina che provocava la distruzione di tutta una filiera: fu necessario abbattere milioni di capi di bestiame. Costo dell'operazione: 1 miliardo di ecu (circa 2.000 miliardi di lire), per metà a carico dei contribuenti europei. .. Un modello produttivo .. a esclusivo beneficio delle lobby dell'agroalimentare e in particolare delle transnazionali che producono alimenti per animali, antibiotici e stimolatori di crescita. Secondo stime ufficiali, in un allevamento con meno di 100 suini i costi relativi agli antibiotici sono di 120.000 lire per animale. Ma quando la produzione si concentra in un solo luogo, le spese possono superare le 300.000 lire per capo di bestiame. L'obiettivo non è più allora curare l'animale, ma ottenere un aumento di peso artificiale.

.. Se si concentrano gli animali, l'industrializzazione dell'allevamento concentra anche elementi patogeni e rischi. Si sa che le salmonelle, facilmente presenti nella filiera avicola, sono all'origine dell'80 % delle infezioni tossiche collettive di origine alimentare censite in Francia. D'altra parte, le batterie diventano sempre più resistenti agli antibiotici usati in quantità eccessiva. .. Il comitato direttivo scientifico dell'Unione europea (formato da 16 esperti indipendenti) .. ne chiede la proibizione [ma] fino ad oggi non ha trovato udienza a Bruxelles. .. Questo settore del mercato farmaceutico mondiale rappresenta circa 250 miliardi di dollari. Quanto all'uso oggi messo sotto accusa con grande clamore delle farine animali incorporate come proteine nell'alimentazione del bestiame per equilibrare le razioni, non è cosa nuova. L'allevamento intensivo industriale ha costruito la sua potenza .. attingendo da una fonte inesauribile: i rifiuti riciclati dei mattatoi che diventano cibo per animali. La ricerca del minor costo per il maggior profitto ha portato i responsabili dei grandi gruppi di produttori di farine a rifiutare in modo sistematico le norme pubbliche di trasparenza (tracciabilità) e d'informazione agli allevatori sulle caratteristiche e la composizione dei prodotti forniti.

.. Lo scandalo della carne contaminata con la diossina, sostanza altamente cancerogena .., rivela una volta di più, malgrado i discorsi rassicuranti di cui i governi sono prodighi, il lassismo, se non la complicità, degli organi dello stato nei confronti del potere finanziario.

Il forte aumento delle "paure alimentari" porterà a pesanti ripercussioni sugli allevatori ..: distruzione degli allevamenti interessati, diminuzione dei prezzi, revisione unilaterale dei contratti di produzione per gli allevatori legati a industrie produttrici di alimenti. Ma .. altri pericoli incombono, come, ad esempio, quelli legati all'accumulo di metalli pesanti nel suolo a causa dell'irrorazione con fanghi di depurazione.

.. Finora le istanze comunitarie hanno resistito alla pressione delle industrie farmaceutiche che vogliono imporre gli ormoni da latte e da animali, anche se si sa bene che il Belgio è un crocevia per il traffico di questi ormoni in Europa. Ma gli Stati uniti, decisi ad esportare a qualunque costo la loro carne bovina agli ormoni nei paesi dei Quindici, hanno già segnato importanti punti a loro favore all'interno [del WTO]: gli europei, come punizione del loro rifiuto, sono costretti a pagare 253 milioni di dollari, sotto forma di aumento dei diritti doganali su alcune loro esportazioni destinate agli Stati uniti (202 milioni) e al Canada (51 milioni). La Commissione europea non si oppone affatto al principio di queste sanzioni, si limita a cavillare sull'ammontare della cifra. Rifiuta di invocare il principio precauzionale per altro esplicitamente previsto dall'accordo sulle misure sanitarie e fitosanitarie concluso nel 1994 durante il ciclo dell'Uruguay dell'Accordo generale su tariffe doganali e commercio (Gatt) col pretesto che Washington potrebbe considerarlo una provocazione!

