[Registrazione]  [Modifica profilo]  [Modifica Preferenze]  [Cerca]
[Messaggi privati]  [Lista degli utenti iscritti]  [FAQ]  [Entra]
salutemed.it Forum Index » » CFS Stanchezza cronica » » "RIMEDI DELLA NONNA"........
Vai alla pagina ( Pagina precedente 1 | 2 )
Autore "RIMEDI DELLA NONNA"........
barbarita


Registrato: Mar 24, 2005
Messaggi: 470
Inviato: 2005-09-08 19:27   
ha ragione luisa, romeo sei una enciclopedia!

  Visualizza il profilo di barbarita      Modifica/cancella questo Messaggio   Rispondi riportando il messaggio originario
romeo


Registrato: Nov 24, 2002
Messaggi: 1927
Inviato: 2005-09-08 19:48   
IL MAL DI TESTA



Per il mal di testa, molto efficace è anche l'aceto: si fa bollire acqua e aceto in parti uguali, si versa il tutto in un catino e poi se ne aspirano i vapori, oppure, dopo averlo lasciato raffreddare, bagnarsi le tempie, la fronte, sotto la gola e dietro il collo, l'importante lasciare che evapori da solo.
Lo stesso miscuglio si può usare per fare impacchi freddi


Ancora RIMEDI DELLA NONNA

Il mal di testa è un problema antico come l'uomo. Anche le cure per contrastarlo, quindi, hanno una lunga storia, tramandata dalle tradizioni popolari. Certo, l'efficacia di questi rimedi non è scientificamente provata, ma il loro vantaggio è di non avere particolari controindicazioni e di poter quindi essere sperimentati liberamente.

Si può allora provare ad alleviare il dolore con impacchi di foglie di cavolo fresche o di cipolla o rafano crudi, avvolti in garze e applicati sulla nuca per venti minuti.
Sembra essere efficace anche applicare fette di limone fresco o di patate crude sulle tempie, o frizionare le tempie stesse e la fronte con olio essenziale di menta o di lavanda.
Sollievo dovrebbe offrire anche un pediluvio con un'acqua molto calda, nella quale aggiungere una manciata di sale grosso o un cucchiaio di olio di rosmarino.

Lo zenzero, una radice aromatica di origine orientale, è indicato in tutte le sue forme (crudo, come caramella o come preparato per tisane) per combattere il mal di testa. Il peperoncino è un ottimo antidolorifico, così come risultano utili come lenitivi liquirizia, pepe, anice, zafferano e curry. Salutari sono anche le bacche di ginepro, da masticare senza inghiottirle.

Vi sono poi numerose piante medicinali con proprietà analgesiche, note fin dall'antichità.
Il partenio, ad esempio, veniva usato contro i dolori mestruali. I fiori d'arancio e la lavanda hanno proprietà sedative e antispastiche e sono indicate per i mal di testa da stress.
Si possono preparare delle tisane, sciogliendo un cucchiaio di preparato ottenuto dai germogli delle due piante in 200 ml di acqua bollente e lasciando riposare l'infuso per dieci minuti. Lo stesso discorso vale per la menta piperita.



[ Questo messaggio è stato modificato da: romeo il 2005-09-08 19:53 ]


  Visualizza il profilo di romeo      Modifica/cancella questo Messaggio   Rispondi riportando il messaggio originario
romeo


Registrato: Nov 24, 2002
Messaggi: 1927
Inviato: 2005-09-08 19:57   
I rimedi della nonna e l'olivo



Questi sono alcuni rimedi popolari tramandati dalle nostre nonne per la cura di piccoli disturbi, non hanno nessun altro scopo se non farvi conoscere il folklore unico della nostra gente e dunque non vanno utilizzati impropriamente.

Affaticamento:
Frizionare la colonna vertebrale con olio di olive non mature, ripetere l'operazione più volte e si otterrà un beneficio.


Colite e fegato:
Tutte le mattine a digiuno prendere un cucchiaio piccolo di olio.

Otite:
Versare 2 gocce di olio di oliva tiepido nel condotto uditivo e inserire in esso un batuffolo di cotone per non farlo uscire. Si avrà un benefico effetto.

Reumatismi:
Mescolare olio di oliva con canfora fino ad ottenere un composto liquido, massaggaire le parti doloranti con tale composto si ha subito un grande sollievo.

Gengiviti:
Per alleviare i disturbi da gengivite è molto utile masticare delle foglie di olivo fresche.

Febbre:
Far bollire 80g di foglie di olivo per 20 minuti in un litro d'acqua, laschiare a riposo per 24 ore quindi filtrare il tutto.Bere durante la giornata un bicchiere aggiungendo a piacimento poco zucchero.

