[Registrazione]  [Modifica profilo]  [Modifica Preferenze]  [Cerca]
[Messaggi privati]  [Lista degli utenti iscritti]  [FAQ]  [Entra]
salutemed.it Forum Index » » CFS Stanchezza cronica » » "Chiusure mentali"
Autore "Chiusure mentali"
VITTORIA.V.


Registrato: Nov 20, 2004
Messaggi: 420
Località: Roma
Inviato: 2005-04-12 00:16   
KIO scrive nel topic “incontinenza….” :

“Quando nessuno sa spiegarsene le cause, quando il disturbo non è valutabile strumentalmente... la risposta del mondo della scienza è + o - "mah? sarà tutto nella testa!"
Insomma la mia impressione è che ciò che non è dimosrtabile finisce nel salvagente (per il mondo scientifico) dello PSICO-qualcosa...
dove tanto lì non si dimostra più niente!”

Anch’io ho avuto più volte la stessa impressione, e se per caso hai l’ardire di avanzare ai medici una qualche ipotesi o perché hai approfondito personalmente il tale argomento o perché ormai conosci bene il tuo corpo che ti manda segnali precisi o per intuizione (perché no!), vieni considerato paranoico, ipocondriaco, isterico o altro del genere (per fortuna non fanno così tutti i medici, non voglio generalizzare).
Purtroppo incomprensioni i pregiudizi è possibile incontrarli in ogni campo della vita e così mi è venuto in mente un bel brano “L’Occhio”di kahlil Gibran tratto da “Il folle”:

“Disse l’Occhio un giorno: “vedo oltre queste valli una montagna velata di nebbia azzurra. Non è stupenda?”
L’Orecchio ascoltò, e dopo aver ascoltato attentamente per un poco disse: “Ma dov’è la montagna? Io non la sento”.
Allora parlò la Mano e disse: “Sto cercando invano di avvertirla o toccarla, e non riesco a trovare nessuna montagna”.
E il Naso disse: “Non c’è nessuna montagna, non riesco a fiutarla”.
Allora l’Occhio si volse dall’altra parte, e tutti cominciarono a discorrere tra loro sulla strana illusione dell’Occhio. E dissero: “l’Occhio deve avere qualcosa che non va”.

Ciao Vittoria.



  Visualizza il profilo di VITTORIA.V.      Modifica/cancella questo Messaggio   Rispondi riportando il messaggio originario
Noumeno


Registrato: Jul 29, 2003
Messaggi: 629
Inviato: 2005-04-12 01:04   
Per molti medici quello che non c'è negli appunti universitari non esiste. E' un limite ricorrente in chi è pieno di certezze.

Ricordo ancora una frase del prof. Tirelli: "Un medico che non ascolta e non crede ai sintomi che il suo paziente gli confida è probabilmente un medico che dovrebbe cambiar mestiere".

PS: Monoclonato, come stai? Come va la cura?


  Visualizza il profilo di Noumeno   Vai al sito web di Noumeno      Modifica/cancella questo Messaggio   Rispondi riportando il messaggio originario
KIO


Registrato: Oct 29, 2003
Messaggi: 1275
Località: Lugano
Inviato: 2005-04-12 12:05   
Qualche settimana fa ho parlato con un medico di mia madre, un ottimo medico! e lo dico convinta, nel senso più largo del termine!, competente, curioso della sua materia e di tutto della vita, una bella persona! e ottimo porfessionista.

Mia madre parlava del giro di conoscenti che c'era attorno alla mia famiglia quando io ero bambina... tanti paramedici e qualche medico... motivo x cui in casa nostra nessun bambino aveva "il mal di pancia" ma aveva mal di stomaco, bruciori da fermentazione, bruciori da iperacidità, dolori al duodeno, infiammazione all'angolo colitico, troppo gas...
nessuno aveva "la tosse" ma la tosse secca o la tosse grassa, e si curavano diversamente...
ecc....

Insomma a 15 - 20 anni sapevo di tutto in materia e usavo un linguaggio proprio. molto più di ora! Ero in pace sull'argomento, avevo imparato queste cose come ho imparato a lavare i piatti, a cucinare, a fare i pagamenti alla posta.


Raccontavo al medico di cui sopra che la prima volta che sono andata da sola dal dottore (e non era del giro di conoscenti ahimè!), la prima cosa che hanno pensato è che fossi ipocondriaca.
Commento del mio interlocutore: "ahahaH! ma quello era il minimo!"

MA DOVE GLIELE INSEGNANO 'STE COSE?????????
secondo me questa è una scuola di pensiero!


  Visualizza il profilo di KIO      Modifica/cancella questo Messaggio   Rispondi riportando il messaggio originario
max


Registrato: Apr 26, 2003
Messaggi: 1902
Inviato: 2005-04-12 14:36   
E pensare che gli omeopati vanno a caccia dei sintomi bizzarri

  Visualizza il profilo di max      Modifica/cancella questo Messaggio   Rispondi riportando il messaggio originario
stregatta


Registrato: Jun 26, 2003
Messaggi: 3782
Località: Bergamo
Inviato: 2005-04-12 15:00   
Cara Vittoria hai aperto un argomento molto interessante e molto bella è la metafora che hai raccontato.................