.. Nel febbraio 1999 a Cartagena (Colombia), un altro importante scontro commerciale si delinea tra i paesi che producono e commercializzano vegetali modificati geneticamente (Argentina, Australia, Brasile, Canada, Cina, Stati uniti, Messico) e l'Europa, dove, dal 1994, soltanto nove varietà hanno ricevuto l'autorizzazione ad essere coltivate e importate. Ma è soltanto la pressione dei consumatori e dei movimenti dei cittadini europei che ha impedito, fino ad ora, alla Commissione e alla maggioranza dei governi la totale liberalizzazione del commercio degli organismi geneticamente modificati (Ogm), questi nuovi strumenti di appropriazione di semi e piante da parte di alcune multinazionali: Novartis, Monsanto, Pioneer-DuPont, Agrevo, ecc.

Da quando esiste l'agricoltura, i contadini seminano i campi con i prodotti del proprio raccolto. Sono loro che, da millenni, selezionano e adattano le piante in funzione delle loro necessità e delle caratteristiche dell'ambiente. Oggi, i grandi gruppi di produttori di sementi hanno selezionato semi ibridi, le cui caratteristiche li rendono particolarmente adatti all'agricoltura intensiva. Questi ibridi non si riseminano, mentre le piante autogame come grano, orzo e colza, sono riutilizzate nel 50 % dei casi. Evidentemente i produttori di semi non hanno interesse a che i contadini possano riseminare i campi a partire dai propri raccolti. Tentano di convincerli che le manipolazioni genetiche procureranno loro grossi margini di guadagno. Questa affermazione costituisce prima di tutto un inganno intellettuale, perché postula che l'agricoltura intensiva, forte consumatrice di input, pesticidi e fungicidi di ogni tipo, sia il solo modello atto a soddisfare le necessità dell'uomo. Al contrario, sono molti i contadini che sviluppano altri tipi di produzione (in particolare l'agricoltura biologica) altrettanto competitivi, ma rispettosi della natura e dei consumatori. Inoltre è un inganno economico, perché lasciare i semi nelle mani di alcune multinazionali, per i contadini vuol dire accettare un'integrazione sempre maggiore nel complesso genetico-industriale.

.. Molti studi hanno dimostrato gli effetti nocivi, sulle farfalle, del mais transgenico Bt (cioè portatore della tossina del Bacillus thuringiensis che rende la pianta resistente ad un insetto detto piralide n.d.t.), prodotto da Monsanto, Novartis e Pioneer, di cui i governi tedesco, spagnolo e francese, giocando agli apprendisti stregoni, hanno autorizzato la commercializzazione. .. La maggioranza dei ministri dell'agricoltura dei Quindici non ha dato seguito alla richiesta francese di proibizione delle farine animali, perché si pone il problema delle soluzioni di ricambio con proteine vegetali.

L'agricoltura europea è ostaggio degli Usa. L'Europa .. è fortemente deficitaria di vegetali ricchi di proteine e amidi e soprattutto di piante oleose: nella campagna commerciale 1996-97, il suo tasso di autosufficienza per colza, girasole e soia raggiungeva solo il 22%. .. Durante i negoziati del Gatt del 1993, [l'Europa] ha ottemperato alle esigenze di Washington accentando di limitare a 5,482 milioni di ettari la superficie da coltivare a piante oleose, così da garantire all'agrobusiness americano uno sbocco illimitato per i suoi panelli di soia e per i prodotti di sostituzione dei cereali, che entrano nella Comunità esenti da ogni diritto doganale. È dunque agli Stati uniti e ai paesi latino-americani che per un'eventuale sostituzione delle farine animali i contadini europei dovranno rivolgersi per l'approvvigionamento. Cioè a paesi dove gli Ogm sono coltivati su milioni di ettari (secondo fonti specializzate, il 40 % della soia e il 20 % del mais americani sono transgenici) e dove le multinazionali si rifiutano di creare filiere di imballaggio e di commercializzazione separate tra Ogm e non Ogm. In altre parole, in mancanza di una chiara etichettatura per l'alimentazione sia degli uomini che degli animali, ai consumatori e ai contadini, presi in ostaggio, non rimane che scegliere tra la peste delle farine animali e il colera degli Ogm.

.. L'industria si è impadronita del contadino imponendogli le proprie regole per la produzione di materie prime a basso costo, facendo di lui una cavia che si getta alle ortiche quando non rende più. .. I paesi in via di sviluppo [raramente riescono] a proteggersi da importazioni sleali e dal dumping economico, sociale, ecologico dei paesi ricchi ..: un'agricoltura duale .. fornirebbe ai poveri una grande abbondanza di pessimo cibo, prodotto da pochi contadini ricchi, e ai ricchi un'alimentazione di qualità fornita da contadini poveri.

