[Registrazione]  [Modifica profilo]  [Modifica Preferenze]  [Cerca]
[Messaggi privati]  [Lista degli utenti iscritti]  [FAQ]  [Entra]
salutemed.it Forum Index » » CFS Stanchezza cronica » » PSICHE e CFS-FMS
Vai alla pagina ( 1 | 2 Pagina successiva )
Autore PSICHE e CFS-FMS
stregatta


Registrato: Jun 26, 2003
Messaggi: 3782
Località: Bergamo
Inviato: 2003-08-01 15:19   
Ciao a tutti! vorrei proporre l'argomento indicato in oggetto perkè ritengo siano maturati i tempi per farlo: in virtù anke del questionario approntato ke ognuno di noi compilerà. Perkè questo titolo? Dai vari argomenti e discussioni venuti fuori in questo ultimo periodo, ho avuto la sensazione ke nn tutti tra noi abbiano o "vogliano" comprendere, o meglio, accettare l'ipotesi, ke essendo ammalati di CFS-FMS, siamo diventati depressi o ansiosi x qst patologia, oppure; riflettere sul fatto ke possa essere stato qualcosa di traumatico o drammatico nella nostra vita, ke abbia innescato una di queste 2 sindromi. Dagli ultimi post, ho letto di persone ke tentavano, (nn è una critica ma una constatazione)! di giustificarsi dicendo ke la depressione o l'ansia erano state causate da una delle 2 patologie sopraenunciate; ma mi domando: non potrebbe invece essere stato il contrario? Avevo postato in modo provocatorio proprio ieri con l'oggetto: "è nato prima l'uovo o la gallina?" ma forse non tutti hanno colto quello ke volevo intendere. vi prego di riflettere in merito a quanto ho appena scritto , in effetti è così importante sapere se ci siamo ammalati perkè abbiamo subito un lutto, un divorzio, una educazione sbagliata , la perdita del lavoro, un dissesto finanziario, x problemi di mobbing nell'ambiente di lavoro, ovvero , perkè "semplicemente" la nostra vita nn ci soddisfa !!!???? A mio avviso, a prescindere dalle ricerke scientifike ke puntano sui vari agenti virali e non, (ke insidiando le difese immunitarie ,ci minano) la psiche (e nn vi arrabbiate)!! potrebbe essere la causa scatenante nella maggiore percentuale dei casi, anke tenendo conto ke stiamo trattando dell'organo + misterioso e spesso inaccessibile del corpo umano! Ognuno di noi, a livello fisico, ha una sua capacità di reazione intrinseca agli stimoli esterni traumatici; figuriamoci dunque cosa può avvenire a seguito di eventi ke hanno necessità di essere "ammortizzati" nella sfera emotiva, con tutte le "resistenze" ke ne scaturiscono sotto forma di nuclei di energie sottratte alla psike, e quindi di malattie conseguenti.
La probabile soluzione, a mio avviso, non risiede nella ricerca esclusiva della terapia diretta alla cura della depressione da CFS-FMS, ma anke, dalla voglia interiore e profonda di "capire" quel qualcosa ke ha determinato la condizione di malessere, elaborandone la causa e quindi arrivare alla guarigione!!.......e ben vengano gli aiuti dagli psicofarmaci ove necessario!!
Un abbraccio a voi tutti con la consapevolezza ke nn siamo soli!!!:-)
stregatta -raffaella smackkkkkkkkkkkkkkkkk


  Visualizza il profilo di stregatta   Email stregatta      Modifica/cancella questo Messaggio   Rispondi riportando il messaggio originario
Daniela


Registrato: Mar 11, 2003
Messaggi: 1529
Inviato: 2003-08-01 16:00   
Bellissimo!!! Raffaella quello che hai scritto! Cominciamo da me??? Che sono la piu' rompiscatole??? Amo la chiarezza e il confronto ma solo se costruttivo e se al danno subito si antepone poi sempre una soluzione possibile! Dai traumi si puo' impare e guarire(di qualunque tipo psicologico o fisico che in ogni caso si incrociano sempre!). L'unica cosa che io personalmente non accetto sono le etichette personali che la societa' impone ad altri esseri che nella vita non sono stati fortunati come gli altri!(...):le etichette vanno bene solo per i polli non per il prossimo...bello...brutto...altro.......!
Daniela...Ciao.


