[Registrazione]  [Modifica profilo]  [Modifica Preferenze]  [Cerca]
[Messaggi privati]  [Lista degli utenti iscritti]  [FAQ]  [Entra]
salutemed.it Forum Index » » CFS Stanchezza cronica » » Il nostro forum è in crisi?........cerchiamo di vedere anche oltre..........
Vai alla pagina ( 1 | 2 Pagina successiva )
Autore Il nostro forum è in crisi?........cerchiamo di vedere anche oltre..........
stregatta


Registrato: Jun 26, 2003
Messaggi: 3782
Località: Bergamo
Inviato: 2004-12-23 22:10   
Care amiche ed amici di questo forum, un po’ congelato in questi giorni pre-natalizi, per motivi conosciuti e non conosciuti.
Ci saranno delle “correnti sotterranee” che hanno scombussolato, come un piccolo terremoto il nostro mondo virtuale……………….

Mi dispiace, per tutti coloro che hanno postato in pbl il loro disagio vissuto in questi giorni, e mi dispiace perché sicuramente nei pvt accadrà ben altro e di certo poco vantaggioso per tutti noi, nonché per lo scopo di questo forum.

Non voglio fare polemiche, non è nelle mie intenzioni né alla portata delle mie energie; inoltre dopodomani è Natale, una ricorrenza sacra, che come tale và rispettata.

Ho aperto questo nuovo topic perché ho seguito, lunedì scorso, lo speciale del Tg1 sul Sudan del Nord, che vive una situazione drammatica, una “guerra interna” dimenticata da tutti e, soprattutto che non interessa ai cosiddetti paesi ricchi e sta devastando una nazione ricca di storia, di tradizioni.
Una lotta intestina che lascerà se e quando tale genocidio finirà, una nazione devastata da tragedie che in TV sono “solo” state raccontate dai protagonisti vittime, in età infantile o adolescenziale, e solo a sentirli fanno riflettere…………e fanno rabbrividire.

Fanno riflettere su come la scala dei beni, sia affettivi che dei bisogni primari, siano lontanissime, e di come la vita umana, in quel posto dell’Africa, conti NULLA.

Per non essere prolissa, vi racconto in breve cosa accade; spero di saper sintetizzare gli orrori che ho ascoltato dalle voci di BAMBINI; bambini che dovrebbero essere uguali ai nostri, quelli fortunati, quelli nati nel benessere, che sono subissati di giochi e che nulla sanno di quello che accade ai loro coetanei sudanesi drammaticamente straziati e strappati alle loro famiglie.

I guerriglieri, capitanati da un folle sanguinario contro il governo del Sudan, rapiscono i bambini nei villaggi poverissimi delle campagne; li torturano; i loro fratellini vengono uccisi davanti ai loro occhi per creare un clima di terrore e per far capire che non possono più scappare.

I racconti dei bambini, riscattati o sfuggiti ai guerriglieri, sono orribili: non ho mai ascoltato cose più tragiche e drammatiche vissute da bambini; pensate che per dimostrare obbedienza ai guerriglieri, vengono costretti ad uccidere, a colpi di bastone, un loro amichetto; il rifiuto di tale costrizione, significa morte sicura!!!
Così il bambino DEVE massacrare il suo amico a bastonate, ferocemente, lo vede e sente urlare, fino a che non muore; ma l’abominio non è finito, devono maciullarlo, il cervello deve uscire dal cranio spappolato e poi il “carnefice” deve camminare sui brandelli della vittima o leccarne il suo sangue dalla falce o dal bastone.

Questi atroci ed inenarrabili racconti, vengono descritti dai bambini. Essi devono essere recuperati da associazioni che operano in quel territorio, attraverso i disegni; disegni strazianti, che servono a far affiorare le atrocità alle quali sono stati sottoposti queste giovani vite.

Alcuni sono stati intervistati, perché erano nella fase in cui potevano iniziare a parlarne; mi è difficile davvero riscrivere quello che ho sentito.

A molti bambini rapiti, che venivano fatti camminare ore e ore nei boschi insieme ai loro fratellini o sorelline, sono stati massacrati gli stessi fratellini o sorelline, che non riuscivano a sostenere il peso e la fatica della marcia; ad una piccola bimba sono state falciate le braccia ed è stata lasciata a morire lì, mentre il fratellino atterrito aveva assistito alla scena.

