[Registrazione]  [Modifica profilo]  [Modifica Preferenze]  [Cerca]
[Messaggi privati]  [Lista degli utenti iscritti]  [FAQ]  [Entra]
salutemed.it Forum Index » » CFS Stanchezza cronica » » Sudoku e CFS
Vai alla pagina ( Pagina precedente 1 | 2 )
Autore Sudoku e CFS
Marialuisa


Registrato: Oct 01, 2003
Messaggi: 1536
Inviato: 2005-08-09 22:40   
Se è in buona fede, buon per lui ( e per i malati.....) ma se è una delle solite assurde quanto squallide "trovate" tipo le "caramelle" del Dr. House-Medical Division, be, NO COMMENT........

Pero' una mail gliela mando anch'io !

Ciao belli e felice notte !

Luisa


  Visualizza il profilo di Marialuisa      Modifica/cancella questo Messaggio   Rispondi riportando il messaggio originario
linciotta


Registrato: Jan 23, 2005
Messaggi: 58
Località: piemonte
Inviato: 2005-08-10 20:01   
E perchè non i rebus e gli anagrammi della settimana enigmistica? O ancora meglio le sciarade nella pagina della Sfinge? O i tornei di monopoli magari on-line????



  Visualizza il profilo di linciotta      Modifica/cancella questo Messaggio   Rispondi riportando il messaggio originario
stregatta


Registrato: Jun 26, 2003
Messaggi: 3782
Località: Bergamo
Inviato: 2005-08-14 12:19   
Buona giornata a tutti/e:

mi ha risposto il sig. Ceccherini, posto la sua mail e la mia risposta.............Raffa
-------------------------------------------

Salve Raffaella,
facendo seguito alla sua e-mail, Le tengo a precisare che ciò che ho scritto nella prefazione del mio
gioco, e cioè : "in ogni modo si è già dimostrato, in quanto tale, Test Logico, rallentare alcune patologie come l'Alzheimer ed altre "malattie temporanee" come la SINDROME DA FATICA CRONICA ", non è altro che parte di una recensione inserita sul Quotidiano SECOLO XIX di Genova, nella pubblicazione del Gioco, definito altresì "Gioco dell'Estate 2005", ma non ho prove tangibili che sia stato dimostrato Clinicamente, ma altresì posso dirle solo che personalmente nell'eseguire i numerosi e vari Test sul gioco, ho avuto sentore di una certa energia mentale che mi stimolava ad impegnarmi.
Nella speranza di esserLe stato d'aiuto la saluto, e Le auguro una felice giornata.

-------------------------------------------

Mia risposta in data odierna:

Caro Francesco,
la ringrazio per la risposta veloce e per la fonte della notizia apparsa sul quotidiano di Genova, tengo però a precisare che il gioco, basato su logica matematica, sicuramente sviluppa una maggiore capacità della concentrazione, ma questo in persone sane, NON credo affatto che un malato di Alzheimer, poveretto, sia in grado di giocare a Sudoku e trarne beneficio, se così fosse, sarebbe davvero facile la strada da intraprendere anche per la ricerca, su questo morbo; per quanto riguarda noi ammalati di CFS, abbiamo problemi di concentrazione, memoria a breve e di vista...............peccato che il Sudoku non possa dare l'imput alla ricerca che da anni si "affanna" a trovare le svariate cause e concause di questa sindrome.

Non ha però risposto alla domanda sulla "temporaneità" della CFS che invece trattasi di malattia CRONICA; anche questa informazione errata era contenuta sul quotidiano di Genova?

