[Registrazione]  [Modifica profilo]  [Modifica Preferenze]  [Cerca]
[Messaggi privati]  [Lista degli utenti iscritti]  [FAQ]  [Entra]
salutemed.it Forum Index » » CFS Stanchezza cronica » » I micoplasmi.... ultime notizie....
Autore I micoplasmi.... ultime notizie....
icci


Registrato: Dec 28, 2004
Messaggi: 168
Località: Venezia
Inviato: 2005-01-20 11:25   
Da un sito italiano queste riflessioni....
Saranno vere o no questo non mi permetto di esprimerlo.
Comunque la lettura è interessante, naturalmente i vari collegamenti ad antibiotici o farmaci non deve essere inteso come fai da te ma sotto controllo medico....
Alcuni sconsigliano tali cure.... altri invece ne traggono giovamento. La verità si sà sta nel mezzo!


Opzioni di trattamento per le infezioni da micoplasmi.

Il negativo impatto di un’infezione da micoplasmi sul sistema immunitario degli esseri umani è indiscusso. A causa delle loro capacità di attivare e/o sopprimere il sistema immunitario, sono ora considerati fra i colpevoli di molte malattie autoimmuni. Gli studiosi stanno tutt’ora discutendo sul tipo di sequenza secondo il vecchio detto: “è nato prima l’uovo o la gallina?” I micoplasmi cominciano a crescere per primi e poi indeboliscono e mettono fuori regola il sistema immunitario?Oppure un sistema immunitario indebolito da stress, cattive abitudini alimentari o altre malattie permette ai micoplasmi di impadronirsi di esso così da dare inizio alla loro crescita opportunistica e a infezioni che hanno come effetto malattie e un indebolimento e un disequilibrio del sistema immunitario? La risposta è probabilmente entrambe i casi e questo è l’aspetto più critico del trattamento delle infezioni da micoplasmi. In pazienti con immunodeficienza può essere molto difficile trattare queste infezioni con un ampio numero di antibiotici adatti visto che essi stessi sono immunosoppressori. Nonostante le tetracicline e le eritromicine (tipi di antibiotici) siano efficaci per alcune infezioni da micoplasmi, i M. fermentans, M. hominis e M. pirum di solito sono resistenti all’eritromicina, mentre è stato riportato che i M. hominis e Ureaplasma urealyticum sono resistenti alle tetracicline. Comunque questi antibiotici hanno una capacità veramente limitata di eliminare direttamente questi microorganismi e la loro efficacia dipende eventualmente da un sistema immunitario ospite in buone condizioni.
Questi tipi di antibiotici inibitori delle proteine bloccheranno l’adesione proteica del micoplasma alle cellule ospite ma non lo elimineranno direttamente. Con un sistema immunitario già indebolito, molti pazienti perdono la capacità di opporre una forte risposta degli anticorpi contro questi subdoli patogeni.

Nonostante ciò molti medici e reumatologi stanno trattando i loro pazienti con artriti, sindrome da affaticamento cronico, fibromialgia e altre infezioni da micoplasma con terapie antibiotiche di lungo termine. Uno dei protocolli più comuni comprende la rotazione di cicli multipli di sei settimane con Minociclyne o Doxycycline (200-300mg al giorno), Ciprofloxacin (1500 mg/giorno), Azithromycin (250-500 mg/giorno) e/o Clarithromycin (750-1000 mg/giorno). Spesso gli effetti collaterali di questi potenti antibiotici possono essere peggiori dei sintomi delle malattie che stanno trattando, visto che può essere necessaria una terapia antibiotica lunga minimo sei mesi- fino a due anni. Molti medici ora ritengono che gli antibiotici non dovrebbero essere usati solo ed esclusivamente per trattare le infezioni da micoplasmi, senza cercare di favorire la ricostruzione del sistema immunitario che è un imperativo per una guarigione completa e l’eliminazione completa dell’infezione. Altri stanno usando diversi antibiotici naturali che si trovano nelle piante che in qualche caso possono essere anche più efficaci dei farmaci senza, o con pochi, effeti collaterali o influssi negativi nell’organismo. Questi comprendono gli estratti di foglie di olivo, olio di neeem, il Myco+, una formula multierbe specificamente studiata per i micoplasmi e altre piante con documentate proprietà antimicrobiche.

Uno dei principali effetti collaterali degli antibiotici, sia di origine naturale dalle piante o chimico, è la perdita della flora batterica che è necessaria all’apparato gastrointestinale per un’appropriata digestione ed eliminazione. Nessun antibiotico può distinguere fra un batterio utile ed uno dannoso. Quindi, ogni volta che deve essere somministrato un antibiotico, specialmente per un lungo periodo, si consiglia di prendere anche una formulazione di probiotici per rimpiazzare i batteri utili per evitare effetti secondari come la candida e la crescita di funghi che possono provocare difficoltà digestive e di eliminazione e altri effetti collaterali.
Molti probiotici sono disponibili come prodotti da banco nelle farmacie o nelle erboristerie. Questi mettono assieme queste colture vive di batteri utili come il Lactobacillus acidophilous, il Lactobacillus bifidus e altri batteri con i FOS (frutto-oligosaccaridi) per favorire la crescita nell’apparato gastrointestinale. E’ importante assumere questo tipo di integratori quando si prendono antibiotici di qualsiasi tipo, meglio se presi 3-4 ore prima o dopo la dose di antibiotico. Anche lo yogurt intero contenente il L. acidophilus è una buona fonte di questi batteri utili.