Ho pensato a noi, alla nostra malattia, ai nostri tempi, cosiddetti “moderni”; una società che non ci permette che ci si ammali, uno Stato che non ci assiste nella malattia e ci priva di garanzie.
Poi ho ripensato a loro, a quei bambini, a quelli che vogliono sfuggire i guerriglieri che vanno a rapirli nei villaggi di notte, e percorrono molti km ogni giorno per andare a dormire nel cortile sicuro di un ospedale cittadino, sulla terra, coi loro tappetini di fortuna; i più grandi che si occupano dei più piccoli; al freddo notturno africano; senza un cuscino, lontano dai loro genitori che, non sanno li se ritroveranno vivi il mattino dopo. E il giorno dopo, se sono fortunati, cioè se non vengono rapiti dai guerriglieri, tutto ricomincia all’alba, quando rientrano nei loro villaggi per poi ripetere la stessa lunga ed interminabile marcia di dolore prima del tramonto del giorno dopo…………….per salvarsi……………

Ci sarebbe ancora molto da raccontare su quello che ho visto, ma mi piacerebbe invece che, tutti noi, riflettessimo.

Direte che è la solita frase che ci viene detta: cioè quella di guardare chi sta peggio; ma in questo caso, care amiche e cari amici NON è proprio così.

Vi chiedo, e spero mi rispondiate con sincerità, previo un piccolo esame di coscienza: perché questo inutile, sterile, astio, su un forum di ammalati?

Guardando la dignità riflessa negli occhi dei bambini, mentre raccontavano le loro terribili storie, mi sono sentita annichilita. Ho confrontato così, per un attimo, la nostra piccolissima e virtuale comunità; e mi sono chiesta il perché si è perso di vista lo scopo di questo forum, perché sono state mosse delle accuse di ipocrisia e di falsità ad alcune persone, e perché esisterebbero, su questo forum, persone false ed ipocrite.

Allora pensavo a quei dignitosi e GRANDI bambini, ed il paragone era terribilmente squallido, a nostro sfavore.

Come possiamo immaginare, che le nostre forze politiche, composte da uomini e donne come noi, possano davvero prenderci in considerazione se, quegli stessi uomini e donne si comportano come stiamo facendo noi da un po’ di tempo in qua; in una realtà totalmente virtuale…………….ed allora mi chiedo: se fossimo uno di fronte all’altro, cosa faremmo? …in caso di disaccordi, in caso di opinioni discordanti?.........NON SO!!

Allora, se davvero le cose sono giunte a questo livello, questo forum, a mio avviso, non avrebbe più motivo di esistere e faremmo bene a fare ammenda sulle cause di ciò che accade.


Uno degli scopi del forum infatti, è, inequivocabilmente, quello di creare le condizioni affinché, sia il mondo politico che quello della sanità, diventino, a loro volta, consapevoli delle condizioni reali in cui versa un ammalato di CFS: di ciò che essa comporta, i suoi riflessi sulla vita quotidiana, l’individuare ciò che gli può veramente essere utile per arrivare, quantomeno, ad una parziale guarigione, ove la stessa sia possibile.

Il forum serve altresì, a creare un momento di autentica solidarietà tra i suoi partecipanti. Un punto di partenza per aspettative che nel corso del tempo potranno maturare.

Sullo stesso, lo dico per qualcuno arrivato di recente che evidentemente non ha elementi di conoscenza in merito, si possono affrontare, e si è già fatto ampiamente pure in passato, ogni sorta di argomento che abbia pertinenza con la condizione dell’individuo: è sufficiente andare a controllare i livelli di dibattito intercorsi fino a qualche tempo fa, per rendersi conto che il nostro forum FOCALIZZAVA in modo positivo l’attenzione; e, perché no, esso è disponibile, naturalmente, anche per chi non ha i nostri problemi e sia animato, al di fuori di ogni retorica, da intenti costruttivi e di confronto solidale.

