[Registrazione]  [Modifica profilo]  [Modifica Preferenze]  [Cerca]
[Messaggi privati]  [Lista degli utenti iscritti]  [FAQ]  [Entra]
salutemed.it Forum Index » » CFS Stanchezza cronica » » Antidepressivi come cura per CFS?
Vai alla pagina ( Pagina precedente 1 | 2 | 3 | 4 )
Autore Antidepressivi come cura per CFS?
tired lizard


Registrato: Sep 06, 2003
Messaggi: 345
Località: Piemonte
Inviato: 2004-07-20 14:01   
Grazie per il link Max! In fatti, letto questo sulla sertralina ecc, non da tanto voglia di pasticciare colle dose alti di antidepressivi, sembra rischiato.

Liz


  Visualizza il profilo di tired lizard      Modifica/cancella questo Messaggio   Rispondi riportando il messaggio originario
max


Registrato: Apr 26, 2003
Messaggi: 1902
Inviato: 2004-07-21 01:30   
AFFATICAMENTO CRONICO: BUONA SALUTE MENTALE AIUTA (05/01): Secondo una nuova ricerca statunitense, le persone dotate di una buona salute mentale, e che riescono a fare a meno di sedativi, riescono ad affrontare con maggiore probabilità di successo la cosiddetta Sindrome da Affaticamento Cronico (CFS).
Nella ricerca è stato osservato come per le persone che hanno evitato di attribuire la loro condizione di “affaticati cronici” a malesseri fisici, come ad esempio virus, c’è anche la tendenza a migliorare più rapidamente rispetto ai pazienti con la stessa sindrome ma con diverso atteggiamento.
La Sindrome da Affaticamento Cronico è caratterizzata da un’ampia gamma di sintomi. Tra questi una profonda stanchezza, che dura almeno sei mesi, emicrania, cattiva qualità del sonno, dolore ai muscoli e difficoltà di concentrazione. La CFS colpisce spesso all’improvviso e può essere accompagnata da una febbre leggera e da rigonfiamento dei...dei linfonodi. La causa è sconosciuta e non ci sono analisi di laboratorio capaci di diagnosticarla. Anche se i pazienti con CFS migliorano spesso col tempo, pochi però, come conferma l’articolo pubblicato sul Journal Psychosomatic Medicine, recuperano completamente la situazione di salute precedente.
Per determinare quali fattori possono influenzare il modo in cui i pazienti affrontano lo stato debilitante i ricercatori, guidati da Karen B. Schmaling della University of Texas di El Paso, hanno seguito 100 pazienti per 18 mesi, studiando le caratteristiche ed i miglioramenti nella loro condizione.
Dopo 18 mesi, per circa un quinto dei partecipanti è sembrato esserci un miglioramento tale da non poter più garantire completamente che la diagnosi giusta della loro condizione fosse ancora quella della Sindrome da Affaticamento Cronico. Per i pazienti che tendevano ad attribuire i loro sintomi ad una malattia fisica vi era una minore probabilità di migliorare rispetto alle persone che avevano creduto che il loro stato fosse dovuto soprattutto a problemi non-fisici o psicologici, come lo stress.
I pazienti colpiti dalla CFS che avevano la peggio sembravano essere i disoccupati, i più anziani o chi soffriva di depressione. Assumendo sedativi come le benzodiazepine ed i rilassanti muscolari – i rimedi cui i pazienti colpiti dalla sindrome ricorrono per alleviare i sintomi delle emicranie, della gola irritata e dei linfonodi - inoltre è stato osservato come i risultati fossero peggiori.
In un'intervista la Schmaling ha spiegato come, in generale, avere una buona salute mentale può essere il segnale che il paziente sta adattandosi alla malattia, un atteggiamento questo che può aiutare a recuperare. Quando la CFS impedisce al paziente di fare qualcosa che prima amava fare, coloro che si adattano, cercando attività alternative che procurino la stessa soddisfazione, più probabilmente riusciranno ad evitare la depressione.
In altre parole reagisce bene alla sindrome chi riesce ad avere una certa flessibilità, e quindi a reagire adattandosi, contribuendo a mantenere in salute il proprio stato psichico. Avere invece un atteggiamento passivo, con cui si tende ad attribuire la colpa dei sintomi ad un problema fisico, può indurre il paziente ad entrare nell’ottica, quasi di autoconsolazione-commiserazione, del classico malato che attende la cura dal medico perché c’è qualcosa di “sbagliato“ nel proprio corpo.
Se il paziente, al contrario, crede nella natura psicologica del proprio problema, è più probabile che l’aiuto di uno specialista possa avere maggiore efficacia. http://www.italiasalute.it/News.asp?ID=5365



