[Registrazione]  [Modifica profilo]  [Modifica Preferenze]  [Cerca]
[Messaggi privati]  [Lista degli utenti iscritti]  [FAQ]  [Entra]
salutemed.it Forum Index ╗ ╗ CFS Stanchezza cronica ╗ ╗ Farmaci SSRI, perchŔ mi distruggono???
Vai alla pagina ( 1 | 2 | 3 Pagina successiva )
Autore Farmaci SSRI, perchŔ mi distruggono???
Delpyno20


Registrato: Aug 31, 2003
Messaggi: 45
Località: Grosseto
Inviato: 2004-08-17 03:12   
Salve a tutti, vorrei sapere da espertoni come Romeo se c'e' una ragione per cui i farmaci inibitori del reuptake della serotonina (che tutti continuano a propinarmi) finiscono di distruggermi fisicamente. A parte una TERRIFICANTE crisi serotoninergica che ho avuto 3 anni fa dopo una sola compressa di EFEXOR 75,(e che non posso dimostrarlo mi ha lasciato degli strascichi non indifferenti) prescrittami come una cosa che "funzionava al di lÓ delle cause del disturbo", ho usato per un anno il SEROPRAM unito ad altri farmaci tipo betabloccanti e per un anno non ho fatto altro che dormire e mangiare (il citalopram al contrario lo danno ai bulimici perchŔ fa smettere di mangiare) ho ricominciato a reagire alla malattia solo quando ho smesso di mia spontanea volontÓ il farmaco. Quest' estate ho cominciato ad avere problemi alla vista (coni e bastoncelli in malora!)e sono andato in ulteriore disperazione (NON DEPRESSIONE!) e come risposta sono di nuovo in cura da una psichiatra che per quanto si sia presa a cuore il mio caso e sia una persona molto aperta (anche a un mio eventuale ricovero a chieti) mi ha prescritto lo ZOLOFT, da quando ho cominciato a prenderlo non ho fatto altro che piangere, per 20 giorni, e stare pi¨ male di prima, poi ho aggiunto 10 goccie di EN che a quanto so Ŕ un tipo di benzodiazepina e ho cominciato subito a stare meglio. Ora non capisco la mia psichiatra mi ha detto di aumentare il dosaggio dello Zoloft che io sono convinto mi faccia del male (io le avevo chiesto di prescrivermi una cura con molecole simili all EN se proprio devo curare la mia "mente") sinceramente mi sembra di prendere un veleno e poi l'antidoto non ne capisco il senso anche perchŔ il veleno mi lascia comunque sempre intossicato. Ci sono delle prove che nel nostro disturbo l' eccesso di serotonina giochi un ruolo negativo? Parlo specialmente a Romeo puoi dirmi cosa posso riferire in termini medici alla mia psichiatra per tentare di convincerla a farmi sospendere la cura?

(P.s scusate se ho fatto i nomi dei farmaci ma non Ŕ per pubblicitÓ ho realmente bisogno di un aiuto).

Baci a tutti e vi ringrazio dell' attenzione

Alex


  Visualizza il profilo di Delpyno20   Vai al sito web di Delpyno20   Stato di ICQ           Modifica/cancella questo Messaggio   Rispondi riportando il messaggio originario
stregatta


Registrato: Jun 26, 2003
Messaggi: 3782
Località: Bergamo
Inviato: 2004-08-17 08:08   
Alex, non tutti tollerano i farmaci da te menzionati, ti prego "caldamente" di non assumerli pi¨ e di rivolgerti a persone competenti e soprattutto scrupolose, ke capiscano il tuo problema e la smettano di propinarti farmaci dannosi ke, solo per il semplice motivo ke "in qst momento sono in auge" perkŔ "curano" o dovebbrero curare il DAP" vengono propinati senza un'attenta valutazione degli effetti, gravissimi anke, collaterali ed estremamente soggettivi....................

pensa ke io ho avuto una leggerissima crisi serotoninergica SOLO x aver assunto pokissime gocce di serotonina omeopatica..................non si skerza cn qst farmaci!!!

Purtroppo se ne stÓ facendo davvero un uso ed un abuso, avete sentito la notizia delle falde acquifere di Londra con forti tracce di Prozac???