  Visualizza il profilo di Daniela      Modifica/cancella questo Messaggio   Rispondi riportando il messaggio originario
stregatta


Registrato: Jun 26, 2003
Messaggi: 3782
Località: Bergamo
Inviato: 2003-08-01 16:34   
x daniela! grazie! smack

  Visualizza il profilo di stregatta   Email stregatta      Modifica/cancella questo Messaggio   Rispondi riportando il messaggio originario
stregatta


Registrato: Jun 26, 2003
Messaggi: 3782
Località: Bergamo
Inviato: 2003-08-01 16:36   
Quote:

In data 2003-08-01 16:34, stregatta scrive:
x daniela! grazie! smack


le etikiette mia cara amica ce la facciamo anke appioppare nn trovi?? i polli nn possono difendersi, sono inermi e nn possono parlare, noi sì!! un abbraccio!!!


  Visualizza il profilo di stregatta   Email stregatta      Modifica/cancella questo Messaggio   Rispondi riportando il messaggio originario
vali


Registrato: Mar 13, 2003
Messaggi: 70
Località: rimini
Inviato: 2003-08-01 17:19   
Stregatta,
potrebbe essere una giusta ipotesi la tua. E' quello che ho cercato di chiarire e capire con la mia psicologa, però non sò se per me era più comodo dare la colpa alla cfs
che non hai mie "probabili" traumi psichici...devo pensarci...
vali


  Visualizza il profilo di vali   Email vali      Modifica/cancella questo Messaggio   Rispondi riportando il messaggio originario
Daniela


