[Registrazione]  [Modifica profilo]  [Modifica Preferenze]  [Cerca]
[Messaggi privati]  [Lista degli utenti iscritti]  [FAQ]  [Entra]
salutemed.it Forum Index » » CFS Stanchezza cronica » » quello che conosco sulla CFS
Vai alla pagina ( 1 | 2 Pagina successiva )
Autore quello che conosco sulla CFS
epionex2


Registrato: Aug 03, 2003
Messaggi: 169
Inviato: 2003-08-03 23:09   
mesi fa ho visitato il sito www.ccid.org , il CCID è un centro di ricerca e di cura di CFS.Il dr. W.John Martin è un medico che da circa 20 anni studia la CFS ed ha pubblicato molte cose a riguardo ; lui sostiene che la causa sono vari virus i quali hanno trovato il modo di eludere la risposta immunitaria dell'organismo eliminando dal proprio genoma quei geni che producono le particelle che permettono il riconoscimento.Inoltre questi virus hanno fatto propri geni di batteri o di miceti (da qui il termine Viteria)questo secondo Martin ed i suoi collaboratori è .Dimostrato.Martin fa l'ipotesi che l'inizio di tutto è stato quando si è prodotto un vaccino anti-polio usando cellule di rene di scimmia verde africana ; questo ha permesso che il citomegalovirus di scimmia (diverso da quello che colpisce l'uomo)abbia fatto il salto di specie.IL sito è stato modificato e di quello che c'era prima pubblicazioni ,terapie,è rimasto solo la home page.Io ho molta fiducia nel lavoro del dr. Martin.ciao a tutti

  Visualizza il profilo di epionex2      Modifica/cancella questo Messaggio   Rispondi riportando il messaggio originario
max


Registrato: Apr 26, 2003
Messaggi: 1902
Inviato: 2003-08-03 23:15   
Anche io ho letto più volte di questa teoria.Il vaccino anti-polio è diventato obbligatorio in Italia nell'anno 1966.

  Visualizza il profilo di max      Modifica/cancella questo Messaggio   Rispondi riportando il messaggio originario
epionex2


Registrato: Aug 03, 2003
Messaggi: 169
Inviato: 2003-08-03 23:54   
è possibile condividere un documento o un file nel forum ?

  Visualizza il profilo di epionex2      Modifica/cancella questo Messaggio   Rispondi riportando il messaggio originario
mirco


Registrato: Aug 04, 2003
Messaggi: 98
Inviato: 2003-08-04 00:49   
Che sappia io se non contravviene alle regole di questo forum non vedo problema.
Mi piacerebbe sapere di più di questa teoria.





  Visualizza il profilo di mirco      Modifica/cancella questo Messaggio   Rispondi riportando il messaggio originario
romeo


Registrato: Nov 24, 2002
Messaggi: 1927
Inviato: 2003-08-04 13:29   
Caro Epionex,che significa condividere file o documenti,se non è difficoltoso per Te,me lo puoi spiegare in poche parole.Grazie e ti saluto,benvenuto.Romeo

  Visualizza il profilo di romeo      Modifica/cancella questo Messaggio   Rispondi riportando il messaggio originario
epionex2


Registrato: Aug 03, 2003
Messaggi: 169
Inviato: 2003-08-05 01:33   
se trascino l'icona di un file il testo non rimane nei limiti dello spazio preposto ma mi prende tutta la pagina e non riesco ad inviarvelo ,come devo fare? ciao

  Visualizza il profilo di epionex2      Modifica/cancella questo Messaggio   Rispondi riportando il messaggio originario
carlo


Registrato: Sep 09, 2002
Messaggi: 177
Località: Verona
Inviato: 2003-08-05 11:08   
Perché non fai un copia incolla del testo e non lo metti nel post, non credo che non ci siano altre possibilità.

  Visualizza il profilo di carlo   Email carlo      Modifica/cancella questo Messaggio   Rispondi riportando il messaggio originario
epionex2


Registrato: Aug 03, 2003
Messaggi: 169
Inviato: 2003-08-09 23:33   




STEALTH VIRUS INFECTION IN CFS PATIENTS
W. John Martin, M.D., Ph.D.
Center for Complex Infectious Diseases
Rosemead CA 91770

Basic Concepts:
The entity called chronic fatigue syndrome (CFS) simply refers to a loose grouping of certain symptoms that are part of a much wider spectrum of the clinical manifestations of viral induced organic brain damage. The preferred term for the underlying organic brain disease is viral encephalopathy (viral pathology of the brain). The term CFS should be discarded.

The viruses that are associated with CFS are termed "stealth" because, although, they cause significant cellular damage, they do not typically evoke an anti-viral inflammatory response. They are best viewed as "derivatives" or as "down-sized" conventional viruses. They include but are not limited to derivatives of human and animal herpesviruses. The "stealth adaptation" consists primarily of the deletion of the genes coding for the major antigenic components normally targeted by the cellular immune system. Stealth viruses do not grow as efficiently as conventional viruses, but have a striking advantage over conventional viruses in not having to confront the body's cellular immune defense mechanisms. They can, therefore, create persistent ongoing infections in spite of an individual's intact immune system. This is different from a latent infection seen with many human herpesviruses in which the virus is essentially inactive except for brief transient periods of viral activation, rapidly controlled by the body's immune mechanisms..

Both in cell cultures and in infected tissues, viral infection can lead to the development of foamy vacuolated cells, which may form syncytia. The cellular changes can be readily seen using electron microscopy. With most conventional viruses, the formation of intact viral particles precedes the induction of major cytopathic effects. The appearance of intact fully formed viral particles is much less of a feature in stealth viral infections. Typically one may merely see accumulations of viral like components, possibly with incomplete virus-like structures, in a cell which displays intense cytopathic effects.

The types of viral products that accumulate in stealth viral infected cells can differ between different stealth viral isolates. In some cultures the predominant material may be coarse nucleocapsid-like materials, in others there may be collections of fine granular deposits, still other cultures may show an over expression of viral envelope structures. A common feature, however, is the apparent metabolic disruption expressed as mitochondrial damage, lipid accumulation, extensive cytoplasmic vacuolization, and altered nuclei. Infected cells are metabolically impaired because various energy and other resources are diverted towards the synthesis of viral components at the expense of normal functions. Severe defects in energy generating metabolic pathways are apparent in the marked mitochondrial disruption that is prominent in electron micrographs of viral infected cells.

An important observation concerning the development of the in vitro cytopathic effect is that it can be inhibited by substances that accumulate in the media of infrequently fed cultures. These substances can be removed by frequently replacing the tissue culture medium. They also hold promise in the potential therapy of stealth viral infection. The inhibitor(s) in tissue culture supernatants has been termed "Epione" after the wife of Ascepius, the Greek God of medicine. Epione was reputed to have skills in soothing pain.

Clinical Implications:
Stealth viral infected patients have a systemic viral illness. Although the infection and resulting cellular disruption is systemic, many of the symptoms experienced by infected patients relate to dysfunction of the brain. This merely reflects the unique susceptibility of the brain to localized viral induced damage. Significant viral damage to other organs, such as the bowel, liver, thyroid, adrenal, etc., can, however, add to the neurological dysfunction resulting from viral infection within the brain.

The clinical diversity of neuropsychiatric symptoms seen in patients labeled with various neurological, psychiatric, rheumatological and behavioral problems is probably determined by the localization of the brain infection, as well as by genetically and environmentally determined differences in predisposition to various symptoms. Additionally, the extent of viral damage to other organs can impact on the overall clinical presentation.

Potential complications of viral infection include the induction of auto-immunity, antigen-antibody complex formation, ischemia resulting from viral vascular damage, breakdown of both the physical barriers and the cellular clearance mechanisms operative against common bacteria, transactivation of other viruses, and finally the induction of malignancy.

Therapy:
The primary therapeutic approach is aimed at suppressing viral expression and the further spread of viral infection. In several cases partial success has been seen using intravenous and/or oral ganciclovir. Next are efforts that can augment cellular metabolic function. In principle one is faced with the quandary of not wanting to "feed the virus" by giving nutritional supplements. To help avoid this possibility, one should take advantage of the cover provided by anti-viral agents to restore metabolic health. Another important therapeutic goal is to attempt, through adjustments to sensory inputs, followed if necessary by low dose therapy with neuromodulating agents, to promote normal brain function. Activities which aggravate the patient's symptoms should be avoided, while those that ameliorate symptoms should be employed. The pharmacological approach is largely one of trying different medications and the patient observing what effects, if any, occur. The patient should be willing to maximize the potential placebo effects of prescribed medications and other adjustments while at the same time remain objective when comparing medications. The physician prescribing the medication also needs to remain objective and sensitive to the potential side effects of neuroactive medicines.

Non-neurological illness, especially those that can indirectly affect neuronal function, for example leaky bowel with impaired liver detoxification, hypo- or hyperthyroidism, adrenal insufficiency, etc., need to be addressed on an individual basis. Finally, the patient should be encouraged to relearn cognitive skills to the extent possible.

Prevention:
The issues of potential contagiousness of a stealth viral infection is relevant within the context of family and friends of patients, work environment especially educational personnel dealing with infected children, health care workers, and recipients of blood products and viral vaccines produced in primary cultures of animal tissues.

Clinical Research:
A major goal of clinical research is the application of standardized approaches to measure and to monitor deficits in brain functions associated with stealth viral infections. The use of labels such as CFS, fibromyalgia, gulf war syndrome, depression, dementia, attention deficit, autism, etc., etc., obscure the major overlaps that can be seen in stealth viral infected individuals. To address this, a series of simple but objective clinical tests are being devised to more efficiently document the scope and severity of brain dysfunction in all stealth viral infected patients. These tests, along with repeat viral cultures can form the basis of evaluating and optimizing various therapeutic approaches.

Basic Research:
The primary goal is to isolate and characterize the inhibitory component(s) present in stealth viral culture medium. The second goal is to develop and apply serological assays to determine if an individual is at risk for infection with a particular stealth viruses. The results will help in counseling family members as to their potential risks. Similar studies can be applied to household pets. The possibility of vaccination of household pets and family members will also need to be addressed.

Additional Information:
Physicians interested in enrolling patients into therapeutic trials are asked to contact CCID at 3328 Stevens Avenue, Rosemead CA 91770. Suggestions as to possible alternative approaches to therapy are welcomed. A computerized data base is being established to help allocate patients to various treatment options and to rapidly validate the efficacy of promising therapies. Patients in whom the disease has spread to family members or to household pets are asked to contact CCID directly by calling (626) 572-7288. Similarly, families in which an array of differing illnesses have occurred among family members should contact CCID. Written reports of these illnesses or of other outbreaks can be sent to CCID via FAX at (626) 572-9288.

