[Registrazione]  [Modifica profilo]  [Modifica Preferenze]  [Cerca]
[Messaggi privati]  [Lista degli utenti iscritti]  [FAQ]  [Entra]
salutemed.it Forum Index » » CFS Stanchezza cronica » » Ricominciamo da qui
Vai alla pagina ( Pagina precedente 1 | 2 | 3 | 4 | 5 Pagina successiva )
Autore Ricominciamo da qui
Dolce


Registrato: Jul 08, 2003
Messaggi: 870
Località: Pisa
Inviato: 2003-08-24 17:03   
Chiarisco e amplio il mio quadro (avevo dimenticato qualcosa)
Devo dire che alcuni sintomi che voi avete molto spesso io non li ho mai o quasi e sono
Mal di stomaco (raro).
Febbricola ( non mi ammalo mai).
L'unica volta da quando ho la CFS che mi son ammalato è stato nel lontano dicembre 1995 (influenza di 2-3 giorni attaccata da mio fratello).
Poi basta!Che possa essere l'altra faccia dei problemi immunitari o una mia anomalia rispetto a voi?
E Attacchi di Panico/DAP che ho letto spesso si accompagna alla FMS/CFS(li avevo solo all'inizio della malattia,perché non sapevo cosa mi succedesse,poi son finiti)
Invece ho la fotofobia (sintomo fra i meno importanti con cui potrei anche convivere)e metereopatia (che ho dall'inizio della malattia,ma l'hanno anche molti"sani") che è fra i meno fastidiosi ma sempre fastidioso.
Per me la malattia equivale sostanzialmente ai dolori (al 80-90 %),per voi pure?
Questi miei sintomi in più o in meno significano secondo voi che ho magari la FMS e non la CFS o che ho una forma strana di CFS?Oppure è normale perché ognuno ha sintomi diversi?
Naturalmente ribadisco che dolori,stanchezza,vuoti di memoria,sbalzi di umore,difficoltà di concentrazione e altre cose le ho purtroppo,e fino a poco tempo fa anche insonnia e sonno non ristoratore (non sognavo quasi mai!!Ora invece mi ricordo 2-3 sogni di media a notte e se mi risveglio mi riaddormento senza difficoltà,mentre prima ci mettevo ore a riaddormentarmi e stavo distrutto la mattina).
Il massimo delle forze lo ho in genere verso il tramonto o dopo,ma a volte sto discretamente verso le 3 o le 4 (quando non fa troppo caldo o freddo),anzi forse in quei rari giorni sono i momenti in cui sto veramente meglio (ma son rari).
Il disastro è la mattina o il primo pomeriggio se ho mangiato pesante o sono andato a lezione all'università o sono stressato.


  Visualizza il profilo di Dolce   Email Dolce      Modifica/cancella questo Messaggio   Rispondi riportando il messaggio originario
Dolce


Registrato: Jul 08, 2003
Messaggi: 870
Località: Pisa
Inviato: 2003-08-24 17:08   
x Daniela se lo stesso non dormi meglio di sera allora ignora come ti ho detto.
Effettivamente devo ammettere che solo da poco posso non permettermi un frequente riposo pomeridiano cioè da quando ho iniziato la nuova cura.
Prima o ci stavo o non ci stavo ma non è che dormissi benissimo.
Oggi ho addirittura studiato alle 15.30 il che con come sto + il caldo non è poco,altre volte che sto peggio coltivo hobbies sento musica,cose poco impegnative

[ Questo messaggio è stato modificato da: Dolce il 2003-08-24 17:11 ]


  Visualizza il profilo di Dolce   Email Dolce      Modifica/cancella questo Messaggio   Rispondi riportando il messaggio originario
AURORA


Registrato: Aug 24, 2003
Messaggi: 272
Località: MODENA
Inviato: 2003-08-24 17:31   
Ciao a tutti,e a Nasdy. Il mio mattino è molto problematico,tanto da procurarmi ansia già quando vado a letto alla notte.Infatti mi sveglio sempre con un groviglio di intestino durissimo nella zona dell'ombelico,come un crampo.Il fatto è che appena mi muovo per stirarlo un pò ,mi spara una reazione di tachicardia come se avesse una corda attaccata al cuore. Non so perchè.Così ho imparato a svegliarmi con cautela per non darmi questo buongiorno.Il resto si svolge molto lentamente per la mancanza di energia.Un'altra brutta cosa è che non posso fare colazione anche se ho fame.Tutto mi brucia lo stomaco immediatamente come se avessi una ferita aperta,e mi provoca senso di gonfiore e affanno.Così mangio una fetta biscottata e poi continuo in questo modo microscopico ogni ora circa.Durante la giornata il rodaggio va un pò meglio,pur sempre da malata.Anch'io preferisco la sera
Ciao Aurora


