[Registrazione]  [Modifica profilo]  [Modifica Preferenze]  [Cerca]
[Messaggi privati]  [Lista degli utenti iscritti]  [FAQ]  [Entra]
salutemed.it Forum Index » » CFS Stanchezza cronica » » Partendo da Max....
Autore Partendo da Max....
nasdy2003


Registrato: Jul 01, 2003
Messaggi: 556
Località: Pianeta Marte
Inviato: 2003-08-19 01:53   
Piccola visita agli amici del forum.
Spero ovviamente che stiate meglio o più felici dell'ultimo round.

Mi premeva parlare di due citazioni di Max.
Una più antica,suonava più o meno così: "sto meglio di tanta gente che utilizza i (farmaci) sintomatici" .Beh la cosa mi trova in totale sintonia laddove,come nel caso di Max,si ha un retroterra culturale molto fertile.
Che gli consente,a mio parere,una scelta coraggiosa.Sono anche convinto che tale strategia dia i suoi frutti,tangibili e stabili,ma richiede una saldezza interiore non indifferente.

Seconda citazione: "Già,contro chi o cosa combatte il nostro sistema immunitario? O magari il suo non è un combattimento vero,perchè nell'organismo non c'è niente da combattere. Il corpo è finito,gli studiosi hanno la soluzione del rebus sotto agli occhi,ma non la vedono. Medici/ricercatori,sveglia! "

E' amara ma molto vera.Anzi totalmente vera.
Alla base delle malattie autoimmunitarie c'è un malefico imbroglio.E questo lo sanno tutti.
Ma chi imbroglia chi?
Per tanto tempo si è ritenuto il sistema immunitario un entità a se stante,interfacciata solo con l'esterno.Poi è arrivata la sorpresina.E' interfacciato anche con l'interno.Solo che perdura l'ideologia che a trarre in errore il sistema immunitario siano agenti esterni.
Si parte da Chernobyl e via con gli inquinanti ambientali.
Beh, non penso sia così.

Quando ero il solo a sostenere che FMS e CFS erano due stadi di una stessa malattia,e si passava dall'una all'altra in ambo i sensi,dicevano che era un eresia.Adesso vedo che molti hanno cambiato idea.
Ma io l'idea me l'ero formata "sul campo" seguendo me stesso ed i miei pazienti passo-passo.Estenuante come lavoro,ma ero sempre più convinto di essere nel giusto.
................................
Un passo indietro.

Mi era già capitato di scontrarmi con molti colleghi anche sugli attacchi di panico.Ero considerato un meccanicista che rifiutava le potenzialità dell'inconscio.Mi dicevano (1982-83) che sbagliavo a non considerare il DAP una sorta di meccanismo di salvaguardia messo in atto dal nostro "cervello" al fine di evitare guai peggiori.
Io invece sostenevo che era puramente un meccanismo biochimico alterato.Poi scoprono gli inibitori della ricaptazione della serotonina e la storia cambia.Diventano in gran parte seguaci del meccanicista per antonomasia -> GB Cassano.
Ed io a quel punto li spiazzo un altra volta sostenendo che una volta che il danno biochimico si era realizzato,la componente psico impediva il recupero totale pur somministrando psicofarmaci.Allora viene abbinata la terapia cognitivo-comportamentale (i behaviouristi in quel momento vanno per la maggiore).Fanno un po di studi e rilevano la superiorità terapeutica dell'associazione psicofarmaci-CBT.Avevo ancora una volta ragione io.

