[Registrazione]  [Modifica profilo]  [Modifica Preferenze]  [Cerca]
[Messaggi privati]  [Lista degli utenti iscritti]  [FAQ]  [Entra]
salutemed.it Forum Index » » CFS Stanchezza cronica » » dolore
Autore dolore
giulia75


Registrato: Jan 30, 2004
Messaggi: 64
Inviato: 2004-09-30 14:57   
non sono sicura di averlo capito, ma mi e' piaciuto questo articolo:

Filosofie del dolore
Due anni e mezzo fa, non riuscendo più a muovere completamente il braccio destro visitai un osteopata al quale spiegai che, appena superavo una certa altezza, cominciava un dolore sempre più lancinante. Mi ero sforzato fin lì di vincerlo. Il dottor Charriere, francese di imprecisate origini, si allontanò, si tolse gli occhiali e disse, immagino intendendo qualcosa di più che medico: "Il dolore è un segnale. Quando compare significa che occorre fermarsi".

L'altro giorno mi sono guardato in dvd un bel documentario del 1975, "Pumpimg Iron", vita e sogni di una generazione di culturisti, da "Hulk" Lou Ferrigno a "the one and the only Arnold Schwarzenegger". A un certo punto l'uomo che trent'anni dopo governerà la California fa una serie di sollevamenti bestiali, al decimo sembra stia per crollare, ma tira fino a dodici, poi spiega: "E' quanto incontri la barriera del dolore che scopri chi sei. Se vai oltre cresce il muscolo e cresci tu, sennò resti quel che eri".

In qualche modo credo che il dottor Charriere e Schwarzenegger stessero facendo filosofia e le nostre scelte di vita abbiano a che fare con quel confine del dolore. Di questo, come di molto, non ho certezza. Ho capito però dove sta uno dei miei problemi, anche tuo, my one and only friend: in palestra applichiamo la filosofia del dottor Charrier evitando di crescere e fuori, alè, andiamo a farci del male con Schwarzenegger.

PAUSA PUBBLICITARIA: "Diario di un dolore", C. S. Lewis, Adelph



  Visualizza il profilo di giulia75      Modifica/cancella questo Messaggio   Rispondi riportando il messaggio originario
Zac


Registrato: Apr 07, 2003
Messaggi: 912
Località: Piacenza
Inviato: 2004-09-30 21:14   
Filosofia..
ma la pratica è che mia moglie ha superato il dolore che sentiva alla spalla alzando ancora di più il braccio, gli si è strappato un tendine, tutto questo da un GRANDE fisiatra.
Ma questa non è filosofia.. sorry


  Visualizza il profilo di Zac   Vai al sito web di Zac   Stato di ICQ         Modifica/cancella questo Messaggio   Rispondi riportando il messaggio originario
KIO


Registrato: Oct 29, 2003
Messaggi: 1275
Località: Lugano
Inviato: 2004-10-01 07:41   
Cara Giulia !
Come battuta, l'articolo non è male...
ma cerchiamo di non farci del male da soli!

Troppo spesso ci vengono applicate delle "dritte comportamentali" che vanno bene x le persone SANE... ma un CFSsino ha veramente qualcosa che non va! E non guarirà mai se non ne tiene conto! Buona sintesi l'esempio proposto da Zac.

Bacio

Fonte: http://www.cfsresearch.org/cfs/cheney/39nf.htm
Paul Cheney, MD,
PhD nuove comprensioni nella patofisiologia e trattamento di CFS.
ottobre 2001
(…)
Poichè i mitocondri ossidano il piruvato per innaffiare ed anidride carbonica, produce qualche specie reattiva dell'ossigeno [ radicali liberi estremamente distruttivi ]. Si è denominato ossido eccellente, che è convertito dalla dismutasi eccellente dell'ossido [ PIOTA, un antiossidante potente ] in perossido di idrogeno, che allora è convertito dalla perossidasi del glutatione e dal glutatione in acqua. [ la via a sinistra (punto A) è una versione più dettagliata di quello a destra (punto B). ] Il punto è che quando fate l'energia, fate queste specie reattive dell'ossigeno. È molto importante che più ulteriormente sono metabolizzate da questi sistemi degli enzimi [ PIOTA, perossidasi del glutatione e glutatione ] giù ad acqua. Sono così tossici che se il vostro sistema non può metabolizzarlo più ulteriormente, l'inibizione di risposte taglierà l'intero sistema per conservare la vostra vita. [ se troppe sostanze molto tossiche sono prodotte, il meccanismo protettivo del corpo interrompe l'intero processo. Allora fate soltanto produrre l'energia da glicolisi anaerobica, ma il vostro corpo non produrrà le tossine life-threatening. ] L'idea è che il vostro corpo sceglie fra energia e vita più basse contro più alta energia e le tossine e la morte. Ciò inoltre introduce nel fuoco l'idea che forse l'affaticamento non è difettoso come pensiamo che sia. A volte l'affaticamento ha potuto realmente essere un meccanismo protettivo contro danni da queste tossine.
(…)

