[Registrazione]  [Modifica profilo]  [Modifica Preferenze]  [Cerca]
[Messaggi privati]  [Lista degli utenti iscritti]  [FAQ]  [Entra]
salutemed.it Forum Index » » CFS Stanchezza cronica » » influenza dei polli
Autore influenza dei polli
steve


Registrato: Nov 14, 2004
Messaggi: 191
Località: modena
Inviato: 2005-09-22 11:15   
Ciao Ragazzi,
sapete se il vaccino omeopatico contro l'influenza invernale protegge anche contro questa maledetto virus dei polli?
Mi sto abbastanza allarmando...sto prendendo il vaccino ma nn si sa mai.

Baci a tutti

Ste


  Visualizza il profilo di steve   Email steve      Modifica/cancella questo Messaggio   Rispondi riportando il messaggio originario
romeo


Registrato: Nov 24, 2002
Messaggi: 1927
Inviato: 2005-09-22 11:41   
Steve le ultime notizie in merito dicono che contro il virus aviario non c'è ancora vaccino.Vedi nel topic delle notizie dal mondo.Ciao.Romeo

  Visualizza il profilo di romeo      Modifica/cancella questo Messaggio   Rispondi riportando il messaggio originario
stregatta


Registrato: Jun 26, 2003
Messaggi: 3782
Località: Bergamo
Inviato: 2005-09-22 11:44   
NON FATE I VACCINI "NORMALI"...PLEASE.....MA SEMPRE QUELLI OMEOPATICI!!!

Steve stai tranquillo, non so cosa ti abbia dato il doc, però qst allarmismo, a mio modesto avviso, è anche un pò "caricato" dalle case farmaceutiche produttrici del vaccino antinfluenzale allopatico; che, nel nostro caso, (ma anche nel caso di persone sane) è deleterio............chiedi al Di Fede, lui usa ottimi vaccini............

baci a tutti ed occhio a cosa assumiamo....R:


  Visualizza il profilo di stregatta   Email stregatta      Modifica/cancella questo Messaggio   Rispondi riportando il messaggio originario
romeo


Registrato: Nov 24, 2002
Messaggi: 1927
Inviato: 2005-09-22 12:31   
Influenza aviaria, tutta la verità

Virus dei polli, pandemie, possibili vaccinazioni: qual è la situazione reale dell’influenza aviaria, e come dobbiamo comportarci? Ecco le risposte

- Ormai è un vero tormentone: giornali, radio, televisioni, tutti parlano dell’influenza aviaria, il virus con le ali che arriva da Oriente.
Tra sedicenti esperti e falsi allarmismi, però, la confusione sull’argomento è molta. Cerchiamo di fare chiarezza.

L’influenza aviaria è causata da un virus, l’H5N1, che colpisce prevalentemente gli uccelli. Nel corso degli anni, a partire dalla sua comparsa nel 1997, il virus ha però contagiato anche 113 persone, 74 delle quali sono morte a causa delle complicanze.
I soggetti colpiti, tutti residenti nei Paesi dell’Estremo Oriente (Vietnam, Tailandia, Indonesia, Cambogia, Korea, Giappone, Cina, Kazakistan) che sono stati focolaio della malattia, erano allevatori di polli, veterinari o addetti al servizio sanitario che sono entrati in contatto diretto con gli animali malati.

Il virus H5N1, infatti, si trasmette per via gastrointestinale attraverso le feci dei volatili, e resta attivo in esse anche per una decina di giorni.
Il fatto che l’influenza aviaria, che ha decimato gli allevamenti, abbia colpito anche l’uomo, significa che il virus è stato in grado di replicarsi nell’organismo umano, ma senza raggiungere livelli di morbilità e contagiosità tali da trasformarsi in epidemia.

In poche parole, perché si verifichi la tanto paventata pandemia, cioè un’epidemia su scala mondiale, il virus H5N1 deve ancora mutare, assumendo caratteristiche antigeniche che consentano una maggiore rapidità di trasmissione interumana.
Questo può avvenire solo mediante un tramite, cioè un altro animale che si faccia serbatoio della mutazione. Questo può essere il maiale, animale con caratteristiche cellulari comuni all’uomo, oppure l’uomo stesso.