Di tutto questo mi ritrovavo a discuterne con Barlow,Donald Klein ed altri, in un newsgroup fatto da psichiatri americani.Internet non esisteva come la conoscete adesso.
Poi cominciano ad arrivare i primi casi di CFS.Se ne parla formulando le più disparate ipotesi.Anche se quella dominante era la causa infettiva.Chi sosteneva questa tesi portava a supporto i numerosi casi di reduci dalla Guerra del Golfo che presentavano la sindrome da stanchezza cronica con positività ai ceppi di Mycoplasma.6-8 mesi di terapia antibiotica e questi guarivano totalmente.
Ma cominciano i primi casi nella popolazione civile,e soprattuto in quella infantile.Siamo negli anni novanta inoltrati.
A differenza dei colleghi del newsgroup il sottoscritto in quanto responsabile di un team di quindici specialisti di branche mediche differenti,non vedeva solo pazienti psichiatrici,ma di svariate discipline. Mi ritrovo una massa di pazienti con patologia tiroidea autoimmune.In prevalenza soggetti di sesso femminile e principalmente casi di "donne in carriera". Non yuppies,ma donne lavoratrici.
Sposo anche io la tesi degli inquinanti ambientali (chimico-fisici) ma più ne vedevo di casi clinici e più i conti non quadravano.
Decido allora (1998) di trattare con approccio psico-farmacologico alcuni di loro pur mantenendo la terapia consigliata dai collegi endocrinologi.Mi accorgo che quelli a"doppia terapia" vanno meglio.
Le ecografie semestrali sono incoraggianti, hanno un trend differente da quelli "eutirox".

Ma c'è tutta una categoria di pazienti con i quali non c'è nulla da fare -> sono quelli che hanno contratto una patologia infettiva sub-clinica,ovvero non sospettabile sino all'esplosione della malattia vera e propria.
Hanno tutti un interessamento di strutture da sempre trascurate (in quanto difficilmente indagabili) vvero dei tessuti in cui sono immerse le piccole arteriole e le fibre nervose (tralascio i tecnicismi).
In questo humus c'è di tutto,soprattutto spazzatura anche di antica data (ad esempio alcuni ricercatori nel 1998 trovano tracce di un antibiotico in voga negli anni 60 usato per l'influenza) quindi ben 28 anni dopo,nell'organismo del paziente c'è ancora traccia di una molecola di sintesi...
La ricerca clinica si butta a capofitto sui cosiddetti "scavengers" gli spazzini,il più noto dei quali è la melatonina.In Italia si assiste allo stesso fenomeno : tutti a farsi capsule da 3 mg di melatonina per "allungare la vita" o migliorare il sonno.
Di Bella che come il sottoscritto conosceva Russell Reiter il pioniere degli studi sulla Melatonina, ne intravede le potenzialità a livello intracellulare e la inserisce nel suo cocktail.Funzionava e funziona bene sui pazienti oncologici a stadio discretamente avanzato e meglio ancora se il soggetto è in là con gli anni.
Dopo un pò arriva la doccia fredda:attenzione, in pazienti con patologie autoimmunitarie utilizzando la melatonina si rischia di peggiorarne la malattia.
Cavoli! e tutti quelli che la prendevano per dormire o per il jet-lag? Tra l'altro il dosaggio ottimale era da 3 a 6 volte inferiore a quello dei preparati in vendita nei supermarket americani.Ma questo lo sapeva chi conosceva bene la melatonina,non il turista fai da te...
E poi la melatonina viene convertita in serotonina (e viceversa) a livello cerebrale......

Contestualmente sono disponibili in Italia i primi SSRI-> Prozac,Seroxat e Dumirox.
Qui avviene la grossa svolta.Si assiste in tutto il mondo alla prescrizione di massa (neanche fosse una vaccinazione).Lo stress,l'ansia e la depressione sono le malattie del secolo,figuriamoci il successo di questi nuovi antidepressivi "senza gli sgradevoli effetti collaterali dei triciclici".
Giù a tonnellate.
Peccato che c'è un errore metologico alla base->l'industria ha testato nella fase pre-marketing questi prodotti,solo da un certo dosaggio "a salire". Non si sa che scendendo con i dosaggi i farmaci si comportano ben diversamente.Lo si vede nella fase post-marketing cioè quando i farmaci vengono assunti da milioni di pazienti.
Il sottoscritto è uno di quelli che se ne accorge dopo qualche mese, e si regola di conseguenza.E si accorge anche dell'interazione tra questi farmaci antidepressivi/antiansia ed il sistema immunitario.
Così ho cominciato la mia ricerca clinica sul rapporto tra serotonina-dopamina-cfs-fms.
The End.