.. Il mercato mondiale dei prodotti di base è alimentato dalle eccedenze agricole dei grandi (Unione europea, Canada, Stati uniti). I corsi di questo mercato sono estremamente bassi ..: prezzo del latte compreso tra le 225 e le 300 lire al litro; un chilo di maiale tra le 450 e le 690 lire e di bovino giovane a 1.300 lire. Per produrre a costi così bassi, è necessario eliminare ogni vincolo nella produzione e annullare ogni limite: luoghi di produzione giganteschi, terre e aiuti pubblici accaparrati da pochi agromanager. .. Le catastrofi della "mucca pazza" e del pollo alla diossina rischiano di essere solo il preludio di altri disastri, se non si forma un ampio fronte, costituito da contadini, consumatori e movimenti di cittadini, uniti nel rifiutare questa forma di dittatura dei mercati rappresentata dalla onnipotenza delle transnazionali agroalimentari e chimiche.



"MA CHI CONTROLLA GLI SCIENZIATI?"

Letizia Gabaglio intervista Federico Di Trocchio, docente di Storia della scienza all'Università di Lecce e autore de "Le bugie della scienza" (Mondadori)

.. "Il fenomeno delle frodi scientifiche è strettamente legato ai finanziamenti. Il caso è scoppiato in America dove la ricerca è estremamente competitiva: i progetti da finanziare sono scelti rigorosamente in base alle credenziali di chi li presenta e ai risultati ottenuti. .. È ovvio quindi che i ricercatori siano sempre più in competizione fra loro e che per ottenere i finanziamenti siano disposti a falsificare dei dati per renderli più sensazionali. In poche parole non si compete più per la gloria ma per i soldi. .. Oggi la scienza è diventata una professione appetibile, e dove circolano i soldi si genera anche la corruzione. .. La storia della scienza ci insegna che la ricerca ha prodotto di più quando gli scienziati erano di meno e conducevano una vita umile. Di quanti scienziati ha bisogno una società?"

Vedi anche: farmaci killer



L'EROSIONE GENETICA
di Ruggero Leonardi, da "Oggi" (maggio 2000?)

Nel caveau dell'istituto del Germoplasma di Bari (ente del CNR, presieduto da Pietro Perrino), uno dei maggiori al mondo, sono conservati 80 mila semi .. apparteneneti a oltre 600 specie .. di colture a rischio .. per evitare che spariscano dalla faccia della Terra, e per permetterci in futuro un'alimentazione decente.

[La FAO] ha prodigato alti elogi all'istituto (uno dei primi dieci istituti di ricerca in Europa, specializzato nel recupero di antiche risorse vegetali appartenenti alla zona del Mediterraneo, sia commestibili che piante aromatiche, piante officinali, e piante utili ma di diverso uso, come il cotone) .. "per il lavoro di ricerca che svolge sulle specie vegetali e perchè rappresenta l'unica banca di semi di colture agricole ormai rare in Italia." [Ad esempio] il peperone dolce di Nardello [specie nostrana oramai introvabile, che] è tornato a casa da un paesino dell'America dove lo avevano messo a dimora degli emigrati italiani provenienti dalla Basilicata.

[L'idea delle banche del seme risale agli anni '60, ma la] prima ad avere l'idea è stata la Natura. .. Prendiamo per esempio la zolla di 1 m2 di terreno di superficie, profondità 20cm, che è stata esaminata anni fa in Danimarca ..: i semi [che conteneva] erano circa 135 mila, e 50mila di essi ancora pronti a germinare, in condizioni opportune. [O] come nel caso di certi semi di lupino sottratti ai ghiacci dell'Artico: [hanno] 10mila anni ma poi, chiamati alla prova della germinazione, si dimostrarono arzilli vecchietti dando vita ad altri lupini.