Per il momento, insomma, la minaccia di una pandemia non è imminente, anche se si tratta di un rischio reale: le pandemie seguono un andamento ciclico, e dopo una fase di quiescenza i casi verificatisi in Oriente potrebbero rappresentare una prima avvisaglia.

Creare troppi allarmismi, però, è inutile: non potendo prevedere come muterà il virus, non siamo ancora in grado di produrre un vaccino che sappia sconfiggerlo.
Il tradizionale vaccino antinfluenzale disponibile tra poche settimane, quindi, non ha nessuna funzione nei confronti dell’influenza aviaria, anche se resta molto utile per proteggere le categorie a rischio dalle complicanze della classica influenza tradizionale (virus H1N1 e H2N3).
L’H5N1, per ora, resta isolato e poco pericoloso per l’uomo, anche se potrebbe raggiungere l’Europa attraverso gli uccelli migratori provenienti da est.



_________________


  Visualizza il profilo di romeo      Modifica/cancella questo Messaggio   Rispondi riportando il messaggio originario
Marialuisa


Registrato: Oct 01, 2003
Messaggi: 1536
Inviato: 2005-09-22 14:15   
L'Homeos 42 copre anche dall'AVIAIRE :

ho proprio qui, sottomano, il pieghevole tecnico della Casa Produttrice dove sono ben evidenti i ceppi, Aviaire COMPRESO, con la specifica di ogni ceppo e dei disturbi che il contrarre uno di questi virus , si potrebbero avere.

Chiamate il n. verde 800804087, per le DELUCIDAZIONI ! ! !

I medici omeopatici ed omotossicologici, conoscono BENE questo vaccino e lo consigliano a chi NON puo' o NON deve assumere quello tradizionale.

Baci!

Luisa



  Visualizza il profilo di Marialuisa      Modifica/cancella questo Messaggio   Rispondi riportando il messaggio originario
luminosa


Registrato: Sep 05, 2004
Messaggi: 336
Inviato: 2005-09-22 14:32   
Scusa Maria Luisa, potresti dirmi come si prende l'homeos 42? in che modalità e se è in granuli oppure che dosaggio?
ti ringrazio, io come sai prendo il para effe 9 ch ma non c'è l'aviaire che invece quest'anno a quanto pare serve.

baci

Lumi


  Visualizza il profilo di luminosa      Modifica/cancella questo Messaggio   Rispondi riportando il messaggio originario
Marialuisa


Registrato: Oct 01, 2003
Messaggi: 1536
Inviato: 2005-09-22 14:41   
Il preparato è in monodosi ( la scatola ne contiene 6)

Se ne assume 1 monodose alla settimana, per tutto il periodo epidemico ( mediamente da fine agosto sino a fine aprile)

Anche i farmacisti conoscono bene il preparato e vi sanno indicare dosi e modalità di assunzione.

Bye!

Luisa


  Visualizza il profilo di Marialuisa      Modifica/cancella questo Messaggio   Rispondi riportando il messaggio originario
luminosa


Registrato: Sep 05, 2004
Messaggi: 336
Inviato: 2005-09-22 15:00   
sembra il "sint 6" che prende mia cognata.

voglio vedere se li dentro c'è aviaire..
grazie tante

LUmi


  Visualizza il profilo di luminosa      Modifica/cancella questo Messaggio   Rispondi riportando il messaggio originario
epionex2


Registrato: Aug 03, 2003
Messaggi: 169
Inviato: 2005-09-22 22:25   
l'homeos 42 è un vaccino omeopatico ?
anche il para effe 9 ? e anche il sint 6?
come faccio a sapere quale è il migliore ?(per me)
io ho sempre fatto il vaccino allopatico che è formato da parti di virus o da virus inattivo.

quello omeopatico da cosa è formato ? ciao


  Visualizza il profilo di epionex2      Modifica/cancella questo Messaggio   Rispondi riportando il messaggio originario
meteora