La ringrazio per l'attenzione..............Raffaella..e buon ferragosto



  Visualizza il profilo di stregatta   Email stregatta      Modifica/cancella questo Messaggio   Rispondi riportando il messaggio originario
stregatta


Registrato: Jun 26, 2003
Messaggi: 3782
Località: Bergamo
Inviato: 2005-08-15 09:29   
Ulteriore risposta del sig. Ceccherini alla mia domanda sulla "temporaneità" della CFS:

Cara Raffaella,
confermo il termine "Temporaneità" nel contenuto del quotidiano, che aggiunge di seguito:"come ha raccontato all' INDEPENDENT Elaine Hindle una dipendente dell'Università di Glasgow, a cui il medico aveva consigliato di tenere occupata la mente.......".
Saluti e buon Ferragosto




  Visualizza il profilo di stregatta   Email stregatta      Modifica/cancella questo Messaggio   Rispondi riportando il messaggio originario
VITTORIA.V.


Registrato: Nov 20, 2004
Messaggi: 420
Località: Roma
Inviato: 2005-08-15 11:34   
Mi aveva incuriosita e un po’ sorpresa si dall’inizio questa cosa che Zac ci aveva segnalato, “un gioco che può rallentare la Cfs”!!! Ma ora sono ancora più sorpresa per la sollecitudine delle risposte anche se quanto ai contenuti....ma sinceramente dubitavo che ci si potesse aspettare di più. Che dire? Che fare?
Ciao Vittoria.


  Visualizza il profilo di VITTORIA.V.      Modifica/cancella questo Messaggio   Rispondi riportando il messaggio originario
KIO


Registrato: Oct 29, 2003
Messaggi: 1275
Località: Lugano
Inviato: 2005-08-16 00:49   
Quote:

In data 2005-08-15 09:29, stregatta scrive:
Ulteriore risposta del sig. Ceccherini alla mia domanda sulla "temporaneità" della CFS:

(...)
"come ha raccontato all' INDEPENDENT Elaine Hindle una dipendente dell'Università di Glasgow, a cui il medico aveva consigliato di tenere occupata la mente.......".
(...)




una dipendente dell'Università di Glasgow
= a 4 metri dal Prof GOW....

ma è fantastico!





[ Questo messaggio è stato modificato da: KIO il 2005-08-16 00:50 ]


  Visualizza il profilo di KIO      Modifica/cancella questo Messaggio   Rispondi riportando il messaggio originario
KIO


Registrato: Oct 29, 2003
Messaggi: 1275
Località: Lugano
Inviato: 2005-08-16 01:04   
Elaine Hindle...
MA AVRÀ LA CFS????????????

http://www.nonzero.it/news_01.php
INFO & NEWS
Pazzi per il Sudoku

In Inghilterra lo definiscono il nuovo cubo di Rubik: si chiama Sudoku, ed è il rompicapo che sta facendo impazzire il mondo.
(...)
L’obiettivo del gioco è di trovare modelli simmetrici e ciò stuzzica l’area che controlla del nostro cervello che controlla la dipendenza. Ma il gioco stimola modelli di pensiero che possono rivelarsi terapeutici e qualcuno ha suggerito che, come test di logica, possa rallentare l’avanzare di alcune malattie come l’Alzheimer. Si è già dimostrato una fonte di conforto per coloro che soffrono di disturbi alla memoria di breve termine.

E’ il caso di Elaine Hindle, 33 anni, che lavora per il Medical Research Centre dell’Università di Glasgow. Recentemente gli è stata diagnosticata la sindrome da fatica cronica. “Le prime due settimane sono state un incubo”, dice. “Non era tanto la stanchezza che mi abbatteva ma il fatto di non avere niente da fare. Ero anche preoccupata che la mia mente andasse in ibernazione”.
Il suo dottore le raccomandò di tenerla occupata leggendo o facendo le parole incrociate. “Non sono mai stata un’amante delle parole incrociate. Ho comunque cominciato a farle, ma non le trovavo particolarmente avvicenti. Poi ho scoperto il Su Doku.
“Da allora lo faccio ogni giorno e la trasformazione è stata incredibile. Non ne posso più fare a meno e non riesco a metterlo giù finché non l’ho completato. Alcuni sono abbastanza facili e li finisci in qualche minuto, ma altri ti fanno venire da strapparti i capelli”.
“Mi sento molto meglio e esco più spesso. Ho comprato un libro di Su Doku e me lo porto sempre con me in borsa. Non riesco a smettere. Sono assuefatta. Ma mi ha anche aiutato realmente dal punto di vista mentale”. (vedi nota)