Prima ke qualke amico del forum possa inalberarsi x qst mia risposta, tengo a precisare ke sono farmaci ke vanno adoperati cn grande maestria e ke non tutti i pazienti tollerano...............

Ale, perkŔ non cambi psikiatra o meglio ancora non ti rivolgi ad un bravo omeopata?

Io sono guarita dal DAP assumendo x 7 anni le benzodiazepine, ke non hanno i nefasti effetti dei farmaci da te menzionati e poi ho fatto ricorso all'omeopatia x svezzarmi e x continuare a stare meglio..............non s˛ + cosa sia un attacco di DAP o una crisi di ansia................

non s˛ da dove scrivi, ma se kiami l'AIMO, l'associazione medici omeopatici, ti daranno il nominativo di un doc + vicino a te..............sei giovane e se stai cosý male non perseverare su qst strada...............te lo dico cm se fossi mio figlio............se hai bisogno di ulteriori info, scrivimi pure..................la tua poesia Ŕ molto bella e profonda

buona giornata.............Raffaella


  Visualizza il profilo di stregatta   Email stregatta      Modifica/cancella questo Messaggio   Rispondi riportando il messaggio originario
Delpyno20


Registrato: Aug 31, 2003
Messaggi: 45
Località: Grosseto
Inviato: 2004-08-17 13:37   
Il Bello Ŕ che io ho avuto gli attacchi di panico per 8 anni dall' etÓ di 10 anni senza dirlo a nessuno dopo l'anno di seropram mi sono totalmente passati e mai tornati anche quando avevo smesso per piu' di 6 mesi, nonostante questo alla fine son dovuto tornare a prendere sta roba chissÓ per quale motivo... perchŔ tutti pensano che il mio malessere sia di origine psicologica e io, avendo un enorme bisogno degli altri, devo cercare di fare quello che loro pensano "bene" per me altrimenti cominciano a dire che non voglio curarmi e che sono responsabile del mio male. So che dovrei decidere solo io per me stesso e non farlo Ŕ l'unico errore grande che ho fatto nella mia vita ma sinceramente a me manca una persona vicino che mi capisca, me ne basterebbe una per mandare affanculo tutto il resto del mondo che non capisce...

  Visualizza il profilo di Delpyno20   Vai al sito web di Delpyno20   Stato di ICQ           Modifica/cancella questo Messaggio   Rispondi riportando il messaggio originario
AURORA


Registrato: Aug 24, 2003
Messaggi: 272
Località: MODENA
Inviato: 2004-08-17 14:05   
Mi dite, per favore , come si presenta una crisi serotoninergica?

Grazie
Aurora


  Visualizza il profilo di AURORA      Modifica/cancella questo Messaggio   Rispondi riportando il messaggio originario
stregatta


Registrato: Jun 26, 2003
Messaggi: 3782
Località: Bergamo
Inviato: 2004-08-17 14:54   
X Aurora: ti parlo della mia esperienza BREVISSIMA cn la serotonina omoepatica: sn stata malissimo, agitazione, palpitazioni, ansia, (considera ke sn giÓ un soggetto ke ha problemi di takicardia dovuti alla CFS), x fortuna non sono ipocondriaca e, conoscendomi bene, x quanto riguarda la reazione ai farmaci, assumo sempre, per principio, una dose molto bassa rispetto a quella prescrittami, x verificarne l'effetto su di me....................quindi sapendo ke era quel rimedio a farmi stare malissimo, l'ho sospeso, dovendo per˛ aumentare la dose di ansiolitici, anzi, ti dir˛ di +, ho dovuto associare il mio clonazepam all'alprazolam, perkŔ nn riuscivo a tenere sotto controllo la crisi (ke x me Ŕ stata veramente irrisoria)................leggerai poi sotto cosa comporta una vera crisi sertoninergica...............un caro saluto.......Raffaella

X Delfino: prova ad iscriverti sl forum della Lidap, la lega x i disturbi da attakki di panico, l'ho consigliato a molte persone ed hanno avuto nomi di medici in gamba; anke cn una psicoterapia e benzodiazepine si pu˛ guarire dal dap...........qst Ŕ il link:
http://www.lidap.it
un caro saluto anke a te ...Raffaella
--------------------------------------------