Avevo aperto di propostito il 3ad sull'incontinenza, perchè è un sintomo fastidiosissimo che colpisce molte CFSsine, e forse anche CFSsini, se ne parla poco perchè si prova vergogna, ma il problema esiste eccome!

In alcuni periodi si fà sentire di più, in altri periodi è meno presente...........

x conto mio, soffro di un'incontinenza da urgenza e da vescica piena che non trattiene, la seconda causa, dovuta ai tre parti di cui 2 distocici............

ma la CFS incide tantissimo in tal senso, perchè pare che, secondo autorevoli ricerche, l'ormone antidiuresi viene bloccato dalla nostra sindrome ed ecco la causa della poliuria, dell'urgenza e della vescica sempre piena..................

ahimè, anche qst fattori che potrebbero sembrare insignificanti, sono invece molto imbarazzanti, invalidanti quando si è in giro etc. etc........


Fino a metà degli anni '90, mi vergognavo di riferire alla mie amiche che mi invitavano fuori, per una passeggiata o al cinema, di raccontare la verità e cioè che avrei dovuto avere sempre la necessità di avere un bagno a disposizione...............poichè sono anche molto schizzinosa il problema si amplificava ulteriormente..............

ora ne parlo serenamente e qst mi aiuta molto perchè ho potuto constatare quanto sia frequente qst sintomo nella ns sindrome; lo scambio di informazioni, il sapere che non siamo "anomali" anche perchè facciamo più pipì...........sdrammatizza molto la situazione.........

certo i risvolti negativi restano..........ma poi ci si ingegna ;-P


  Visualizza il profilo di stregatta   Email stregatta      Modifica/cancella questo Messaggio   Rispondi riportando il messaggio originario
KIO


Registrato: Oct 29, 2003
Messaggi: 1275
Località: Lugano
Inviato: 2005-04-12 15:01   
Infatti quando ho letto
il "GRANDE INTERROGATORIO" x omeopati (link già presente da qualche parte in forum), per la prima volta mi sono sentita "capita" ...

Però maxino...
se riedci a mettere le mani su delle enciclopedie mediche stampate ento gli anni '50... Cavoli lì tutti i ragionamenti funzionavano come tutti desidereremmo!
Sintomo + sintomo + sintomo fino alla comprensione del quadro!
Non solo, al racconto del paziente veniva attrtibuito valore diagnostico, frasi tipo "in questi casi, in genere, il paziente dice che..." sono frequentissime in quei testi.

Perché questo spirito è andato perso nella medicina tradizionale???

Riflettete e cercate cosa ha preso piede nel frattempo.
x me la risposta è lì.


  Visualizza il profilo di KIO      Modifica/cancella questo Messaggio   Rispondi riportando il messaggio originario
romeo


Registrato: Nov 24, 2002
Messaggi: 1927
Inviato: 2005-04-12 18:13   
Chiusura mentale,bel titolo,tutto un programma se riferito ai medici.Sono anni,ormai,che ritengo che in campo medico,abbiamo avuto una grande separazione del problema patologico.Infatti,la medicina ufficiale è tutta concentrata sulle malattie degenerative,"serie",lasciando in un cantuccio o snobbando le patologie funzionali,ritenute poco importanti,perchè non pericolose per la vita del paziente.Tale scelta,a prima vista,potrebbe risultare voluta dai medici allopatici,ma la verità è che non avendo le basi per capire certi sintomi,tali medici,hanno assunto il comportamento di racchiuderli nel psichico,lavandosi le mani come Ponzio Pilato.In loro aiuto, l'invenzione della psicosomatica,col risultato,di salvare la faccia.Ma la grande avanzata della medicina olistica,ha spinto e spingerà sempre piu'medici allo studio di certi principi e sintomi funzionali,e spuntano come i funghi i centri ed i medici,che praticano la cosidetta altra medicina.I concetti ed i principi delle due medicine si pongono tra loro agli antipodi,e chi dice di operare una sintesi tra le due,mente sapendo di mentire.Spesso s'incontrano medici, titolari di centri di ricerca sull'omeopatia,agopuntura,M.T.C.,ayurvedica,ecc.ecc.,che sono anche piu'pericolosi,dei colleghi scettici di tali discipline mediche.Infatti,tali medici,pur avendo studiato ed approfondito certi nuovi concetti,non sanno dialogare col paziente,predicano bene ma razzolano male,sono vittime di preconcetti,che spesso non permette loro di capire il paziente,e quindi di capire il sintomo.Cio'denuncia tutta la difficoltà a spogliarsi del tutto dall'arroganza e dai vecchi modi di vedere e sentire il paziente.Qui'stà tutta la differenza tra un buon e un cattivo medico,sapere ascoltare chi porta la sofferenza,senza preconcetti e pregiudizi.Romeo

[ Questo messaggio è stato modificato da: romeo il 2005-04-12 18:14 ]


  Visualizza il profilo di romeo      Modifica/cancella questo Messaggio   Rispondi riportando il messaggio originario
VITTORIA.V.