Funding and Support:
A tax deductible donation to expedite the development of Epione, is being requested from all interested persons Details of the Epione Development Fund will be provided to potential contributors.

Address for Donations:
All donations are to be made out to the "Epione Development Fund" and are to be sent to:


The National Heritage Foundation
c/o Veronica Flaggs
P.O. Box 1776
Falls Church, VA 22041
1-800-986-4483, ex 229


References Relating to Stealth Viruses:
1. Martin W.J. Viral infection in CFS patients. in "The Clinical and Scientific Basis of Myalgic Encephalomyelitis Chronic Fatigue Syndrome." Byron M. Hyde Editor. Nightingdale Research Foundation Press. Ottawa Canada pp 325-327, 1992.

2. Martin W.J. Detection of viral related sequences in CFS patients using the polymerase chain reaction.in "The Clinical and Scientific Basis of Myalgic Encephalomyelitis Chronic Fatigue Syndrome." Byron M. Hyde Editor. Nightingdale Research Foundation Press. Ottawa Canada pp 278-283, 1992.

3. Martin WJ, Zeng LC, Ahmed K, Roy M. Cytomegalovirus-related sequences in an atypical cytopathic virus repeatedly isolated from a patient with the chronic fatigue syndrome. Am. J. Path. 145: 441-452, 1994.

4. Martin W.J. Stealth viruses as neuropathogens. College of American Pathologist's publication "CAP Today" 8 67-70, 1994

5. Martin WJ. Stealth virus isolated from an autistic child. J. Aut. Dev. Dis. 25:223-224,1995

6. Martin WJ, Ahmed KN, Zeng LC, Olsen J-C, Seward JG, Seehrai JS. African green monkey origin of the atypical cytopathic 'stealth virus' isolated from a patient with chronic fatigue syndrome. Clin. Diag. Virol. 4: 93-103, 1995.

7. Martin WJ. Severe stealth virus encephalopathy following chronic fatigue syndrome-like illness: Clinical and histopathological features. Pathobiology 64:1-8, 1996.

8. Martin WJ. Stealth viral encephalopathy: Report of a fatal case complicated by cerebral vasculitis. Pathobiology 64:59-63, 1996.

9. Martin WJ. Simian cytomegalovirus-related stealth virus isolated from the cerebrospinal fluid of a patient with bipolar psychosis and acute encephalopathy. Pathobiology 64:64-66, 1996. 10. Gollard RP, Mayr A, Rice DA, Martin WJ. Herpesvirus-related sequences in salivary gland tumors. J. Exp. Clin. Can. Res. 15: 1-4, 1996.

11. Martin WJ. Genetic instability and fragmentation of a stealth viral genome. Pathobiology 64:9-17, 1996. 12. Martin WJ, Glass RT. Acute encephalopathy induced in cats with a stealth virus isolated from a patient with chronic fatigue syndrome. Pathobiology 63: 115-118, 1995.

13. Martin WJ. Detection of RNA sequences in cultures of a stealth virus isolated from the cerebrospinal fluid of a health care worker with chronic fatigue syndrome. Pathobiology (in press)

14. Martin WJ Anderson D. Stealth Virus Epidemic in the Mojave Valley: I. Initial report of virus isolation. Pathobiology (in press)



  Visualizza il profilo di epionex2      Modifica/cancella questo Messaggio   Rispondi riportando il messaggio originario
mirco


Registrato: Aug 04, 2003
Messaggi: 98
Inviato: 2003-08-10 23:15   
Se qualcuno che sa l'inglese facesse, un rapido riassunto in italiano sarebbe cosa gradita.


  Visualizza il profilo di mirco      Modifica/cancella questo Messaggio   Rispondi riportando il messaggio originario
max


Registrato: Apr 26, 2003
Messaggi: 1902
Inviato: 2003-08-11 23:13   
TRADUZIONE DEL TESTO INVIATO DA EPIONEX2. INFEZIONE DI VIRUS DI AZIONE CLANDESTINA IN PAZIENTI CFS W. John Martin, M.D., Ph.D. Centrate per malattie infettive complesse 91770 concetti di base Rosemead CA: L'entità ha chiamato la sindrome di fatica cronica (CFS) semplicemente riferisce di un raggruppamento sciolto di certi sintomi che fanno parte di uno spettro molto più largo delle manifestazioni cliniche di danno di cervello organico prodotto virale. Il termine preferito per la malattia di cervello organica sottostante è encephalopathy virale (patologia virale del cervello). Il termine cfs dovrebbe essere scartato. I virus che sono associati a CFS sono definiti "azione clandestina" perché, benché, essi causano danno cellulare significativo, di solito non evocano una risposta infiammatoria anti-viral. Essi sono esaminati meglio come "derivate" o come virus convenzionali "down-sized". Essi includono ma non sono limitati a derivate di essere umano e dell'animale herpesviruses. L'"adattamento" di azione clandestina è formato principalmente dalla cancellazione dei geni codificando per i componenti principali antigenic normalmente puntati dal sistema immune cellulare. I virus di azione clandestina non coltivano come efficientemente come virus convenzionali, ma non hanno un vantaggio impressionante rispetto a virus convenzionali nel non dovere confrontare i meccanismi di difesa immuni cellulari del corpo. Essi possono creare, quindi, infezioni in corso persistenti nonostante il sistema immune intatto di un individuo. Questo è diverso da un'infezione nascosta vista con molto herpesviruses umano in cui è essenzialmente inattivo il virus salvo periodi transitori brevi di attivazione virale,rapidamente controllato dai meccanismi immuni del corpo. Sia in culture di cellula che in fazzoletti di carta infettati, l'infezione virale può condurre allo sviluppo di cellule spumose vacuolated, che possono formare sincizi. I cambiamenti cellulari possono essere visti prontamente utilizzare il microscopio elettronico. Con la maggior parte dei virus convenzionali, la formazione di particelle virali intatte precede l'induzione di effetti principali citopatici. L'aspetto di particelle virali formate completamente intatte è molto di meno di una caratteristica in infezioni virali azione clandestina. Di solito uno può solo vedere accumulazioni di componenti simili virali, possibilmente con strutture incomplete virus-like, in una cellula che mostra effetti intensi citopatici.I tipi di prodotti virali che accumulano in azione clandestina cellule infettate virali possono essere diversi tra azione clandestina diversa virale isola. In alcune culture il materiale predominante può essere materiali grossolani nucleocapsid-like, in altri ci possono essere le raccolte di belli depositi granulari, ancora altre culture possono mostrare uno sopra espressione di strutture della busta virali. Una caratteristica comune, tuttavia, è il disordine metabolico evidente espresso come danno mitochondrial, accumulazione lipid, cytoplasmic vacuolization esteso e nuclei modificato. Le cellule infettate sono danneggiate metabolicamente perché la diversa energia e le altre risorse sono deviate verso la sintesi di componenti virali a spesa di funzioni normali. I difetti gravi in energia generando pathways metabolico sono evidenti nel disordine contrassegnato mitochondrial che è prominente nell'elettrone micrographs di cellule infettate virali.Un'osservazione importante che riguarda lo sviluppo di lo nell'effetto vitro cytopathic è che può essere inibito da sostanze che si accumulano nei mezzi di culture alimentate sporadicamente. Queste sostanze possono essere rimosse sostituendo frequentemente il mezzo di cultura di fazzoletto di carta. Essi tengono anche promessa nella terapia potenziale di infezione virale azione clandestina. L'inibitore(i) nella cultura di fazzoletto di carta supernatants è stato definito "Epione" dopo la moglie di Ascepius, il Dio greco di medicina. Si è giudicato che Epione avesse esperienze in dolore calmante. Implicazioni cliniche: I pazienti infettati virali azione clandestina hanno una malattia virale sistemica. Benché gli infezione e risultando che il disordine cellulare è sistemico, molti dei sintomi sperimentati da pazienti infettati si riferiscono a disfunzione del cervello. Questo riflette solo la suscettibilità univoca del cervello a danno prodotto virale localizzato.Danno virale significativo ad altri organi, come l'intestino, fegato, tiroide, adrenal, ecc ., può aggiungere, tuttavia, alla disfunzione neurologica che deriva da infezione virale all'interno del cervello. The clinical diversità di sintomi neuropsychiatric seen i pazienti hanno etichettato con diverso neurologico, psichiatrico, problemi rheumatological e behavioral sono probabilmente determinati dalla localizzazione dell'infezione di cervello, come pure da geneticamente e ambientalmente ha determinato differenze predisposizione a diversi sintomi. In aggiunta, l'estensione di danno virale ad altri organi può impact la presentazione generale clinical. Le complicazioni potenziali di infezione virale includono l'induzione di auto-immunity, formazione complessa antigen-antibody, ischemia derivando da danno vascolare virale, guasto sia delle barriere fisiche che dei meccanismi di sgombro cellulari operatore contro batteri comuni, transactivation di altri virus e infine l'induzione di malignità.Terapia: L'avvicinamento terapeutico principale è mirato alla soppressione di espressione virale e l'ulteriore diffusione di infezione virale. In numerosi casi il successo parziale è stato visto utilizzare ganciclovir endovenoso e/o orale. Dopo siete sforzi che possono aumentare funzione metabolica cellulare. In linea di massima uno è di fronte all'incertezza di non volere "alimentare il virus" dando supplementi nutrizionali. Per aiutare a evitare questa possibilità, uno dovrebbe sfruttare la coperta fornita da agenti anti-viral per ripristinare la salute metabolica. Un altro obiettivo terapeutico importante è da tentare, attraverso adattamenti a immissioni sensoriali, seguito se necessario da terapia di dose bassa con agenti neuromodulating, per promuovere funzione di cervello normale. Attività che aggravano i sintomi del paziente dovrebbero essere evitate, mentre quelli che migliorano sintomi dovrebbero essere impiegati. L'avvicinamento pharmacological è in gran parte uno di provare varie medicazioni e il paziente che osservano quali effetti, se un qualunque, si verificano. Il paziente dovrebbe essere disposto a massimizzare gli effetti di placebo potenziali di medicazioni stabilite e altri adattamenti mentre rimane contemporaneamente oggettivo quando confronta medicazioni. Il medico che prescrive la medicazione ha bisogno anche di rimanere oggettivo e sensibile agli effetti laterali potenziali di medicine neuroactive. Malattia non neurologica, specialmente quelli che può influire indirettamente su funzione neuronal, intestino ad esempio che perde con il fegato danneggiato detoxification, insufficienza hypo-or hyperthyroidism, adrenal, ecc ., dovere essere diretto su una singola base. Infine, il paziente dovrebbe essere incoraggiato a riapprendere esperienze cognitive all'estensione possibile. Prevenzione: Gli argomenti contagiousness potenziale di un'infezione virale azione clandestina è pertinente all'interno del contesto di famiglia e amici di pazienti, ambiente di lavoro che il personale particolarmente didattico che trattava ha infettato bambini, lavoratori di assistenza sanitaria,e i destinatari di prodotti di sangue e vaccini virali hanno prodotto in culture principali di fazzoletti di carta di animale. Ricerca clinica: Un obiettivo principale di ricerca clinica è l'applicazione di approcci standardizzati per misurare e controllare disavanzi in funzioni di cervello associate a infezioni virali azione clandestina. L'uso di etichette come CFS, fibromyalgia, inghiotte sindrome di guerra, depressione, dementia, disavanzo di attenzione, autismo, ecc ., ecc ., oscurare le sovrapposizioni principali che può essere visto in individui infettati virali azione clandestina. Per indirizzare questo, le serie di prove cliniche semplici ma oggettive vengono ideate per documentare più efficientemente l'ambito e la gravità di disfunzione di cervello in tutti i pazienti infettati virali azione clandestina. Queste prove, insieme a replica le culture virali possono formare la base di valutare e ottimizzare diversi approcci terapeutici. Ricerca di base: L'obiettivo principale è isolare e caratterizzare il presente componente inibitorio (s) in mezzo di cultura virale azione clandestina. Il secondo obiettivo è sviluppare e applicare analisi serological per determinare se un individuo è a pericolo per infezione con una particolare azione clandestina virus. I risultati sono aiuto nel consigliare a membri di famiglia con riferimento ai loro pericoli potenziali. Gli studi simili possono essere applicati ad animali domestici di famiglia. La possibilità di vaccinazione di animali domestici di famiglia e di membri di famiglia dovrà anche essere indirizzata. Ulteriori informazioni:A medici interessati a iscrivere pazienti in prove terapeutiche è chiesto di contattare CCID a 3328 Viale Stevens, Rosemead CA 91770. Sono graditi i suggerimenti con riferimento a possibili approcci alternativi a terapia. Un database computerizzato viene stabilito per aiutare ad assegnare pazienti a diverse opzioni di trattamento e convalidare rapidamente l'efficacia di terapie promettenti. A pazienti in cui la malattia ha diffusione a membri di famiglia o ad animali domestici di famiglia è chiesto di contattare CCID direttamente chiamando (626) 572-7288. Allo stesso modo, famiglie in quale un insieme di essere diverso le malattie si sono verificate tra membri di famiglia dovrebbe contattare CCID. I rapporti scritti di queste malattie o altre esplosioni possono essere inviati a CCID Per mezzo di Fax a (626) 572-9288. Finanziare e sostegno: Una donazione di imposta detraibile per accelerare lo sviluppo di Epione, viene chiesto da tutte le persone interessate i dettagli del Fondo di Sviluppo Epione saranno provvisti a contributori potenziali. Dirigetevi per donazioni: Tutte le donazioni devono essere fatte al "fondo di sviluppo Epione" e devono essere inviate a: La fondazione di eredità nazionale c/o Veronica Flaggs P.O. Inscatolate 1776 autunni la chiesa, VA 22041 1-800-986-4483, ex 229
