EFFETTI COLLATERALI DEI FARMACI ANTIDEPRESSIVI.
di Fornaro P., Baconcini C., Fiscella G., Miccoli E.
Dipartimento di Scienze Psichiatriche dell'Universita' di Genova (Direttore Prof. R. Rossi)
RIASSUNTO:
I farmaci antidepressivi, estremamente eterogenei per struttura chimica e meccanismo d'azione, sono indicati nel trattamento di un vasto ambito di condizioni psichiche. Queste sostanze possono determinare effetti collaterali, o secondari, che solitamente precedono l'effetto terapeutico o principale. Vengono descritte manifestazioni collaterali principalmente a carico di: apparato digerente, apparato cadiocircolatorio, apparato genitourinario e sistema nervoso.
Oltre ad una corretta scelta del tipo di farmaco, delle dosi e della modalita' di somministrazione, ╦ di fondamentale importanza che il medico fornisca al paziente, ed eventualmente ai suoi familiari, informazioni chiare e complete sui possibili effetti collaterali, al fine di instaurare una valida relazione medico-paziente ed evitare precoci interruzioni della terapia prescritta.

Il trattamento terapeutico dei pazienti affetti da Disturbi dell'Umore e/o Disturbi d'Ansia si fonda comunemente sull'impiego di farmaci antidepressivi .
Queste sostanze consistono in una lunga serie di derivati tra loro eterogenei quanto a s5truttura chimico molecolare, destino metabolico cui vanno incontro nell'organismo e tipo di effetti biochimici e clinici indotti dalla loro somministrazione.
Le manifestazioni cliniche degli antidepressivi, come del resto quelle di qualsiasi altro farmaco (compreso lo stesso placebo), comprendono sia l'effetto terapeutico o principale, che rappresenta l'obiettivo del trattamento, sia effetti collaterali o secondari che in genere precedono l'insorgenza della risposta terapeutica e si attenuano fino a scomparire per il rapido intervento di meccanismi di adattamento recettoriale.
A seconda dei casi, gli effetti collaterali degli antidepressivi potranno risultare insignificanti e quindi trascurabili dal punto di vista clinico, oppure utili per un piu' tempestivo controllo di determinate manifestazioni del disturbo (ad esempio gli effetti sedativo ed ipnoinducente indotti dal farmaco nel paziente depresso, ansioso ed insonne) oppure, infine, indesiderati perche' dannosi o semplicemente fastidiosi e comunque tali da compromettere la regolare assunzione del farmaco ("compliance") e quindi il successo della terapia .
La natura, la gravita' e la durata degli effetti collaterali degli antidepressivi dipendono da molteplici fattori relativi al paziente, al farmaco, al medico, al tipo di rapporto medico-paziente ed all'ambiente in cui il trattamento farmacoterapeutico viene posto in atto.
Ovviamente al medico sono richieste l'abilita' e la competenza necessarie perche'' l'impiego di un determinato antidepressivo risulti sicuro ("primum non nocere") e, quindi, clinicamente efficace.
Il raggiungimento di tale obiettivo passa attraverso la personalizzazione della scelta del tipo di farmaco, delle dosi, delle modalita' di somministrazione e, al tempo stesso, attraverso una corretta impostazione e conduzione del rapporto medico-paziente.
Il necessario rapporto di fiducia e collaborazione tra il paziente ed il terapeuta si sviluppa e si consolida se vengono preliminarmente fornite chiare e complete informazioni circa il tipo, l'entita', il significato ed il carattere transitorio degli effetti collaterali che possono emergere durante la fase iniziale del trattamento e persistere fino alla comparsa della risposta terapeutica.

FARMACI ANTIDEPRESSIVI

A partire dal 1958, anno della scoperta casuale degli effetti sul tono dell'umore dell'Imipramina e dell'Iproniazide, farmaci capostipiti rispettivamente della classe degli antidepressivi triciclici e di quella degli inibitori delle monoaminoossidasi (IMAO), sono stati adottati nella prassi psichiatrica numerose altre sostanze che si sono rivelate efficaci per il trattamento dei disturbi depressivi e d'ansia (disturbi fobici, disturbi da attacchi di panico, disturbo ossessivo compulsivo, disturbi della condotta alimentare, ecc).
L'eterogeneita' delle sostanze oggi disponibili e' tale per cui risulta problematica una loro soddisfacente classificazione:

A) Inibitori del reuptake delle monoamine

I) Non selettivi

a) Triciclici :amine terziarie (Imipramina, Clorimipramina, Amitriptilina, Trimipramina)
:amine secondarie (Nortriptilina, Desipramina)
b) Non Triciclici: Inibitori del "Reuptake" della Serotonina e della Noradrenalina SNRI (Venlafaxina)
II) Selettivi (Fluoxetina, Fluvoxamina, Paroxetina, Sertralina, Citalopram,ecc.)