  Visualizza il profilo di nasdy2003      Modifica/cancella questo Messaggio   Rispondi riportando il messaggio originario
romeo


Registrato: Nov 24, 2002
Messaggi: 1927
Inviato: 2003-08-19 13:58   
Caro Nasdy,poco dopo il Tuo arrivo nel forum ed in seguito a qualche polemica di piu',Io scrissi la seguente riflessione su di Te,non l'ho mai postata,per paura di essere frainteso,ma oggi,penso sia il momento di farlo.Ti saluto con la stima di sempre,ed approfitto per dirti che il mio stato di salute stà peggiorando,colpa dell'attività psichica in vacanza,il danno peggiore l'ho accuso a livello di efficienza cognitiva,la memoria è a pezzi,mi sembra quasi un'inizio di Alzheimer,ho avuto anche qualche attacco di ansia forte in questi giorni,forse dovuti alla presa di coscienza che il problema è grosso e molteplici sono le cause scatenanti su cui indagare.Il colpo di grazie penso di averlo avuto quando sono sceso nei meandri dei Micoplasmi intesi come parassiti,come combatterli,senza commettere l'errore di nutrirli ulteriormente?. E come disintossicare senza esacerbare i danni?,quando è accaduto a Daniela con l'MSM è indicativo. Ho notato che meno introduco nell'organismo e meglio è,anche il mangiare poco mi aiuta,sto'pensando a qualche forma di dieta/digiuno,Tu che ne pensi?

Ecco la riflessione di vecchia data e non postata all'epoca:

Nasdy forse è l’unico medico che ha capito una cosa importante,ovvero che per sconfiggere una patologia che si colloca sul confine sottile tra una depressione psichica anche se anomala, dovuta forse a stress cronico primario,ed un’altra patologia con gli stessi sintomi ma che si regge su cause materialistiche(leggi virus o altro),c’è un solo modo: capire veramente la patologia, su quali basi poggia veramente,come si evolve,cosa la fa’ peggiorare e cosa la fa’ migliorare. La ricerca scientifica risulta sterile per tale patologia, gli studi solamente teorici a tavolino e nei laboratori con tale patologia toppano,non riescono a portare a risultati vincenti. Con questa patologia c’è in gioco qualcosa di piu’ da capire, la stessa è capace di modificare il vivere dei pazienti, ma non stende al 100%, ci modifica nella parte funzionale, meccanica,materialistica,energetica,ci fa mangiare la polvere, ma lascia intatta la voglia di guarire, la speranza del domani è viva in noi, la logica ed il ragionamento vengono solo sfiorati ,scusatemi il paragone crudo, siamo vivi ma qualcosa tende ad ucciderci ogni giorno. Siamo come Prometeo legati alla roccia,di giorno gli mangiano il cuore,che di notte ricresce.Nasdy calandosi in mezzo a noi, cerca di essere come Noi,vuole capire,vedere da vicino,conoscerci .Anche alcuni suoi atteggiamenti o provocazioni al limite del bizzarro, che hanno mandato in bestia alcuni del forum,avevano uno scopo sottile,vedere le nostre reazioni,i nostri comportamenti,come spesso si fa’ nei gruppi psico-terapeutici. In effetti Nasdy stà portando avanti a modo suo,anticonformisticamente la sua ricerca privata sulla patologia., e lo fa’ stando in mezzo a noi, convinto, e lo sono anche Io, che solo in questo modo potrà arrivare a risultati migliori,per noi . Volendo si potrebbe paragonare Nasdy al Dott. Hamer,che grazie a Stregatta ho avuto il piacere di conoscerne la vita e le idee. Pero’ cari amici, Nasdy per fare cio’ si viene a trovare in una posizione delicata, deve rispondere alle nostre domande anche tecniche,ma nello stesso tempo deve tutelare il segreto delle sue idee sulla patologia,troppi occhi ed orecchie sono fissate su questo sito, è la legge della concorrenza. Ecco perché spesso le risposte possono sembrare telegrafiche e vaghe,specialmente quando toccano argomenti essenziali,poste da alcuni di noi,me compreso. Questo è quello che Io ho capito di Nasdy,questo è quello che dovrebbe fare ogni ricercatore,mettere da parte la propria prosopopea e calarsi in mezzo ai malati per capire di piu’ prima e poter curare meglio dopo. E’ poi lo voglio dire apertamente, perché i cosi’ detti medici blasonati non vengono in mezzo a noi , a capire di piu’,forse hanno paura di perdere tempo, pero’ il tempo lo vanno a perdere nelle varie TV,per farsi pubblicita’. Per me hanno paura di essere scoperti, di farci capire che sono pedine di un grande e mastodontico BLUFF. Cari amici scusate questa mia riflessione a voce alta, forse non ho capito nulla della vita,ma cosi’ sono fatto e cosi’ ho sentito di dire. Saluti a tutti, e un grazie a Nasdy per il tempo che ci dedica. Romeo



