[Registrazione]  [Modifica profilo]  [Modifica Preferenze]  [Cerca]
[Messaggi privati]  [Lista degli utenti iscritti]  [FAQ]  [Entra]
salutemed.it Forum Index » » CFS Stanchezza cronica » » Lavoro? Quale??
Vai alla pagina ( 1 | 2 Pagina successiva )
Autore Lavoro? Quale??
Nyco


Registrato: Oct 27, 2002
Messaggi: 523
Inviato: 2005-07-05 00:25   
Ciao a tutti, volevo porvi un interrogativo:
x quanto possa spremere i miei poveri neuroni, non riesco a trovare un lavoro adatto a me+CFS+FM ..
L'unico che riesco ad immaginare rientrante nelle mie prestazioni fisiche e mentali è un lavoro diurno, da seduta, non troppo gravoso mentalmente. Ma chi mi da un lavoro del genere? Che un giorno mi consentirebbe di vivere anche sola? .. senza genitori?
.. per avere un lavoro del genere ci potrei arrivare con una laurea e tramite concorsi, imprese non facili visto che sono al tappeto (.. anche se non mi arrendo).
Ma voi che fate????? Che lavoro fate x campà!? Soprattutto le donne come fanno a conciliare lavoro+casa+figli? ..
Lavorate o come me no, e vi disperate?
... io x adesso penso solo allo studio-lavoro, non voglio aggiungere casa+figli ai miei pensieri ..
x adesso dopo un mese di lavoro in un bar come cameriera (massacrante) sto stesa a casa, diciamo che non faccio quasi nulla tutto il giorno .. mi sento una larva uno zombi .. veramente al tappeto.
Ma che lavoro posso fare? O quali studi posso intaprendere x giungere ad un lavoro che io possa svolgere?
E' un rompi capo ..
a pensare che a luglio sono 8 anni di CFS, senza contare gli anni prima di FM .. adesso mi tocca continuare a lottare.
Se qualcuno avesse qualche suggerimento gli sarei veramente grata
la risposta + giusta x un cfssino sarebbe solo riposare e ricevere un sussidio, così purtroppo non è ...


  Visualizza il profilo di Nyco   Email Nyco      Modifica/cancella questo Messaggio   Rispondi riportando il messaggio originario
stregatta


Registrato: Jun 26, 2003
Messaggi: 3782
Località: Bergamo
Inviato: 2005-07-05 01:03   
Nyco, non voglio demoralizzarti, la risposta te la sei data da sola nelle ultime righe del tuo topic.

Ricorda che anche stare seduti x noi è drammatico, hai dalla tua che sei giovane e sicuramente ne uscirai;

Ti parlo della mia esperienza, dopo aver cambiato mansioni, erano troppo stressanti ed impegnative quelle che svolgevo prima del big bang; mi sono ritrovata in un ambiente accogliente dal punto di vista umano, mansioni più leggere rispetto a quelle che svolgevo prima e che posso gestirmi; ma la situazione non è cambiata.

Perchè è stato lo stare a casa 9 mesi continuativi quelli che mi hanno dato il beneficio più grande di qualsiasi altra cura tentata.

Per me alzarmi dal letto e andare al lavoro con tutte le attività che precedono è un calvario: e da qui il notevole peggioramento!!

Sono contenta del fatto che tu abbia affrontato l'argomento donne/mamme/che lavorano con la CFS; perchè senza nulla togliere ai problemi che hanno i singles, e Maria Luisa ha affrontato in modo molto realistico l'argomento, posso dirti che è molto dura!

Io vivo al nord da ben 28 anni, non ho mai avuto parenti vicini x darmi un aiuto nella buona e nella cattiva sorte (ma forse meglio così); ho dei figli ai quali ho cercato in tutti i modi possibili di non far pesare la mia malattia; un marito che mi sopporta, e che pur capendo cosa possa significare avere la CFS NON accetta di vedermi ammalata; non accetta la Raffaella di oggi.