Far leva sulla buona fede altrui, o se si preferisce, sulla loro ingenuità o incapacità valutativa non è corretto, poiché la mistificazione, peraltro, conduce di sovente ad una sorta di identificazione con l’altro che, solo DOPO, si dimostra come deleteria, poiché sarà stato il tempo a dare le risposte che sarebbero invece state utili prima.
La storia umana, è piena di esempi che possono dimostrare come sia vero quanto anzidetto. Credo che ognuno sia perfettamente in grado di individuare almeno alcuni di tali esempi che, naturalmente, la società attuale ci ripropone di continuo con connotazioni diverse.
Faccio rilevare che qualche nostro amico, giustamente, prima che si pervenisse alla situazione attuale, determinata da incursioni pervicaci e screditanti per il forum per motivazioni che, al momento sfuggono, e che per il futuro mi auguro possano essere adeguatamente elaborate ed arginate dagli interventi che ognuno riterrà di fare; dicevo, qualche nostro amico ha confidato sul forum i propri stati d’animo, sapendo di potersi fidare e nel contempo per mitigare il peso del proprio dolore.

Oggi, mi sembra che tali condizioni stiano venendo meno, ed è per tale ragione che chiedo a coloro che desiderano una autentica valorizzazione di questo forum: che lo vogliono intendere come luogo di crescita, di confronto e di riferimento, un loro giudizio, tenendo presente il contenuto di quanto postato negli ultimi tempi impiegando un piccolo sforzo di attenzione per ciò che cela l’animo tra le righe. Ciò contribuirà certamente a ridare fiducia ed a creare una nuova aggregazione che possa costituire elemento di ottimismo e di collaborazione, dando maggior impulso al forum anche per far ricredere chi, qualche giorno fa’, faceva balenare una sostanziale perdita di credibilità.
Alla luce di quanto sopra, ritengo pertanto che, anche in relazione “all’invito a sparire dal forum” presentato in modo perentorio nei confronti di chi ha voluto partecipare ed interloquire, mi sembra correttamente, pur se non malato di CfS, mi appare eccessivo ancorché, è bene precisare che egli è senz’altro incorso in un problema di personalità.
Ritengo siano più gravi le espressioni di tipo aggressivo, se non offensive, che a volte sono state adoperate; senza trascurare che a molti di noi è capitato di consigliare il tale farmaco o il talaltro rimedio.
Un ulteriore chiarimento è opportuno fare in relazione alla possibilità di condensare un giudizio, anche se parziale, attraverso il mezzo telefonico: ritengo che sia possibile, tanto che, molte divergenze di opinioni sono state poi affrontate telefonicamente nel caso specifico, e, più in generale, ciò avviene normalmente.
Desidero infine sottolineare ancora, che taluni comportamenti, il modo di porsi rispetto agli altri o il desiderio di certe iniziative, affiorate ultimamente, spesso servono solo a puntellare sentimenti di irrilevanza di insignificanza e di impotenza di cui spesso l’individuo soffre.
Tale condizione determina le persone ad acclarare una idea di sé da parte degli altri quanto migliore possibile, inducendoli ad una erronea considerazione nei propri confronti, mentre in altri casi, si verifica l’esatto contrario, attirando invero la disistima altrui.
Occorre, credo, sempre una giusta cautela quando si tratta di indicare la pagliuzza nell’occhio dell’altro.

Raffaella






[ Questo messaggio è stato modificato da: stregatta il 2004-12-23 22:11 ]

[ Questo messaggio è stato modificato da: stregatta il 2004-12-24 00:19 ]


  Visualizza il profilo di stregatta   Email stregatta      Modifica/cancella questo Messaggio   Rispondi riportando il messaggio originario
Marialuisa


Registrato: Oct 01, 2003
Messaggi: 1536
Inviato: 2004-12-24 18:18   
La trasmissione televisiva di cui parla Raffaella l'ho vista anch'io e, ovviamente, le sensazioni sono state le stesse provate da lei: non si poteva fare altrimenti.....

Vorrei aggiungere ( perchè si dice sempre che "tanto l'Africa è lontana...." ) che si puo' sempre fare un "giro" nei vari ospedali, anche quelli infantili, magari in oncologia e "osservare" cio' che sta' avvenendo.....Dopodichè, confrontarsi allo specchio ( il famoso "specchio"....) .......