[ Questo messaggio è stato modificato da: max il 2004-07-25 23:52 ]


  Visualizza il profilo di max      Modifica/cancella questo Messaggio   Rispondi riportando il messaggio originario
Marialuisa


Registrato: Oct 01, 2003
Messaggi: 1536
Inviato: 2004-07-21 11:55   
Liz,

con nessun prodotto conviene "pasticciare", nemmeno con quelli naturali, bisogna avere sempre un medico che segua il proprio caso e FIDARSI di lui, altrimenti ci si perde in una selva di nomi, notizie, sollecitazioni che confonde ancor di piu' e allontana la tanto sospirata linea terapeutica per la guarigione !!!

Ciao! Luisa


  Visualizza il profilo di Marialuisa      Modifica/cancella questo Messaggio   Rispondi riportando il messaggio originario
tired lizard


Registrato: Sep 06, 2003
Messaggi: 345
Località: Piemonte
Inviato: 2004-07-21 16:36   
Ciao Luisa,

Hai ragione fino ad un certo punto... si per non mescolare e lasciare il tempo per la terapia di funzionare o meno. Si per fidarsi a un dottor alla volte e non fare la ricerca del Grail. Si. Sopratutto se sei nuovo alla CFS e comincia una tua strada lunga.

Ma quando hai gia fatto per anni questi e risultati: zero... credo che con questa sindrome si puo anche informarsi bene (anche da Internet, e dal Forum da persone che hannno gia provato e dividono loro esperienza) e fare qualche prove a poco costo per vedere se c'è qualcosa che fa un miglioramento autentico. Esempio, la melatonina mi fa dormire senza effetti collaterali visibili, e ne sono grata.

I dottori sono bravi per fare la diagnosi. E poi... io non ho risultati di nessun cura prescitta da loro. A parte un miglioramento lieve nel mal di testa. E sono stufa di sentirmi dire che non lo sanno. Non lo sanno! E dovrebbero aggiornarsi un po' prima di dire questo. Esempio: fatto da poco la risonanza magnetica e trovano un'area di ipersensitività' nel cervello... e non sanno cosa vuole dire, i neurologi e colleghi radiografi. E io mi sposto, e lo Stato spende... e passato mio fidanzato per difendere gli specialisti di CFS, ok è anche giusto ammettere che di confronto ai dottori che non la riconoscono neanche, loro sono molto bravi, infatti. Spedirò i risultati scritti alla Dssa Racciatti, molto disponibile al telefono oggi mattina.

Credo che faremo bene di seguire il consiglio di Mario, e di pagarsi una bella vacanza, ne abbiamo bisogno!

Scusa, se mi agito un po' (ho caldo, sono stanca) e vedere mssg pvt su come sono andate le ultime settimane e capirai!
Un bacione e a presto
Liz


  Visualizza il profilo di tired lizard      Modifica/cancella questo Messaggio   Rispondi riportando il messaggio originario
Vai alla pagina ( Pagina precedente 1 | 2 | 3 | 4 )
  
Blocca questo Argomento Sposta questo Argomento Cancella questo Argomento
Powered by phpBB Versione 1.4.2
Copyright © 2000 - 2001 The phpBB Group

phpBB Created this page in 0.008696 seconds.