B) Farmaci che con meccanismo differente potenziano la trasmissione:

-Noradrenergica (Maprotilina, Mianserina, ecc...)
-Serotoninergica (Trazodone, Nefazodone, ecc...)
-Dopaminergica (Amineptina, Minaprina, ecc...)

C) Altri farmaci:

S-adenosil metionina, Folati, Sali di Litio, Rubidio, 5-Idrossi Triptofano

D) Inibitori delle monoaminoossidasi IMAO o Anti MAO

I) Classici, non selettivi e ad azione irreversibile (Fenelzina, Tranilcipromina, Iproniazide, ecc...)

II) Selettivi e Reversibili

a) IMAO di tipo B (Deprenile o Selegilina)
b) IMAO di tipo A (Moclobemide, Brofaromina, Toloxatone)

Gli effetti collaterali (e terapeutici) degli antidepressivi, sono entro certi limiti correlati con gli effetti provocati dal farmaco a livello neurotrasmettitoriale e recettoriale:

Effetti neurotrasmettitoriali e recettoriali degli antidepressivi:
-Blocco dei recettori per:
l'acetilcolina
l'istamina
la noradrenalina la serotonina

-Inibizione del "reuptake" della noradrenalina e/o dopamina

-Attivazione della liberazione ("release") della noradrenalina o dopamina o serotonina

-Riduzione della sensibilita' e del numero di determinati recettori (alfa1, alfa2 e beta per la noradrenalina, recettori D2 per la dopamina, sottotipi recettoriali per la serotonina, ecc....)

-Inibizione delle monoaminoossidasi "A e B","A","B"

Questi effetti variano a seconda delle fasi del trattamento e a seconda de tipo di farmaco: ogni derivato pertanto presenta un suo particolare profilo farmacodinamico dal quale in larga misura dipende il suo profilo clinico, vale a dire il tipo di manifestazioni terapeutiche e collaterali provocate dalla sua somministrazione.

Gli effetti degli antidepressivi concernono differenti organi sistemi ed apparati:

-Effetti a carico dell'apparato digerente.
Soprattutto i derivati piu' capaci di effetti anticolinergici (triciclici a struttura aminica terziaria e, meno facilmente, triciclici a struttura aminica secondaria ed IMAO non reversibili e non selettivi), possono provocare secchezza della bocca e delle fauci (con rischio di stomatiti e carie dentaria) per cui sono utili l'assunzione di liquidi, l'impiego di chewing gum senza zucchero e/o di preparati di saliva artificiale. In rari casi possono verificarsi inoltre difficolta' di deglutizione e/o esofagiti.
A livello gastrico possono essere lamentati senso di ripienezza, difficolta' digestiva, bruciori, nausea e talora vomito (piu' frequenti con i farmaci piu' potenti nell'attivare la trasmissione mediata da Serotonina, farmaci responsabili spesso anche di diarrea); a livello intestinale, invece, stitichezza (che puo' risultare problematica nei soggetti affetti da emorroidi, ragadi ecc... e nei pazienti anziani o comunque predisposti per rischio di ileo paralitico). In tali casi occorre che il paziente assuma maggiori quantita' di liquidi di sostanze alimentari ricche di fibre e lassativi.
Questi effetti, legati all'attivita' anticolinergica degli antidepressivi, possono essere attenuati dalla somministrazione di Betanecolo.
A livello epatico gli antidepressivi, in genere, possono provocare un transitorio ed irrilevante aumento delle transaminasi; gli IMAO ad azione irreversibile e non selettiva possono essere responsabili di epatotossicita' ( talora con ittero epatocellulare).