“Fare un Su Doku è come fare esercizi quotidiani di ginnastica mentale.
Mi ha aguzzato l’ingegno. Il problema sarà quando dovrò tornare in ufficio – non so come riuscirò a trascurarli per mettermi a lavorare”. Sembra che non passerà molto tempo prima di dover leggere studi e ricerche su quante ore i dipendenti trascorrono a fare Su Doku durante l’orario di lavoro.
Un impiegato in un importante istituzione finanziaria internazionale mi ha confidato che ha trascorso un’intera settimana di lavoro incollato ai quadretti del Su Doku. “Il progetto a cui stavo lavorando è stato congelato per una settimana”, dice il trentaduenne contabile. “Non riuscivo a smettere e il capo mi ha chiamato a rapporto. Sono stato onesto e gli ho parlato dei Su Doku. Ora è impazzito anche lui”. I convertiti confessano che ci vuole un’enorme disciplina per evitare di trascorrere tutto il giorno – e la notte – a risolvere un rompicapo dietro l’altro. “Vorrei poter tornare alla mia vita di prima”, scherza Bernard Stay, 71 anni, di St Albans.

“Non credevo di avere una personalità compulsiva, ma il Su Doku è dannoso per me. Se non completo un enigma prima di mezzogiorno, divento tremendamente depresso per tutta la giornata”.
(...)

--------------------------------------
Nota: non ho capito dove finiscre la citazione di Elaine Hindle.


[ Questo messaggio è stato modificato da: KIO il 2005-08-16 01:16 ]


  Visualizza il profilo di KIO      Modifica/cancella questo Messaggio   Rispondi riportando il messaggio originario
VITTORIA.V.


Registrato: Nov 20, 2004
Messaggi: 420
Località: Roma
Inviato: 2005-08-16 01:23   
Kio moooolto interessante ed inquietante secondo me.
Io ho capito che finisce qui il suo intervento: "..... Il problema sarà quando dovrò tornare in ufficio – non so come riuscirò a trascurarli per mettermi a lavorare”.

“.....ma avrà la Cfs?

A me solo pensarlo questo gioco così impegnativo, trascinante e irresistibile come dicono...mi fa sentire stanca. All’inizio della Cfs attenzione e concentrazione mi hanno sempre provocato forte nausea, addirittura mi sentivo svenire solo per prendere foglietto e penna per scrivere l’elenco della spesa (che poi mi facevano altri!)anche se ora va meglio, per me sarebbe decisamente troppo dedicare ore ad un “rompicapo", sarà anche che i giochi di questo genere non sono mai stata la mia passione. Ciao Vi.


[ Questo messaggio è stato modificato da: VITTORIA.V. il 2005-08-16 01:46 ]


  Visualizza il profilo di VITTORIA.V.      Modifica/cancella questo Messaggio   Rispondi riportando il messaggio originario
KIO


Registrato: Oct 29, 2003
Messaggi: 1275
Località: Lugano
Inviato: 2005-08-16 09:23   
Cara Vi'
anche a me sembra che la citazione finisca lì...
non capisco l'interruzione di paragrafo però.

Per il resto idem come te!
Dubito che un CFSsino riesca a diventare dipendente da un gioco...
Ci pensa già l'altalenaza della malattia a interrompere la dipendenza!

Per il resto, come per tutte le dipendenze, le neuroscienze stanno dimostrando che esse traggono forza da una "labilità" del sistema in cui cadono...
Se un metabolismo cerebrale ha delle labilità che traggono beneficio dall'assunzione di alcool, il proprietario di quel cervello, alla prima assunzione di alcool starà meglio e ricercherà questo "aiuto biologico".
Idem x le droge.