Credo allora che, una risposta adeguata, arrivi proprio come illuminazione: vogliamo "godere" di cio' che giorno dopo giorno possiamo dare e di cio' che ci è dato di ricevere, cercando di VEDERE non solamente la situazione, il luogo o la persona che ci crea disagio ma anche cio' che quella situazione, quel luogo o quella persona possono rappresentare, in concreto e in POSITIVO, per la nostra CRESCITA PERSONALE ??

Siamo esseri umani in mezzo ad altri esseri umani, con i nostri difetti e i nostri pregi: chissà che questa Santa Notte, ci porti in "dono" la capacità di avere "OCCHI PER VEDERE e ORECCHIE PER SENTIRE....." ma secondo i "canoni di amore, misericordia e perdono di Colui che, 2000 anni fa' ha pronunciato queste parole e che, questa Notte ci ricorda che Lui, nonostante le nostre peculiarità, ci AMA così, come siamo.....!!

Un abbraccio natalizio a tutti e l'augurio di poter riprendere anche sul Forum, da VERI UOMINI e da VERE DONNE, un dialogo civile, rispettoso ma, soprattutto, AFFETTUOSO e AMICALE .....Non bastano le medicine per la CFS c'è bisogno , molto bisogno, anche di C U O R E !!!!!!

Luisa



  Visualizza il profilo di Marialuisa      Modifica/cancella questo Messaggio   Rispondi riportando il messaggio originario
Marialuisa


Registrato: Oct 01, 2003
Messaggi: 1536
Inviato: 2004-12-29 17:47   
Cari tutti,

proprio quanto sta' succedendo nel mondo, credo sia un ulteriore invito alla riflessione, anche su quanto postato da Raffaella a proposito del nostro Forum.

Io, a seguito di quanto piu' sopra ho già detto, vorrei solo aggiungere che tutti parliamo di "pace", di "fratellanza" e poi, quando siamo chiamati a mettere in pratica queste belle parole di cui tutti siamo generosi dispensatori, facciamo "marcia indietro", nascondendoci dietro asserzioni che invocano la giustizia ( quale, poi....)
il famoso perdono che non deve essere perdono perchè altrimenti è come se lasciassimo il "via libera" a chi se ne approfitta, ecc.ecc.

Ora, se veramente ci interessa il Forum, come luogo di incontro, informazione, ascolto e, perchè no, consolazione credo dovremmo "rivedere" le nostre posizioni :
ora che a Pavia è nata una nuova Associazione, che cosa sappiamo "offrire" a "supporto" di chi , malato, non sa' dove chiedere aiuto e dove confrontarsi con chi condivide la medesima sorte ?

Si è parlato anche di "volontariato": benissimo, allora "vestiamoci" di volontà e cerchiamo di "dimenticare" un po' NOI STESSI , la nostra presunzione, il nostro orgoglio e mettiamoci nell'ottica di AIUTARE coloro che su questo Forum approdano, per quanto ci sembra di poter dare.

E se poi, "io dico ma l'altro si risente", "l'altro dice e l'altro ancora non si sente capito", POCO IMPORTA.....
Cio' che IMPORTA veramente è quanto possiamo dare a sollievo di coloro che, come noi, conoscono bene la sofferenza e quanto sia difficile portarla da soli ....!!!!

Se poi qualcun'altro travisa, non comprende, non è "ben inserito", non deve importarci piu' di tanto, perchè "l'obiettivo" centrale DEVE essere il NOSTRO PROSSIMO MALATO che chiede AIUTO!

Forse non sono riuscita a spiegare bene che cosa intendo dire, tuttavia so' per certo che, alcuni di voi sanno leggere tra le righe e capiranno.

Cerchiamo di non RIMANERE SOLI, con i nostri "rancori", le nostre "prese di posizione" che, in definitiva, non portano a nulla di veramente costruttivo per chi deve combattere con la CFS !!!

Vi abbraccio!

Luisa


  Visualizza il profilo di Marialuisa      Modifica/cancella questo Messaggio   Rispondi riportando il messaggio originario
KIO


Registrato: Oct 29, 2003
Messaggi: 1275
Località: Lugano
Inviato: 2004-12-29 18:41   
Quando ho aperto questo topic, volevo ringraziare Raffina ed esprimere il mio consenso per buona parte del contenuto...
(concordo anche con Luisa!)
Poi è arrivata una telefonata... e poi ho lasciato cadere.