Pertanto non è per niente facile, le discussioni, anche banali sono all'ordine del giorno, non ho una colf xkè non posso permettermela e stringendo i denti (a forza di stringerli mi cadranno tutti!), faccio quello che posso, arrivando ad avere la nausea e dolori forti alla sera, momento x me migliore x le fatiche..........è ridicolo xkè non ci sarebbe MAI il momento, ma quello ke posso fare senza stramazzare al suolo lo demando alla sera o alla notte.

Il nostro svantaggio (parlo degli accoppiati, è quello che non puoi startene a letto tutto il giorno, c'è sempre qualcuno che sbuffa o chiede: ma mamma dov'è? (come fosse una novità)

Oppure decidere di non mangiare, mentre a volte devi sforzarti ed alzarti x cucinare qualcosina, x rendere una casa VIVA e non morta come ci si sente dentro.

Poi c'è il lavoro............e dopo quello io NON faccio NULLA!!! solo divano o letto..........

L'unica mia fortuna è che i ragazzi sono grandi, si arrangiano se non sono presente, forse chi ne soffre di più è mio marito.

Ma indossare una maschera anche in casa x far vedere che va bene quando invece non va bene x nulla, non lo trovo giusto e nemmeno terapeutico.

Spesso desidero di stare sola x un certo periodo e vedere cosa si prova.........

Il mio autista/marito, non si presta molto felicemente a qst ruolo e qst pesa in termini di stress e di incomprensioni.

NOn ricordo chi ha detto che usa l'auto come protesi, x me è lo stesso, perchè non voglio assolutamente rinunciare alla pur più piccola autonomia e non voglio pesare oltremodo..........togliermi l'auto, sarebbe come troncare le poche relazioni e prendere una boccata d'aria, visto che fare 10 mt a piedi x me sono ora impossibili!

Ecco l'altra faccia della medaglia dei CFSsini accoppiati..........

Per il lavoro, al tuo posto inoltrerei già una domanda di invalidità, x essere inserita in liste speciali, e per lo studio: mai dire mai, o meglio.........NON E' MAI TROPPO TARDI..........

x ora pensa a migliorare..........Raffaella

[ Questo messaggio è stato modificato da: stregatta il 2005-07-05 01:06 ]


  Visualizza il profilo di stregatta   Email stregatta      Modifica/cancella questo Messaggio   Rispondi riportando il messaggio originario
barbarita


Registrato: Mar 24, 2005
Messaggi: 470
Inviato: 2005-07-05 11:56   
io non ho ancora figli, ma già lavoro + casa non è per niente facile!
sono responsabile amministrativo -contabile di una società quindi ho la fortuna di non fare un lavoro pesante dal punto di vista fisico anche se in passato l'ho fatto e so cosa vuol dire andare a lavorare per avere poi la sera vomito e febbre a 39 per il dolore...
l'unico guaio per me è che le responsabilità sono tante, da me ci si aspetta sempre il meglio, non mi è permesso sbagliare e l'ambiente è ....orribile! stress fisico, vessazioni psicologiche, sfruttamento disumano...qui resiste solo chi veramente non ha altra scelta e io ancora non ne ho trovate per cui devo anche ringraziare di averlo questo posto!
due anni fa ho subito un brutto intervento d'urgenza ed è bastato un mese e mezzo di convalescenza perché io stessi veramente meglio nonostante l'operazione; questo però non perché il mio/nostro problema è psicologico!!! ho capito che l'essere stata a casa senza poter fare praticamente nulla di faticoso tranne pensare a me stessa, a riposarmi ecc aveva innescato un processo positivo che ora, a distanza di due anni, è solo un ricordo! ogni mattina piango perché non so dove pescare più la forza fisica e morale per alzarmi, andare a lavorare, pensare un po' alla casa, studiare...poi rifaccio due conti, rifletto che già così, per una serie di problemi, facciamo fatica a tirare avanti, l'alternativa è veramente la strada e .... la forza viene, non so per quanto ancora, ma arriva e la sera arriva anche il conto con gli interessi... per questo ammiro fortemente chi riesce anche a crescere dei figli, oltre che pensare ad un marito che già dà il suo bel da fare!!!
per chi invece un lavoro non ce l'ha credo che sia importante il consiglio di raffaella e ... cercate di tener duro!!! non sentitevi in colpa se non riuscite a lavorare, non è colpa vostra!
acc.... prima o poi stà ruota dovrà pur girare!!!
barbara