Registrato: Mar 11, 2003
Messaggi: 1529
Inviato: 2003-08-01 17:52   
Ciao! Non ho nessun problema a condividere con gli altri parte della mia vita(ieri ho raccontato della mia botta alla testa)...ma come vi ho gia' detto sono disposta a parlarne solo con chi me ne chiede spiegazione ragionevole!!!
Pensate ora ad alcune cose: avete scelto voi la famiglia dove nascere? Sapete quanti giorni vi restano ancora da vivere?(vi vedo e'??? inutile che andate a toccare i cornetti o altro). Non amo le categorie l'ho' gia' detto ma per aiutarvi a comprendere io appartengo alla categoria delle persone che non sono state amate o amate male...vedete un po' voi! Non c'e' molta differenza...i tipi di amore sbagliato che ognuno di noi ha ricevuto(pensateci bene...a volte sono anche le cose apparentemente piu' banali)! Partiamo dal presupposto che tutti vogliamo essere amati e abbiamo bisogno d'amore...ma ci sono vari modi giusti e sbagliati sia per darlo che per riceverlo! Sono nata in una famiglia(non l'ho scelta capite...ci sono nata e basta!)dove le violenze su mia madre si facevano ancora prima che io nascessi(sono la prima e ho un fratello piu' piccolo)tanto per intenderci mia madre veniva anche picchiata a sangue quando io ero ancora in pancia!!! Mio padre era un uomo violento con me e mia madre(mio fratello no!! lui era un maschio!)e oltre alle botte che ci dava ogni giorno(per botte non intendo schiaffetti sia chiaro...vi lascio immaginare il significato)il suo hobby preferito era andare al bar a spendere soldi(per lui non mancava mai nulla!!!)e tornare a casa ubriaco in piena notte!! Vivendo in casa con i miei nonni mio padre e' stato dopo dieci anni allontanato da casa e fatta la separazione! Mia madre si e' trovata sola a ventisette anni con due bambini piccoli! Io che ho ereditato da mio nonno(ora sono guarita)una forma di bronchite cronica infettiva
e soffrivo di un'asma molto forte ero sempre sotto cura tra ospedali medicine e malattia(in tutto ho perso alle elementari per assenza quasi un anno di scuola)!
Cosi la mia infanzia non e' stata felice e un padre io non so' nemmeno cosa significhi!!! Anche con i miei nonni l'ambiente non era molto sereno(ma ora qui mi fermo perche' le cose sono tante e cio' che ho detto basta e avanza!)!
Sono sempre stata abituata per forza di cose ad arrangiarmi(mi accompagnavo in colonia da sola con la bicicletta e mi riportavo a casa)!? Mia madre per qualche anno mi ha portata con se' al lavoro in una pensione...dove ho conosciuto una delle persone piu' speciali della mia vita!!! La sua amicizia e il bene che ci volevamo era reciproco e il distacco e' stato molto doloroso...ma la cosa che ha lasciato in me un trauma molto forte(ora superato e quando dico superato vuole dire superato!!! anche se e' stata durissima!!!)e' stato quando ho saputo del suo incidente che gli ha portato via per sempre l'uso delle gambe!!! Io ero sola e il trauma subito non ho potuto condividerlo adeguatamente...e questo si e' manifestato negli anni sotto forma di (aprite bene le orecchie...)un nodo alla gola e di un forte malessere interiore...quando ho preso coscienza(meno male...ma il mio percorso di consapevolezza e' stato lungo e difficile)di cio' ed ho elaborato il trauma(due anni)il nodo alla gola e' completamente: scomparso!!! Questo e' successo perche' volevo un bene immenso a quel bambino che per me rappresentava la prima figura(l'ho capito da adulta)maschile di cui mi sono fidata! Ho fatto negli anni delle esperienze con altre persone(un raduno...non ci conoscevamo tra di noi...anzi io sono stata indirizzata li con l'inganno da un'amica e la notte assieme a un'altra meditavamo l'evasione!). E li in quei cinque giorni ho potuto verificare che...non ero l'unica persona che aveva subito torti e traumi(che si manifestano anche fisicamente)ma ce ne erano di molte varieta'! Ognuno ha i suoi tanto per intenderci ma finche' non se ne prende coscienza consapevolmente e con sincerita' le cose non cambieranno mai!!! Tante le persone speciali che mi hanno aiutata in questo percorso...il perdono e' arrivato(difficile lo ammetto!)per me stessa e per coloro che mi hanno cresciuta che a loro volta erano vittime di altre vittime! Ma non si puo' continuare negli anni a dare la colpa di tutto a cio' che abbiamo subito...bisogna crescere e diventere responsabili per potere andare avanti con la vita e recuperare cio' che possiamo! L'uomo non e' qualcosa di statico come molti pensano(come la vita)ma di mutante e cioe' in continua crescita interiore e spirituale! Qui mi fermo e rispondendo alla mia cara amica Raffaella che dice bene quando dice che le etichette ce le facciamo mettere anche noi dagli altri:vero!! Io pero' la sindrome da crocerossina l'ho' superata(parlo solo per me stessa ora sia chiaro...)da un pezzo e le etichette le rimando al mittente e cioe' a quelle persone che ancora hanno un'evidente chiusura mentale verso il mondo e la vita(ma per carattere lascio a tutti il benefico del dubbio...a me per prima)!
Guai a che mi dice poverina!!! Non mi sono mai compatita e non lo faro' certo ora!
Ho solo raccontato un pezzetto della mia storia...ora sta a qualche altra persona coraggiosa! Nessun obbligo si intende!? Sono stata lunga e chiedo scusa...spero di potere approffondire assieme a voi con scritti piu' berevi! Un abbraccio........Daniela.
P.S. Un libro che mi ha molto aiutata (che mi e' capitato per caso tra le mani...anche se io al caso non ci credo)e' un libro dal titolo"La ferita dei non amati"...di Peter Schellenbaum.


  Visualizza il profilo di Daniela      Modifica/cancella questo Messaggio   Rispondi riportando il messaggio originario
stregatta


Registrato: Jun 26, 2003
Messaggi: 3782
Località: Bergamo
Inviato: 2003-08-01 20:15   
Cara Daniela! grazie x la tua esauriente esposizione; sapevo già della tua dura vita perkè ci scriviamo:-) è noto ke hai elaborato e tu stessa ti sei data delle risposte. Lo hai fatto cn rabbia, sicuramente perkè senti ancora viva in te la necessità di parlarne ed hai fatto bene; ma nel mio post ho lanciato come argomento la possibile influenza della mente sulla CFS/FMS........ora cara Daniela permettimi di dirti ke tu hai desiderato farlo e, ripeto hai fatto bene a raccontarti, ma forse qui ci sono persone ke non lo faranno NON PER MANCANZA DI CORAGGIO, ma semplicemente perkè hanno già elaborato in modo diverso, cn l'aiuto di qualcuno o solo perkè tutto è stato rielaborato e stanno meglio.......poi sai, i motivi possono essere vari e vanno rispettati:-) Anke io potrei dirti ke domani ricorre il compleanno del mio bimbo ke morì dopo 15 gg dalla nascita e ke in qst giorno ho un magone ke nn ti dico!! Ma nn sempre si ha voglia di dire tutto e di buttarlo fuori; tutto qui:-) un abbraccio e grazie x il consiglio sl libro..smack raffaella