  Visualizza il profilo di AURORA      Modifica/cancella questo Messaggio   Rispondi riportando il messaggio originario
stregatta


Registrato: Jun 26, 2003
Messaggi: 3782
Località: Bergamo
Inviato: 2003-08-24 17:56   
Non sò se sia il caso di integrare alcuni sintomi ke avevo omesso nel mio post ma forse potrebbero essere di interesse generale e magari stimolare la memoria di tutti; poikè si tratta di vekki sintomi ke sono passati oppure ke potrebbero essersi convertiti in quello ke attualmente ho....
circa 20 anni fà, ero magrissima, direi sottopeso, avevo già avuto i miei primi due bambini, soffrivo di dolori muscolari ai trapezi, nn sò se sia il caso di citare i trigger points, qst lo dirà nasdy, mi ammalavo spesso, influenze anke una dietro l'altra, ma belle toste ( a causa di una di qst e di farmaci teratogeni persi il mio secondo bambino ke nacque cn una gravissima forma di cardiopatia congenita) addirittura ora penso ke possa essersi trattato di un infeziona da citomegalovirus....oggi è risaputo ke in gravidanza, soprattutto nel periodo embriogenetico è dannoso x il feto o meglio l'embrione! ......oltre a qst influenze e malattie da reffreddamento frequenti avevo accusato anke un ingrossamento dei linfonodi sopratutto inguinali senza ke qlcno mi desse una risposta sul perkè fosse accaduto. Poi nel 1990 problemi di takicardia ancora oggi esistente al minimo sforzo (dopo aver cambiato un certo farmaco mi sveglio al mattino senza!!) nel 1992 arrivò il DAP curato solo cn alprazolam, nn ho mai usato antidepressivi (romeo qui ti rispondo, lo avevo dimenticato nel pvt). DAP dal quale sono uscita con una grande volontà, una breve terapia comportamentale, tanto alprazolam....preso x sette anni!!! ma nel 1998 sono approdata all'omeopatia, mi sono svezzata dall'alprazolam e sinceramente nn mi sono mai + ammalata all'apparato respiratorio o di influenza......ke la CFS sia il risultato di tutto qst? o ke abbia preso un'altra strada???? baciotti


  Visualizza il profilo di stregatta   Email stregatta      Modifica/cancella questo Messaggio   Rispondi riportando il messaggio originario
Daniela


Registrato: Mar 11, 2003
Messaggi: 1529
Inviato: 2003-08-24 20:19   
Ciao a tutti e un benvenuta ad Aurora!
Anch'io al mattino non ho fame per niente...e mi sento tutta gonfia con senso di nausea. Ho provato a sforzarmi di fare una colazione piu' decente che non sia una tazza d'orzo con dentro uno o due cucchiai di cereali(giusto per non prendere le medicine a stomaco vuoto)ma non riesco.
Devo fare anch'io piccoli pasti perche' ho la digestione lenta. Riguardo al sonno per me e' piu' riposante quando sogno pocchissimo o nulla...se invece sogno tutta la notte al mattino sto' peggio!
I dolori e la rigidita' sono le cose che mi danno piu' noia assieme al mal di testa...alla mandibola e la memoria.
Ciao Dany.


  Visualizza il profilo di Daniela      Modifica/cancella questo Messaggio   Rispondi riportando il messaggio originario
epionex2


Registrato: Aug 03, 2003
Messaggi: 169
Inviato: 2003-08-25 22:37   
cosa vuol dire DAP ?
Posso sapere da quanti anni avete la CFS
ciao


  Visualizza il profilo di epionex2      Modifica/cancella questo Messaggio   Rispondi riportando il messaggio originario
stregatta


Registrato: Jun 26, 2003
Messaggi: 3782
Località: Bergamo
Inviato: 2003-08-25 22:53   
DISTURBO/ DA ATTACCO DI PANICO