  Visualizza il profilo di romeo      Modifica/cancella questo Messaggio   Rispondi riportando il messaggio originario
romeo


Registrato: Nov 24, 2002
Messaggi: 1927
Inviato: 2003-08-19 15:45   
"Quando ero il solo a sostenere che FMS e CFS
erano due stadi di una stessa malattia,e si passava dall'una all'altra in ambo i sensi,dicevano che era un eresia.Adesso vedo che molti hanno cambiato idea.
Ma io l'idea me l'ero formata "sul campo" seguendo me stesso ed i miei pazienti passo-passo.Estenuante come lavoro,ma ero sempre più convinto di essere nel giusto."






Caro Nasdy,le Tue parole di sopra,condivise al 100%,rappresentano per Me da qualche tempo motivo di ansia/preoccupazione,inoltre sul discorso degli attacchi di panico retti dall'attività psichica,ne parlai a suo tempo ,quando usai il termine di "Cristallizzazione del pensiero e Memoria negativa" in risposta mi inviasti un bel post con parodia informatica.Cio'per dirti che IO mi trovo in lotta contro il tempo,sono conscio della progressività della sindrome,ed ho il timore di peggiorare ulteriormente per colpa della tensione. Da qui' l'uso improprio della benzodiazepina che comunque svolge il compito di aiutarmi psicologicamente e di fornirmi di energie in piu',anche se pago un certo dazio alla stessa,non si puo' aver tutto nella vita. Le domande che ti pongo sono le seguenti:la mia fatica specie mentale,(fisicamente esiste, ma mi astengo da tutto,anche per colpa del mio E.C.G.)perchè si è istaurata nel mezzo della terapia con Mirtazapina (antidepressivo che esplica la sua azione a livello della Serotonina e della Noradrenalina),usata per motivo di stress per circa 2 anni.E'potuto trattarsi di coincidenza? E poi perchè la mia pressione arteriosa è sempre bassa? Ed inoltre perchè le IgE totali aumentano sempre piu'nel mio sangue? sono a 1000,insieme al prurito? Credimi Nasdy farei prima a considerarmi depresso e curarmi di consequenza,ma gli antidepressivi finiscono col 'esasperare proprio i sintomi che vorrei sconfiggere,cosa che non succede con il lorazepam. Sono conscio di aver avuto un peggioramento su base psicologica,anche la stipsi, parla da sola, è al max grado,qualche cefalea muscolo-tensiva,ecc.ecc.la strana comparsa di doloretti muscolari,specie al collo,un certo grado di irritazione con chi non si rende conto della situazione.Come vedi gli incredienti ci sono,spesso vengo tentato di prendere una mezza Paroxetina al mattino,penso che combinata con mezza lorazepam,per il breve tempo potrebbe essere di aiuto.Mi rendo conto di averti invaso con le mie domande,ma come vedi ho un po' di dubbi,e mi servirebbe il Tuo parere,anche in privato se Vuoi.Ti saluto e resto in attesa.Romeo

p.s.

non posso ancora usare le email,perchè la posta si sconfigura(errore account?)