  Visualizza il profilo di stregatta   Email stregatta      Modifica/cancella questo Messaggio   Rispondi riportando il messaggio originario
Daniela


Registrato: Mar 11, 2003
Messaggi: 1529
Inviato: 2003-08-01 21:02   
Vedi Raffaella raccontando la storia del tuo bambino tu ha fatto la stessa cosa!!
Hai ancora molto dolore dentro Raffaella!!!
Ti sei sentita costretta e oppressa dal mio racconto(quando io ho espresso chiaramente che nessuno e' obbligato a raccontarsi e permettimi di dire che se l'ho fatto l'ho fatto solamente per me stessa e anche per gli altri)! Di rabbia ne ho avuta tanta(e mi viene ancora per alcune cose:la rabbia e' un segnale che qualcosa non va')! Ma l'ho superata molto! Ti sei sentita tirata in causa quando ho parlato di coraggio...perche'??? Il coraggio e' riferito a me e a essere onesti ci vuole coraggio a raccontarsi.
Perche' continuare a chiudersi in se stessi??? Vogliamo parlare dei reali problemi psicologici che ci sono stati nelle nostre vite??? Allora niente scorciatoie!
Naturalmente nella piu' grande liberta'.
Ti abbraccio......Daniela.


  Visualizza il profilo di Daniela      Modifica/cancella questo Messaggio   Rispondi riportando il messaggio originario
Daniela


Registrato: Mar 11, 2003
Messaggi: 1529
Inviato: 2003-08-01 21:28   
I miei traumi li ho "superati" con l'aiuto di persone di fiducia(ho fatto anche della psicoterapia)ed e' per questo che li racconto in piena liberta' perche' mi sono sentita di farlo! Poi in che modo altre persone hanno elaborato i loro questo non lo voglio sapere se non vogliono raccontarlo!
Chiaro??? Tutte le sofferenze della vita si possono superare...ma lasciano sempre il segno e questo puo' influenzarci ancora consapevolmente o meno nella vita di ogni giorno cosi' come nella malattia???
Di cosa parla il libro di Hammer che stai leggendo??? Non racconta proprio le storia di una persona ammalata da trauma??? Che poi sia nato prima l'uovo o la gallina questo non lo sò: so' solo che voglio guarire al piu' presto e riprendere in meno le cose che ho scelto per la mia vita. Baci...Daniela.


  Visualizza il profilo di Daniela      Modifica/cancella questo Messaggio   Rispondi riportando il messaggio originario
Lele63


Registrato: Dec 22, 2002
Messaggi: 484
Inviato: 2003-08-04 15:24   
Cara Daniela, mi ha molto colpito la tua storia: anche io sono stata una bambina non amata o amata male. Ora sono stanchissima, non riesco a scrivere i particolari, ma praticamente non ho mai saputo cosa fosse una famiglia, i miei genitori si sono distrutti l'uno con l'altro e hanno distrutto noi loro figli, abbandonandoci poi al nostro destino con problemi più grossi di noi. Io come te ho elaborato e superato tutto (ma quanti anni, qanta disperazione e quanta fatica mi ci sono voluti), mentre purtroppo le mie due adorate sorelle e il mio dolcissimo fratello (io sono la primogenita) continuano a stare malissimo per via di ciò che non riescono ancora ad affrontare e ad accettare pur essenbdo ormai adulti, ed io mi sento impotente perchè li vedo soffrire e non riesco a fare niente di risolutivo per loro (ora sto superando anche la "sindrome da crocerossina", sto imparando ad accettare di vederli soffrire, ma è dura).
Ho letto anche io il bellissimo libro "La ferita dei non amati", è iniziata da lì la mia comprensione di qello che mi era successo, di perchè percepivo la vita solo come una interminabile sofferenza, e anche degli errori che facevo nel pormi verso il prossimo (cercavo inconsciamente un genitore sostitutivo e allo stesso tempo percepivo la figura genitoriale come qualcosa di completamente inaffidabile...e in più avevo un bisogno viscerale di ricevere amore...).
Dopo aver letto il libro di Schellenbaum ho incominciato a costruirmi una visione della vita più aderente alla realtà, senza mai negare il mio bisogno di amore ma cercando di conciliarlo con la realtà esterna. Ho imparato ad amarmi e a difendermi, e soprattutto a non calcolare il mio stato di benessere in base alla quantità di amore che ricevevo dagli altri. Ho imparato che è impossibile essere amati da tutti e che è sbagliato elemosinare amore da chiunqe.