.. Ai tempi dell'antica Roma .. si procuravano molte pianticelle, facevano molte ibridazioni, avevano semi sani e robusti da cui germogliavano grano e altre pianticelle sane e robuste. Poi a fare la coltivazione siamo arrivati noi, i furbi del XX secolo. Noi vogliamo tutto e sùbito, e ci comportiamo di conseguenza: via i semi pigri a crescere, vanti quelli che ci garantiscono risultati in quantità industriali. Quindi, una selezione che non è più degna di questo nome, perchè basata su poche varietà di semi, [i roboanti ma supersfruttati semi americani] di resa sicura - .. sicura solo nell'immediato presente, perchè poi, a furia di sfruttarle, le pianticelle diventano gracili ed esposte a malattie. E le conseguenze le vediamo a tavola, dove ci arrivano prodotti di una natura addomesticata e malaticcia. O, addirittura, non arrivano neppure. .. In Brasile [nel 1984] buona parte del raccolto di caffè .. andò persa perchè le colture si basavano su un'unica varietà.

.. Presso il castello di Tudor in Inghilterra [c'è] un centro megagalattico che, fra le altre cose, invia "cacciatori di piante" nei Paesi tropicali per sottrarre al rischio di estinzione specie che spesso appartengono alla famiglia delle orchidee. [Vi è anche] l'IRRI, .. nei suoi forzieri disseminàti in diverse parti del mondo, conserva .. 60 mila campioni di riso. [Si combatte] contro quel male che tecnicamente si chiama erosione genetica. .. Se le piante usate in agricoltura si impoveriscono a livello di DNA, perdono la loro capacità di adattamento e, in situazioni ambientali difficili, forniscono risultati deludenti anche a livello nutrizionale.

[La] conservazione criogenica .. si ottiene .. a temperature molto basse. .. Si parla di 15~20 gradi sotto zero. .. Dipende. [Prima di essere surgelati, alcuni semi] richiedono particolari manipolazioni per ridurre il loro contenuto di umidità. .. I semi di una cipolla [hanno il] 10% di umidità ..: per 4 mesi possono mantenere la loro capacità di germinare anche a 35 gradi, ma .. se tenuti .. a zero gradi, i semi potranno diventare cipolle anche dopo 78 anni. .. La Luna e gli asteroidi possono essere ottimi serbatoi di conservazione delle nostre risorse genetiche. [Harold Koopowitz, fondatore di una banca dei geni in California] ritiene l'impresa imminente.


Seed Savers: salvatori di semi (Alberto Olivucci, Pesaro: 0335-12.40.733)
Civiltà Contadina (Achille Mengozzi e sua moglie Maria-Rosa, Forlì: 0543-32.532)

LA TROTA TERMINATOR
di Enrico Loi, da Ecplanet.org

In Francia, nel laboratorio dell'Istituto di ricerca agronomica di Rennes, è nata la prima generazione di trote sterili ottenute con la manipolazione genetica, .. inserendo nel genoma della trota un gene che inibisce la produzione di certi ormoni, le gonadoliberine.

.. Credete che il tempo in cui molti di noi saranno sterili e dovranno pagare per avere un bambino sia molto lontano?



COSA BOLLE IN PENTOLA?
di Francesco Pandolfi, da Dentro la Notizia

.. Le multinazionali premono, e premono molto per introdurre i nuovi cibi a bassissimo costo sulle nostre tavole. Negli Stati Uniti ci sono riuscite già da un pezzo, tant'è che, dopo parecchi anni, nessuna normativa chiara regolamenta le informazioni da dare al consumatore sulla natura e le caratteristiche di ciò che sta per acquistare.

[Il problema è che nessuno conosce gli] effetti a lungo termine dell'adozione di simili tecnologie ..:



Il DNA artificiale contenuto negli alimenti che vorrebbero far finire sulle nostre tavole (non necessariamente in modo diretto; il quesito riguarda, per esempio, anche le carni degli animali nutriti con cibi modificati) sarà capace di trasmettersi a noi modificando i nostri geni? .. "Il Sole 24 ore" del 30 maggio [2000] scriveva: "Uno scienziato tedesco, Hans-Heinrich Kaatz, ha affermato di avere scoperto che geni utilizzati per modificare i raccolti possono saltare la barriera delle specie. Nell'intestino di api prese in un campo trattato geneticamente è stato trovato il gene che conferiva resistenza agli erbicidi". Il numero del 4 Gennaio 1997 della rivista New Scientist pubblica una notizia simile: "si pensava che il DNA dei geni del GEF venisse distrutto nello stomaco. Tuttavia, è stato recentemente dimostrato che il DNA dato ad un topo può sopravvivere nell'intestino e passare nelle cellule del corpo. Si tratta di un risultato inaspettato e dovrebbe far rabbrividire";