  Visualizza il profilo di romeo      Modifica/cancella questo Messaggio   Rispondi riportando il messaggio originario
Daniela


Registrato: Mar 11, 2003
Messaggi: 1529
Inviato: 2003-08-19 18:41   
Ciao Romeo...stasera va' un po' meglio per me. Quello che hai scritto e' molto bello!
Ma non dire che non hai capito niente della tua vita perche' cio' non e' affatto vero e si sente da quello che scrivi: semplicemente sei una persona come noi che nel bene e nel male cerca una strada adatta per la propria guarigione.
Hai parlato di alimentazione...mangiare bisogna mangiare! Non tanto la quantita' ma la qualita'...se io dovessi essere intossicata per quello che mangio sarei quasi perfetta perche' la mia alimentazione e' molto sana. Ma non basta perche' anche le cose sane che mangiamo sono in qualche modo impregnate di veleni e sostanze nocive.
Tutto alla fine chiede un conto: il cibo, la malattia,i farmaci che assumiamo...ma dobbiamo vivere! Quando cerchiamo di fare il nostro meglio il resto bisogna accettarlo cosi com'e'(questo e' un mio pensiero...il mondo va' cosi ci sono cose piu' grandi di noi). Con affetto...Dany.


  Visualizza il profilo di Daniela      Modifica/cancella questo Messaggio   Rispondi riportando il messaggio originario
nasdy2003


Registrato: Jul 01, 2003
Messaggi: 556
Località: Pianeta Marte
Inviato: 2003-08-19 20:53   
Ciao Romeo,
togliamo di mezzo subito l'equivoco peggiore:
non c'è una progressività "a peggiorare" per la CFS.Questo fenomeno è più della FM. E non in tutti i casi.
Quindi nessuna lotta contro il tempo.
OK per il lorazepam ,visto che agisce sul sistema GABA diminuendo l'autoattivazione , e se aumenta un pochino l'ostilità..beh chi se ne frega!

"perchè la mia pressione arteriosa è sempre bassa?" -> perchè è tipico della CFS oltre che dell'ipotensione neurogena.Perchè nella prima fase, quella di resistenza,il tuo surrene ha sparato fuori tutto pur di contrastare lo stress cronico.
Perchè non sappiamo stabilire i livelli di normalità del cortisolo nelle 24 ore.Il range di oscillazione è così ampio che vallo a sapere qual'è il livello giusto (coltellate a quelli che provano a tirarlo su con i cortisonici).Sappiamo solo che il picco mattutino è più basso o assente nella CFS.Stop nulla più.

Perchè da 40 anni è di moda (far) credere che TUTTI possano far TUTTO, ed invece non è così.
Per le IgE siamo in un ambito di risposta individuale.Ma sai meglio di me che un paziente con la CFS è una collezione ambulante di autoanticorpi.Fintanto che non ci sono lesioni,vada per gli autoanticorpi. Solo che porca p... produrli costa tanta fatica che alla fine di carburante ne rimane ben poco per le altre attività.
E poi meglio le IgE a palla (a proposito e gli eosinofili?) che un carcinoma da qualche parte.
Quello che non mi è chiaro è il discorso del prurito.Se non prendi serotoninergici allora vale la pena indagare.
Mezza paroxetina al mattino? no meglio un quarto.basta e avanza.Pensi di essere in deficit serotoninico? in effetti da quello che dici lo penso anche io.
........................................
Ricorda sempre che esistono due tipi di fatica muscolare eriferica e centrale.
Quella centrale dipende dalla serotonina.
........................................
Io ti ho risposto come se parlassi ad un amico,quindi regolati di conseguenza SuperRomeo



  Visualizza il profilo di nasdy2003      Modifica/cancella questo Messaggio   Rispondi riportando il messaggio originario
romeo


