[Registrazione]  [Modifica profilo]  [Modifica Preferenze]  [Cerca]
[Messaggi privati]  [Lista degli utenti iscritti]  [FAQ]  [Entra]
salutemed.it Forum Index » » CFS Stanchezza cronica » » Peperoncino e dolori
Autore Peperoncino e dolori
romeo


Registrato: Nov 24, 2002
Messaggi: 1927
Inviato: 2005-04-21 21:08   
10/03/2005 Peperoncino, un "tesoro" mediterraneo contro i dolori


Uno studio clinico (320 persone suddivise in due gruppi di cui uno di controllo) ha dimostrato che l'applicazione locale di un impacco di capsicum nel trattamento della cervicalgia cronica non-specifica, offre significativi vantaggi e può rappresentare una valida alternativa alle terapie convenzionali.

La capsaicina applicata localmente diminuisce il dolore presente in diverse malattie: ad esempio la neuropatia diabetica, malattie reumatiche, cefalee, nevralgia post-herpetica.

di Roberto Suozzi

Fonte: La Repubblica Salute - 10/03/2005



  Visualizza il profilo di romeo      Modifica/cancella questo Messaggio   Rispondi riportando il messaggio originario
romeo


Registrato: Nov 24, 2002
Messaggi: 1927
Inviato: 2005-04-21 21:46   
La proloterapia -> Terapia per il dolore

Il dolore muscolo-scheletrico è un problema che riguarda circa l'80 % della popolazione mondiale. Le persone che ne soffrono e che non hanno risultati con farmaci, fisioterapia o altro vagano spesso da uno specialista all'altro alla ricerca di una soluzione che spesso non trovano. La proloterapia (dal prefisso prolo che sta per proliferare) risolve spesso in modo permanente il problema mediante un'azione di rinforzo dei legamenti la cui funzione è dare stabilità alla colonna e alle articolazioni periferiche. La proloterapia è una terapia che ha circa una cinquantina di anni di vita ed è stata molto utilizzata sia da osteopati che da medici allopati. Molto diffusa, sino a qualche tempo fa, sia nell'America del Nord, che in quella del Sud, consiste nell'iniezione nei tendini, nei legamenti o nelle articolazioni di svariati tipi di soluzioni, che, in linea di principio, innescano nella sede di iniezione un processo infiammatorio asettico. Esse, hanno nella zona di iniezione un effetto irritante che stimola l'attività di particolari cellule (fibroblasti) in grado di sintetizzare collagene. Questa sostanza è la stessa che si ritrova nelle cicatrici. Un incremento di produzione di collagene dovrebbe rinforzare le strutture nelle quali è stata iniettata, riducendo anche il dolore.

Una terapia mal condotta potrebbe peraltro causare danni, anziché benefici. E' molto importante quando si pratica la proloterapia non assumere farmaci antinfiammatori che rallentano o talora bloccano la reazione infiammatoria voluta. Il dolore localizzato che può presentarsi nei giorni successivi alla proloterapia è un segnale che la guarigione è in corso. In genere le sedute di proloterapia vanno intervallate le une dalle altre di un mese per dare tempo alla sostanza iniettata di portare a compimento la sua azione di ripristino della normale tensione del legamento. Il numero di trattamenti è molto variabile in funzione dei risultati che si ottengono di volta in volta.





  Visualizza il profilo di romeo      Modifica/cancella questo Messaggio   Rispondi riportando il messaggio originario
  
Blocca questo Argomento Sposta questo Argomento Cancella questo Argomento
Powered by phpBB Versione 1.4.2
Copyright © 2000 - 2001 The phpBB Group

phpBB Created this page in 0.007109 seconds.