I semi ed i pollini che, tramite i venti e gli insetti, si diffondono dalle coltivazioni di piante transgeniche, finiranno per provocare un caos micidiale andando ad impollinare le piante "normali"? .. Ci hanno garantito che duecento metri di distanza fra due colture .. sono più che sufficienti per garantire la purezza delle specie. Eppure altrove non sono bastati ottocento metri, [e] in Germania, Francia e Svezia sono già quasi cinquemila gli ettari invasi dalle sole piante di colza modificata. ..

Altri pericoli di natura biologica: interazione fra regni non comunicanti in natura, rischi per la biodiversità, ridotta qualità nutrizionale;
.. Ma la cosa che più spaventa è questa: gli studi sugli effetti a medio-lungo termine dell'adozione di simili tecnologie sono gestiti dalle multinazionali, che ovviamente tirano l'acqua al proprio mulino e si limitano a considerare egoisticamente solo la punta del proprio naso. Ciò che accadrà nell'avvenire non credo che interessi a chi vive esclusivamente per fare soldi ed acquisire potere. .. Siamo di fronte alla minaccia di effetti assolutamente non prevedibili e, quindi, non gestibili, tant'è che c'è già chi ha creato delle banche del seme perché, per chi non lo sapesse, quasi tutte le sementi oggi disponibili nei negozi sono già state da tempo modificate per generare creature sterili. Perché? Ma perché così, l'anno venturo, si tornerà a sborsare soldini per poter avere un raccolto! ..

"Inserire un gene ricombinato nel DNA di un organismo produttore di alimento disturba la sequenza naturale dell'informazione genetica all'interno del DNA. Così tale processo crea delle mutazioni casuali all'organismo, che gli ingegneri non possono prevedere. .. Ad esempio, potrebbe spingere l'organismo produttore a produrre dieci volte di più o dieci volte di meno di una determinata proteina. Questa può causare moltissimi problemi. Una proteina che non è tossica o allergenica a livelli normali, potrebbe diventare tossica a livelli dieci volte superiori. .. Dato che gli alimenti manipolati che contengono allergeni manterrebbero in molti casi l'aspetto dei loro simili non-allergenici naturali, essi comportano un serio rischio per il consumatore. Non saranno più in grado di evitare quegli alimenti perché non sono più in grado di distinguerli da quelli naturali corrispondenti." (Nexus new time n.11)

Madre Natura è per l'Uomo tuttora un mistero e, sinceramente, non me la sentirei di scherzarci tanto. ..



EVVIVA, LA CICCIA TRANSGENICA CON LE VITAMINE!
di Max Observer, da Dentro la Notizia

Cupido e Diana sono le prime pecore transgeniche portatrici di modificazioni genetiche trasmissibili alle generazioni future. Secondo .. CNN Italia, tra le applicazioni più immediate di questo nuovo "traguardo" ci sarebbero la possibilità di ottenere mammiferi capaci di produrre latte arricchito di particolari farmaci o della carne arricchita con vitamine.

Ebbene, vorrei fare delle ordinazioni: desidererei una capretta tanto dolce, però con la tv incorporata; due cani da guardia, uno con frigo ed uno con forno (per l'estate e per l'inverno), ma entrambi con sirena potenziata e, poiché sono un inguaribile romantico, anche una donna con spermicida al posto del sangue. Nello stesso articolo leggo che "... non si esclude che in un futuro ancora molto lontano sia possibile ingegnerizzare linee germinali umane", quindi non credo che quest'ultima pretesa sia poi così assurda come dice qualche amico.

Per finire, il mio sogno: mi piace da matti il succo d'acero, solo che costa una tombola. Sarebbe possibile, allora, avere qualche animaletto che, invece di fare pipì, produca quel meraviglioso sciroppo? ..