[ Questo messaggio è stato modificato da: max il 2003-08-11 23:17 ]


  Visualizza il profilo di max      Modifica/cancella questo Messaggio   Rispondi riportando il messaggio originario
epionex2


Registrato: Aug 03, 2003
Messaggi: 169
Inviato: 2003-08-22 23:46   
Abstract

Four physicians with complex chronic disabling illnesses labeled as chronic fatigue syndrome (CFS) were shown by culture to be stealth virus infected. The clinical histories indicate multi-system stealth virus infection with encephalopathy (MSVIE). The exposure of physicians and other health care providers to stealth viruses is a potential occupational hazard.

Introduction

Complex arrays of symptoms typify a number of common, chronic, disabling illnesses. To varying extents many patients report and/or demonstrate: i) Impaired mental capacities, including loss of short term memory, difficulties in verbal expression and/or comprehension, attention deficit and lethargy; ii) altered personality, including a reduced capacity to relate emotionally to others; iii) mood changes, including depression, anxiety and anger; iv) sleep disturbance; v) instability of autonomic nervous system regulation of blood pressure, pulse rate and/or bowel functions; vi)headaches and; vii) generalized body aches and pains. The medical community is split between those who view these symptoms as an indication of an underlying organic disease process, and those who consider the symptoms merely as an extension of the normal stresses and strains of everyday living (1,2). Clinicians who advocate organic disease have used various diagnostic terms such as chronic fatigue syndrome (CFS), fibromyalgia, depression, Gulf war syndrome, irritable bowel syndrome, attention deficit, multiple chemical sensitivity, etc.; without clear-cut distinguishing clinical or laboratory criteria. The use of imprecise clinical labels has helped bolster those who believe that none of the illnesses constitute serious medicine.

Public Health authorities have also been slow in pursuing a possible infectious etiology of CFS and related conditions. Reports of community outbreaks of CFS-like illnesses have typically been discredited as emotional over-reactions of those affected, fueled by over-zealous, incompetent physicians (3). With little support from established medicine, patients have generally had to fend for themselves in explaining their illness to family, friends and disability insurance carriers.

For several years, I have been culturing atypical cytopathic viruses from CFS patients (4-6). I coined the term "stealth" because the viruses were apparently unseen by the cellular immune defenses responsible for triggering an anti-viral inflammatory response. I postulated that stealth-adaptation involved the deletion of critical viral genes that coded the major antigens targeted by T lymphocytes (4). DNA sequencing data obtained on an African green monkey simian cytomegalovirus (SCMV)-derived stealth virus support this hypothesis (7).

During the course of studies on stealth-adapted viruses, numerous physicians have requested personal testing because of their own symptoms. Four particularly severe cases have been selected to help underscore the apparent occupational infectivity of stealth viruses.

Methods

Stealth Virus Cultures: Mononuclear cells were isolated from blood collected in acid-citrate-dextrose (ACD), yellow-topped tubes, using ficoll-paque (Pharmacia, NJ). The cells were added to MRC-5 fibroblasts and to rhesus monkey kidney cells (BioWhittaker, MD). The inoculated cultures were observed for the development over one to several days, of rounded vacuolated cells that form syncytia (4). The cytopathic effect (CPE) was enhanced by regularly replacing the medium (X-Vivo-15, BioWhittaker, MD). Confirmation of the CPE can, if required, be generally obtained by positive immunostaining of the culture with broadly reactive polyclonal antisera raised against various human herpesviruses. Immunostaining will generally also occur with the patient's own plasma and with many normal human sera (4). The CPE is morphologically distinguishable from that typically caused by human cytomegolovirus, human herpesvirus-6, adenovirus and enteroviruses. Additional distinctions from these conventional viruses can be made by using highly specific monoclonal typing antibodies, and by sequencing of polymerase chain reaction (PCR) products generated using various primer sets under low stringency conditions (4,6).

Case Histories

Case 1: An internist, who is now age 44, was well until 1987. At that time a nurse accidentally struck her in the hand with the needle of a syringe containing blood collected from an elderly patient. The patient had developed a transient acute encephalitis-like illness shortly after receiving a blood transfusion and subsequently became demented requiring nursing home care. The physician began developing symptoms within several days of the needle stick. These included vomiting, stiff neck, vertigo, headache, left eye pain, photosensitivity, somnolence and periodic fever to 100oC. CT and MRI scans were read as normal. The acute symptoms peaked at approximately two weeks and gradually improved. By two months, the patient had regained her usual alertness and, in spite of continuing vertigo, photophobia and headaches, she returned to work. Gradually over the ensuing year, she became progressively more clumsy and even occasionally fell onto patients being examined. She had difficulty reading because of down-beating nystagmus. A repeat MRI was again negative. Routine viral cultures on a cerebrospinal fluid (CSF) sample were negative. Detailed auditory and vestibular testing were consistent with endolymphatic hydrops with perilymphatic fistula, worse on the left side, and benign paroxysmal positional nystagmus, worse on the right side. The physician was unable to continue working. Her overall clinical condition has further deteriorated over the last ten years. Daily attacks of vertigo, ataxia, headaches, photophobia; and week-long attacks of severe fatigue; have prevented her from resuming any type of work. Her short term memory also became impaired. She has experienced frequent upper respiratory tract infections, which, based on positive serologies, have been labeled as Legionnaire's disease, Mycoplasma pneumoniae and Chlamydia pneumoniae. Among her many illnesses, she has had recurrent bouts of nausea, abdominal pain and diarrhea; one episode being attributed to C. difficile infection. Her thyroid had periodically become swollen and painful, with signs of de Quervain's thyroiditis with thyrotoxicosis associated with thyroid stimulating immunoglobulin. Resolution has required from 6 months to 2 years of prednisone therapy. She has had attacks of pancreatitis, interstitial cystitis, and is allergic to many foods and medications. The C5-C6 cervical disc has herniated, as has the L4-L5 lumbar disc. She has a reduced blood volume with orthostatic hypotension.

Additional laboratory testing has included positive PCR for chlanydia and for mycoplasma, and positive serology for Borna virus. Her blood has shown cryoglobulins and increased fibrinogen split products with signs of platelet activation. Both CD4 and CD8 T lymphocyte levels have been reduced. Blood 2-5A' synthetase, RNase-L, alpha interferon and interleukin-10 levels were raised. Urinary and stool porphyins were elevated. Her urine also showed excess mercapturic acid, D-glucaric acid, B-alanine, and hydroxyproline. A stealth virus culture was strongly positive

Brain imaging showed a 4mm herniation of the cerebellar tonsils, mild cerebral atrophy and discernable subcortical encephalomalacia. Reduced perfusion and metabolic activities involving the frontal, temporal and parietal lobes, were shown using SPECT and PET scans, respectively.

Several years ago, the patient acquired a pet dog. The dog has had a remarkable medical history, including partial complex seizures, elevated liver enzymes, hypothyroidism, and recurrent prostate, urinary, gastrointestinal and eye infections. The dog also tested positive for stealth virus.