Registrato: Sep 21, 2005
Messaggi: 27
Inviato: 2005-09-22 22:54   
e se non bastasse l'influenza aviaria, gli uccelli trasmettono a uomini e cavalli il terribile

West Nile Disease

Tra le encefaliti equine causate da Flavivirus (famiglia Flaviviridae), per quella di tipo West Nile l’Italia ha adottato, con O.M. 4 aprile 2002, un Piano di sorveglianza nazionale, in considerazione del focolaio di malattia verificatosi nell’estate del 1998 in Regione Toscana, nella zona denominata Padule di Fucecchio, dove sono stati accertati 14 casi di malattia in cavalli che presentavano sintomi nervosi. Pur non essendosi verificati in Italia altri riscontri di positività, l’epidemiologia della malattia in Europa (Russia, Romania e Francia) ed USA ed Israele sta determinando preoccupazione da parte delle autorità sanitarie internazionali.

E’ una malattia virale che ha uno spettro di ospiti molto ampio, colpisce uomo e animali, una diffusione epidemica e un decorso acuto, caratterizzato clinicamente da encelalite nell’uomo e nel cavallo e da mortalità. Gli uccelli selvatici e domestici, compresi i migratori, giocano un ruolo molto importante di serbatoio dell’infezione, mediante i quali si possono realizzare dei cicli di infezione zanzara-uccello-zanzara con persistenza del virus nelle aree colpite.

La WND rappresenta nell’uomo e nei cavalli la fase finale dell’epidemia nelle varie popolazioni interessate.

Ed in Italia da dove è arrivata? L’ipotesi più probabile è che dalle zone di endemia in Africa sia arrivata con gli uccelli migratori che hanno trovato le condizioni ecologiche favorenti e trasmessa attraverso la puntura di zanzare.

I motivo di un piano di sorveglianza: perché la malattia è emergente nel bacino del mediterraneo, e le coste italiane, ricche di zone paludose, sono ad alto rischio di diffusione della malattia. I focolai del 2000 in Francia, l’epidemia degli USA ed il sostanziale disarmo del nostro sistema sulla epidemiologia del virus in Italia, hanno indotto il Ministero della Salute ad adottare una specifica Ordinanza per monitorare il territorio italiano sulla circolazione del virus e di prevenzione della malattia nell’uomo e negli animali.




  Visualizza il profilo di meteora      Modifica/cancella questo Messaggio   Rispondi riportando il messaggio originario
Dolce


Registrato: Jul 08, 2003
Messaggi: 870
Località: Pisa
Inviato: 2005-09-23 08:38   
Mi han detto i medici che il vaccino contro l'aviaria lo fanno solo ai ricoverati in ospedale con quei sintomi (febbre alta, ecc...).
Han consigliato di fare quello normale, perché se ci vengono dei sintomi almeno capiamo che nn è l'influenza normale, ma probabilmente quella (o cmq. nn la tipica)


  Visualizza il profilo di Dolce   Email Dolce      Modifica/cancella questo Messaggio   Rispondi riportando il messaggio originario
piero dal ticino


Registrato: Jun 14, 2003
Messaggi: 249
Località: lugano
Inviato: 2005-09-23 09:43   
ECCO IL VACCINO CONTRO IL VIRUS DEI POLLI

Da qualche giorno si assiste al pendolarismo di clienti italiani che entrano nelle farmacie svizzere di confine per acquistare il vaccino contro la temuta pandemia viaria, proveniente dall’Asia.
Il virus si chiama H5N1.
Il medicinale svizzero, inizialmente venduto per altre patologie (sic!) si chiama TAMIFLU, è venduto in confezioni da 10 compresse e la vaccinazione è calcolata su 5 giorni, con l’assunzione di 2 compresse al giorno.
Il TAMIFLU è in vendita al costo di Frs. 85.- (circa €uro 53.-) la confezione, e viene rilasciato SOLO CON PRESCRIZIONE MEDICA (ricetta).
La confezione citata è valida PER UNA PERSONA!!