-Effetti a carico del sistema cardiocircolatorio

Gli antidepressivi triciclici (soprattutto quelli a struttura aminica terziaria) e gli IMAO ad azione irreversibile e non selettiva, possono facilmente indurre ipotensione arteriosa, ipotensione ortostatica (con rischio di cadute e traumi particolarmente negli anziani) e crisi di tachicardia. I farmaci SSRI, invece, possono provocare bradicardia mentre quelli SNRI, come la Venlafaxina, possono indurre un pur modesto aumento della pressione arteriosa.
Gravi e rischiose crisi ipertensive (talora fatali) possono essere provocate dagli IMAO ad azione irreversibile e non selettiva quando questi farmaci vengano erroneamente utilizzati. Il loro impiego presuppone infatti che il paziente non assuma bevande (vino, birra, alcolici, te', caffe',) alimenti (yogurt formaggi fermentati, cacciagione, cibi non ben conservati, interiora di pollo, cibi preparati con lievito di birra, legumi) o medicamenti (anestetici, vasocostrittori, analgesici, altri antidepressivi ecc...) che potranno essere nuovamente assunti dopo un periodo di almeno 15 giorni dalla sospensione del trattamento con IMAO. Questi ultimi inoltre possono essere prescritti solo dopo 7-10 giorni dalla interruzione di antidepressivi triciclici e non prima che siano trascorsi 30 giorni dall'assunzione dell'ultima dose di Fluoxetina. Questo farmaco infatti, al pari degli altri SSRI, interagisce pericolosamente con gli IMAO determinando una sindrome serotoninergica con alterazioni psichiche quali eccitamento ipomaniacale, irrequietezza, mioclono, iperreflessia, ipersudorazione, brividi, diarrea, febbre, tremori e disturbi della coordinazione motoria (Strenbach H; 1991).
Gli antidepressivi triciclici (soprattutto la amine terziarie) possono provocare alterazioni del tracciato elettrocardiografico (ECG) con un aumento della durata degli intervalli PR, QRS e QT. Questi farmaci, quindi, vanno impiegati con cautela nei soggetti che presentano disturbi della conduzione del miocardio. Piu' in particolare, nei soggetti depressi cardiopatici con disturbi di conduzione di lieve entita', quali il blocco atrioventricolare (BA-V) di secondo grado tipo Mobitz 1, blocco di branca destro, emiblocco anteriore sinistro, gli antidepressivi triciclici vanno impiegati con grande prudenza e con regolari controlli ECG. In caso di BA-V piu' grave, quale il BA-V di secondo grado tipo Mobitz 2, l'impiego dei triciclici Ŕ assolutamente controindicato.
Nei soggetti cardiopatici risultano pi¨ sicuri gli anti-MAO e gli SSRI (Glassman, 1993).

-Effetti a carico dell'apparato genitourinario

Gli antidepressivi triciclici possono provocare difficolta' nella minzione, ritenzione urinaria ed un aggravamento di un'eventuale ipertrofia prostatica (nei pazienti affetti da questo disturbo gli antidepressivi triciclici, come tutti i farmaci con azione anticolinergica, sono assolutamente controindicati).
Altri effetti collaterali consistono in disturbi sessuali quali riduzione della libido, disturbi dell'erezione, anorgasmia, alterazioni dell'eiaculazione (che puo' essere talora ritardata od assente, talora dolorosa o retrograda), priapismo (in soggetti in trattamento con Trazodone). Ulteriori manifestazioni consistono in iperprolattinemia, disturbi del ciclo mestruale fino all'amenorrea, galattorrea, ginecomastia: Questi ed altri effetti endocrini e metabolici (soprattutto a carico del metabolismo degli zuccheri, nonche' l'effetto di "craving" per i carboidrati), sono responsabili dell'aumento di peso corporeo indotto dalla maggior parte dei farmaci antidepressivi.

- effetti collaterali a carico del sistema nervoso

Altri importanti effetti collaterali riguardano il sistema nervoso e comprendono manifestazioni neurologiche e psichiche.

- Effetti collaterali neurologici.