Forse abbiamo fatto tutti così...

So che il post di aprtura è lungo, e spesso e volentieri i post lunghi li leggiamo solo in parte, un po' perché ci perdiamo, un po' perché ci stanchiamo...

Questo argomento è stato aperto il 23 dicembre...

Chissà come mai a distanza di 6 gg... è intervenuta solo una persona?

segno del disagio generale?



  Visualizza il profilo di KIO      Modifica/cancella questo Messaggio   Rispondi riportando il messaggio originario
Zac


Registrato: Apr 07, 2003
Messaggi: 912
Località: Piacenza
Inviato: 2004-12-29 21:28   
Il post di Raffa l' ho salvato appena l' ha messo con il buon intento di leggerlo, visto che da un rapido sguardo è interessante, ma.. non riesco a leggere un post di più di 5 righe
Spero che questo non si ail motivo dei NON interventi a seguito, altrimenti siamo davvero ko.
Voglio leggerlo al più presto, e magari anche rispondere, ma ora come ora chiedo troppo.
Ciao belle
Zac


  Visualizza il profilo di Zac   Vai al sito web di Zac   Stato di ICQ         Modifica/cancella questo Messaggio   Rispondi riportando il messaggio originario
Marialuisa


Registrato: Oct 01, 2003
Messaggi: 1536
Inviato: 2004-12-29 23:09   
Zac,

nonostante tutto sei sempre "presente" e questo è molto bello ....
Grazie e sogni d'oro!

Luisa


  Visualizza il profilo di Marialuisa      Modifica/cancella questo Messaggio   Rispondi riportando il messaggio originario
nat49


Registrato: Sep 19, 2004
Messaggi: 778
Inviato: 2004-12-29 23:13   
Raffa dice:
"qualche nostro amico ha confidato sul forum i propri stati d’animo, sapendo di potersi fidare e nel contempo per mitigare il peso del proprio dolore"
io sono relativamente nuova ed ho visto accoglienza e rifiuto, comprensione e aggressione, apertura e fretta di tamponare ferite che avevano ancora bisogno di "spurgare", persone che hanno cercato di aiutare altre, che a loro volta cercavano di aiutare, in un bailamme di incomprensioni reciproche ...

Per fidarsi, per confidarsi e per mitigare ci vuole tempo, non basta un solo post, ci vuole il tempo necessario al dolore per prendere la strada dell'uscita, bene e con calma, oserei dire "nel silenzio", in un silenzio accogliente che consenta al dolore di venire a galla completamente, lasciando infine un grande spazio vuoto che può, solo allora, essere colmato con la fiducia e la speranza.

Per questo avevo aperto un topic sul dolore. Mi pareva che lo spazio fosse poco. Lo scritto di Raffaella me lo conferma, ma non mi ero espressa altrettanto bene. Ma se questo è già stato, se questo forum già era, prima di me, come io auspicavo, perché credo che il bisogno di comprensione, di pacificazione e di un "abbraccio" generoso e accogliente sia tanto ... allora spero presto che lo ritorni, e questo dipende dalla buona volontà di tutti.


Poi Marialuisa scrive:
"tutti parliamo di "pace", di "fratellanza" e poi, quando siamo chiamati a mettere in pratica queste belle parole di cui tutti siamo generosi dispensatori, facciamo "marcia indietro", nascondendoci dietro asserzioni che invocano la giustizia"
Ecco, è questo il solo fondamentale atteggiamento che ci consente di venirci incontro e di affratellarci, da fratello grande a fratello (occasionalmente) più piccolo (e bisognoso), rivestendo alternativamente e reciprocamente le due posizioni, offrendoci aiuto l'un l'altro e ricevendolo di buon grado, come l'altro ce lo sa dare, senza gare fra chi è il fratello più grande o il fratello più bravo ...

Ma vorrei aggiungere che forse non dobbiamo "dimenticare noi stessi", anzi, dobbiamo ricordarcene bene, ricordarci bene chi siamo, dei nostri limiti e della nostra umana finitezza, e operare continuamente su noi stessi per diventare migliori, cercando di capirci e di conoscerci a fondo, cercando di comprendere quali sono le motivazioni profonde che guidano le nostre azioni, quali sono i segreti moti del cuore che governano i nostri atti.