PROTEINE UMANE NEL RISO
da Axiaonline, su Promiseland.it

.. Nel cuore della California, .. la Applied Phytologics Incorporated (API) con il benestare del California Department of Food and Agriculture sta coltivando riso modificato con proteine umane. Due, la lattoferrina e la lisozima, di solito presenti nel latte materno e nella bile, sono state identificate dai ricercatori di Greenpeace. Obiettivo della coltura, produrre farmaci. Informazioni, scarse (.. Le componenti umane introdotte nel riso sarebbero otto, e non solo le due identificate dai ricercatori di bioingegneria di Greenpeace. ..) e tenute segrete al grande pubblico. Precauzioni nessuna.

.. Il campo [è situato] al centro di altri terreni coltivati, in gran parte destinati alla produzione agricola alimentare, [il che] modifica ovviamente il normale ciclo riproduttivo delle piante attraverso la contaminazione dei raccolti destinati alla catena alimentare. .. Soltanto l'anno scorso lo StarLink, una varietà geneticamente modificata e non approvata per consumo umano, ha contaminato oltre 300 prodotti normalmente distribuiti nei supermercati sua degli Stati Uniti che dei loro partner commerciali, Europa compresa. Stavolta è un po' peggio. ..



MC DONALD'S, E SAI COSA MANGI!
da Disinformazione.it

.. Secondo fonti autorizzate dell'Università Statale del Michigan, si è scoperto recentemente che la carne utilizzata da Mc Donald's per i suoi hamburgers, proviene da "autentici" vitelli senza gambe e senza corna, che sono alimentati per mezzo di tubi legati allo stomaco, che di fatto non hanno ossa, ma solo un po' di cartilagine che impedisce alle loro membra di disfarsi.

Coloro che li hanno visti assicurano che sono fatti molto preoccupanti. Questi esseri rimangono immobili tutta la vita, non hanno occhi, né coda e praticamente non hanno pelo; di fatto la loro testa è delle dimensioni di una palla da tennis...

La manipolazione genetica offre questi risultati, trasforma in viventi cose inanimate con un aspetto gelatinoso orribile.

.. Ma la cosa peggiore è che questa carne produce effetti secondari alla salute. Le sostanze tossiche che nutrono le cose che Mc Donald's crea, producono col passare del tempo danni irreversibili.

.. In Canada, Australia e ovviamente negli Usa, gruppi scientifici specializzati in materia alimentare, hanno messo in relazione il consumo di hamburger di Mc Donald's con la comparsa della sindrome di Alzheimer. ..





I RISCHI DEL'INQUINAMENTO GENETICO
di Gianni Tamino, da Vegetariani.IT

I vegetali geneticamente modificati autorizzati nell'Unione Europea sono cinque: mais, soia, colza, radicchio, e tabacco. Sono stati modificati per ottenerne la resistenza ai parassiti o la tolleranza agli erbicidi. .. Mais e soia, che, direttamente o coi loro derivati come additivi, olii di semi (sia di mais che di soia), amido di mais, lecitina di soia, finiscono poi nei prodotti [alimentari] più svariati. E ogni anno l'Italia importa dagli Stati Uniti un milione e duecentomila quintali di soia, poco meno della metà della quale è di origine transgenica.

In Europa la produzione di vegetali geneticamente modificati è consentita dal 1993, ma solo a titolo sperimentale e senza l'autorizzazione all'immissione in commercio. Mais e soia geneticamente modificati in Italia sono solo importati, con una situazione .. di concorrenza iniqua per i nostri agricoltori. Se non si interverrà in tempo con una adeguata legislazione, i vegetali geneticamente modificati in commercio potrebbero diventare molti di più: le multinazionali delle biotecnologie hanno infatti già inoltrato agli organi competenti le richieste di autorizzazione per la commercializzazione di moltissime altre piante geneticamente modificate (pomodoro, patata, anguria, broccolo, carota, cavolo, cotone, melanzana, melone, peperone, riso, uva, barbabietola da zucchero, zucca, papaya...). Se si dimostrerà che il nuovo organismo modificato è equivalente a quelli esistenti dal punto di vista nutrizionale e di uso, quest'autorizzazione rischia di essere praticamente automatica. Così prevede la Direttiva Europea n. 220 del 1990 [che] è attualmente in corso di revisione al Parlamento Europeo.