Registrato: Nov 24, 2002
Messaggi: 1927
Inviato: 2003-08-19 23:53   
Caro Nasdy,grazie per avermi risposto da amico.Effettivamente il prurito è stato sempre una preoccupazione,ho effettuato alcuni test su marcatori tumorali e solamente il C.E.A.è risultata un po' fuori range ma di poco poi anche rientrato,cosi pure la proteina C reattiva e la VES,tutto normale per l'ALFA FETO PROTEINA.Il mio problema sono sempre stati i LEUCOCITI,sempre elevati in concomitanza dell'AMALGAMA,da oltre 10 anni.Relativamente agli EOSINOFILI,hanno avuto un oscillazione dal 5 al 2%,sempre altini invece I NEUTROFILI ed I LINFOCITI,nella norma BASOFILI E MONOCITI. Sempre presenti un po' di EMAZIE nelle urine,e la CREATINEMIA nell'ultimo periodo è un po'fuori range verso l'alto,forse un po' di RENELLA. Quello che non mi convince è il raddoppio in pochi mesi dell'IgE totali,a fronte di presenza di anticorpi specifici tutti nella classe 0 relativi alle soliti polveri e laniccio di casa,acari,peli gatto.latte e grano.Quindi mi trovo in forte genesi allergica,ma non credo che possa dipendere dagli allergeni menzionati.Allora che cosa stà sfiancando il mio organismo? Il mio intuito mi porta a pensare ai metalli pesanti,oltre che ai micoplasmi parassiti,tutti stipati a livello intestinale,e proprio per cio'voglio tentare la carta dell'idro-colon-terapia,fare piazza pulita in 2 o 3 sedute,e poi riproggettare la flora batterica buona,che ne pensi?,potrebbe funzionare? Occorre un medico preparato per cio', a Roma conosci qualcuno valido?.Dopo tale fase vorrei fare un altro tentativo,già provato in passato per forti dolori alla gamba sx che per oltre 5 anni mi hanno costretto a dolori lancinanti anche di notte. Ero costretto ad usare il bastone per camminare, la causa non è stata mai chiarita. Ricordo che mi trovavo nel meglio della mia attività ero giovane e mi dovevo spostare molto per motivo di lavoro,pensavo di rimanere zoppo e dolorante. Poi la cosa si risolse nel giro di una notte come un miracolo,grazie ai campi magnetici a bassa frequenza e pulsanti. Posseggo ancora l'apparecchietto portatile,ma oggi c'è di meglio nel campo della PSICOBIOFISICA.Tu cosa ne pensi del programma.Ti saluto con stima e rispetto.Romeo

  Visualizza il profilo di romeo      Modifica/cancella questo Messaggio   Rispondi riportando il messaggio originario
max


Registrato: Apr 26, 2003
Messaggi: 1902
Inviato: 2003-08-20 00:12   
Avevo scritto una e-mail lunghissima,è sparita al momento dell'invio La riscriverò,nel frattempo un bentornato allo psiconeuroendoimmunologo

  Visualizza il profilo di max      Modifica/cancella questo Messaggio   Rispondi riportando il messaggio originario
nasdy2003


Registrato: Jul 01, 2003
Messaggi: 556
Località: Pianeta Marte
Inviato: 2003-08-20 00:38   
Caro Romeo,
hai voluto portarmi su un terreno che avevo cercato di evitare: i mycoplasmi....
Quelli che ti ingannano alla grande il sistema immunitario,che vanno dappertutto,che per stanarli devi bombardarli con gli antibiotici per lungo tempo,che se ne sbattono dei lattobacilli,che attaccano le strutture sinoviali,che vanno cercati con la metodica PCR altrimenti nemmeno li vedi.

Io per abitudine li cerco subito e se non li trovo (ma il paziente deve avere tutto in regola -intendi toxotest,parassitosi varie,brucella,clamydia,giardia, nonchè mielomi,linfogranulomi etc )provo con le maniere buone:un mese di argento colloidale.
Poi passo all'antibiotico terapia.
.....................................
Campi magnetici a bassa frequenza? qui sfondi una porta aperta.Superfavorevole.
.......................................
Ho sempre dimenticato di affrontare il problema delle ricadute e dell'andamento oscillatorio della CFS soprattutto in relazione allo sforzo fisico.
La storia sta in questi termini: stress cronico->elevati livelli di cortisolo->perdita di sensibilità dei recettori della controregolazione rispetto ai livelli di cortisolo (in pratica sia che sta alto sia che i valori ematici siano bassi, a livello centrale non scatta la reazione apposita di blocco o di attivazione della sua produzione a livello surrenale-> la macchina consuma più olio e benzina e rende poco sia in performance che in durata della stessa.
Contromisura:aumentare molto gradualmente il minimo mantenendo un livello di sforzo non critico giornalmente COSTANTEMENTE.
No dico,c'è gente con la FM che sta 8 ore al PC per lavoro.Ma quando guarisce? MAI, è ovvio.