Non so se tutto ciò abbia a che fare con la CFS. Chissà, forse il fatto di aver dovuto spendere tutte le mie energie sul campo emotivo (e anche fisico, già a vent'anni vivevo sola e dovevo mantenermi da sola) ha fatto in modo che il mio organismo non avese più energie per niente altro...

Sono stremata, scusatemi vi saluto
Un abbraccio a Daniela e Raffaella

Lele


  Visualizza il profilo di Lele63      Modifica/cancella questo Messaggio   Rispondi riportando il messaggio originario
stregatta


Registrato: Jun 26, 2003
Messaggi: 3782
Località: Bergamo
Inviato: 2003-08-04 16:07   
Quote:

(ora sto superando anche la "sindrome da crocerossina", sto imparando ad accettare di vederli soffrire, ma è dura).
Ho letto anche io il bellissimo libro "La ferita dei non amati", è iniziata da lì la mia comprensione di qello che mi era successo, ............e in più avevo un bisogno viscerale di ricevere amore...).
....... Ho imparato ad amarmi e a difendermi, e soprattutto a non calcolare il mio stato di benessere in base alla quantità di amore che ricevevo dagli altri. Ho imparato che è impossibile essere amati da tutti e che è sbagliato elemosinare amore da chiunqe.

Non so se tutto ciò abbia a che fare con la CFS. Chissà, forse il fatto di aver dovuto spendere tutte le mie energie sul campo emotivo (e anche fisico, già a vent'anni vivevo sola e dovevo mantenermi da sola) ha fatto in modo che il mio organismo non avese più energie per niente altro...



Lele



  Visualizza il profilo di stregatta   Email stregatta      Modifica/cancella questo Messaggio   Rispondi riportando il messaggio originario
stregatta


Registrato: Jun 26, 2003
Messaggi: 3782
Località: Bergamo
Inviato: 2003-08-04 16:21   
Cara lele, ho riportato dei pezzi, a mio avviso salienti del tuo post; hai centrato molto bene il problema e credo anke ke tu abbia acquistato se non una piena consapevolezza di quanto ti è accaduto, ma almeno ci sei vicina e molto!!
Anke io fino a poko tempo fà ho sofferto di "sindrome da crocerossina" ma poi ho dovuto mollare, troppe le energie ke i miei fratelli mi rikiedevano...sai ho fatto loro da mamma fin dall'età di 15 anni, qnd la mia morì allimprovviso x un ictus cerebrale alla sola età di 42 anni! eravamo in 5, tutti giovanissimi o piccoli se vogliamo! l'ultima aveva solo 7 mesi e x giunta affetta da sindome di Down!!! ho mollato la scuola x loro, facevo il ginnasio perkè volevo iscrivermi alla facoltà di medicina ed ho fatto il possibile x nn far sentire loro quella grande lacerazione ke è stata la morte improvvisa di una mammma meravigliosa...in + (e qst mi costa fatica dirlo) mio padre dopo poki mesi sposò la sua ex amante; i miei nn avevano un matrimonio felice ed anke qst minò la nostra integrità psicologica!!! ma molta acqua è passata sotto i ponti e nn ho mai condannato mio padre, l'amore può finire...e dopo 30 anni di cui i primi 15 durissimi....amo la mia matrigna xkè ha saputo tenere in piedi una famiglia anke dopo la morte di mio padre avvenuta solo dopo 11 anni di matrimonio!!! lei è stata brava, lo ha amato, lo ha curato qnd si è ammalato di cancro alla sola età di 57 anni......mi basta qst!!!! sono donna abbastanza x accettare e comprendere e sopratutto PERDONARE! :smile
Anke io cm te, credo ke le nostre energie spese nel momento di maggior bisogno, si siano esaurite e kissà! la CFS potrebbe essere anke qst, nn solo qst ovvio! diciamo una sua variante!!!
Leggerò il libro ke già mi aveva consigliato Dany........abbraccio te e daniela!!! e grazie x le vs.testimonianze!!! Con affetto Raffaella