Case 2: At 43 years of age, a previously healthy ophthalmologist experienced acute flu-like symptoms, which included sore throat, swollen cervical lymph nodes, night sweats, muscle aches and fatigue. The symptoms were gradually resolving when he began to develop burning parenthesia involving different regions of his body. These were accompanied by marked muscle weakness. Palpable nerves were tender. He had to discontinue work for two months. When he returned, he was still bothered by paresthesia, weakness, insomnia and fatigue. A further exacerbation occurred eight months later with several days of confusion and disorientation, followed by apparent reduction in short-term memory, attention span, and verbal expression and comprehension. Muscle fasciculation was also noted. He again discontinued work and has remained disabled for the last 11 years. During this time he has periodically developed superficial, mucus exudative lesions that involve areas within the nostrils and on the lips. Cognitive impairments were documented on neuropsychological testing. Hypoperfusion was seen on SPECT scan and hypometabolism was seen on PET scan. Abnormal routine laboratory testing has included slightly elevated liver function tests. Special tests have shown marked elevations in alpha interferon and in interleukin 1. Material collected from the exudative lesions has shown herpesviral like-particles on electron microscopy. Viruses were also seen in a semen preparation and in an ultracentrifuge pellet from an aceellular CSF sample. Multiple stealth virus cultures from blood, CSF, lip lesion, and semen, have been consistently positive on multiple occasions between 1992 and 1998.

Case 3: In 1983, a 38-year old medical oncologist was exposed to hematemesis and bloody diarrhea from an elderly patient with persistent thrombocytopenia, splenomegaly and progressive cirrhotic liver disease. The patient showed elevated liver enzymes, but remarkably normal bilirubin until shortly before her death. Among other investigations, the elderly patient was negative for hepatitis A and B by serology, and strongly positive for anti-EBV viral capsid antigen (VCA). Within two months of this patient's death, the attending physician began to experience irritable bowel symptoms with abdominal discomfort and episodes of diarrhea. He also tested strongly positive for EBV VCA, (titer 1:5,000). His symptoms gradually extended to include diffuse myalgia and anthralgia, severe and progressive lethargy, and reduced exercise tolerance. Additionally, the physician began to experience headaches accompanied by blurring of vision and occasional diplopia, night sweats, periodic palpitations and insomnia. He became intolerant of bright light, which would trigger headaches, and was also intolerant of cold night air that would trigger muscle aches and anthralgia. He also had intermittent bouts of pharyngitis. The illness continued to progress with increasing generalized muscle weakness, chest pains, shortness of breath, mild ataxia and tremor. He was seen by numerous specialists whose aggregate diagnoses included the following: i) Labile hypertension progressing to fixed hypertension associated with left ventricular hypertrophy and EKG signs of viral cardiomyopathy. ii) Hepato-splenomegaly with fluctuating elevated liver enzymes and steatosis on liver biopsy, now progressing to cirrhosis. iii) Progressive cerebral atrophy with hypoperfusion and hypometabolism, manifesting as personality disorder, impaired memory, depression and early dementia. He has difficulty following conversations and is easily confused. iv) Endolymphatic hydrops. v) Prolonged episodes of moderate thrombocytopenia with ecchymosis, telangiectasia and splinter hemorrhages. Plasmacytosis was seen on bone marrow biopsy with ohgoclonal rearrangements within both B and T lymphocytes. Megaloblastic anemia, refractory to folic acid and vitamin B12 therapy. vi) Multiple chemical sensitivity and multiple food allergies, which induce nausea and headaches. vii) Localized psoriasis and; viii) Recent onset of type II diabetes. He has been on disability since 1984.

Abnormal laboratory tests include elevated levels of alpha interferon, interleukin 1, tumor necrosis factor and C reactive protein. He has auto-antibodies to nuclear, nucleolar and cytoplasmic antigens. 1gA and 1gG levels are below normal, as are qualitative and quantitative NK cell assays. CD4/CD8 T lymphocyte ratio is elevated. Plasma amino acid levels are reduced, whereas plasma ammonia is increased. Stealth virus cultures have been repeatedly positive since 1991.

Case 4: A 55 year old financially successful physician was alerted to a possible illness when he noticed difficulties switching his concentration from counting a patient's pulse to watching the clock. He also began to forget telephone numbers. He had to carefully position himself before getting up from a stool so as not to stagger and appear drunk. He stopped practicing medicine when he found himself waiting for another motorist to come to a traffic light so as to remind him on which color light he could proceed. Neurological examinations were conducted, but no abnormalities were found. His colleagues reassured him that it was nothing other than stress. He became despondent and overweight. His marriage failed and his adult children sided with their mother in the disposition of various assets. For the next 10 years, the physician lived alone, unable to drive at night because of disorientation; unable to socialize because of verbal and cognitive problems; and unable to obtain relief in spite of literary having a pharmacy within his apartment. A formal neurological examination was arranged in 1994, to help document his disability for a Public health report. It was essentially unremarkable except for a 4/5 mild bilateral weakness in hand gripping. The examining neurologist admitted that he was considering schizophrenia when the patient began referring to "multiple little men in my brain not listening to each other." The disabled physician was provided a trip to Hawaii but only on four occasions throughout a whole month did he leave his hotel room. His travelling companion commented on his relentless suffering and inability to take delight from any of the days' happenings. When not sleeping, he would struggle with expressing his ideas and would invariably return to the theme of his illness. Upon his return to California, he answered a mail-order bride advertisement from the Philippines, where he now resides. Blood and an otherwise normal CSF sample were strikingly positive in stealth viral cultures.

Discussion

In spite of the obvious differences, complexities and severity of the illnesses experienced by these four physicians, they are all currently diagnosed as having CFS. In current medical practice, this term embraces a broad range of illnesses without defined boundaries at either the mild or severe extremes. It lumps seriously ill patients, such as those described in this paper, with the so called "worried well" who are accused of over utilizing medical services (8). For sick patients, the CFS label is not infrequently applied to individuals with variably recurring multi-system illnesses with an overlay of neuropsychiatric symptomatology. A CFS diagnosis will often limit the medical quest to determine the actual causes of the many and varied symptoms experienced by the patient. Being physicians, the patients described in this paper, have had access to more extensive laboratory and ancillary testing than do most CFS patients. In particular, they sought and tested positive for stealth viral infections.

Stealth viruses refer to a molecularly heterogeneous grouping of atypically structured viruses that induce a vacuolating cytopathic effect (CPE) in culture, yet seemingly are unable to evoke an anti-viral inflammatory response in vivo (4-7). Sequence studies on an African green monkey simian cytomegalovirus-derived stealth virus are consistent with the deletion of genes coding for the major targets for anti-CMV cytotoxic T lymphocytes (CTL) mediated immunity (6). More impressively, portions of this virus have gained many additional sequences of both cellular (9) and bacterial origins (10). The SCMV and captured cellular and bacterial sequences have undergo considerable mutations, yielding a diverse range of molecular and antigenic components. Stealth adaptation can presumably occur with other cytopathic viruses of human and animal origin. The lack of an accompanying inflammatory reaction and poor growth in routine viral cultures have helped these viruses go unnoticed by clinical investigators.

The molecular and antigenic diversity of stealth viruses can help explain the sometimes baffling results of PCR and serological based assays obtained in CFS patients. In Case 1, for example, positive results were obtained in tests for Borna virus, Legionella, chlamydia and mycoplasma. Although it is conceivable that the patient had all of these infections, it is more likely that the results reflect molecular and antigenic cross-reactivity. The presence of stealth viruses, especially their capacity to assimilate genes of bacterial origins, poses a caveat on the interpretation of many currently used PCR and serological based tests.

While the encephalopathic manifestations tend to dominate the clinical features of most CFS patients, as is amply revealed in the case histories, many other organ systems are affected. The detection of various abnormalities often reflects the extent to which laboratory and ancillary diagnostic services are employed. The sensitivity and specificity for CFS of many of the various tests are not established. Given the vagueness of the clinical diagnosis, it would not be surprising if major discrepancies occurred. The diversity of laboratory results is, however, quite consistent with an overall diagnosis of multi-system stealth virus infection with encephalopathy (MSVIE). This term can embrace the widespread illnesses, including signs of autoimmunity, allergy and metabolic failures, that were especially apparent in cases 1 and 3.

The four physicians have experienced many of the problems faced by CFS patients. The social toil has included loss of income with considerable medical expenses incurred in the performance of laboratory tests and ancillary investigations. Two of the patients were divorced largely due to personality changes and loss of empathy with their spouses. One physician lived apart from his wife for several years in fear of transmitting his infection. Electron microscopy and stealth virus testing of semen was a hopeful gesture that they might still be able to conceive a healthy child. The diagnosis of CFS was used in the denial of the first physician's appeal for Worker's Compensation, even though her initial illness clearly followed a needle stick injury. Another physician felt pressured to reach a settlement with his long term disability carrier who had decided to terminate his benefits.

One of the physicians visited NIH investigators, and met with CDC officials trying to alert them to his illness without success. Patient 4 was formally reported to a County Health Department in 1994, again with no response. The reluctance of Public Health authorities to deal with chronic disabling illnesses may be partially explained by an inadequacy of conventional epidemiological tools when applied to complex and varied infectious diseases. The sequence data on the prototype stealth virus may also bear on Public Health concerns regarding the wisdom of having used African green monkeys to produce live poliovirus vaccine.

Although only four cases are presented, many more physicians have sought stealth virus testing. Several other physicians have begun anti-viral therapy with ganciclovir with self-reported benefit. Courageous clinicians have continued to treat CFS patients, but with a greater respect for the potential contagiousness of the illnesses they are encountering.

References


Goldstein JA. Chronic Fatigue Syndromes: The Limbic Hypothesis. New York. Haworth; 1993
Barsky AJ, Borus JF. Functional somatic syndromes. Ann Int Med. 1999;130:910-21
Shefer A, Dobbins JG, Fukuda K, et al. Fatiguing illness among employees in three large state office buildings, California, 1993: was there an outbreak? J Psychiatr Res 1997;31:31-43
Martin WJ, Zeng LC, Ahmed K, Roy M. Cytomegalovirus-related sequences in an atypical cytopathic virus repeatedly isolated from a patient with the chronic fatigue syndrome. Am J Path. 1994;145:441-452.
Martin WJ. Severe stealth virus encephalopathy following chronic fatigue syndrome-like illness: Clinical and histopathological features. Pathobiology 1996;64:1-8.
Martin WJ. Stealth adaptation of an African green monkey simian cytomegalovirus. Exp Mol Path. 1999;66:3-7.
Martin WJ. Detection of RNA sequences in cultures of a stealth virus isolated from the cerebrospinal fluid of a health care worker with chronic fatigue syndrome. Pathobiology 1997;65:57-60.
Bowers L. Community psychiatric nurse caseloads and the 'worried well': misspent time vital work? J Adv Nurs. 1997 26:930-6.
Martin WJ. Cellular sequences in stealth viruses. Pathobiology 1998;66:53-58.
10. Martin WJ. Bacteria related sequences in a simian cytomegalovirus-derived stealth virus




  Visualizza il profilo di epionex2      Modifica/cancella questo Messaggio   Rispondi riportando il messaggio originario
epionex2


Registrato: Aug 03, 2003
Messaggi: 169
Inviato: 2003-08-22 23:59   
prego Max di tradurlo , grazie ,mi scuso con tutti per la lunghezza dei testi ma volevo condividerlo con voi perchè ci sono molte cose vere in quelle dette dal dr. Martin e poi perchè hanno cancellato un intero sito pieno di pubblicazioni ,di dati di ricerca , di terapie ,ma.... comunque io quello che ho ve lo passo ciao

  Visualizza il profilo di epionex2      Modifica/cancella questo Messaggio   Rispondi riportando il messaggio originario
epionex2


Registrato: Aug 03, 2003
Messaggi: 169
Inviato: 2003-08-23 00:03   
Case 22: "I’m beginning to act crazy again," Rachel says, smiling. "I’m telling everyone that I’m getting well. I even stopped taking my Adderall and have not taken any in weeks. And I still love to talk!" Those are the words of an elementary school teacher who had once lost her enthusiasm for life and is now gradually beginning to regain the zest she once possessed with such abundance.