[ Questo messaggio è stato modificato da: nasdy2003 il 2003-08-20 01:30 ]


  Visualizza il profilo di nasdy2003      Modifica/cancella questo Messaggio   Rispondi riportando il messaggio originario
max


Registrato: Apr 26, 2003
Messaggi: 1902
Inviato: 2003-08-20 02:17   
Nasdy:"Perchè non sappiamo stabilire i livelli di normalità del cortisolo nelle 24 ore.Il range di oscillazione è così ampio che vallo a sapere qual'è il livello giusto (coltellate a quelli che provano a tirarlo su con i cortisonici)." <----------> Dopo aver assunto il cortisone per qualche giorno,la linfoadenopatia che prima era 'micro' diventò 'macro',l'astenia cosi profonda da non riuscire più neanche a sollevarmi dal letto,non sapevo più dove mi trovavo,vedevo tutto quasi nero,e tanto altro.Secondo il medico avrei dovuto continuare,io smisi di prendere il cortisone. Dopo qualche mese un neurologo mi prescrisse di nuovo il cortisone:provai di nuovo,e di nuovo solo un notevole aggravamento di quello che avevo già. Nessuno ha mai saputo dirmi perchè avevo quella reazione,eppure...di sera e di notte,quando il cortisolo si abbassa naturalmente(e il mio livello di cortisolo notturno è più basso di quello ritenuto 'valore normale'),io sono sempre stato molto meglio che di giorno,tuttora se potessi svolgerei le attività di notte e dormirei di giorno. Qualche volta ho provato ad assumere dei Fans:non solo il dolore non si alleviava per niente,ma comparivano disturbi ulteriori sul sistema nervoso. Mi è capitato di dover prendere degli antibiotici per altri motivi:prima di assumerli stavo in piedi(a fatica ma ci stavo),dopo avere assunto anche una sola compressa non stavo più in piedi,di nuovo disturbi sul sistema nervoso. Avevo la Giardiasi:liberarmi di questo parassita è stato un incubo. Una sola compressa di metronidazolo e avevo perso la sensibilità a tutta la faccia oltre a ritrovarmi con un bruttissimo ottundimento. Provai allora la paromomicina:i ronzii auricolari e l'ipoacusia dovuti a questo farmaco peggioravano ogni giorno di più,sospesa. Secondo alcuni medici non c'era altro che potessi prendere per la Giardiasi,giusto un farmaco che si vende solo in America! Ma se c'è anche il furazolidone in Italia(su alcuni libri c'è):forse costa troppo poco rispetto agli altri,perchè qualcuno possa essere interessato ad informare i medici della sua esistenza? Con il furazolidone solo una fortissima diarrea,finalmente avevo potuto fare una cura per intero;rifeci l'esame tutto gasato,e...la Giardia era ancora li! Cosa mi era rimasto per liberarmi di tutti quei parassiti che se ne stavano tranquillamente nel mio intestino a crearmi un mucchio di problemi? Mi era rimasta solo l'idea di farli saltare ad uno ad uno con la mitragliatrice,ma poi pensavo che forse sarebbe stata meglio una bomba a mano Dopo alcuni mesi con diagnosi di Cfs e Giardiasi ero ancora al punto zero. Mentre assumevo giorno e notte il prodotto dietetico prescrittomi per la Cfs(almeno quello non mi faceva stare male)mi capitò di leggere su una rivista che esisteva un test omeopatico che perlustra tutto l'organismo:cosa ci perdevo nel fare quel test,quando ero ancora al punto zero e non potevo più prendere nessun tipo di medicina,io che prima della Cfs potevo assumere tranquillamente qualunque farmaco? Niente. Quel test evidenziò che oltre alla Giardia ero pieno di tossine di Stafilococco Aureo. Feci la cura omeopatica per questo:all'inizio tutto bene,ma andando avanti con la cura ho cominciato a stare malissimo(e pensare che io non credevo all'omeopatia). Terminata la cura,la giardia e lo stafilococco aureo non c'erano più,e quando ho ripetuto la tipizzazione linfocitaria,il mio sistema immunitario era rientrato nella norma. Come vedi Nasdy,la scelta di non assumere farmaci è stata obbligata:da un antidolorifico mi aspetto che mi allevi il dolore,non che mi faccia rimanere il sintomo dolore e mi porti disturbi a carico del sistema nervoso(il risultato non cambiava se dividevo la compressa in due). Ho tentato con l'omeopatia,è andata bene cosi.