[ Questo messaggio è stato modificato da: barbarita il 2005-07-05 12:06 ]


  Visualizza il profilo di barbarita      Modifica/cancella questo Messaggio   Rispondi riportando il messaggio originario
stregatta


Registrato: Jun 26, 2003
Messaggi: 3782
Località: Bergamo
Inviato: 2005-07-05 12:49   
Grazie barbara x qst tua testimonianza; prima di "approdare" alle nuove mansioni, ho sempre lavorato intensamente e al di sopra dei miei limiti, qst l'ho capito dopo, perchè già stavo male, ero nervosa, ma tiravo cmq la corda; e tutto qst è durato sei anni lunghissimi, dove si poteva ravvisare anche il rerato di mobbing, tanto l'ambiente era ostile e deleterio x il mio umore, (non solo il mio) altre colleghe ne hanno pagato le conseguenze e continuano a pargarle!

Posso dire che la CFS mi ha "salvata" da quell'ufficio, perchè nessuno con la CFS può andare in udienza a verbalizzare x sei ore di fila e ppi tutto il resto di urgente ed importante da svolgere DOPO nerl pomeriggio.............così mi hanno proprosto un cambio (anche perchè sono svenuta 2 volte durante un'undienza); poi sono stata a casa i fatidici 9 mesi, e poi grazie anche al mio 60% di invalidità (che credevo irrilevante), il mio dirigente NON ha potuto farmi svolgere mansioni pensanti o molto impegnative, e l'orario l'ho scelto io, in base al malessere (volgiamo chiamarlo così?) mattutino che mi distrugge.

Devo ammettere che la botta di grazia me l'ha sicuramente inferta un lavoro stressante, impegnativo che a me piaceva, ma che veniva avvenelato ogni ora, ogni giorno da un ambiente pessimo e dannoso x la mia già caduca salute.

Vabbè in qst caso posso affermare che non tutti i mali (CFS) vengono x nuocere, anche se l'avessi voluto, da quel posto nessuno mi avrebbe mai spostata, perchè nessuno vuole andarci.....x i motivi che ho appena elencato.............tutto sommato, in qst caso la CFS mi "ha salvata"

Baci.....Raffaella


  Visualizza il profilo di stregatta   Email stregatta      Modifica/cancella questo Messaggio   Rispondi riportando il messaggio originario
barbarita


Registrato: Mar 24, 2005
Messaggi: 470
Inviato: 2005-07-05 14:03   
[quote]
In data 2005-07-05 12:49, stregatta scrive:

Devo ammettere che la botta di grazia me l'ha sicuramente inferta un lavoro stressante, impegnativo che a me piaceva, ma che veniva avvenelato ogni ora, ogni giorno da un ambiente pessimo e dannoso x la mia già caduca salute.

... a leggere queste parole mi son venuti i brividi, so cosa vuol dire...

bacioni!!!

[ Questo messaggio è stato modificato da: barbarita il 2005-07-05 14:04 ]


  Visualizza il profilo di barbarita      Modifica/cancella questo Messaggio   Rispondi riportando il messaggio originario
tired lizard


Registrato: Sep 06, 2003
Messaggi: 345
Località: Piemonte
Inviato: 2005-07-05 14:07   
Ciao Nyco!

Bimbo piange (coliche), faccio veloce!

Ti capisco che voresti la tua indipenza economica, quanto ti capsico!

Penso che dovresti fare come dice Raffa, fare la domanda d'invalidità, cosi puoi chiedere un lavoro protetto part time al ufficio di collocamento.

Ti penso e spero scriverti di piu dopo.