Registrato: Nov 20, 2004
Messaggi: 420
Località: Roma
Inviato: 2005-04-12 22:55   
Io sono fortunata, attualmente mi trovo molto bene con i miei medici (1 omeopata, 1 omotossicologo), c’è dialogo, disponibilità all’ascolto e alle novità, però anch’io in passato ho avuto esperienze negative sia con medici allopatici che omeopati. Un vero medico omeopata non tralascia nulla durante “l’interrogatorio” che, come viene definito nel libro “Omeopatia per la famiglia” che consulto spesso: “… è la parte più rilevante della visita omeopatica in quanto consente di analizzare in dettaglio i sintomi di cui spontaneamente il paziente parla, e di passare al vaglio anche settori, organi e zone fisiche e mentali apparentemente indenni….” . E ancora “…La visita omeopatica è molto lunga. In effetti, dedicare molto tempo alla raccolta della informazioni ha un duplice obiettivo: da una parte risponde all’esigenza di conoscere nei dettagli i sintomi presentati dal paziente, sia quelli più legati alla malattia , sia quelli che apparentemente lo sono meno ma che spesso si rivelano determinanti per la scelta del rimedio; dall’altra parte permette si stabilire un rapporto più ampio, che facilita una conoscenza approfondita della personalità del paziente, della sua vita, delle sue relazioni e delle tematiche psicologiche dominanti che sono d’aiuto per una prescrizione più accurata..” “..L’obiettivo della visita omeopatica è quindi quello di arrivare a una visione “storica” dei sintomi presentati dal paziente..La visione globale, storica, che aiuta a chiarire la complessità del presente, è raccolta attraverso un’analisi accurata, che impiega gli strumenti di osservazione, dell’interrogatorio e della visita vera e propria….”. ecc… ecc..
Io ho cercato e cercato nonostante le delusioni, prima di trovare il medico giusto, perché credevo fortemente nei principi della medicina omeopatica; il mio consiglio,è di tenere gli occhi ben aperti ma allo stesso tempo di non arrendersi.
Vittoria.



  Visualizza il profilo di VITTORIA.V.      Modifica/cancella questo Messaggio   Rispondi riportando il messaggio originario
romeo


Registrato: Nov 24, 2002
Messaggi: 1927
Inviato: 2005-04-12 23:38   
Molti anni fà conobbi un vero medico omeopatico,era come racconti tu,Vittoria,e come deve essere un medico omeopatico.Nella mia fase di patologia,ho incontrato solo cialtroni,improvvisati,medici meglio a perderli che a trovarli,Saro'sfortunato forse,ma lo vorrei proprio trovare un medico con le p°°°°le.Forse noi del Sud sarà "speriamo che me la cavo".

  Visualizza il profilo di romeo      Modifica/cancella questo Messaggio   Rispondi riportando il messaggio originario
stregatta


Registrato: Jun 26, 2003
Messaggi: 3782
Località: Bergamo
Inviato: 2005-04-12 23:40   
...............ah!!! trovarli omeoapati così!!!!


x vittoria: ki ha scritto " omeopatia per la famiglia"? grazie...

notte serena a tutti.......Raffa

[ Questo messaggio è stato modificato da: stregatta il 2005-04-12 23:41 ]


  Visualizza il profilo di stregatta   Email stregatta      Modifica/cancella questo Messaggio   Rispondi riportando il messaggio originario
VITTORIA.V.


Registrato: Nov 20, 2004
Messaggi: 420
Località: Roma
Inviato: 2005-04-12 23:58   
"Omeopatia per la famiglia" (euro 15,50)
G.Fasani-P.Gianfranceschi-A.Speciani
Fabbri Editori

(Principali rimedi-Prontuario per le malattie comuni-Storia e principi fondamentali dell'omeopatia).


  Visualizza il profilo di VITTORIA.V.      Modifica/cancella questo Messaggio   Rispondi riportando il messaggio originario
stregatta


Registrato: Jun 26, 2003
Messaggi: 3782
Località: Bergamo
Inviato: 2005-04-12 23:59   
Grazie!"!! ke velocità molto gentile!!!

  Visualizza il profilo di stregatta   Email stregatta      Modifica/cancella questo Messaggio   Rispondi riportando il messaggio originario
  
Blocca questo Argomento Sposta questo Argomento Cancella questo Argomento
Powered by phpBB Versione 1.4.2
Copyright © 2000 - 2001 The phpBB Group

phpBB Created this page in 0.010663 seconds.