She is forty-five, tanned and has thick auburn hair and exudes an air of self-confidence. With both children grown and away starting families of their own, her husband involved in a successful small business, she says there was no reason that she should not feel blessed and satisfied about her life. Yet, she remembers having nagging problems with fatigue before her therapist’s referral to my office for an evaluation for CFS.

Rachel lives in a small community near the Grand Teton National Park and still teaches in the Eagle Rock Elementary School where she began twenty-two years ago. She says that the real reward from teaching is every time a former student turned up, sharing their life stories and sometimes to introduce her to their own families.

Rachel denies that these visits ever make her feel any older. However, she does admit that time has passed swiftly. Perhaps on reflection, she did feel a little different, physically and emotionally, but it had not been her former students or their families, but her own children, that made her aware that she has been changing too.

Rachel tells me that her health is an issue now. She has not gone through a recent school year where she was without a nagging illness, contracting something that just won’t go away. Yet, she is not unlike many of her peers, who also end their days flat on their backs at home stretched out on a couch each night. She started getting frequent upper respiratory infections, lasting two or three-weeks and never completely resolving. She leaves school dragging at the end of the day.

She says that she went through a period when she had a series of flu-like infections that she just could not seem to shake. Although she is probably talking about nothing more than a series of nagging colds, she clearly recalls how it all started. "I remember going to Hawaii for vacation one summer. My father-in-law just died, I was starting a new teaching assignment. There was some stress when I got sick but I could not get rid of the thing. Just when I thought I was over it, I would get it again."

She reported feeling dizzy and weak during that time and even after she got back and started working again, she did not have the same energy level or motivating drive and recalls feeling like she was spinning down, loosing control. During that time she pushed herself as hard as she could, but she was trapped in the conventional wisdom that "mothers are never supposed to get tired of their work. So what do you do?"

Rachel realized how fortunate she was to find a local doctor who agreed that she had a very good reason for feeling tired: an Epstein Barr infection. This was good news because it confirmed for her husband and her family that there was something "medically wrong" that explains her recent behavior. It was not in her head, as she suspected and thought that many people were thinking about her. This allowed her to reach the decision that the job was taxing her beyond the limits of her endurance and that a change of jobs might help restore her health.

It is difficult to know if it was harder to convince herself or her family that she was ill, because she is not a person who backs away from responsibility. However, during that summer, Rachel began helping her husband with farm work, which she enjoyed immensely. Gradually, along with the help of taking the SSRI, Effexor, she started feeling more energetic, more like her old self and it eventually led her to think about going back to teach again.

Shortly after the beginning of the school year, her mother experienced a serious medical problem that shook her fundamental optimism about life. Along with the combination of long work hours and the extended period of worry over her mother’s health, she gradually started experiencing the same debilitating symptoms that she had the year before, only this time she discovered that they were there to stay.

To accommodate the changes taking place in her life, she found specific ways to avoid doing the kinds of things that taxed her physically and emotionally. However, this was not an easy task to accomplish. Because this means that she must gradually close the circle of social and professional responsibilities, shutting herself down to the activities that are absolute essential for her success. She essentially decides to settle on living in a survival mode, a lifestyle without risks, or challenges, or stress, giving what little energy she has left each day first to her family, then to her job second, hoping that everyone will understand.

Sometimes families are the last ones to notice how much one of its own members is struggling. Alternatively, maybe they are the simply last ones to have "sympathy" for the afflicted family member’s struggle because the previous level of expectations had been so high. The truth is that, at first, her family did not seem to consciously register a response. Then they seem to alternate between disbelief and bewilderment. Rachel knew she was "gradually" slowing down and she knew that she was unable to do anything about it, except go with the flow.

First, she noticed the extreme grogginess in the mornings when she woke up; she experienced confusion about her priorities, and was surprised when other commented about her chronic lateness. Her lateness became a familiar theme. I have had dozens of patients tell me that they set a half dozen alarm clocks, stretching from the night stand beside the bed to the bathroom counter, and they still cannot get up on time each morning.

This simply drives Rachel’s husband crazy. Although she reassures herself that it is not that bad, because she does so well in other areas of her life, but it continued to worsen, and there was little doubt, in her mind, or her family’s, that something is quite wrong. Inspite of her best efforts, she was not able to change the one thing that caused her the most annoying problems. There were no simple explanations for it.

So she admits to feeling depressed more often than not, especially when she ran out of energy in the early afternoons. She longed to take a nap, but knew that she could not entertain a thought like that at school. She had never needed naps during the middle of the day. Now, many things appeared to be different about her and she knew it. Eventually, with the encouragement of friends and family, Rachel turned to a therapist to help sort out the causes for her fatigue, sleepiness depression, moodiness and inability to function the way she had in the past.

Rachel remembers mentioning this process of slowing down to her therapist, a woman who has known her for twenty years. The therapist, a compassionate and skillful practitioner with deep roots in the community and a genuine commitment to those she cares for, began by asking if she knew what was causing the problem.

The therapist asked how, since she was still working full-time, helping her husband around the ranch and caring for her family as she has always done, did she suddenly hit a wall and realize she had to stop. Rachel simply says that she has "slowed down".

This is also a typical comment from women with Chronic Fatigue; they often do not have the luxury of quitting, or cutting back on what they do. However, many of them say, just as Rachel does that she can tell the difference, especially around the holidays. That is when it is most apparent to everyone. During one Thanksgiving, her daughter pointed out that she does not seem to get holiday dinners together with the same finesse that she once did. While she once prepared meals for a dozen people and never missed a beat, she eventually needed help handling all the details.

From childhood through adolescence, Rachel’s children witnessed the consummate culinary skills of this gracious and charming hostess, turning out one holiday feast after another as they grow up. She spared nothing, putting together these Christmas, Thanksgiving and Easter family gatherings. For years, she had done it by herself and it seemed effortless. That was until about two years before she came in to see me.

Her daughter was the first to point out what Rachel was already realizing for herself. "I got to the point where I just couldn’t do those big meals anymore. I could not organize, prepare, serve and clean up a big family holiday dinner without help. I’d forget the recipes to dishes that I’ve made all of my life; I’d misplace things and I’d get so exhausted that I literally could never get it all done."

The look on Rachel’s face says she knows that something has been wrong for quite some time. She no longer has the energy to put into teaching that she once did and it is not surprising that she doesn’t seem to enjoy her life or her family as much as she once did. After preliminary tests, I am able to tell her that she had a positive stealth virus culture and can start on a protocol that would eventually lead her back on a road of health. Her response is excellent and she immediately notices a difference at work and at home.

Several months later her therapist calls me about another patient. She gives me additional confirmation that Rachel is responding well to the stealth virus protocol and that things are back on track in her life. At our last session, Rachel had just returned from her son-in-law’s graduation from law school and her daughter said that her mother had returned to her old self. Rachel said that it is better than returning to her old self, because she feels better than she ever did in the past.




  Visualizza il profilo di epionex2      Modifica/cancella questo Messaggio   Rispondi riportando il messaggio originario
max


Registrato: Apr 26, 2003
Messaggi: 1902
Inviato: 2003-08-23 02:09   
TRADUZIONE DEL PRIMO TESTO INVIATO DA EPIONEX2.La sindrome di fatica cronica (CFS) è stata mostrata da cultura per essere dovuta ad infezione da virus clandestino. Le storie cliniche indicano infezione di virus di azione clandestina multi-system con encephalopathy (MSVIE). L'esposizione di medici e altri fornitori di assistenza sanitaria a virus di azione clandestina è un rischio professionale potenziale.