Liz


  Visualizza il profilo di tired lizard      Modifica/cancella questo Messaggio   Rispondi riportando il messaggio originario
stregatta


Registrato: Jun 26, 2003
Messaggi: 3782
Località: Bergamo
Inviato: 2005-07-05 14:07   
grazie x lo scambio, siamo un pò tutti nella stessa barca, x quanto riguarda gli ambienti lavorativi..........un bacione

Butterfly


  Visualizza il profilo di stregatta   Email stregatta      Modifica/cancella questo Messaggio   Rispondi riportando il messaggio originario
AURORA


Registrato: Aug 24, 2003
Messaggi: 272
Località: MODENA
Inviato: 2005-07-05 20:06   
Cara Raffaella
sono io quella che usa l'auto come una protesi.
Mi sono fatta la fama di antiecologista perchè non mollo mai la macchina, e non tutti sanno il perchè.
Da alcuni anni poi sono state introdotte le zone pedonali nelle città e ,per me, è stato un dramma: mi sono trovata estromessa e senza voce in capitolo.
....uno dei tanti problemi...
Ciao
A.


  Visualizza il profilo di AURORA      Modifica/cancella questo Messaggio   Rispondi riportando il messaggio originario
stregatta


Registrato: Jun 26, 2003
Messaggi: 3782
Località: Bergamo
Inviato: 2005-07-05 20:47   
Ecco non ricordavo in quale post lo avevo letto!

Ti capisco, perchè x me l'auto è come la carrozzella (quella dei paraplegici ahimè), è tristissimo fare questo pagarone orrendo, ma è così..........se mi tolgono qst mezzo di trasporto x me significa CHIUDERSI definitavamente.

Avevo provato l'anno scorso, ad usare il Ciao, (piccolo motorino), ma è stata davvero un'impresa ardua, per l'equilibrio precario che già difficile da tenere nella posizione ortostatica e soprattuto x la fatica della messa in moto, morivo solo x accenderlo

E così non mi resta che la macchina, in centro ed in città alta (zona medievale di Bergamo molto bella che tu ben conosci), sono anni che non vado, proprio per le zone di traffico limitato e le aree pedonali, oramai sono una grande fruitrice (anche se mi stancano molto) dei centri commerciali:

si trova parcheggio, c'è l'aria condizionata, (x me vitale in estate), e trovo tutto!

Dai, crediamoci tutti che passerà o miglioreremo!

Saluti..........Raffaella


  Visualizza il profilo di stregatta   Email stregatta      Modifica/cancella questo Messaggio   Rispondi riportando il messaggio originario
Nyco


Registrato: Oct 27, 2002
Messaggi: 523
Inviato: 2005-07-05 23:30   
Grazie ragazze x le vostre testimonianze. Vi capisco tutte, il problema di tutto è che questa malattia non ha un periodo, nel senso che uno deve stringere i denti (sperando appunto di non frantumarli prima o poi ) x un tempo determinato di 6 mesi o un anno, la malattia quando ti viene sei finito se hai un gran c .. ti può passare, ma se così non è preparati al peggio perchè può durare anche tutta una vita.
X la macchina sono daccordissimo, io uso la macchina x riposarmi e per sentirmi parte di quel mondo dinamico del quale non faccio parte.
"Piangere prima di andare a lavoro", ti capisco a pieno Barbara .. per un periodo andavo stratruccata ad un corso scolastico. E piangere quando tornavo x la troppa stanchezza.
Speriamo che questa ruota giri, ma quando si deciderà?? Io sono stufa .. sono giovane ora .. ancora x poco .. quando troverò la forza x dar vita hai miei sogni, alle mie ambizioni .. qua sta cosa non passa +
Ma le ricerche che fine hanno fatto??
Ragazze come si fa a lavorare o studiare o semplicemente vivere con la "morte" sulle spalle? E possibile mai che nessuno recepisca le nostre suppliche?


