[Registrazione]  [Modifica profilo]  [Modifica Preferenze]  [Cerca]
[Messaggi privati]  [Lista degli utenti iscritti]  [FAQ]  [Entra]
salutemed.it Forum Index » » CFS Stanchezza cronica » » Domanda dieta...
Autore Domanda dieta...
Glutam


Registrato: Nov 26, 2004
Messaggi: 6
Inviato: 2004-12-11 12:22   
Ciao a tutti!

Vorrei chiedervi gentilmente se qualcuno di voi abbia mai provato a variare la sua dieta, provando magari la dieta a zona o simili.
Grazie e saluti.


  Visualizza il profilo di Glutam      Modifica/cancella questo Messaggio   Rispondi riportando il messaggio originario
URIEL


Registrato: Jun 29, 2003
Messaggi: 9
Località: Fidenza
Inviato: 2004-12-11 13:22   
Ho provato la dieta a zona per alcuni mesi, risultato zero. Per molti anni mi sono anche attenuto alle ristrettezze delle diete con l'eliminazione degli alimenti ai quali risultavo intollerante, risultato : molto poco significativo. Al momento adotto una dieta dettata dal buon senso: poco cibo cucinato in modo semplice e genuino e possibilmente biologico. Franco

  Visualizza il profilo di URIEL   Email URIEL      Modifica/cancella questo Messaggio   Rispondi riportando il messaggio originario
Glutam


Registrato: Nov 26, 2004
Messaggi: 6
Inviato: 2004-12-11 13:27   
Ma la dieta a zona era controllata da un medico oppure l'hai fatta da solo?
Perchè ho scoperto uno nutrizionista che tramite un'approccio olistico, non solo la dieta a zona si prefigge di migliorare la salute in generale del suo paziente e pensavo che ciò potesse essere utile per chi ha la CFS.

Saluti.


  Visualizza il profilo di Glutam      Modifica/cancella questo Messaggio   Rispondi riportando il messaggio originario
URIEL


Registrato: Jun 29, 2003
Messaggi: 9
Località: Fidenza
Inviato: 2004-12-11 19:05   
Ho letto il libro del dottore che l'ha messa a punto dietro consiglio di un medico che mi ha diagnosticato una abnorme rilascio di insulina in seguito ad assunzione di zuccheri o semplicemente di carboidrati. Il medico , comunque mi ha mandato da una nutrizionista per mettere a punto una dieta appropriata. Và da sé che l'alimentazione è alla base di una salute in perfetto equilibrio, per questo motivo mi nutro con estremo "giudizio" e attenzione anche perchè nella mia situazione non potrei fare altrimenti. In ogni caso la mia cfs non ha avuto nessun miglioramento dall'alimentazione ( e in 25 anni ne ho fatte di prove..)

  Visualizza il profilo di URIEL   Email URIEL      Modifica/cancella questo Messaggio   Rispondi riportando il messaggio originario
Franz


Registrato: Nov 14, 2004
Messaggi: 73
Località: Voghera (PV)
Inviato: 2004-12-11 19:22   
Cercare gli alimenti da eliminare senza dare prima energia al corpo è come "suicidarsi" nel senso che occorrerà toglierne talmente tanti da far diventare la propria vita un inferno.
Personalmente ritengo sia più utile seguire delle linee guida mentre si cerca di fare un lavoro mirato nel cercare di eliminare quante più spine irritative possibili in modo tale che il proprio sistema sia in grado di gestire gli squilibri più "profondi".


  Visualizza il profilo di Franz   Email Franz   Vai al sito web di Franz      Modifica/cancella questo Messaggio   Rispondi riportando il messaggio originario
Marialuisa


Registrato: Oct 01, 2003
Messaggi: 1536
Inviato: 2004-12-14 21:29   
Hai perfettamente ragione, Franz, anche il medico dal quale sono andata per il test EAV mi ha fatto lo stesso tuo ragionamento a proposito della dieta: in effetti, nel mio caso, se mi togliessero dall'oggi con il domani i carboidrati, andrei diritta alla tomba in poco tempo perchè sono già un peso-piuma e, inoltre, ipoglicemica.
Tuttavia per la candidosi intestinale ( che è anche il mio caso) pur sapendo delle famose 4 P ( pane, pizza, pasta, patate) attualmente non devo mangiare la pizza e le patate ma pane e pasta posso assumerli.