Gli antidepressivi (soprattutto gli IMAO) possono, sia pur raramente, provocare disturbi della sensibilita' (parestesie) conseguenti a neuropatie che verosimilmente dipendono da carenza di piridossalfosfato.
Altri effetti collaterali sono tremore a scosse fini, acatisia (impossibilitÓ a mantenere oltre un breve lasso di tempo una determinata posizione per un incoercibile bisogno di muoversi) ed in altri sintomi extra piramidali che richiamano il Morbo di Parkinson. Queste manifestazioni, piu' comunemente indotte dai farmaci neurolettici, possono talora verificarsi anche a seguito di somministrazione di antidepressivi e, in particolare, dei derivati SSRI.
Altri effetti neurologici degli antidepressivi consistono nelle mioclonie e nelle crisi epilettiche che si possono verificare in soggetti predisposti per l'abbassamento della soglia convulsivante provocato da tali farmaci. Il rischio di crisi e' massimo nel caso della Maprotilina, minimo in quello della Viloxazina e dei derivati SSRI
Infine, gli antidepressivi provocano facilmente astenia e, talora, sedazione eccessiva, rallentamento psicomotorio, disturbi della coordinazione motoria e cefalea.

- Effetti collaterali psichici

Astenia, sedazione, rallentamento psicomotorio, sonnolenza o, viceversa, ansia, irrequietezza psicomotoria, irritabilita', insonnia e peggioramento dei sintomi deliranti ed allucinatori in pazienti psicotici, sono manifestazioni collaterali che possono facilmente verificarsi durante la fase iniziale del trattamento con antidepressivi. Con riferimento a tali effetti, in passato si e' tentato di caratterizzare i vari farmaci antidepressivi in derivati ad azione prevalentemente sedativa (Amitriptilina, Trimipramina, Doxepina, ecc...) o disinibente (IMAO, Nortriptilina, Desipramina ecc...).
Gli antidepressivi, soprattutto i derivati triciclici a struttura aminica terziaria, meno facilmente quelli delle altre classi, possono provocare disturbi dell'attenzione, della concentrazione e della memoria fino a determinare stati confusionali ("delirium") con disorientamento temporo-spaziale, agitazione psicomotoria, allucinazioni, deliri ecc..., effetto di piu' facile riscontro in soggetti predisposti da alterazioni cerebrali organiche.
I derivati SSRI, in genere, non provocano ne' sedazione ne' alterazioni cognitive: per tale motivo, oltre che per la loro irrilevante azione anticolinergica, alfa1 noradrenolitica ed antistaminica, questi farmaci sono da considerare di prima scelta negli anziani e nei pazienti affetti da patologie concomitanti che controindichino l'impiego di antidepressivi triciclici.
Un impiego prudente e limitato nel tempo degli antidepressivi si impone nel caso in cui i pazienti depressi soffrano di disturbi bipolari dell'umore: questi farmaci possono infatti favorire il viraggio della sintomatologia depressiva in senso ipomaniacale o francamente maniacale o, ancora, indurre o peggiorare un decorso a cicli rapidi della patologia.

-altri effetti collaterali

Sia pur raramente, gli antidepressivi triciclici possono indurre effetti collaterali ematologici (diminuzione del numero dei globuli bianchi e delle piastrine, aumento degli eosinofili e dei linfociti ipo o iperglicemia, iponatriemia, ecc), dermatologici (ipersudorazione, rash, porpora, petecchie, prurito, orticaria, dermatiti, edema facciale, fotosensibilizzazione cutanea ecc.).
Piu' frequenti invece sono gli effetti collaterali a carico dell'occhio e la funzione visiva quali midriasi con possibile presbiopia, cicloplegia con talora visione offuscata, riduzione della lacrimazione, e insorgenza, in soggetti predisposti, di glaucoma ad angolo acuto, patologia che rappresenta una controindicazione assoluta all'impiego di antidepressivi con attivita' anticolinergica.