Uso cosmetico:
L'olio di oliva ed i suoi derivati sono utilissimi anche per uso cosmetico, se volete prepararvi una maschera di bellezza da tenere sul viso per 30 minuti procedete in questo modo.

Per pelli grasse:
mescolare 2 cucchiai di olio di oliva con 2 di succo di cetriolo e una chiara d'uova, applicare sulla pelle.


Per pelli secche:
Sciogliere 50g di olio di oliva 40g di cera vergine e 50g di olio di mandorle, mescolare ed una volta pronto aggiungere 20 gocce di olio di lavanda, applicare sulla pelle.



  Visualizza il profilo di romeo      Modifica/cancella questo Messaggio   Rispondi riportando il messaggio originario
romeo


Registrato: Nov 24, 2002
Messaggi: 1927
Inviato: 2005-09-08 20:03   
LA MEDICINA POPOLARE: COME VENGONO UTILIZZATE LE ERBE DEI NOSTRI NONNI PER CURARE LE MALATTIE.*

Nella nostra avventura di "erboristi in erba" abbiamo scoperto che anche i nostri nonni usavano e usano tuttora le piante come medicinali. Incuriositi abbiamo intervistato loro e le altre persone, e abbiamo raccolto le loro ricette "miracolose".
Ecco i consigli di....

NONNA LUISA
Il carciofo viene utilizzato per migliorare le funzionalità renali. Procedimento: preparare un decotto di foglie di carciofo, filtrarlo e berlo a temperatura ambiente tre volte al giorno.
L'infuso di basilico viene utilizzato per migliorare la digestione. Procedimento: versare l'acqua bollente su alcune foglie di basilico, filtrare e bere una tazzina dopo i pasti,

MAMMA PATRIZIA
Il sambuco è utilizzato per foruncoli, contusioni, abrasioni, scottature, dolori reumatici. Procedimento: mettere a cuocere delle foglie di sambuco in olio di oliva finché diventa una poltiglia gelatinosa. Una volta raffreddata prenderà l'aspetto di una pomata che verrà spalmata due volte al giorno sulla parte dolorante.
La melissa è un rilassante e un antidepressivo, Procedimento: mettere a macerare per 4 giorni in alcool di 700; filtrare, prendere mezzo cucchiaino in una tazza d'acqua calda dolcificata con il miele ingredienti:

350 g, fiori di melissa;

75 g. bucce di limone;

40 g, noce moscato;

30 g, radice di angelica.
L'origano serve per curare i tanti piccoli disturbi dovuti alla cattiva digestione come il mal di testa, il gonfiore intestinale, meteorismo, Utilizzazione: spargerlo in buona quantità su cibi come carne, pesce, pizza napoletana.


SUOR TERESA
Per il catarro bronchiale e bronchite occorre mettere: 5 cucchiai di foglie di eucalipto; 30 g di petali di papavero; 30 g di radici di altea. Far bollire per 5 minuti in un litro d'acqua. Prendere 3 tazze al giorno lontano dai pasti.


SUOR BENEDETTA
Il sedano è ricco di vitamine, viene usato per curare le disfunzioni dei fegato, i reumatismi, il catarro vescicale e per gli esaurimenti nervosi. Si usano anche le radici.


ZIA LUCIANA
L'infuso di lavanda viene usata per calmare gli attacchi d'asma. Dose giornaliera. Si mette un po' di lavanda in una tazza d'acqua bollente si lascia in infusione per 10 minuti. Poi si filtra e si beve.


NONNA ANGELA
Il decotto di gramigna viene utilizzato per curare le infezioni urinarie. Utilizzazione si prende un po' di gramigna, si lava, si pulisce e si mette a bollire nell'acqua per 10 minuti.Finita la cottura si filtra, si mette in una bottiglia e si lascia tutta la notte. Si beve un bicchiere ogni mattina a digiuno.


MARIA
L'infuso di passiflora viene utilizzato per curare l'ansia, le palpitazioni e disturbi dei sistema nervoso, Si mettono 15 g di foglia secca in una tazza d'acqua bollente.


MAMMA GABRIELLA
Il decotto di malva viene usato contro le punture di insetto che ha lasciato come regalo il suo pungiglione. Preparazione mettere a bollire la malva fino a quando non diventa una poltiglia. Metterla sulla parte punta, con una garza sopra che va cambiata ogni 10 ore. Il gonfiore sparirà dopo una settimana e, premendo la bolla il pungiglione uscirà,


BISNONNA ALESSANDRA
Il decotto di malva viene usato per curare il mai di denti, Preparazione bollire la malva, metterla su una garza e pigiarla sul dente.
La cicoria viene utilizzato per depurate i reni. Utilizzazione si fa bollire e poi si beve l'acqua calda.
La buccia di limone si usa per curare il mai di stomaco. Utilizzazione si fanno bollire le bucce, si beve con l'aggiunto dello zucchero.
L'ortica è utilizzata per curare l'orticaria. Preparazione si fa bollire le punta delle foglie d'ortica per 10 minuti, si filtra e poi si beve il liquido.