Come già detto tante volte, "unici e irripetibili"

Buona serata!
Luisa


  Visualizza il profilo di Marialuisa      Modifica/cancella questo Messaggio   Rispondi riportando il messaggio originario
maritek


Registrato: Jan 25, 2005
Messaggi: 3
Località: Cesena
Inviato: 2005-01-25 18:16   
riprendo questo vecchio post per alcune considerazioni:
Segue la zona da 1 anno e mezzo e da oltre un anno studio e mi aggiorno su questo regime alimentare e le sue integrazioni, in particolare Omega 3.
Posso dire con certezza che la stragrande maggioranza di quanti hanno fatto interventi sulla zona in questo sito sono male informati.
1) la zona non è un regime alimentare con troppe proteine. E' una sciocchezza, le proteine vengono calcolate in base alle caratteristiche fisiche di ogni individuo.
2) la zona non è povera di carboidrati. Infatti il 40 % dei nutrienti sono forniti da carboidrati, il 30 da proteine ed il 30 da grassi.
3) non è una dieta nel senso che normalmente si intende. Cioè non è studiata per dimagrire ma per migliorare la salute attraverso la riduzione dei livelli di insulina del sangue con conseguente riequilibrio ormonale degli eicosanoidi. La perdita di massa grassa è un effetto piacevolmente collaterale. La massa muscolare non viene intaccata. Anzi chi è sottopeso acquista muscoli.
4) e' un regime alimentare sano perché prevede la scelta dei carboidrati in preferenza tra frutta e verdura, quindi apporta anche grandi quantità di micronutrienti (vitamine, sali minerali ecc)
5) con l'integrazione di Omegra 3 (di purezza farmaceutica) si riducono le infiammazioni del fisico con notevoli benefici a livello generale.

I primi sintimi (meno male) che si hanno in zona sono: maggiore lucidità mentale, perdita della sonolenza sopratutto dopo i pasti, maggiore energia, voglia di fare, riduzione degli effetti dello stress, sonno più corto e molto ristoratore, fiducia in se stessi, resistenza fisica.

Sembra impossibile ? provare per credere, ma non con la dieta del naturopata o dell'erboristeria. sono fatte male ed impossibili da seguire. Per fare la zona seriamente bisogna studiare, capire questo regime alimentare e poi prepararsi i pasti da soli con le tabelle alimentari che si trovano sui libri.
Le diete della fotocopia non possono essere seguite per più di un mese. Per fare la zona bisogna prepararsi, bisogna mettersi in testa di mangiare in maniera differente ma a molte persono che conosco, me compreso, ha cambiato la vita.

Seguire la zona non è difficile, anzi è facilissimo. Solo che bisogna studiare. Capito il meccanismo si scopre che si può mangiare di tutto senza fare salti mortali al supermercato per trovare alimenti impossibili. Si mangia carne, pesce, formaggi, frutta, verdura, (pane e pasta in quantità ridotte). si preparano i pasti con le tabelle alimentari che servono solo per sapere le quantità. Siamo noi a decidere cosa mangiare ma sono le tabelle a dirci quanto mangiare. Le tabelle servono solo nel primo periodo perché poi con un po' di esperienza le quantità le si calcola ad occhio. Quindi è facilissimo seguire la zona anche per chi mangia in mensa, per chi va al ristorante o per chi si prepara i pasti a casa.

La zona si sta diffondendo nel mondo, non è una moda perché è nata già da 10 anni. Chi l'ha provata seriamente difficilmente se ne allontana. Ma lo ripeto fino alla noia. Bisogna studiare ed imparare altrimenti non si può seguire correttamente.
E poi ci sono mille implicazioni, trucchi e vantaggi che approfondiremo se a qualcuno interessa.
Altro effetto collaterale. E' talmente efficace che tutti quelli che la seguono non possono fare a meno di fare proselitismo come sto facendo io adesso.

ciao

maritek


  Visualizza il profilo di maritek   Email maritek      Modifica/cancella questo Messaggio   Rispondi riportando il messaggio originario
  
Blocca questo Argomento Sposta questo Argomento Cancella questo Argomento
Powered by phpBB Versione 1.4.2
Copyright © 2000 - 2001 The phpBB Group

phpBB Created this page in 0.027177 seconds.