[ Questo messaggio è stato modificato da: max il 2004-12-20 23:29 ]


  Visualizza il profilo di max      Modifica/cancella questo Messaggio   Rispondi riportando il messaggio originario
Dolce


Registrato: Jul 08, 2003
Messaggi: 870
Località: Pisa
Inviato: 2003-08-20 09:14   
Ciao Max.
In un tuo post sul massaggio cinese non ho capito bene cosa devo massaggiare come punto di riunione di tendini e muscoli
sono
-le 2 parti esterne vicino al ginocchio assieme o
-la parte di sopra(davanti)e quella di sotto?
Grazie


  Visualizza il profilo di Dolce   Email Dolce      Modifica/cancella questo Messaggio   Rispondi riportando il messaggio originario
max


Registrato: Apr 26, 2003
Messaggi: 1902
Inviato: 2003-08-22 22:40   
Dolce:il punto Riunione dei Tendini e dei Muscoli va massaggiato contemporaneamente sulla gamba destra e sinistra.Per trovare questo punto con più facilità,si può provare a mettere il palmo della mano destra sul ginocchio destro(e il palmo della mano sinistra sul ginocchio sinistro),quindi fare scivolare il palmo delle mani verso l'esterno: con le dita si sente una sporgenza ossea e subito dopo un un 'infossamento',il punto da massaggiare è proprio questa fossetta.Questa fossetta si trova,quindi,sulla faccia esterna della gamba(sotto al ginocchio),tra due sporgenze ossee(quella di dietro è la testa del perone); al di sotto della fossetta ci sono solo muscoli.La pressione circolare con un solo dito(in senso orario) deve essere forte.







[ Questo messaggio è stato modificato da: max il 2003-08-22 23:08 ]


  Visualizza il profilo di max      Modifica/cancella questo Messaggio   Rispondi riportando il messaggio originario
stregatta


Registrato: Jun 26, 2003
Messaggi: 3782
Località: Bergamo
Inviato: 2003-08-23 12:50   
caro max, mi riallaccio al tuo post relativo all'argomento cortisolo e stato di benessere ke varia durante la giornata.......io sn nelle tue stesse condizioni, x qnt riguarda l'energia, la forza e la voglia di fare durante il giorno......al mattino stò come stò, cioè cn il desiderio di mettermi a letto di sovente, sonnolenza e muscoli pesanti ed affaticati......alla sera le cose migliorano, infatti mi dico sempre: "ke bello domani pulirò casa"!! (preciso ke sono in ferie dopo un lungo periodo di malattia) invece al mattino............mi ritrovo cm il mattino precedente, stanca, mal di testa, sonnolenza e voglia di fare: ZERO!!! sono preoccupata xkè il 15 settembre rientrerò al lavoro e sarebbe bello se potessi lavorare di sera!!! ma utopistico nella mia amministrazione!!!! nessuno sà darmi una riposta in merito...perkè stò leggermente meglio la sera??? il mio cortisolo nelle urine è nella norma....quindi??? saluto da raffa preoccupata, se fossi casalinga potrei anke aggirare l'ostacolo invece......

  Visualizza il profilo di stregatta   Email stregatta      Modifica/cancella questo Messaggio   Rispondi riportando il messaggio originario
  
Blocca questo Argomento Sposta questo Argomento Cancella questo Argomento
Powered by phpBB Versione 1.4.2
Copyright © 2000 - 2001 The phpBB Group

phpBB Created this page in 0.029585 seconds.