Se invece il metabolismo cerebrale non ha queste labilità chimiche, la dipendenza è molto remota.

Mgari funziona così anche x i giochi...
o con i giochi...




  Visualizza il profilo di KIO      Modifica/cancella questo Messaggio   Rispondi riportando il messaggio originario
KIO


Registrato: Oct 29, 2003
Messaggi: 1275
Località: Lugano
Inviato: 2005-08-16 09:51   
Stanno moltiplicandosi pagine web che lanciano il gioco con questo titolo:

Sudoku, il fenomeno dell’estate
Rallenta lo sviluppo di patologie


e riportano sempre la stessa frase:
inoltre, sembrerebbe capace di rallentare alcune patologie come l'alzheimer e altre malattie come la sindrome da fatica cronica.

se nn altro qua si mitiga il tono e si diventa più "possibilisti".

in comompenso divulgano altri errori:
http://www.giornaletecnologico.it/scienza/200507/05/42c0271d04779/
(...)
L’idea, spiegano alcuni appassionati di Sudoku, viene dal cosiddetto “quadrato latino” ideato dal matematico svizzero Leonardo Eulero. Il “quadrato magico” si caratterizza, infatti, per via della serie di numeri distinti disposti a forma di quadrato in modo che la somma di ogni riga, di ogni colonna e di ogni diagonale principale sia uguale.
(...)


Non importa cosa!
Storia minima sui quadrati magici:

http://www.na.iac.cnr.it/even/giochi_matematici.htm
(...)
I quadrati magici utilizzano i numeri 1,2,3, … n2 per riempire le caselle di una scacchiera di dimensioni nxn in modo che i numeri su ogni riga, ogni colonna e ogni diagonale forniscano la stessa somma. Probabilmente risalgono a un gioco cinese chiamato lo-shu (circa 2200 a.C. ).

Agli inizi del XVI secolo Cornelio Agrippa costruì i quadrati per n=3,4,6,7,8,9, che associò ai sette pianeti allora noti (compresi Sole e Luna).

La famosa incisione di Dürer, Melancholia, del 1514, comprende l'immagine di un quadrato magico. Puoi vedere qui l'incisione di Melancholia e il particolare del quadrato magico in essa.

Il numero di quadrati magici di un ordine fissato è ancora un problema irrisolto. Anche il caso n=5 non è ancora stato risolto.

Il quadrato di Dürer appena mostrato è simmetrico e verifica altre proprietà: ad esempio tutte le sue diagonali hanno per somma lo stesso numero. Eulero studiò questo tipo di quadrati (*), noti come "pandiagonali" e trovò che non esistono quadrati pandiagonali di ordine 2(2n+1); inoltre per n=4 esistono 880 quadrati magici, di cui 48 pandiagonali.
(...)
------------------------------------------
(*) = Leonardo Eulero, ( orig. Leonhard Euler): Basilea 1707 - San Pietroburgo 1783



[ Questo messaggio è stato modificato da: KIO il 2005-08-16 09:55 ]


  Visualizza il profilo di KIO      Modifica/cancella questo Messaggio   Rispondi riportando il messaggio originario
romeo


Registrato: Nov 24, 2002
Messaggi: 1927
Inviato: 2005-08-16 10:30   
Il mio parere personale,chi è affetto da vera cfs,ha nulla da spartire con sudoku ed altro che mettono a dura prova la mente,a livello di attenzione,concentrazione ed intensità e durata dell'impegno.Ma considerando che molte cfs sono pseudo,allora ben vengano i sudoku e cubetti vari.Romeo

  Visualizza il profilo di romeo      Modifica/cancella questo Messaggio   Rispondi riportando il messaggio originario
stregatta


Registrato: Jun 26, 2003
Messaggi: 3782
Località: Bergamo
Inviato: 2005-08-16 10:48   
L'uomo del sudoku

Sei anni per “fabbricarlo al computer”, sessanta secondi per venderlo al primo giornale, sei mesi per contagiare il mondo (e l’Italia). Ma non finisce qui, perché Wayne Gould, il pensionato che ha scoperto il gioco dell’anno, ha già pronto un altro rompicapo. E adesso, con un milione di dollari in tasca, aspetta solo una telefonata: «quella di Bill Gates».