INTRODUZIONE Gli insiemi complessi di sintomi caratterizzano molto comune, cronico, disabilitante malattie.Le storie cliniche indicano infezione di virus di azione clandestina multi-system con encephalopathy (MSVIE). L'esposizione di e/o dimostrano: i) Capacità mentali danneggiate, tra cui perdita di memoria di termine breve, difficoltà in espressione e/o verbali comprensione, disavanzo e letargo di attenzione; ii) personalità modificata, tra cui una capacità ridotta di riferirsi emotivamente ad altri; l'umore (iii) cambia, tra cui depressione, ansietà e ira; iv) perturbazione di sonno; v) instabilità di regolamento di sistema autonomic nervoso di pressione di sangue, frequenza del polso e/o funzioni di intestino; vi)emicranie e; dolori e dolori di corpo (vii) generalizzati.La comunità medica è suddivisa tra quelli che vedono questi sintomi come un'indicazione di un processo di malattia organico sottostante e quelli che considerano solo i sintomi come un'estensione delle tensioni e delle tensioni normali della vita quotidiana (1,2). Clinici che difendono malattia organica hanno utilizzato diversi termini diagnostico come sindrome di fatica cronica (CFS), fibromyalgia, depressione, sindrome di guerra di golfo, sindrome di intestino irritabile, disturbo di attenzione, sensibilità chimica multipla, ecc; senza nitido distinguendo clinico o criteri di laboratorio. L'uso di etichette cliniche imprecise ha aiutato a sostenere quelli che credono che nessuna delle malattie costituisca medicina grave. Le autorità di salute pubblica sono state lente anche nella ricerca di un possibile etiology di CFS infettivo e hanno riportato condizioni. I rapporti di esplosioni di comunità di malattie CFS-like sono stati di solito discreditati come over-reactions emotivo di quelli ha interessato, rifornito da over-zealous, medici incompetenti (3). Con piccolo sostegno da medicina stabilita, i pazienti desiderano fare had per provvedersi nella spiegazione della loro malattia a famiglia, amici e incapacità ottenere raggiungitori.Per alcuni anni, ho coltivato virus atipici cytopathic dai pazienti CFS (4-6). Ho coniato l'"azione clandestina" di termine perché i virus erano evidentemente inosservati dalle difese immuni cellulari responsabili di innescare una risposta infiammatoria anti-viral. Ho richiesto che stealth-adaptation implicasse la cancellazione di geni virali critici che hanno codificato gli antigeni principali puntati da linfociti T (4). DNA ordinare dati ha ottenuto su una scimmia di scimmia verde africana cytomegalovirus (SCMV) - ha derivato virus di azione clandestina sostiene questa ipotesi (7). Durante il corso di studi su virus stealth-adapted, numerosi medici hanno richiesto verifica personale a causa dei propri sintomi. Quattro casi particolarmente gravi sono stati scelti per aiutare a sottolineare l'infectivity occupazionale evidente di virus di azione clandestina.Metodi il virus di azione clandestina coltiva: Le cellule Mononuclear erano isolate dal sangue raccolto in acid-citrate-dextrose (ACD), tubi yellow-topped, utilizzando ficoll-paque (Pharmacia, NJ). Le cellule sono state aggiunte a MRC-5 fibroblasts e le cellule di rene di scimmia di reso (BioWhittaker, MD). Le culture inoculate sono state osservate per lo sviluppo più di un alcuni giorni, di cellule arrotondate vacuolate che formano sincizi (4). L'effetto citopatico (CPE) è stato aumentato sostituendo regolarmente il mezzo (X-Vivo-15, BioWhittaker, MD). La conferma del CPE può essere ottenuta, se richiesto, generalmente da immunostaining positivo della cultura con antisiero policlonale ampiamente reattivo alzato contro diverso herpesviruses umano.Generalmente Immunostaining anche si verificherà con il proprio plasma del paziente e con i molti sieri umani normali (4). Il CPE è morfologicamente distinguibile da quello di solito causato da cytomegolovirus umani, herpesvirus-6 umani, adenovirus ed enteroviruses. Distinzioni aggiuntive da questi virus convenzionali possono essere fatte utilizzando anticorpi di dattilografia monoclonali estremamente specifici e ordinando di reazione di catena polymerase che i prodotti (PCR) hanno generato utilizzando diversi insiemi di manuali introduttivi sotto rigidezza bassa le condizioni (4,6).Le storie di caso includono 1: Un internista, che ha ora l'età 44, stava bene fino al 1987. In quel momento una governante l'ha colpita casualmente nella mano con l'ago di una siringa che sangue contenente ha ritirato da un paziente anziano. Il paziente aveva sviluppato una malattia acuta transitoria encephalitis-like poco dopo la ricezione di una trasfusione di sangue ed è successivamente diventato demente richiedendo la guida di attenzione domestica. Il medico ha iniziato sintomi in via di sviluppo entro alcuni giorni del bastone di ago. Questi hanno incluso vomitare, il collo rigido, vertigine, emicrania, ha lasciato dolore di occhio, photosensitivity, sonnolenza e febbre periodica a 100oC. Le scansioni CT e MRI sono state lette come normali. I sintomi acuti hanno raggiunto il massimo a circa due settimane e sono gradualmente migliorati. Per due mesi, il paziente aveva recuperato la sua solita prontezza e, nonostante vertigine continuativa, nonostante photophobia ed emicranie, lei è ritornata a lavorare.Gradualmente durante l'anno conseguente, lei è diventata progressivamente più goffa e anche occasionalmente è caduta su pazienti che vengono esaminati. Lei ha avuto difficoltà a leggere a causa di down-beating nystagmus. Una replica MRI era di nuovo negativa. Le culture virali di routine su un campione fluido (CSF) cerebrospinal erano negative. Dettagliato uditivo e la verifica vestibular era più coerente con endolymphatic hydrops con perilymphatic fistula, peggiore sul lato sinistro e su benign paroxysmal posizionale nystagmus, peggio sul lato destro. Il medico non era in grado di continuare a fare funzionare. La sua condizione clinica generale si è deteriorata più avanti durante gli ultimi dieci anni. Attacchi giornalieri di vertigine, ataxia, emicranie, photophobia; e attacchi week-long di fatica grave; averle impedita di risommare qualsiasi tipo di lavoro. La sua memoria di termine breve si è anche danneggiata. Lei ha sperimentato infezioni di tratto respiratorie superiori frequenti, quale, basate su serologies positivo,/(/(avere)) come la malattia, il Mycoplasma pneumoniae e il Chlamydia pneumoniae di Legionnaire. Tra lei molte malattie, lei hanno avuto incontri ricorrenti di nausea, di dolore e diarrea addominali; un episodio essendo attribuito a infezione da C. difficile. La sua tiroide era diventata periodicamente gonfia e dolorosa, con segni di de Quervain che thyroiditis con thyrotoxicosis ha associato a immunoglobulin stimolante tiroideo. La risoluzione ha richiesto da 6 mesi a 2 anni di terapia prednisone. Lei ha avuto attacchi di cistite pancreatitis, interstitial ed è allergica a molti cibi e medicazioni. Il disco cervicale C5-C6 ha herniated, dato che ha il disco lombare L4-L5. Lei ha un volume di sangue ridotto con orthostatic hypotension.Verifica di laboratorio aggiuntiva ha incluso PCR positivo per chlamydia e per mycoplasma e serology positivo per virus Borna. Il suo sangue ha mostrato che cryoglobulins e fibrinogen potenziato spaccano prodotti con segni di attivazione platelet. Sono stati ridotti i sia CD4 che CD8 T livelli lymphocyte. Il sangue 2-5A ' i livelli synthetase, RNase-L, alfa interferon e interleukin-10 erano rialzati. L'orinatoio e lo sgabello porphyins erano elevati. La sua urina ha anche mostrato l'eccesso mercapturic acidi, acidi D-glucaric, B-alanine e hydroxyproline. Una cultura di virus di azione clandestina era fortemente positiva Cervello che visualizzava ha mostrato un 4mm herniation delle tonsille cerebellar, dell'atrofia cerebrale dolce e del subcortical encephalomalacia distinguibile. Il perfusion ridotto e le attività metaboliche che implicavano il frontale, il potere temporale e i lobi parietali, sono stati mostrati utilizzando scansioni di SPECT e di animale domestico, rispettivamente. Alcuni anni fa, il paziente ha acquistato un cane di animale domestico. Il cane ha avuto una storia medica notevole, includendo prese complesse parziali, enzimi di fegato elevati, hypothyroidism e prostata ricorrente, urinari, gastrointestinali e infezioni di occhio. Il cane ha anche eseguito il test positivo per virus di azione clandestina.Caso 2: A 43 anni di età, un oftalmologo precedentemente sano ha sperimentato sintomi acuti flu-like, che hanno incluso gola irritata, nodi di linfa cervicali gonfi, sudori di notte, dolori e fatica di muscolo. I sintomi decidevano gradualmente quando egli ha iniziato a svilupparsi di bruciare parestesia implicando varie regioni del suo corpo. Questi sono stati accompagnati dalla debolezza di muscolo contrassegnata. I nervi palpabili erano teneri. Egli ha dovuto cessare lavoro per due mesi. Quando egli è ritornato, è stato ancora infastidito da paresthesia, debolezza, insonnia e fatica. Un ulteriore inasprimento si è verificato otto mesi più tardi con alcuni giorni di confusione e disorientamento, seguito da riduzione evidente in memoria a breve scadenza, estensione di attenzione ed espressione e comprensione verbali.Era noto anche il muscolo fasciculation. Egli di nuovo ha cessato lavoro ed è rimasto invalido per gli ultimi 11 anni. Durante questo tempo egli si è sviluppato periodicamente superficiale, muco lesioni exudative che implicano aree all'interno delle narici e sulle labbra. Gli indebolimenti cognitivi sono stati documentati su verifica neuropsychological. Hypoperfusion è stato visto su scansione SPECT e hypometabolism è stato visto su scansione di animale domestico. La verifica di laboratorio di routine anomala ha incluso prove di funzione di fegato leggermente elevate. Le prove speciali hanno mostrato elevazioni contrassegnate in interferon alfa e in interleukin 1. Il materiale ritirato dalle lesioni exudative ha mostrato herpesviral like-particles sull'elettrone microscopy.I virus sono stati visti anche in una preparazione dello sperma e in un pallino ultracentrifuge da un campione aceellular CSF. Più culture di virus di azione clandestina da lesione e da sperma sangue, CSF, labiali, sono state coerentemente positive nelle più occasioni tra 1992 e 1998. Caso 3: Nel 1983, un vecchio oncologist medico di 38 anni è stato esposto a hematemesis e diarrea sanguinaria da un paziente anziano con thrombocytopenia persistenti, con splenomegalia e malattia di fegato cirrotico progressiva. Il paziente mostrato ha elevato enzimi di fegato ma eccezionalmente bilirubina normali fino a quando fra breve non prima della sua morte. Tra altre indagini, il paziente anziano era negativo per l'epatite A e B da serology e fortemente positivo per antigene virale capsid anti-EBV (VCA).Entro due mesi di questa morte del paziente, il medico che assisteva ha iniziato a sperimentare sintomi di intestino irritabili con disagio e con episodi addominali