IO 45 ANNI STREGATTA SMACKKKKKKKKKKK


  Visualizza il profilo di stregatta   Email stregatta      Modifica/cancella questo Messaggio   Rispondi riportando il messaggio originario
max


Registrato: Apr 26, 2003
Messaggi: 1902
Inviato: 2003-08-25 23:30   
Dolce:"Anzi la realtà assurda è che non mi ammalo mai."Se intendi che gli altri per es.sono influenzati con febbre alta e tu ti senti malconcio,ma niente febbre,siamo in due.Dalla virosi acuta io non ho avuto più i febbroni che un tempo avevo ogni tanto come chiunque,e mi sembrava molto strano.Dopo tanti anni solo quest'anno ho avuto un febbrone(un paio di volte)di un solo giorno:non mi è sembrata una cosa negativa,anzi.Chi ha sempre febbre e a chi non viene più.Il centro che regola la temperatura corporea si trova nell'ipotalamo.Neanche io ho mai avuto attacchi di panico.






[ Questo messaggio è stato modificato da: max il 2003-08-25 23:51 ]


  Visualizza il profilo di max      Modifica/cancella questo Messaggio   Rispondi riportando il messaggio originario
Dolce


Registrato: Jul 08, 2003
Messaggi: 870
Località: Pisa
Inviato: 2003-08-26 09:07   
Si max.
A volte mi misuro perché sto male ma è sempre 36,7 o giù di lì!
Mi sento perennemente inebetito,ciao


  Visualizza il profilo di Dolce   Email Dolce      Modifica/cancella questo Messaggio   Rispondi riportando il messaggio originario
romeo


Registrato: Nov 24, 2002
Messaggi: 1927
Inviato: 2003-08-26 15:08   
Cari Dolce e Max,il problema della temperatura corporea,potrebbe dipendere dalla "Teoria del raffreddamento della Serotonina".Ma ho trovato pochissimo a tal riguardo.Max vedi se riesci a trovare informazioni in merito.Io sulla Serotonina ho trovato di tutto ed il contrario.Internet è un casino,è un luogo dove tutti possono dire la loro,senza controllo,dove tutti scopiazzono tutti,cio' finisce col creare dubbi,facili speranze e fallimenti consequenziali.Di una cosa sono sicuro al 100%,che quasi tutti i sintomi funzionali,e quindi molti dei nostri,hanno a che vedere con due sostanze in particolare:CORTISOLO E SEROTONINA.Ma su queste sostanze non c'è chiarezza scientifica,le notizie si contraddicono,non si è ancora capito se bisogna aumentarle o diminuirle,specialmente al fine dell'energia e della tensione.Tutti i farmaci in commercio puntano ad aumentare la Serotonina,ma molti studi incolpano proprio la stessa per determinati sintomi,è come il discorso del CORTISONE,che Tu facevi,identico.C'e illogicità tra teorie e pratiche farmaceutiche.Forse Noi non abbiamo capito nulla,ma i fallimenti terapeutici sono sotto gli occhi di Tutti.Nel mondo della ricerca regna il caos,si smentiscono in continuazione,fanno i galli sull'immondizia,come si dice dalle mie parti,e noi aspettiamo......Romeo

  Visualizza il profilo di romeo      Modifica/cancella questo Messaggio   Rispondi riportando il messaggio originario
Daniela


Registrato: Mar 11, 2003
Messaggi: 1529
Inviato: 2003-08-26 15:35   
Credo che la serotonina e' molto importante perche' e' un neurotrasmettitore che esplica molte funzioni nel corpo(sonno appetito umore e altro)quindi se c'e' una carenza si vengono a creare un sacco di problemi.
Ma anche io ho letto qualcosa sul fatto che se e' troppo alta puo' dare altri tipi di disturbi. Qualcuno sa' dirmi se e' vero o falso che con l'esposizione alla luce aumenta?? In alcuni paesi dove le giornate sono molto corte in inverno so' che alcune persone devono esporsi a una luce speciale per non entrare in depressione.
Ciao...Dany.