  Visualizza il profilo di romeo      Modifica/cancella questo Messaggio   Rispondi riportando il messaggio originario
romeo


Registrato: Nov 24, 2002
Messaggi: 1927
Inviato: 2005-09-08 20:10   
I rimedi della nonna





Per favorire il sonno dei figlioletti vivaci le mamme di una volta spropositatamente davano loro da bere un infuso di "papàuru giallu" (papavero giallo), i cui semi venivano raccolti dalle piante che ancora oggi crescono sopratutto nelle localita' di mare.

Piu' frequente era però l’ utilizzo dell' infuso di camomilla, bevuto anche per sedare i dolori intestinali e nei casi di mestruazioni dolorose.


Nel caso di ascessi dei tessuti (volg. "fau", cioe' favo, formato da piu' foruncoli) si trattava la parte con un empiastro di "lampasciuni" o di fiori e foglie di malva.

Contro le screpolature della pelle ("peddhe intisciata") si facevano frizioni serotine con olio d'oliva e cera.


Le unghie incarnite si curavano con l' empiastro di pomodori e zucchero, tenuto sulla parte per almeno due notti.








  Visualizza il profilo di romeo      Modifica/cancella questo Messaggio   Rispondi riportando il messaggio originario
jonnyblu


Registrato: Aug 11, 2005
Messaggi: 303
Località: TRAMUTOLA
Inviato: 2005-09-08 23:20   
questo è il paradiso di romeo:-) BRAVA VITTORIA hai creato il mondo perfetto per romeo.

  Visualizza il profilo di jonnyblu   Email jonnyblu      Modifica/cancella questo Messaggio   Rispondi riportando il messaggio originario
VITTORIA.V.


Registrato: Nov 20, 2004
Messaggi: 420
Località: Roma
Inviato: 2005-09-11 00:41   
Grazie caro Romeo, ne avremo da leggere! Sembrano proprio essere un’infinità i “rimedi della nonna”

Per esempio mia nonna metteva i maglioni delicati, tipo angora, dentro le federe dei cuscini e poi li lavava in lavatrice usando un programma delicato con centrifuga molto molto breve/delicata. Anch’io l’ho fatto qualche volta, funziona.

Ed ora una finezza (certo non da fare tutti i giorni!): dopo il trattamento consigliato da Barbara, al termine dello shampoo, risciacquare i capelli con acqua minerale naturale che, essendo priva di calcio, renderà i capelli ancora più lucenti!

Ciao Vi


  Visualizza il profilo di VITTORIA.V.      Modifica/cancella questo Messaggio   Rispondi riportando il messaggio originario
Marialuisa


Registrato: Oct 01, 2003
Messaggi: 1536
Inviato: 2005-09-11 22:38   
Mia nonna soffriva di ipertensione con valori altissimi tipo 300 (!!!) massima, 180/200 (!!!) minima e, dopo vari salassi ( allora si usavano) ha trovato grande beneficio nel decotto di foglie di ulivo.

Infatti mi ricordo che, quando andavo al mare in Liguria, le dovevo sempre portare le foglie fresche perchè, diceva, erano molto piu' efficaci di quelle seccate.

Dolce notte!

[ Questo messaggio è stato modificato da: Marialuisa il 2005-09-11 22:40 ]


  Visualizza il profilo di Marialuisa      Modifica/cancella questo Messaggio   Rispondi riportando il messaggio originario
barbarita


Registrato: Mar 24, 2005
Messaggi: 470
Inviato: 2005-09-21 09:24   
dolore o bruciore di stomaco?
ecco il rimedio da pronto soccorso!
almeno mezzo limone spremuto per bene, si aggiungono due/tre dita di acqua calda e si beve, possibilmente ben caldo e senza dolcificare!!!

spero non vi serva!!!

barbara


  Visualizza il profilo di barbarita      Modifica/cancella questo Messaggio   Rispondi riportando il messaggio originario
Vai alla pagina ( Pagina precedente 1 | 2 )
  
Blocca questo Argomento Sposta questo Argomento Cancella questo Argomento
Powered by phpBB Versione 1.4.2
Copyright © 2000 - 2001 The phpBB Group

phpBB Created this page in 0.009821 seconds.