Solo così possiamo veramente e liberamente scegliere, solo tenendo conto che le nostre sensazioni, i nostri empiti, i nostri sentimenti nascosti ci determinano molto di più di quanto non crediamo.

E solo comprendendo i veri moventi del cuore, con fermezza e perché no con una certa durezza, senza inutili indulgenze per noi stessi, valutando bene "prima" e adeguando poi il nostro comportamento, che possiamo dirigere i nostri passi su una strada umanamente ed eticamente migliore.

baci


  Visualizza il profilo di nat49      Modifica/cancella questo Messaggio   Rispondi riportando il messaggio originario
max


Registrato: Apr 26, 2003
Messaggi: 1902
Inviato: 2004-12-29 23:24   
Basta con i sermoni e la psicologia tipo frittate rigirate,basta nominare Gesù Cristo prendendo solo le frasi del Vangelo che non fanno all'uopo:è stata compiuta un'azione sbagliata,e chi l'ha compiuta non l'ha neanche capito.QUESTO E'.Basta anche con questa storia dei dati:non esiste nessun dato raccolto,è ora capiate anche questo.

  Visualizza il profilo di max      Modifica/cancella questo Messaggio   Rispondi riportando il messaggio originario
Marialuisa


Registrato: Oct 01, 2003
Messaggi: 1536
Inviato: 2004-12-29 23:41   
Max, Max,

hai presente la Costituzione Italiana ?
Libertà di pensiero e di parola.....

Ora:"...." sermomi, Vangelo, Gesù per chi li cita non è un "citare" a sproposito.....Sarebbe un'illazione gratuita, non trovi ?

Se citiamo ( o meglio, chi cita....) il Vangelo è perchè cerca di trovare un "riferimento" GRANDE, che supera le miserie umane ....
Anche se, forse, ti irriterà, pensa al "ladrone pentito".... per esempio !
Non gli è stato detto : " sei stato ladro quindi , chiuso.." ma gli è stato promesso il Paradiso e non la "gogna" per sempre.....

Il figlio di Bachelet, al funerale del padre ucciso dai brigatisti, ha perdonato pubblicamente gli assassini....

Nelson Mandela porta avanti la sua causa , continuando a parlare di "non violenza" e "perdono" .

Paulo Cohelo, fra le tante belle frasi scritte, dice: " Non importa quanto sia buona una persona, ogni tanto ti ferirà. E per questo bisognerà che tu la perdoni"

E possiamo andare avanti.....


Buona notte!

Luisa


  Visualizza il profilo di Marialuisa      Modifica/cancella questo Messaggio   Rispondi riportando il messaggio originario
max


Registrato: Apr 26, 2003
Messaggi: 1902
Inviato: 2004-12-29 23:45   
In un forum moderato tutto ciò non sarebbe successo.Non c'è nessun pentito nel forum,se non è ancora chiaro.

  Visualizza il profilo di max      Modifica/cancella questo Messaggio   Rispondi riportando il messaggio originario
Marialuisa


Registrato: Oct 01, 2003
Messaggi: 1536
Inviato: 2004-12-29 23:56   
.....e allora ???
Domani il sole sorgerà comunque, pentito sì pentito no e poi, perbacco, siamo in un luogo "virtuale" e nessuno dei pentiti o non pentiti puo' nuocere piu' di tanto , di fatto.....

Sogni d'oro!

Luisa


  Visualizza il profilo di Marialuisa      Modifica/cancella questo Messaggio   Rispondi riportando il messaggio originario
Marialuisa


Registrato: Oct 01, 2003
Messaggi: 1536
Inviato: 2004-12-29 23:58   
...Natalia,

il "dimenticare se stessi" è inteso come un "superare il proprio egoismo e il proprio egocentrismo, per proiettarsi verso gli altri"

Buona notte anche a te e guarisci presto !

Bacio!