  Visualizza il profilo di Nyco   Email Nyco      Modifica/cancella questo Messaggio   Rispondi riportando il messaggio originario
Nyco


Registrato: Oct 27, 2002
Messaggi: 523
Inviato: 2005-07-05 23:36   
Tired come stai cara?? Che dice il tuo bimbo? L'ho visto su internet, siete entrambe uno splendore!!
A sapere che sacrifici hai fatto e farai mi sono commossa.
Quando vuoi riporta la tua testimonianza durante la gravidanza e parto ..
io della cosa non ti nego che sono veramente terrorizzata ..
Baci a te e pulcino


  Visualizza il profilo di Nyco   Email Nyco      Modifica/cancella questo Messaggio   Rispondi riportando il messaggio originario
Mac


Registrato: Mar 23, 2004
Messaggi: 49
Inviato: 2005-07-06 17:33   
In un momento di "luce" ho ripreso a lavorare ...e con ritmi normali ma poi....di nuovo la notte! ...ed ora faccio la larva anch'io!

Il problema è proprio quello di trovare un lavoro compatibile con le energie ma ancora di più, almeno nel mio caso, la difficoltà più grossa è la continuità!
Chi mi dà un lavoro in cui un giorno vado e stò li magari anche 9 ore e poi per tre giorni sto a casa?
Non tutti i giorni sono uguali e anche se facessi solo 3/4 ore al giorno, non riuscirei mai a garantire di esserci il giorno dopo!!!

Anch'io passo parte del tempo di veglia a cercare una soluzione ma...proprio non viene fuori nulla!

1 abbraccio solidale


  Visualizza il profilo di Mac      Modifica/cancella questo Messaggio   Rispondi riportando il messaggio originario
tired lizard


Registrato: Sep 06, 2003
Messaggi: 345
Località: Piemonte
Inviato: 2005-07-06 18:10   
Oggi mio figlio (ancora non ci credo che veramente siamo diventati genitori) ha fatto un mese! Stiamo bene. Come vi ha detto Davide, i momenti e interventi dopo il parto sono stati uno spavento, ma dopo qualche giorni mi sentivo meglio.

In ospedale era duro perche non si riposa bene, eravamo 4 in camera e tante visite da parenti, un continuale giro. Ma mi rendevo conto che avevo bisogno di essere li per ricuperare bene le forze. La notte spedivo mio Adam al nido, mentre che le altre mamme tenevano i loro bimbi in camera. Di giorno lo allatavo il piu possibile, ed era stancante e doloroso (come per tutte, credo). Ero attacata al flebo per il ferro, e hanno sbagliato la vena, la braccia sinistra era fuori uso e gonfia. Pensavo di dovere rinunciare all'allattamento ma alla fine ce l'ho fatta. Adesso gli diamo solo un biberon di tardi notte, o se dormo mentre che ha fame. Il valore del ferro era accettabile, allora mi hanno dimesso dopo 8 notti di degenza.

Il ritorno a casa non era facile all'inizio. Davide faceva il turno di notte, e poi ha preso una settimana di ferie per aiutarmi. E tutto piu facile in due! Lui è molto bravo a passeggiare Adam in braccia quando piange per le coliche. Insieme ci siamo goduto i primi momenti della vita pratica di un bimbo... il primo bagnetto (una grazia, il cordone era caduto in ospedale, una cosa in meno di preoccuparsi!), il cambio dei pannolini, le passeggiate in nuova famiglia, le notte dove si dorme poco... ieri Davide ha aspettato fino alle 4h30 di mattina per dare il biberon. Adam invece si era addormentato tranquillamente sul divano e non si svegliava più! Era la prima volta che dormiva cosi tanto di seguito.

Stiamo preparando il nostro viaggio di agosto. Andiamo qualche giorni a Londra e poi saremo nel paese dei miei per il battesimo, nella piccola chiesa cattolica dove ho fatto la confermazione nel 2000. Saremo una trentina fra inglesi e italiani. Gli inglesi sono impazienti per vederlo.