di diarrea. Egli ha anche eseguito il test fortemente positivo per EBV VCA, (titer 1:5,000) I suoi sintomi gradualmente si sono estesi per includere myalgia e anthralgia diffusi, letargo grave e progressivo e tolleranza di esercizio ridotta. In aggiunta, il medico ha iniziato a sperimentare emicranie accompagnate macchiando di visione e diplopia occasionale, di sudori di notte, palpitazioni e insonnia periodiche. Egli è diventato intollerante di luce intensa, che innescherebbe emicranie ed era intollerante anche di aria di notte fredda che innescherebbe dolori e anthralgia di muscolo. Egli ha anche avuto incontri intermittenti di faringite.La malattia ha continuato a progredire con la debolezza di muscolo generalizzata crescente, dolori di cassetta, brevità di respiro, di ataxia e tremito dolci. Egli è stato visto da numerosi specialisti le cui diagnosi globali hanno incluso quanto segue: i) Ipertensione Labile che progredisce a ipertensione fissa associata a ipertrofia sinistra ventricular e segni ECG di cardiomiopatia virale. ii) Hepato-splenomegaly con l'oscillare ha elevato enzimi e steatosi di fegato su biopsia di fegato, ora progredendo a cirrosi. l'atrofia cerebrale progressiva (iii) con ipoperfusione e con ipometabolismo, che appaiono come disordine di personalità, ha danneggiato memoria, depressione e dementia iniziale. Egli ha le seguenti difficoltà conversazioni ed è facilmente confuso. iv) Endolymphatic hydrops. v) Episodi prolungati di thrombocytopenia moderato con ecchimosi, con telangiectasia e il frammento hemorrhages.Plasmacytosis è stato visto su biopsia di midollo di osso con ridisposizioni ohgoclonal all'interno di sia B che T lymphocytes. Anemia Megaloblastica, refrattarietà alla terapia con acido folico vitamina B12 . vi) Sensibilità chimica multipla e più allergie di cibo, che producono la nausea e le emicranie. (vii) ha localizzato psoriasi e inizio recente (viii) di diabete del tipo II. Egli è stato sull'incapacità dal 1984. Anomalo che le prove di laboratorio includano livelli elevati di 1, tumor necrosis fattore alfa interferon, interleukin e reattivo C protein. Egli ha auto-anticorpi nucleari, antigeni nucleolar e cytoplasmic. 1gA e 1gG livelli sono sotto normale, dato che siete analisi di cellula NK qualitative e quantitative. Il rapporto lymphocyte T CD4/CD8 è elevato. I livelli di amminoacido di plasma sono ridotti, mentre l'ammoniaca di plasma è potenziata. Le culture di virus di azione clandestina sono ripetutamente positive dal 1991.Caso 4: Un 55 vecchio finanziariamente efficace medico di anno è stato allertato per una possibile malattia quando egli ha notato difficoltà a commutare la sua concentrazione da contare il polso di un paziente all'osservazione dell'orologio. Egli ha anche iniziato a dimenticare numeri telefonici. Egli ha dovuto posizionarsi con attenzione prima di arrivare da uno sgabello in modo da non sbalordire e sembrare ubriaco. Egli ha fatto cessare che della medicina praticante quando egli si è trovato attendesse che un altro automobilista venisse a una luce di traffico in modo tale da ricordargli su quale colore leggero egli potrebbe procedere. Sono stati condotti gli esami neurologici, ma nessuna anomalia è stata trovata. I suoi colleghi gli hanno assicurato di nuovo che non era niente diverso da tensione. Egli è diventato abbattuto e in sovrappeso. Il suo matrimonio è fallito e i suoi bambini per adulti si sono schierati con la loro madre nella disposizione di diverso attivo.Per i 10 anni prossimi, il medico ha vissuto solo, incapace di guidare di notte a causa di disorientamento; incapace di socializzare a causa di problemi verbali e cognitivi; e incapace di ottenere sollievo nonostante letterario avendo una farmacia all'interno del suo appartamento. Un esame neurologico formale è stato organizzato nel 1994, per aiutare a documentare la sua incapacità per un rapporto di salute pubblico. Era essenzialmente irrilevante salvo una 4/5 debolezza bilaterale dolce disponibile afferrando. Il neurologo esaminante ha ammesso che egli era visto schizofrenia quando il paziente ha iniziato a fare riferimento "a più piccoli uomini nel mio cervello che non ascolta l'un l'altro". Al medico invalido è stato fornito un viaggio in Hawai ma solo su quattro le occasioni per tutto un mese intero hanno fatto lui lascia la sua stanza di hotel.Il suo compagno viaggiatore ha fatto commenti sulla sua sofferenza e sulla sua incapacità inflessibili per prendere piacere da un qualunque degli avvenimenti dei giorni. Quando non addormentato, egli lotterebbe con l'esprimere le sue idee e ritornerebbe invariabilmente al tema della sua malattia. Sul suo ritorno in California, egli ha risposto a una sposa di ordine per corrispondenza annuncio dalle Filippine, dove ora risiede. Sangue e un campione altrimenti normale CSF erano impressionantemente positivi in culture virali azione clandestina. Discussione: Nonostante le differenze evidenti, nonostante le complessità e la gravità delle malattie sperimentate da questi quattro medici, essi sono tutti attualmente diagnosticati avendo CFS. In pratica medica corrente, questo termine abbraccia una gamma ampia di malattie senza limiti definiti all'uno o l'altro gli estremi dolci o gravi. Ammassa pazienti seriamente ammalati, come quelli descritti in questo documento, con lo cosiddetto "ha preoccupato bene" chi è accusato sopra l'utilizzo di servizi medici (8). Per pazienti malati, l'etichetta CFS non è applicata sporadicamente a individui con malattie variabilmente ricorrenti multi-system con una sovrapposizione di neuropsychiatric symptomatology.Una diagnosi CFS limiterà spesso la ricerca medica per determinare le cause effettive dei molti e vari sintomi sperimentati dal paziente. Medici che sono, i pazienti descritti in questo documento, hanno avuto accesso a più laboratorio esteso e verifica ausiliaria di fare la maggior parte dei pazienti CFS. In particolare, essi hanno cercato e hanno eseguito il test positivo per infezioni virali azione clandestina. I virus di azione clandestina riferiscono di un raggruppamento molecolarmente eterogeneo di virus atipicamente strutturati che produce un effetto vacuolating cytopathic (CPE) in cultura, tuttavia non sono in grado apparentemente per evocare una risposta infiammatoria anti-viral in vivo (4-7).Gli studi di sequenza su un virus di azione clandestina cytomegalovirus-derived scimmiesco scimmia verde africano sono coerenti con la cancellazione di geni codificando per gli obiettivi principali per anti-CMV cytotoxic T lymphocytes (CTL) l'immunità mediata (6). Più impressively, le parti di questo virus hanno conseguito molte sequenze aggiuntive sia cellulare (9) e origini da batteri (10). Lo SCMV e le sequenze cellulari e da batteri catturate desiderano subire |(mutazione) considerevoli, essendo produttivo una gamma varia molecolare e componenti antigenic. L'adattamento di azione clandestina può verificarsi presumibilmente con altri virus cytopathic di essere umano e di origine dell'animale. La mancanza di una reazione infiammatoria accompagnante e la crescita povera in culture virali di routine hanno aiutato questi virus a diventare inosservati da investigatori clinici.Lo molecolare e la diversità antigenic di virus di azione clandestina può aiutare a spiegare i risultati talvolta sconcertanti di PCR e le analisi basate su serological ottenute in pazienti CFS. In caso 1, ad esempio, risultati positivi siamo stati ottenuti in prove per virus Borna, per Legionella, chlamydia e mycoplasma. Benché sia concepibile che il paziente abbia avuto tutte queste infezioni, è più probabile che i risultati si riflettano molecolare e antigenic cross-reactivity. La presenza di virus di azione clandestina, specialmente la loro capacità di assimilare geni di origini da batteri, pongono una diffida sull'interpretazione di molto PCR utilizzato attualmente e prove basate su serological.Mentre le manifestazioni encephalopathic tendono a dominare le caratteristiche cliniche della maggior parte dei pazienti CFS, così come è ha rivelato ampiamente nel caso le storie, molti altri sistemi di organo è interessato. La scoperta di diverse anomalie riflette spesso l'estensione a cui sono impiegati il laboratorio e i servizi diagnostici ausiliari. La sensibilità e lo specificity per CFS di molte delle diverse prove non sono stabiliti. Data l'indeterminatezza della diagnosi clinica, non sarebbe sorprendente se si verificassero le discrepanze principali. La diversità di risultati di laboratorio è, tuttavia, abbastanza coerente con una diagnosi generale di infezione di virus di azione clandestina multi-system con encephalopathy (MSVIE). Questo termine può abbracciare le malattie estese, tra cui segni di autoimmunity, allergia e fallimenti metabolici, che erano particolarmente evidenti nei casi 1 e 3.I quattro medici hanno sperimentato molti dei problemi affrontati da pazienti CFS. La fatica sociale ha incluso mancato reddito con spese mediche considerevoli incorse nelle prestazioni di prove di laboratorio e indagini ausiliarie. Due dei pazienti sono stati divorziati in gran parte a causa di cambiamenti di personalità e di perdita di empatia con i loro coniugi. Un medico ha vissuto oltre a sua moglie per alcuni anni in paura di trasmettere la sua infezione. La verifica di virus di elettrone di microscopy e di azione clandestina di sperma era una persona promettente gesticola che essi potrebbero ancora essere in grado di concepire un bambino sano.La diagnosi di CFS è stata utilizzata nella negazione dell'appello del primo medico per la compensazione di lavoratore, sebbene la sua malattia iniziale seguisse chiaramente una ferita di bastone di ago. Un altro medico si è sentito spinto a concludere un accordo con il suo trasportatore di incapacità a lungo termine che aveva deciso di terminare i suoi vantaggi. Uno dei medici ha visitato investigatori NIH e ha incontrato funzionari CDC provando ad allertarli per la sua malattia senza successo. 4 paziente è stato riferito formalmente a un Reparto di Salute di Contea nel 1994, di nuovo senza risposta.La riluttanza di Salute Pubblica autorità per trattare cronico disabilitare malattie può essere spiegato parzialmente da un'inadeguatezza di strumenti convenzionali epidemiological quando applicata a malattie infettive complesse e varie. I dati di sequenza sul virus di azione clandestina di prototipo possono anche avere relazione con preoccupazioni di Salute Pubblica a proposito della saggezza di avere utilizzato scimmie verdi africane per produrre vaccino vivo poliovirus.
Benché siano presentati solo quattro casi, molti più medici hanno cercato verifica di virus di azione clandestina. Numerosi altri medici hanno iniziato terapia anti-viral con ganciclovir con vantaggio self-reported. Clinicians coraggiosi hanno continuato a trattare pazienti CFS, ma con un rispetto più grande per il contagiousness potenziale delle malattie sono incontrando.


