  Visualizza il profilo di Daniela      Modifica/cancella questo Messaggio   Rispondi riportando il messaggio originario
romeo


Registrato: Nov 24, 2002
Messaggi: 1927
Inviato: 2003-08-26 16:05   
Cara Daniela,se la depressione dovesse veramente dipendere da un calo del Neuro-Trasmettitore Serotonina,una delle terapie,anche vecchiotta,è la terapia della Luce,con lampade speciali,con una certa potenza di LUX,per fare aumentare tale sostanza,si diceva.IO non ci credo piu'.La terapia si basava sul principio di tener sveglio il paziente depresso,per poi notare un suo miglioramento.Cio'veniva fatto quando il depresso accusava tra i sintomi principale "insonnia".Non metto in dubbio che in seguito il paziente migliorasse la sua insonnia,mi sarei meravigliato del contrario.Comunque è un casino,sonno e serotonina,sonno e melatonina,melatonina che si trasforma in serotonina,serotonina che si trasforma in melatonina,eccc.....Serotonina usata contro l'ansia,con l'effetto collaterale di creare tensione,booh!!!!!Si ammette tutto e il contrario di tutto nei bugiardini dei farmaci,e poi si leggono critiche a tali farmaci da far rabbrividire.Romeo




  Visualizza il profilo di romeo      Modifica/cancella questo Messaggio   Rispondi riportando il messaggio originario
romeo


Registrato: Nov 24, 2002
Messaggi: 1927
Inviato: 2003-08-26 16:11   
Gia'Antidepressivo o placebo, non c'è differenza
Lucia Zambelli


Sorpresa: antidepressivo o placebo, non fa differenza. E ancora: non c’è nessuna relazione tra la quantità di farmaco e il suo effetto. La scoperta, destinata a far rumore nel mondo della psichiatria e anche a creare scompiglio nel fiorente mercato dei farmaci antidepressivi, si deve a Irving Kirsch, docente di psicologia all’Università del Connecticut, Usa, che l’ha pubblicata di recente su ‘Prevention & Treatment’, la rivista on line dell’American Psychological Association, col titolo ‘The Emperor’s New Drugs: An Analysis of Antidepressant Medication Data Submitted to the FDA’.
Per giungere a queste conclusioni, Kirsch ha analizzato gli studi che le case farmaceutiche presentano all’FDA, la Food and Drug Administration, per ottenere l’approvazione del farmaco. Ecco cosa ha scoperto. Ce lo spiega nell’intervista rilasciata a Kataweb Salute.

Professor Kirsch, può spiegarci come ha fatto la sua scoperta?

“Ho preso tutti i dati di tutti gli studi sponsorizzati dalle ditte farmaceutiche che commercializzano i sei antidepressivi più popolari oggi, cioè quelli prescritti più frequentemente dai medici: Prozac, Zoloft, Serzone, Paxil, Celexa, Effexor. Li ho ottenuti tramite l’FDA: sono gli studi che le case farmaceutiche presentano all’FDA per avere l’approvazione del farmaco”.

E da questi studi, cosa ha visto?

“Senza sorpresa, ho visto che c’è una risposta molto forte agli antidepressivi. Quello che invece non mi aspettavo, è che la risposta al placebo è altrettanto alta. Tanto alta che la differenza tra la risposta al farmaco e la risposta al placebo è minima: così bassa da essere irrilevante da un punto di vista clinico. Un’altra cosa che ho scoperto è che non c’è una relazione tra la quantità di farmaco assunto e il suo effetto. La mancanza della risposta alla dose, oltre alla minima differenza tra effetto del farmaco e del placebo, fa pensare che anche la risposta al farmaco, in gran parte non sia altro che una risposta placebo”.

Come mai queste informazioni non erano emerse finora? Se l’FDA era in possesso di questi studi, perché non li ha resi pubblici?

“I risultati degli studi mandati all’FDA vengono pubblicati. Di solito, però, vengono pubblicati quelli che hanno risultati positivi per le case farmaceutiche, quelli che dimostrano che il farmaco ha un effetto significativo”.

E come mai l’FDA ha dato comunque la sua approvazione, se i risultati non erano positivi?

“Per l’approvazione da parte dell’FDA sono necessari almeno due studi che dimostrino che il farmaco è efficace. E quindi, su tanti studi fatti per ogni farmaco, almeno due positivi ce ne sono. Celexa è l’unico farmaco, tra i sei citati, il cui foglietto illustrativo avverte che alcuni studi non hanno dimostrato nessuna differenza tra farmaco e placebo. Nessuno degli altri riporta questa informazione. In realtà, tutti lo sapevano. Steven Hollon, ricercatore in clinica alla Vanderbildt University, uno dei commentatori del mio articolo, ha scritto che questo era il ‘loro piccolo sporco segreto’”.