.. Le conseguenze per le future generazioni di piante, animali e uomini, di un "inquinamento" genetico potrebbero essere catastrofiche, ma potremmo misurarle solo in tempi molto lunghi. E' .. molto difficile, se non impossibile, prevedere le innumerevoli variabili degli effetti delle modificazioni. .. In ogni momento è possibile che una pianta modificata si incroci per caso con piante coltivate o spontanee dello stesso tipo e diffonda un carattere che potrebbe avere conseguenze catastrofiche: una resistenza a un particolare parassita, per esempio, potrà far sì che questa pianta si trovi senza più controllo e diventi infestante. I parassiti negli equilibri sono indispensabili quanto le piante utili, è solo la prospettiva antropocentrica che divide le piante in utili e dannose; nella logica dell'equilibrio, invece, eliminare l nemico di una pianta utile può significare trasformare altre piante simili in dannosissime piante infestanti. Generazione dopo generazione si potrebbe modificare la struttura stessa degli ambienti naturali.

.. Altro aspetto è quello della riduzione enorme della biodiversità ..: se alcune piante geneticamente modificate diventeranno particolarmente convenienti dal punto di vista economico (soprattutto ovviamente per le multinazionali che controllano il mercato), si assisterà a una progressiva riduzione delle varietà di piante e, in futuro, anche di animali. Le conseguenze [andranno dalla] perdita della ricchezza di sapori diversi nell'alimentazione quotidiana (perché la grande industria imporrà per ogni specie, una sola varietà frutto della sperimentazione biotecnologica) fino alle estreme conseguenze che potrebbero derivare per il nostro pianeta dalla perdita della biodiversità.

Oltre a questo, .. ogni volta che si modifica un prodotto alimentare, questo può provocare allergie (come è accaduto nel caso della soia nel quale è stato inserito un gene proveniente dalla noce del Brasile), intossicazioni, che magari non vediamo immediatamente, ma che possono produrre effetti a distanza di tempo. Inoltre, sappiamo che spesso per identificare i geni introdotti negli organismi .. si inserisce come marcatore un fattore di resistenza agli antibiotici; questo marcatore però, una volta arrivato nell'apparato digerente attraverso un alimento che lo contiene, potrebbe trasferire tale resistenza ai batteri che normalmente convivono con l'uomo e questi a loro volta potrebbero trasferire questa resistenza a batteri patogeni; a quel punto quel fattore di resistenza renderebbe nullo l'utilizzo dell'antibiotico.

.. Sostengono che gli OGM .. rappresentano una soluzione eccellente a problemi talmente gravi, come quello della fame nel mondo che i vantaggi superano di gran lunga i rischi. Questa tuttavia è un'argomentazione ridicola visto che già oggi il cibo prodotto sarebbe sufficiente per tutta la popolazione, se solo fosse distribuito diversamente. .. Anche per i paesi industrializzati, ciò che si profila è solo un cibo peggiore. Molti brevetti biotecnologici delle industrie alimentari riguardano .. la conservazione dei cibi e, di conseguenza, la loro facilità di trasporto e di lavorazione; ad esempio, ritardando la maturazione o la marcescenza di frutta e verdura si riuscirà a trasportarla più facilmente o a tenerla sugli scaffali dei supermercati per periodi più lunghi. Un esempio è il pomodoro non marcescibile, prodotto dalla Calgene, .. manipolato geneticamente in modo che le parte delle sue cellule si decompongano più lentamente; tuttavia gli altri processi di invecchiamento cellulare, come la decomposizione delle vitamine A e c e delle altre sostanze nutritive, procedono alla velocità normale. Il risultato è un pomodoro che mantiene a lungo un aspetto fresco sugli scaffali dei supermercati ma il cui valore nutritivo è molto ridotto e che oltrettutto contiene come marcatori della manipolazioni geni che causano resistenza agli antibiotici. ..



XENOTRAPIANTI: IL RISCHIO CHIMERIZZAZIONE
di Stefano Cagno, da "La voce dei senza voce" (organo ufficiale della Lega Antivivisezionista) n° 47, autunno 2000

Alla fine dell'agosto [2001,] al Congresso internazionale della Società dei trapianti, .. il Papa si è dichiarato a favore dei trapianti, degli xenotrapianti e quindi della creazione di animali, soprattutto maiali, modificati geneticamente per renderli utili alla donazione dei loro organi. ([Rammarica constatare che] dalle parole del Papa .. non traspare alcuna considerazione per la sofferenza degli animali: se questi fossero teoricamente utili per gli esseri umani, saremmo autorizzati a manipolarli geneticamente, allevarli e farli a pezzi .. per ottenere degli organi per i trapianti.)