Questa la più aggiornata informazione.

Da parte loro le autorità mediche ticinesi danno per “remotissima” la possibilità di contagio per l’uomo, a meno che il virus si modifichi geneticamente….

Anche in questo caso le informazioni sono “chiarissime” e le idee dei sanitari molto “precise” (doppio sic!)

Ve lo posto solo quale informazione

PERSONALMENTE NON NE FARÒ USO.

Può darsi che mi sia sfuggito qualcosa. Per tale ragione chiedo aiuto e sostegno alle sempre attente Kio e Kiara

Ciaoooooooooooooooooooooooooo

P.s.:- non sono azionista di industrie farmaceutiche


  Visualizza il profilo di piero dal ticino   Email piero dal ticino        Modifica/cancella questo Messaggio   Rispondi riportando il messaggio originario
Marialuisa


Registrato: Oct 01, 2003
Messaggi: 1536
Inviato: 2005-09-25 12:24   
Ciao Dolce e ciao Piero,

come state ?

Che BELLO rileggervi, FINALMENTE (!!!!!!)

Ci voleva il virus dei polli per "stanarvi", biricchini.... ! !

Anch'io, come ha detto Piero, NON sono AZIONISTA di NESSUNA Casa farmaceutica ma solo un'utente che COMUNICA le proprie esperienze positive e sempre, SEMPRE e poi ancora SEMPREEEEE ,raccomandando a tutti di informarsi e CHIEDERE ai propri medici curanti ! ! !

Io faccio così: sento, vedo e , generalmente, a meno che non si tratti di "camomilla", chiedo ai medici che mi curano....

Al giorno d'oggi esistono anche i numeri verdi da contattare, all'occorrenza !

Baci ai due "fuggitivi"....!

Luisa

ps. io ho la scheda tecnica del vaccino omeopatico che uso da tre anni , me la tengo cara e, se fino a qualche tempo fa' avrei cercato di farla conoscere ancor di piu', PURTROPPO, dopo la "pericolosa malafede" serpeggiante nel nostro forum, la faro' conoscere ( se mai.....) SOLO ed ESCLUSIVAMENTE in posta SUPERprivata ...

NON è un flash di "polemica" ma un'AMARA constatazione!


  Visualizza il profilo di Marialuisa      Modifica/cancella questo Messaggio   Rispondi riportando il messaggio originario
luminosa


Registrato: Sep 05, 2004
Messaggi: 336
Inviato: 2005-10-10 14:28   
Ho telefonato al numero verde postato da Maria Luisa, ho parlato con una dottoressa gentilissima che mi ha detto che l'aviaire che sta nell'homeos 42 è il il bacillo della tubercolosi dei polli, e che non ha nulla a che vedere con il virus h5n1.

Per ora il virus lo ha solo la Roche, stando a quanto mi ha detto e prima che ne entri in possesso una casa che produce farmaci omeopatici, bisogna aspettare chissà quanto tempo.

Mi sento nervosa, da sabato hanno già vietato la caccia per i migratori con un ordinanza alle sezioni venatorie, lo so perchè mio marito è cacciatore ed ha ricevuto un messaggio urgente. Tanto per dirlo io odio la caccia.

saluti

Lumi


  Visualizza il profilo di luminosa      Modifica/cancella questo Messaggio   Rispondi riportando il messaggio originario
silvia77


Registrato: Feb 01, 2005
Messaggi: 206
Inviato: 2005-10-11 09:40   
ciao. ma voi fate il vaccino? io pensavo di nn farlo. l'anno scorso avevo già cfs e nn ho fatto vaccino . nn ho beccato influenza anche se quasi tutta la mia famiglia si.
chiederò alla dott.ssa racciatti.ciaooo


  Visualizza il profilo di silvia77      Modifica/cancella questo Messaggio   Rispondi riportando il messaggio originario
  
Blocca questo Argomento Sposta questo Argomento Cancella questo Argomento
Powered by phpBB Versione 1.4.2
Copyright © 2000 - 2001 The phpBB Group

phpBB Created this page in 0.011512 seconds.