[ Questo messaggio è stato modificato da: max il 2003-08-23 02:10 ]


  Visualizza il profilo di max      Modifica/cancella questo Messaggio   Rispondi riportando il messaggio originario
max


Registrato: Apr 26, 2003
Messaggi: 1902
Inviato: 2003-08-23 02:17   
TRADUZIONE DEL SECONDO TESTO INVIATO DA EPIONEX2.Caso 22: " inizio ad agire matto di nuovo ", Rachel dice, sorridendo. "dico a ognuno di divenire bene". Ho cessato di prendere il mio Adderall e anche non ho colto di sorpresa un qualunque in settimane. E ancora mi piace parlare ! "quelle sono le parole di un insegnante di scuola elementare che aveva perso una volta il suo entusiasmo per la vita e inizia ora gradualmente a recuperare il gusto che lei ha una volta posseduto con tale abbondanza". Lei è quarantacinque, si è abbronzata e ha capelli castano ramati spessi e fa trasudare un'aria di fiducia in se stessi. Con sia bambini coltivati che famiglie via iniziali di proprio, suo marito ha implicato in un piccolo affare efficace, lei dice non c'era alcuna ragione per cui lei non dovrebbe sentirsi benedetto e soddisfatto sulla sua vita. Ancora, lei ricorda di avere problemi persistenti con fatica prima che il riferimento del suo terapista al mio ufficio per una valutazione per CFS. Rachel vive in una piccola comunità vicino al Teton Nazionale Parco Grande e insegna ancora nella Scuola Aquila Roccia Elementare dove lei ha iniziato ventidue anni fa. Lei dice che la ricompensa reale da insegnare è ogni volta che uno studente più precedente è accaduto, condividendo le loro storie di vita e presentarla talvolta alle proprie famiglie. Rachel smentisce che queste visite rendano mai alla sua sensazione un qualunque più vecchio. Tuttavia, lei ammette che il tempo è passato rapidamente. Forse su riflessione, lei ha provato un po' vario, fisicamente ed emotivamente, ma non era stato i suoi studenti più precedenti o le loro famiglie ma i propri bambini, che l'hanno resa consapevole che lei è cambiata anche. Rachel mi dice che la sua salute è ora un argomento. Lei non è passata attraverso un anno scolastico recente dove era senza che una malattia persistente contraesse qualcosa che non andrà via solo. Ancora, lei non sono a differenza di molti dei suoi pari, che finiscono anche i loro giorni piatti sui loro retro a casa allungata su un giaciglio ogni notte. Lei ha cominciato a ottenere infezioni respiratorie superiori frequenti, due durevoli o tre settimane e completamente risolvendosi mai. Lei lascia scuola trascinarsi alla fine del giorno.Lei dice di avere attraversato un periodo quando lei ha avuto una serie di infezioni flu-like che lei appena non ha potuto sembrare scuotere. Benché lei non stia probabilmente parlando di niente di più di una serie di freddi persistenti, ricorda chiaramente come è partito tutto. "ricordo di essere andato alle Hawai per vacanza un'estate". Il mio suocero è appena morto, avviavo una nuova assegnazione di insegnamento. C'era qualche tensione quando sono divenuto malato ma non ho potuto sbarazzarmi della cosa. "appena quando pensavo di essere stato su di esso, lo otterrei di nuovo".Lei ha descritto sentente vertiginoso e debole durante quel tempo e uniforme dopo che lei ha recuperato e cominciata per lavorare di nuovo, non ha avuto gli stessi livello di energia o viaggio e richiami motivanti che si sentono come lei ruotasse giù, sciogliendo controllo. Durante quel tempo lei si è spinta il più duramente possibile, ma lei è stata intrappolata nella saggezza convenzionale che "non si suppone mai che le madri si stanchino del loro lavoro". " cosicché che cosa fate ? "Rachel si è reso conto quanto era fortunata lei per trovare un medico locale che ha concordato che lei aveva una ragione molto buona di sentirsi stanco: un'infezione Epstein Barr. Queste erano buone notizie perché ha confermato per suo marito e per la sua famiglia che c'era qualcosa di "medicamente sbagliato" che spiega il suo comportamento recente. Non era nella sua testa, come lei ha sospettato e pensava che molta gente pensasse di lei. Questo le ha permesso di raggiungere la decisione che il lavoro la tassava oltre i limiti della sua resistenza e che un cambiamento di lavori potrebbe aiutare a ripristinare la sua salute.È difficile sapere se era più difficile convincere se stessa o la sua famiglia che lei era ammalata, perché non è una persona che retrocede via dalla responsabilità. Tuttavia, durante quell'estate, Rachel ha iniziato ad aiutare suo marito con lavoro di fattoria, che lei ha apprezzato enormemente. Insieme all'aiuto di prendere lo SSRI, Effexor, lei ha gradualmente cominciato a sentirsi più energica, a di più piace il suo vecchio sé e alla fine ha portatola a pensare a ritornare a insegnare di nuovo. Poco dopo l'inizio dell'anno scolastico, sua madre ha avuto un problema medico grave che ha scosso il suo ottimismo fondamentale sulla vita. Insieme alla combinazione di lunghe ore di lavoro e al periodo esteso di preoccupazione per la salute di sua madre, lei ha gradualmente cominciato a sperimentare lo stesso debilitando sintomi che lei ha avuto l'anno prima, solo questo tempo che lei ha scoperto che essi erano per stare là.Per accontentare i cambiamenti che hanno luogo nella sua vita, lei ha trovato modi specifici per evitare di fare ai generi di cose quello tassato lei fisicamente ed emotivamente. Tuttavia, questo non era un compito facile compiere. Perché questo significa che lei deve chiudere gradualmente il cerchio di responsabilità sociali e professionali, chiudendosi fino alle attività che sono elemento essenziale assoluto per il suo successo. Lei essenzialmente decide di scegliere su vita in un modo di sopravvivenza, su uno stile di vita senza pericoli o senza sfide o su una tensione, dando che cosa piccola energia che lei ha lasciato ogni giorno che prima alla sua famiglia, quindi al suo secondo di lavoro, che spera quello ognuno vuole capire.Le famiglie sono talvolta i quelli ultimi a notare quanto uno dei propri membri lotta. In alternativa, forse essi sono i quelli semplicemente ultimi ad avere "simpatia" per la lotta del membro di famiglia afflitto perché il livello precedente di aspettative era stato così alto. La verità è che, dapprima, non sembrava che la sua famiglia registrasse coscientemente una risposta. Quindi sembra che essi si alternino fra incredulità e confusione. Rachel ha saputo che lei rallentava "gradualmente" e lei ha saputo per non essere stata in grado di fare niente su di esso, escludere andare con il flusso.Per prima cosa lei ha notato il grogginess estremo nelle mattine quando ha svegliato; lei ha sperimentato confusione sulle sue priorità ed era sorpresa quando ha commentato l'altro sul suo ritardo cronico. Il suo ritardo è diventato un tema familiare. Ho fatto dirmi a dozzine di pazienti che essi regolano mezze dozzina sveglie, allungandosi dalla posizione di notte accanto al letto allo sportello di bagno e non possono ancora alzarsi ogni mattina in tempo.This i punti il marito di Rachel matto. Benché lei assicura di nuovo quello a se stessa esso non è quello cattivo, perché lei fa così bene in altre aree della sua vita, ma ha continuato a peggiorare e c'era il piccolo dubbio, nella sua mente o la sua famiglia, che qualcosa sia abbastanza sbagliato. Inspite di suo migliore gli sforzi, lei non erano in grado di cambiare quello cosa che le ha causato i problemi più seccanti. In ribasso were nessuno simple explanations for it.Cosicché lei ammette sentendosi abbassato più spesso di non, specialmente quando lei ha esaurito energia nei primi pomeriggi. Lei longed per prendere un pisolino, ma ha saputo che lei non poteva intrattenere un pensiero come quello a scuola. Lei ha avuto pisolini mai necessari durante il mezzo del giorno. Ora, sembrava che molte cose fossero diverse su lei e lei l'ha conosciuto. Alla fine, con l'incoraggiamento di amici e di famiglia, Rachel si è rivolto a un terapista per aiutare a separare i motivi della sua fatica, depressione di sonnolenza, malumore e incapacità funziona il modo in cui lei ha avuto il passato.Rachel ricorda di avere citato questo processo di rallentare fino a lei terapista, una donna che l'ha conosciuta per venti anni. Il terapista, un praticante compassionevole e abile con profonde radici nella comunità e un impegno genuino a quelli di cui lei ha cura, ha iniziato con il domandare se lei ha saputo quello che causava il problema. Il terapista ha domandato come, dato che lei lavorava ancora a tempo pieno, aiutando suo marito intorno alla fattoria e avendo cura della sua famiglia come lei ha fatto sempre, ha improvvisamente colpito un muro e si è reso conto che lei doveva fermarsi. Rachel semplicemente dice che lei ha "rallentato".Questo è anche un commento tipico da donne con Fatica Cronica; essi non hanno spesso il lusso di andare via o potare su quello che essi fanno. Tuttavia, molti di loro dicono, dato che Rachel fa quello lei può solo dire la differenza, particolarmente intorno alle vacanze. Quello è quando è molto evidente a ognuno. Durante un ringraziamento, sua figlia ha indicato che non sembra che lei ottenga cene di vacanza insieme allo stesso tatto che lei ha una volta fatto. Mentre lei una volta si è preparata i pasti per una dozzina gente e mai hanno perso un battere, lei aiuto alla fine necessario che tratta tutti i dettagli.Da infanzia attraverso adolescenza, i bambini di Rachel hanno presenziato le esperienze culinarie consumate di questo assistente di volo cortese e affascinante, rovesciando una festa di vacanza dopo un'altra dato che essi crescono. Lei si è allenata al pugilato niente, che riunisce insieme questo Natale, questo ringraziamento e queste raccolte di famiglia Pasqua. Per anni, lei lo aveva fatto da sola e sembrava spontaneo. Quello era fino a circa due anni prima che lei entrasse per vedermi. Sua figlia era la prima a mettere in evidenza quello che Rachel realizzava già per lei stessa. "sono arrivato al punto dove appena non ho potuto fare quei grandi pasti più". Non ho potuto organizzare, preparare, servire e mettere in ordine una grande vacanza di famiglia cena senza aiuto. Dimenticherei le ricette a piatti che ho fatto a tutta della mia vita; "smarrirei cose e diverrei così esaurito che non potrei letteralmente mai fare fare esso tutto".L'aspetto sulla faccia di Rachel dice che lei sa che qualcosa è stato sbagliato per veramente qualche tempo. Lei non ha più l'energia per mettere in insegnamento che lei ha una volta fatto e in esso non sorprende che non sembri che lei apprezzi la sua vita o la sua famiglia tanto come ha una volta fatto. Dopo che il preliminare ha eseguito il test, sono in grado di dirle che lei ha avuto una cultura di virus di azione clandestina positiva e posso iniziare su un protocollo che alla fine condurrebbe il suo retro su una strada di salute. La sua risposta è eccellente e lei nota immediatamente una differenza a lavoro e a casa.Alcuni mesi più tardi il suo terapista mi chiama su un altro paziente. Lei mi dà conferma aggiuntiva che Rachel risponde bene al protocollo di virus di azione clandestina e che le cose sono su traccia nella sua vita. Alla nostra ultima sessione, Rachel era appena ritornato dalla laurea del suo genero da scuola di legge e sua figlia ha detto che sua madre era ritornata al suo vecchio sé. Rachel ha detto che è migliore che ritornare al suo vecchio sé, perché lei si sente migliore di quanto lei facesse mai nel passato.


















  Visualizza il profilo di max      Modifica/cancella questo Messaggio   Rispondi riportando il messaggio originario
Vai alla pagina ( 1 | 2 Pagina successiva )
  
Blocca questo Argomento Sposta questo Argomento Cancella questo Argomento
Powered by phpBB Versione 1.4.2
Copyright © 2000 - 2001 The phpBB Group

phpBB Created this page in 0.134437 seconds.