CONCLUSIONE

I farmaci antidepressivi sono indicati nel trattamento delle varie fasi (iniziale, di mantenimento e preventiva) di un vasto ambito di condizioni psichiche che comprendono, oltre alle varie forme della depressione, disturbi di ansia quali in disturbo di attacchi di panico, i disturbi fobici, il disturbo ossessivo compulsivo, i disturbi della condotta alimentare ecc...
Durante le prime settimane di trattamento, tali farmaci possono indurre effetti collaterali che, in genere, precedono l'insorgenza dell'effetto terapeutico.
Una corretta scelta del tipo, delle dosi e delle modalita' di somministrazione, scelta che deve essere effettuata con riferimento costante al criterio del massimo grado di sicurezza e al tempo stesso di efficacia, e il presupposto indispensabile per minimizzare il rischio che insorgano effetti collaterali indesiderati.
Questi ultimi sono il risultato non solo delle caratteristiche del farmaco, variabili da derivato a derivato per cui ogni antidepressivi ha una propria identita' chimico-farmacologica ed un suo potenziale di provocare determinati effetti clinici, ma anche delle varie caratteristiche (cliniche psicologiche, situazionali) del paziente, le quali condizionano il vissuto del farmaco e la risposta psicologica ad i suoi effetti.
Un corretto approccio al paziente e lo strutturarsi di un valido rapporto di fiducia e di collaborazione tra medico, paziente e familiari, prevedono anche l'informazione chiara e completa circa la possibilitÓ che prima ancora che si determini la risposta terapeutica, compaiano effetti collaterali indesiderati. Sara' cosi' possibile evitare la compromissione della relazione medico-paziente e la prematura interruzione dell'assunzione della terapia prima che questa abbia avuto successo.


[ Questo messaggio è stato modificato da: stregatta il 2004-08-17 14:57 ]


  Visualizza il profilo di stregatta   Email stregatta      Modifica/cancella questo Messaggio   Rispondi riportando il messaggio originario
andrea


Registrato: Aug 03, 2004
Messaggi: 396
Località: pisa
Inviato: 2004-08-17 15:10   
per me non Ŕ cosi devastante, anche se devo ammettere che dopo 4 gg. che riprendo gli SSRI (citalopram), ho una fortissima eccitazione del sistema nervoso.....addirittura, l'ultima volta ho avuto un mezzo collasso dall'eccessiva spinta degli ssri....li interrompo e vado avanti bene per una settimana -10 gg, poi di nuovo la stessa storia.....piu' che altro mi danno un sacco fastidio all'apparato gastro intestinale......ma di brutto, addirittura che il 4gg che prendo gli SSRI non mangio, ......diciamo che mi funziona come fossero anfetamine....!
bo? lo cambiero'...
_________________
--------------------
sono io la morte e porto corona io son di tutti voi signora e padrona e cosi sono crudele cosi forte sono ? dura....che non mi fermeranno le tue mura......
se l'ospite d'onore del ballo che per te suoniamo, posa la falce e da


  Visualizza il profilo di andrea   Email andrea      Modifica/cancella questo Messaggio   Rispondi riportando il messaggio originario
Daniela


Registrato: Mar 11, 2003
Messaggi: 1529
Inviato: 2004-08-17 15:24   
Andrea questi farmaci non andrebbero Mai interrotti di colpo e in modo brusco!!!

Non sono "acqua di rose" e niente "fai da te"!

Ciao!





  Visualizza il profilo di Daniela      Modifica/cancella questo Messaggio   Rispondi riportando il messaggio originario
andrea


Registrato: Aug 03, 2004
Messaggi: 396
Località: pisa
Inviato: 2004-08-17 15:26   
ma oramai sono abituato.....non mi danno nessun problema....!

bacio alla dany da bond. james bond
_________________
--------------------
sono io la morte e porto corona io son di tutti voi signora e padrona e cosi sono crudele cosi forte sono ? dura....che non mi fermeranno le tue mura......
se l'ospite d'onore del ballo che per te suoniamo, posa la falce e da


  Visualizza il profilo di andrea   Email andrea      Modifica/cancella questo Messaggio   Rispondi riportando il messaggio originario
Daniela


Registrato: Mar 11, 2003
Messaggi: 1529
Inviato: 2004-08-17 15:35   
Non c'Ŕ che dire...allora perchŔ dici che ti danno disturbi allo stomaco ..ah!..James Bond Ŕ un temerario

Baci anche a te.