Quali saranno, ora, le conseguenze di questa sua scoperta?

“Queste informazioni permetteranno di rendere pubblico a medici e pazienti questo aspetto che finora era un segreto dei ricercatori che si occupavano di farmaci. Con la speranza che porti a sviluppare nuovi metodi di ricerca che permettano di verificare in modo più accurato l’efficacia dei farmaci”.

Ci sarà un crollo del consumo degli antidepressivi, negli Stati Uniti e nel resto del mondo?

“Vedremo. L’industria farmaceutica è molto grande, spende un sacco di soldi in pubblicità. In confronto a questa massiccia pubblicità, è difficile prevedere l’effetto di un solo articolo. Per la cura della depressione, ci sono alternative ai farmaci che non hanno effetti collaterali. Allora spero che questa scoperta spinga a scegliere terapie alternative: per esempio, la psicoterapia, che non ha effetti collaterali, ha la stessa efficacia di farmaci nel breve periodo e un’efficacia maggiore nel lungo periodo”.











  Visualizza il profilo di romeo      Modifica/cancella questo Messaggio   Rispondi riportando il messaggio originario
stregatta


Registrato: Jun 26, 2003
Messaggi: 3782
Località: Bergamo
Inviato: 2003-08-26 16:49   
Romeo!!! non posso ke rispondere al tuo post cn grande piacere.....perkè x quanto riguarda la cura della depressione allora dobbiamo fare dei passi indietro.......ma notevoli!!! se quello ke hai scritto è vero e cioè ke la differenza fra placebo ed antidepressivi non esiste allora ti ricordo qnd alcuni anni fà un luminare psikiatra di Pisa, il prof. Cassano rivoluzionò totalmente qst teoria. Secondo lui la depressione era causata da uno squilibrio kimico a livello delle sinapsi, scusa il mio lingiaggio poco tecnico ma in merito nn ho mai fatto ricerke, però lessi cn grande interesse il libro di Cassano ke mi fù prestato da un amico ke in quel periodo soffriva di depressione.............allora dico: perkè non tentare approcci psicoterapici ovviamente valutando il paziente caso x caso, perkè ankè in qst ambito le scuole di pensiero sono molte e gli approcci terapeutici sono diversi!!!.......forse perkè rende di + ingurgitare una pilloletta ke poi dopo anni scopriamo ke oltre a non avere fatto passare la depressione ci ha causato anke dei danni!!!??? Cmq nn credo siano tutti tossici gli antidepressivi (me lo auguro)! ma sò di certo ke vogliono criminalizzare le vekkie e sempre efficaci benzodiazepine facendo passare x innocui gli antidepressivi...ci sarà un motivo!!???......cmq grazie mi è servito anke come sfogo contro ki ci dovrebbe curare.....sei sempre mitico!!! smackkkkkkkk stregatta

  Visualizza il profilo di stregatta   Email stregatta      Modifica/cancella questo Messaggio   Rispondi riportando il messaggio originario
stregatta


Registrato: Jun 26, 2003
Messaggi: 3782
Località: Bergamo
Inviato: 2003-08-26 16:59   
P.S. ad onore del vero devo anke aggiungere ke purtroppo la psicoterapia è costosa e nei casi di depressione credo sia anke di lunga durata, e poi trovare l'analista ke ti curi come si deve è come trovare un ago in un pagliaio....anke in qst campo danni ne sono stati fatti tanti!!! ed è anke vero ke alcune persone ke si sono curate solo cn gli antidepressivi sono state poi bene.......paggiungendo ke se secondo alcune teorie, le più recenti, se questo squilibrio a livello kimico esiste potrebbe sempre recidivare durante l'arco della vita, tanto è vero ke si è parlato della depressione come malattia con familiarità..........è arduo trovare la soluzione.......

  Visualizza il profilo di stregatta   Email stregatta      Modifica/cancella questo Messaggio   Rispondi riportando il messaggio originario
Vai alla pagina ( Pagina precedente 1 | 2 | 3 | 4 | 5 Pagina successiva )
  
Blocca questo Argomento Sposta questo Argomento Cancella questo Argomento
Powered by phpBB Versione 1.4.2
Copyright © 2000 - 2001 The phpBB Group

phpBB Created this page in 0.012106 seconds.