.. Gli xenotrapianti [sono] quei trapianti in cui l'organo donato non appartiene alla specie ricevente. Molti di voi sapranno che sono già stati creati animali modificati geneticamente al fine di renderli più compatibili con il sistema immunitario umano, tutto ciò nel tentativo di evitare un sicuro rigetto dell'organo animale. Molti meno sapranno invece che tutti gli xenotrapianti tentati sui nostri simili sono stati un fallimento e i pazienti, nel migliore dei casi, sono morti dopo pochi giorni di atroci sofferenze.

.. Lo stesso professor Starzl, considerato da molti uno dei massimi teorizzatori degli xenotrapianti, si è accorto attraverso l'autopsia dei pazienti sui quali aveva tentato con insuccesso uno xenotrapianto, che le cellule animali erano migrate dall'organo trapiantato in ogni altro distretto corporeo, realizzando quello che lo stesso Starzl ha chiamato una "chimera". Anzi, in seguito ha aggiunto che per rendere più disponibile il sistema immunitario del futuro trapiantato, bisognerebbe prima dell'intervento, iniettare cellule animali, aumentando così la chimerizzazione.



.. Gli organi di controllo americani hanno stabilito che per autorizzare nuovi interventi, i pazienti dovranno impegnarsi a non avere più rapporti sessuali, proprio per evitare la trasmissione di ipotetiche e molto probabili infezioni da agenti virali di origine animale. Sono, infatti, ormai decine le pubblicazioni scientifiche che ammoniscono i ricercatori a non intraprendere la strada degli xenotrapianti, per evitare il rischio di epidemie.



BREVETTATO UN TERRENO AGRICOLO: A QUANDO BREVETTARE I CONTADINI?
da GreenPeace

Roma, 6 febbraio 2002 - L'Ufficio Europeo Brevetti ha concesso per la prima volta un brevetto che copre campi e coltivazioni forestali: .. il brevetto .. EP 784 421, concesso alla "Treetech Management" il 23 gennaio, [che] riguarda campi in cui piante ogm sono coltivate al fianco di quelle tradizionali. Lo scopo dovrebbe essere quello di combattere le malattie che possono colpire le varietà tradizionali, attraverso delle piante geneticamente modificate che sono velenose per gli insetti.

"Per la prima volta, il brevetto viene esteso anche al terreno agricolo, il prossimo passo sarà quello di brevettare il contadino che ara il campo. L'Ufficio Brevetti sta abusando della legge a tutto beneficio delle multinazionali biotech. .. Quando i campi, i semi e i raccolti non appartengono piu' ai contadini, vuol dire che con questi brevetti sono una minaccia per l'agricoltura e per la vita" spiega Luca Colombo, responsabile Campagna Ogm di Greenpeace.

Oltre 150 brevetti su geni umani e animali e oltre 50 sui semi sono stati concessi da quando l'Epo, nel '99, ha applicato la nuova direttiva europea sui brevetti. [Direttiva di cui] il governo italiano ha deciso di forzare i tempi di recepimento .. con il ricorso ad un collegato alla Legge Finanziaria (Art. 6 - Delega al Governo in materia di protezione giuridica delle invenzioni biotecnologiche). .. Un vero e proprio blitz per accelerare i tempi di recepimento, per negare un dibattito nel Parlamento sulla questione della brevettabilità del vivente e per blindare il provvedimento nei confronti delle obiezioni avanzate dai gruppi parlamentari sulla scorta delle profonde preoccupazioni che i cittadini nutrono su questo tema. ..


  Visualizza il profilo di Daniela      Modifica/cancella questo Messaggio   Rispondi riportando il messaggio originario
  
Blocca questo Argomento Sposta questo Argomento Cancella questo Argomento
Powered by phpBB Versione 1.4.2
Copyright © 2000 - 2001 The phpBB Group

phpBB Created this page in 0.131206 seconds.