  Visualizza il profilo di Daniela      Modifica/cancella questo Messaggio   Rispondi riportando il messaggio originario
miss


Registrato: Aug 02, 2003
Messaggi: 891
Inviato: 2004-08-17 18:03   
hola delpy...inanzi tutto credo che se tutti questi medici continuano a darti questo tipo di farmaci un motivo c'Ŕ!spero!!!non mi stupisco + di niente!!!
poi spero che tu abbia giÓ parlato pure conlo psichiatra di quello che ti accade con l'assunzione di questi farmaci...
io pure prendo i recettori della sereotonina...ormai da anni....non ho mai avuto grossi problemi eccetto inizialmente,per trovare il dosaggio giusto...infatti credo che l'ultima tua dottoressa ti abbia alzato il dosaggio propio perchŔ un dosaggio troppo basso/troppo alto posso dare sintomi da te descritti....per˛ ora mi hai messo una pulce nell'orecchio...dicevi che con la serotonina,facevi altro che dormire...questo accade pure a me,davo colpa alla sindrome!!!!cmq,adesso sono a mezza pasticca un giorno si,uno no,perchŔ per quando andro da ghini a settembre a intenzione di cambiarmi terapia e come a giustamente detto dany,con questi farmaci bisogna smettere molto lentamente.....
poi s˛ che nonostante questi farmaci vengono spesso usati nelle nostre sindromi a dosaggi bassissimi,una volta smessi e ricominciati il dosaggio a purtroppo bisogno di essere aumentato...questo Ŕ tutto quello che posso dirti...ciao.


  Visualizza il profilo di miss      Modifica/cancella questo Messaggio   Rispondi riportando il messaggio originario
andrea


Registrato: Aug 03, 2004
Messaggi: 396
Località: pisa
Inviato: 2004-08-17 19:12   
la dany....che donna incrediiibbile....
volevo dire che non mi danno problemi ad interromperli abb. velocemente....!
un bacio da james bond
_________________
--------------------
sono io la morte e porto corona io son di tutti voi signora e padrona e cosi sono crudele cosi forte sono ? dura....che non mi fermeranno le tue mura......
se l'ospite d'onore del ballo che per te suoniamo, posa la falce e da


  Visualizza il profilo di andrea   Email andrea      Modifica/cancella questo Messaggio   Rispondi riportando il messaggio originario
Daniela


Registrato: Mar 11, 2003
Messaggi: 1529
Inviato: 2004-08-17 22:04   
Limi ???(scherzo!!)...

Andrea non credi che questi farmaci presi cosi ti creino ulteriori disturbi all'intestino??..

Ciao




  Visualizza il profilo di Daniela      Modifica/cancella questo Messaggio   Rispondi riportando il messaggio originario
andrea


Registrato: Aug 03, 2004
Messaggi: 396
Località: pisa
Inviato: 2004-08-17 23:08   
mah...forse si , forse no! chi lo sa!
stasera sono in vena.....!!
_________________
--------------------
sono io la morte e porto corona io son di tutti voi signora e padrona e cosi sono crudele cosi forte sono ? dura....che non mi fermeranno le tue mura......
se l'ospite d'onore del ballo che per te suoniamo, posa la falce e da


  Visualizza il profilo di andrea   Email andrea      Modifica/cancella questo Messaggio   Rispondi riportando il messaggio originario
max


Registrato: Apr 26, 2003
Messaggi: 1902
Inviato: 2004-08-17 23:34   
Delpyno20,la Cfs ti Ŕ stata diagnosticata con certezza?La tua psichiatra conosce la Cfs?

[ Questo messaggio è stato modificato da: max il 2004-08-17 23:35 ]


  Visualizza il profilo di max      Modifica/cancella questo Messaggio   Rispondi riportando il messaggio originario
Delpyno20


Registrato: Aug 31, 2003
Messaggi: 45
Località: Grosseto
Inviato: 2004-08-17 23:39   
No, nessuna diagnosi. E lei la consosce come la conosce un qualsiasi medico (ben poche certezze). Sto ancora aspettando la risposta del superesperto Romeo sull' argomento SSRI

  Visualizza il profilo di Delpyno20   Vai al sito web di Delpyno20   Stato di ICQ           Modifica/cancella questo Messaggio   Rispondi riportando il messaggio originario
Vai alla pagina ( 1 | 2 | 3 Pagina successiva )
  
Blocca questo Argomento Sposta questo Argomento Cancella questo Argomento
Powered by phpBB Versione 1.4.2
Copyright © 2000 - 2001 The phpBB Group

phpBB Created this page in 0.013533 seconds.