Luisa


  Visualizza il profilo di Marialuisa      Modifica/cancella questo Messaggio   Rispondi riportando il messaggio originario
andrea


Registrato: Aug 03, 2004
Messaggi: 396
Località: pisa
Inviato: 2004-12-30 00:29   
ma di cosa state parlando?
ma voglio sperare stiate scherzando, altrimenti
c'è da preoccuparsi......
a volte ho davvero l'impressione che ....forse mi stia venendo l'aterosclerosi.
ma a parte perdoni o non perdoni.....
negli ultimi mesi ci sono state persone che hanno regolarmente boicottato il forum.....e proprio quelli che mesi addietro mi hanno detto che era vergognoso il mio linguaggio, non hanno
speso una parola , proprio nel momento in cui c'è stato chi ha fatto ben di peggio.
è proprio vero .....2 pesi, 2 misure....
Poi , per cortesia, non parliamo di diritti individuali o collettivi che non mi sembra proprio il caso.......
non è che qualcuno pretende schieramenti...anzi, ma insomma, è davvero vergognoso vedere che persone che per mesi hanno raccontato balle, quasi quasi sono innocenti.......
qui sopra sto forum, chi ha sempre avuto il coraggio di dire come stavano le cose senza tanti giri di parole , in una maniera o nell'altra è stato boicottato.....regolarmente!
e per cortesia , il credere o no, c'entra poco.....io sono credente e praticante, ma non mi faccio incantare da tanti discorsini di poco spessore , soprattutto da chi un giorno dice una cosa ed il giorno dopo ne dice un'altra.......
forse saro, ghiozzotto e volgarotto, ma almeno sono coerente con cio che dicevo prima....
qui, cosa significhi davvero essere un organismo coeso come diceva AUGUST COMTE (padre della sociologia), credo che in pochi lo sappiano...... e la cosa piu preoccupante è proprio che , in un luogo simile, coloro che tentano di boicottare un mezzo di informazione cosi importante,non vengono allontanati, ....no! vengono ancora di piu scusati.....invece chi si è sempre comportato bene verso i partecipanti prende mazzate, in qua ed in la.
mi dispiace davvero di cio che ho scritto, ma
il forum per me è divenuto una delusione totale.....e questo viene avvalorato dal fatto che tante, troppe persone se ne siano andate.....poiché avevano gia capito.
e poi.....ma di quale fratellanza parlate.....se c'è gente che davanti si fa tanti sorrisini e dietro se le dicono grosse come case...... forse sara scomodo dire in pubblico cio che si pensa degli altri, in determinate situazioni.....ma almeno una cosa è certa : la trasparenza!!!!




  Visualizza il profilo di andrea   Email andrea      Modifica/cancella questo Messaggio   Rispondi riportando il messaggio originario
nat49


Registrato: Sep 19, 2004
Messaggi: 778
Inviato: 2004-12-30 01:00   
cara luisa,
lo so, cercavo solo di andare oltre, perché credo che solo comprendendo a fondo se stessi e anche dove è possibile accettando i nostri limiti e "perdonandoci" sia possibile andare verso gli altri con animo sgombro e realmente generoso

caro max e caro andrea, perché non vogliamo guardare oltre e andare avanti?
non si tratta di perdonare o non perdonare, questa cosa qui non ci interessa e, almeno io, non mi riferivo a situazioni specifiche

si tratta di essere in grado di lasciare le cose alle spalle e fare tabula rasa, ripartendo da capo, se possibile migliorati

guardare oltre e andare avanti
o vogliamo restare in eterno aggrappati a un unico sgarbo, a un unico errore, a un'unica melefatta?
privandoci così di tutto il buono che comunque c'è stato e ancora può venire?


  Visualizza il profilo di nat49      Modifica/cancella questo Messaggio   Rispondi riportando il messaggio originario
max


Registrato: Apr 26, 2003
Messaggi: 1902
Inviato: 2004-12-30 01:03   
Il problema è che se il forum non comincia ad essere moderato altre persone faranno ciò che vogliono con il consenso di alcuni.

  Visualizza il profilo di max      Modifica/cancella questo Messaggio   Rispondi riportando il messaggio originario
Vai alla pagina ( 1 | 2 Pagina successiva )
  
Blocca questo Argomento Sposta questo Argomento Cancella questo Argomento
Powered by phpBB Versione 1.4.2
Copyright © 2000 - 2001 The phpBB Group

phpBB Created this page in 0.012984 seconds.