  Visualizza il profilo di stregatta   Email stregatta      Modifica/cancella questo Messaggio   Rispondi riportando il messaggio originario
romeo


Registrato: Nov 24, 2002
Messaggi: 1927
Inviato: 2003-08-04 18:04   
Cara Stregatta,il Topic che hai aperto è sicuramente tra i piu' interessanti presenti sul forum.Ti chiedi e ci chiedi,se a farci ammalare sia potuto essere stato un motivo psicologico invece di una causa virale o tossica o altro. Dio solo sa quante volte ci ho pensato in questi 3 anni. Io stesso nel passato sono stato vittima di un forte attacco a livello psicologico,ci ho perso moltissimo a livello di serenità.Ma vedi,Cara Stregatta,Io ero consapevole che potevo cadere in depressione,nè avevo il timore conscio,tutto mi faceva presagire che mi sarei ammalato e di cio'nè parlavo spesso con mia moglie,tipo psicoterapia,per scaricare le emozioni negative.Sapessi la rabbia,il risentimento,il rimurginamento. Poi piano piano,con gli anni e il ragionamento ho superato la fase acuta,certo non sono tornato ad essere il bambino di prima,un po'credulone e sempre allegro,certe ferite lasciano il segno e ti cambiano nel profondo. Ma ti posso affermare di non essere mai caduto in depressione,nè in ansia,nonostante mi aspettassi il contrario. Ed è stata proprio tale aspettativa di depressione ed una strana coincidenza, accadutami nel 1996 a buttarci in errore di valutazione terapeutica,per cui all'inizio del 2000 diamo il La al calvario di cui oggi sono ancora vittima,(mentre la vera causa ci era sfuggita). Tutto questo racconto,per dire che i problemi psicologici,senz'altro possono mandare in depressione,ansia e psicosi gli esseri umani, ma non è la regola fissa. Molti escono indenni da problemi anche grossi. La sindrome da fatica è altra cosa,diversa dalla depressione,il sintomo principale cioe' la "FATICA",si instaura dopo ripetuti attacchi tossici al nostro organismo,nella depressione vera il sintomo"fatica" è diverso, non si prende nemmeno in considerazione.Gli Psichiatrici lo sanno bene. Vivere sotto sforzo per molto tempo butta giu',ma non commettiamo l'errore di confondere cio'con la depressione,sarebbe un errore letale. Pero' se simultaneamente alla sofferenza psicologica si dovesse sommare anche un fattore cronico organico interno o esterno,allora il discorso cambia radicalmente ed il risultato è la cfs o fm. Per cui è mia convinzione,che è piu'facile guarire le malattie mentali tramite la psico-terapia,mentre nei confronti di cfs/fm,esiste solo un modo per guarire eliminare la causa reale esterna o interna,o attendere serenamente che sia l'organismo stesso a farlo,e qui vengono utili tutti i sistemi di rilassamento/meditazione possibili. Vi saluto con affetto, e leggete attentamente,qualcuno puo'scoprire il suo fattore esterno o interno ma concreto,Io penso di esserci riuscito,adesso il problema è porvi rimedio.Romeo

[ Questo messaggio è stato modificato da: romeo il 2003-08-04 18:08 ]


  Visualizza il profilo di romeo      Modifica/cancella questo Messaggio   Rispondi riportando il messaggio originario
stregatta


Registrato: Jun 26, 2003
Messaggi: 3782
Località: Bergamo
Inviato: 2003-08-05 00:52   
Quote:

In data 2003-08-04 18:04, romeo scrive:
Cara Stregatta,il Topic che hai aperto è sicuramente tra i piu' interessanti presenti sul forum.Ti chiedi e ci chiedi,se a farci ammalare sia potuto essere stato un motivo psicologico invece di una causa virale o tossica o altro. Dio solo sa quante volte ci ho pensato in questi 3 anni. Io stesso nel passato sono stato vittima di un forte attacco a livello psicologico,ci ho perso moltissimo a livello di serenità.Ma vedi,Cara Stregatta,Io ero consapevole che potevo cadere in depressione,nè avevo il timore conscio,tutto mi faceva presagire che mi sarei ammalato e di cio'nè parlavo spesso con mia moglie,tipo psicoterapia,per scaricare le emozioni negative.Sapessi la rabbia,il risentimento,il rimurginamento. Poi piano piano,con gli anni e il ragionamento ho superato la fase acuta,certo non sono tornato ad essere il bambino di prima,un po'credulone e sempre allegro,certe ferite lasciano il segno e ti cambiano nel profondo................... Ma ti posso affermare di non essere mai caduto in depressione,nè in ansia,nonostante mi aspettassi il contrario................. Tutto questo racconto,per dire che i problemi psicologici,senz'altro possono mandare in depressione,ansia e psicosi gli esseri umani, ma non è la regola fissa................... Molti escono indenni da problemi anche grossi. La sindrome da fatica è altra cosa,diversa dalla depressione,il sintomo principale cioe' la "FATICA",si instaura dopo ripetuti attacchi tossici al nostro organismo,nella depressione vera il sintomo"fatica" è diverso, non si prende nemmeno in considerazione............... e leggete attentamente,qualcuno puo'scoprire il suo fattore esterno o interno ma concreto,Io penso di esserci riuscito,adesso il problema è porvi rimedio.Romeo

[ Questo messaggio è stato modificato da: romeo il 2003-08-04 18:08 ]



  Visualizza il profilo di stregatta   Email stregatta      Modifica/cancella questo Messaggio   Rispondi riportando il messaggio originario
stregatta


Registrato: Jun 26, 2003
Messaggi: 3782
Località: Bergamo
Inviato: 2003-08-05 01:06   
Caro Romeo, sono pienamente d'accordo con te quando affermi ke ognuno di noi ha una risposta soggettiva ad un trauma psicologico e ke, per fortuna, aggiungo, gli effetti nn sfociano sempre in ansia o depressione; ma nel mio topic nn parlavo di nessuna delle due!! Il problema ,Romeo è ke ci stiamo girando attorno senza trovare la via di accesso alla soluzione e ti spiego perkè: parli ti stato tossico cellulare giusto? e ki ci vieta di supporre ke questo cosiddetto "stato tossico: carenza di ossigeno, formazione di radicali liberi etc." possa essere causato sia da fattori psicologici ( e vi prego! qui nessuno stà parlando di patologie gravi psikike!)e sia da agenti esterni, come potrebbero essere i virus, il mycoplasma ect. etc.????? Rifletti su qst punto! Entrambi qst fattori sia psikici ke virali o fisici se ti piace di + il termine,portano ad uno stato di stankezza ke, a mio avviso, è STRESS.
Ed uso il termine STRESS nell'accezione + ampia del termine indicando un meccanismo di difesa del ns. organismo ke si difende poikè è stato attaccato!.......naturalmente nn sono medico ma qst è una mia convinzione sulla quale forse si potrebbe lavorare su due fronti: lo scatenarsi della CFS/FMS di orgine virale e quello causato da uno stress di lunga durata; ke alla fine convergono nel medesimo risultato: stankezza cronica etc.........kiedo umilmente scusa ma nn sn un tecnico, è solo il mio pensiero..........
P.S. ho riportato alcuni frasi del tuo topic perkè mi sembra ke tu sia entrato in contraddizione quando affermi ke hai avuto anke tu un periodo problematico, come del resto accade a milioni e milioni di persone, senza perè essere stato colpito da depressione, ma io nn ho affermato questo, semmai ho sofferto di ansia ke è ben diversa, almeno ti dà la carica ( o perlomeno x me è stato così) di andare avanti e SUPERARE.........con affetto a te e a tutti voi! Dolce notte Raffaella

[ Questo messaggio è stato modificato da: stregatta il 2003-08-05 01:14 ]


  Visualizza il profilo di stregatta   Email stregatta      Modifica/cancella questo Messaggio   Rispondi riportando il messaggio originario
Vai alla pagina ( 1 | 2 Pagina successiva )
  
Blocca questo Argomento Sposta questo Argomento Cancella questo Argomento
Powered by phpBB Versione 1.4.2
Copyright © 2000 - 2001 The phpBB Group

phpBB Created this page in 0.012408 seconds.