Sembra un gioco di numeri, ma l’aritmetica non c’entra. E’ basato sulla logica, ma per risolverlo ci vuole soprattutto intuito. E poi non servono dizionari o enciclopedie: soltanto tu e quella maledetta griglia». Wayne Gould, 59 anni, neozelandese, ex magistrato ora in pensione, è il “paziente zero” della prima epidemia enigmistica del pianeta: il Sudoku. E’ lui che ha scovato un vecchio rompicapo giapponese e l’ha trasformato in un fenomeno di massa. E qui, per la prima volta, racconta come sono andate veramente le cose (a cominciare da un viaggio a Roma).



Oggi Gould fornisce i suoi rompicapi a 70 giornali in 27 Paesi («L’altro giorno mi hanno chiamato dalla Nigeria») ha già guadagnato un milione di dollari, e sogna di comprarsi un pezzo di terra in Nuova Zelanda. Ma soprattutto si sta prendendo una bella rivincita, perché «da giovane ero un secchione: fuori da scuola, non molto popolare».



Un genio della matematica? Macchè, «quella l’ho mollata subito, non ero abbastanza bravo». E a sentire lui, anche nel Sudoku non è imbattibile: «Con mia moglie non c’è storia. Uno difficile lei lo risolve in 15 minuti, io ce ne metto almeno 25».


Forse non servono commenti, Romi hai ragione, e poi a mio avviso, chi è già nevrotico, con qst tipo di gioco rischia di sviluppare manie osessive complulsive............(ma forse anche una persona calma potrebbe farsi prendere e non mollare la presa, tralasciando cose più gradevoli o importanti della propria vita)....

poveri noi.........intanto il signore è diventato miliardario..........mah!




  Visualizza il profilo di stregatta   Email stregatta      Modifica/cancella questo Messaggio   Rispondi riportando il messaggio originario
KIO


Registrato: Oct 29, 2003
Messaggi: 1275
Località: Lugano
Inviato: 2005-08-16 11:11   
Quote:

In data 2005-08-16 10:30, romeo scrive:
Il mio parere personale,chi è affetto da vera cfs,ha nulla da spartire con sudoku ed altro che mettono a dura prova la mente,a livello di attenzione,concentrazione ed intensità e durata dell'impegno.Ma considerando che molte cfs sono pseudo,allora ben vengano i sudoku e cubetti vari.Romeo



Sì... però:
in alcuni siti seri sulla CFS
ho letto che dati i disturbi cognitivi dei malati di CFS, "i pazienti dovrebbero essere indirizzati alla riabilitazione".

Non posso citare le fonti perché i link sono nell'altro tower e nn li ho ancora trasferiti.

Dubito che un "gioco mentale" in se abbia un potere terapeutico sostanziale sulla CFS... quella vera!
Ma è anche vero che, per un malato di CFS, la sopravvivenza alla malattia è favorita da una vita "molto ridotta"...
Di conseguenza gli stimoli e le provocazioni diminuiscono...
E ciò ha delle ricadute.

L'ho notato nella mia vita, e di conseguenza le provocazioni non le disdegno, anzi sono felice se arrivano.
(fermo restando che sia la giornata in cui sono in condizione di fruirne)




  Visualizza il profilo di KIO      Modifica/cancella questo Messaggio   Rispondi riportando il messaggio originario
Vai alla pagina ( Pagina precedente 1 | 2 )
  
Blocca questo Argomento Sposta questo Argomento Cancella questo Argomento
Powered by phpBB Versione 1.4.2
Copyright © 2000 - 2001 The phpBB Group

phpBB Created this page in 0.011600 seconds.