http://www.cfs-news.org/faq.htm#2H
Up to CFS/ME Page
Version: 1.37 (last revised 1997/08/02)
(…)
Subject: 2.033 Role of exercise
CFS patients will need to avoid stressful activities, and each patient's toleration for stress will be different, and can change). It is nonetheless important for patients who can exercise to do so, up to their level of toleration. But this should be done with great care, since crossing the "invisible line" of exercise intolerance for this illness may prompt a serious relapse, and may negatively affect the longer-term future course of the illness.

Translate:
Oggetto: 2,033 Il ruolo dell’esercitazione

I pazienti CFS dovranno evitare le attività stressanti e tolleranza di ogni paziente per lo sforzo sarà differente e può cambiare). È ciò nonostante importante per i pazienti che possono esercitarsi per fare così, fino al loro livello di tolleranza. Ma questo dovrebbe essere fatto con cura grande, poiché attraversare "la linea invisibile" di intolleranza di esercitazione per questa malattia può richiamare una ricaduta seria e può interessare negativamente il corso futuro a termine più lungo della malattia.


  Visualizza il profilo di KIO      Modifica/cancella questo Messaggio   Rispondi riportando il messaggio originario
Marialuisa


Registrato: Oct 01, 2003
Messaggi: 1536
Inviato: 2004-10-01 09:06   
Concordo pienamente con quanto postato da Kio: è FONDAMENTALE la "gestione" della CFS e della FM.....La famosa linea "rossa" di cui parlava Mario è la nostra "guida" , specie per una possibile guarigione!

Kio un bacio a te e alla Primula Rossa del Canton Ticino........

Buona giornata a tutti ! Luisa


  Visualizza il profilo di Marialuisa      Modifica/cancella questo Messaggio   Rispondi riportando il messaggio originario
Daniela


Registrato: Mar 11, 2003
Messaggi: 1529
Inviato: 2004-10-01 13:32   
Ogni persona ha la sua soglia personale di sopportazione al dolore!!
Andare contro il dolore è controproducente sopratutto in chi soffre di fibromialgia!

Baci x tutti(e uno per Kio )!

Dany.
_________________


  Visualizza il profilo di Daniela      Modifica/cancella questo Messaggio   Rispondi riportando il messaggio originario
nat49


Registrato: Sep 19, 2004
Messaggi: 778
Inviato: 2004-10-07 00:32   
Come ho raccontato in BIG BANG, proprio l'aver cercato di superare ad ogni costo la soglia del dolore mi ha fatto ammalare. Ne sono più che mai convinta.

La volontà mi diceva, vai avanti, vai avanti, vai oltre, non ti fermare, la volontà può tutto, tu puoi tutto ... Fino a un certo punto è stato vero.

Il corpo mi ha fermato, si è fermato da solo, come un orologio rotto, mi ha detto, ma o', sei scema? e si è seduto rifiutandosi di proseguire.

Dovevo ascoltarlo prima, prima di costringerlo ad usare il megafono.

Cara Giulia, filosofia e letteratura ci aiutano a sentirci migliori. Ma attenzione alla finzione letteraria.
La natura reclama i suoi limiti. Sacrosanti, oggi lo so.

_________________
Natalia

[ Questo messaggio è stato modificato da: nat49 il 2004-10-07 00:34 ]


  Visualizza il profilo di nat49      Modifica/cancella questo Messaggio   Rispondi riportando il messaggio originario
  
Blocca questo Argomento Sposta questo Argomento Cancella questo Argomento
Powered by phpBB Versione 1.4.2
Copyright © 2000 - 2001 The phpBB Group

phpBB Created this page in 0.008635 seconds.