Nonostante tutte le difficoltà, ne siamo usciti bene. Ci ha voluto solo qualche giorni dopo il parto per pensare che mi piacerebbe avere un altro figlio, allora è vero che si dimentica! Ho avuto la fortuna di un travaglio corto e bravissimi medici. Quando non sono troppo stanca mi sento tanto fortunata. Avere una mia famiglia è stato la cosa più bella della mia vita. C'è una soddisfazione profonda e duratura che mai ho provato nel passato. E a pensare, cara Nyco, che anch'io avevo paura, della gravidanza, del parto stesso, del dopo parto (pensavo a momenti di non volere tornare a casa per dovere affrontare i giorni da sola col bimbo e invece ce l'ho fatta) ma di tutto! Forse le cose più importanti ci fanno più paura. L'esperienza della nascita mi ha rafforzata, mi ha fatto credere che posso fare di tutto, nonostante la CFS. Non ho più paura! Si, questa malattia è stata chiamata 'la morte viva' dagli inglesi... ma io sento di vivere sempre più pienamente. Adam è cosi tranquillo, sento che mi vuole aiutare. In ospedale era cosi bravo che sembrava che mi voleva dire che quando tornavamo a casa non mi farebbe mai problemi e che tutto andrebbe bene. Quando si addormenta in braccia penso che non si potrebbe volere di più della vita, che questa piccola vita che è appena cominciata. Quando invece piange senza potere essere consolato, provo di rimanere calma e non trasmettere ansia, aspettando che gli passa, e passa sempre. Lui sta bene e sta crescendo, già è cosi diverso dai primi giorni. Ci sono nuove foto sul sito che ha fatto Davide, se volete vedere:

http://spaces.msn.com/members/puzzoni/PersonalSpace.aspx

Sta per svegliarsi per la pappa. Vedete che a volte mi fa anche scrivere qualche messaggi!!! Io vi auguro a tutti di potere realizzare i vostro sogni più cari. Auguro a quelli che vogliono lavorare di potere farlo, e a quelli che vogliono avere una famiglia, o un rapporto di coppia, di poter realizzarlo.

Un abbraccio
Liz


  Visualizza il profilo di tired lizard      Modifica/cancella questo Messaggio   Rispondi riportando il messaggio originario
barbarita


Registrato: Mar 24, 2005
Messaggi: 470
Inviato: 2005-07-06 18:26   
...che dire?
a guardarvi mi sono venute le lacrime agli occhi...
un abbraccio affettuoso ed un grande in bocca al lupo per la tua bella famiglia, che Dio vi protegga.
barbara


  Visualizza il profilo di barbarita      Modifica/cancella questo Messaggio   Rispondi riportando il messaggio originario
stregatta


Registrato: Jun 26, 2003
Messaggi: 3782
Località: Bergamo
Inviato: 2005-07-06 19:51   
Siete bellissimi Liz!!!

Davvero che il Signore vi benedica!!!

Sei stata brava e vedrai che lo "scombussolamento" ormonale ti farà anche guarire, considera che ora hai ancora tantissimi ormoni in circolo che stancano e provocano anche la cosiddeta depressione post- partum (fisologica) appunto x il calo degli ormoni..............ce la farete...siete troppo belli e siete stati fiduciosi e chi ha fede viene aiutato

X le colichette di Adam chiedi a vittoria, i maschietti sono leggermente più soggetti delle femminucce a soffrirne...........ma ci sono ottimi rimedi e poi ricorda i massaggini sull'addome e coccolalo a pancia in giù.............

un abbraccio a tutta la tua bella famiglia.............Raffaella

Bouquet

[ Questo messaggio è stato modificato da: stregatta il 2005-07-06 19:52 ]


  Visualizza il profilo di stregatta   Email stregatta      Modifica/cancella questo Messaggio   Rispondi riportando il messaggio originario
Vai alla pagina ( 1 | 2 Pagina successiva )
  
Blocca questo Argomento Sposta questo Argomento Cancella questo Argomento
Powered by phpBB Versione 1.4.2
Copyright © 2000 - 2001 The phpBB Group

phpBB Created this page in 0.012361 seconds.