Un altro comune effetto secondario quando si prendono gli antibiotici si chiama “reazione di Herxeimer”. Questa ricorre quando gli organismi muoiono ed è generalmente la prima indicazione che la terapia antibiotica funziona. I sintomi associati alla Herxeimer comprendono: brividi, febbre, sudorazione notturna, dolori articolari e muscolari, annebbiamento mentale e forte affaticamento. In funzione della gravità dell’infezione, questi sintomi possono durare 1-2 settimane,qualche volta più a lungo e possono variare di intensità. Bere almeno due litri di acqua filtrata al giorno per eliminare gli organismi dal corpo è utile per ridurre l’intensità e la durata della reazione di Herxeimer. Un altro rimedio naturale per ridurla e ritenuto utile anche per aiutare le ghiandole linfatiche a filtrare e rimuovere gli organismi morenti consiste nel bere una miscela di olio d’oliva e limone. Per preparare questo rimedio naturale, mettere un limone (lavato) intero con la buccia in un frullatore, aggiungere una tazza di succo di frutta o acqua e un cucchiaio da tavola di olio extravergine d’oliva. Frullare il tutto fino ad ottenere un preparato morbido, quindi filtrare e bere il liquido scartando la polpa.

Non appena i micoplasmi sono sotto controllo da parte di qualche forma efficace di antibiotico (naturale o farmaco), ripristinare i nutrienti drenati dalle cellule infette può aiutare a velocizzare la riduzione dei sintomi. Per un completo recupero da un’infezione da micoplasmi è necessaria e utile un’ integrazione multivitaminica con extra dosi di vitamine C, D, E, coenzima Q10, beta-carotene, quercetina, acido folico, bioflavonoidi e biotina.

E’ stato dimostrato che ripristinare con integrazioni gli amminoacidi andati perduti può essere utile nel recupero da queste infezioni. Questi comprendono gli aminoacidi L-cisteina, L-tirosina, L-glutamina, L-carnitina e acido malico. Ricordare comunque che i micoplasmi crescono con l’arginina! Evitare integrazioni con L-arginina o formulazioni multi aminoacidi che la contengono, come pure alimenti ricchi di arginina per evitare di nutrire i micoplasmi. Gli alimenti (da evitare) che la contengono in maggiore quantità sono noci e semi, inclusi gli olii derivati da semi e noci che dovrebbero essere eliminati o ridotti drasticamente dalla dieta.

Altri utili integratori per ripristinare i nutrienti andati perduti a causa dei micoplasmi sono generalmente indicati a seconda di quali specifiche cellule i micoplasmi si siano nutriti e a quali nutrienti siano stati esauriti. Specificamente per i pazienti con fibromialgia, alcune ricerche suggeriscono che molti degli ormoni e degli enzimi prodotti dal sistema neuroendocrino e dall’assse ipotalamo-ipofisi-surrenali vengono perduti o funzionano male, il che può essere la causa di molti dei sintomi che si riscontrano in questi pazienti. Per i pazienti con fibromialgia si sono dimostrate utili terapie ormonali sostitutive con ormoni tiroidei o altre integrazioni naturali di supporto ormonale quali Dhea, progesterone e pregnenolone e l’erba con capacità di supporto endocrino Maca (Lepidium meyenii).

Ultimo e più importante è il supporto nutrizionale del sistema immunitario. In commercio ci sono diversi prodotti naturali che possono stimolare e aiutare il sistema immunitario. Uno dei più efficaci è l’estratto di una pianta amazzonica, l’unghia di gatto (uncaria tomentosa) cat’s claw per gli anglosassoni. L’uncaria è anche una buona fonte di proantocianidine antiossiddanti, proprio come i semi della vite, ma senza il loro contenuto di arginina che li rende un ottimo nutriente naturale per le infezioni da micoplasmi. Altri prodotti naturali in grado di supportare il sistema immunitario comprendono l’ IP6, estratti di funghi, echinacea e integratori a base di colostro. Un’altra importante considerazione è l’eliminazione dei farmaci che possono deprimere il sistema immunitario. Il dott. Garth Nicolson, uno dei maggiori esperti sui micoplasmi dichiara: “ Abbiamo raccomandato che i pazienti smettano si prendere farmaci anti-depressivi e altri potenzialmente immuno soppressori. Alcuni di questi farmaci sono utilizzati per alleviare certe condizioni e sintomi, ma secondo la nostra opinione, possono interferire con la terapia e andrebbero quindi gradualmente ridotti o eliminati.” Questo naturalmente dovrebbe essere consigliato per molti pazienti con fibromialgia e sindrome da affaticamento cronico a cui di solito sono prescritti questi farmaci.

BIBLIOGRAFIA
1. Nicolson, et.al., Diagnosis and Integrative Treatment of Intracellular Bacterial Infections in Chronic Fatigue and Fibromyalgia Syndromes, Gulf War Illness, Rheumatoid Arthritis and Other Chronic Illnesses. Clinical Practice of Alternative Medicine 2000; 1(2) 42-102




  Visualizza il profilo di icci   Email icci      Modifica/cancella questo Messaggio   Rispondi riportando il messaggio originario
  
Blocca questo Argomento Sposta questo Argomento Cancella questo Argomento
Powered by phpBB Versione 1.4.2
Copyright © 2000 - 2001 The phpBB Group

phpBB Created this page in 0.007043 seconds.